-2°

Provincia-Emilia

Genitori, figli e insegnanti insieme per battere il bullismo a Fontanellato e Fontevivo

Genitori, figli e insegnanti insieme per battere il bullismo a Fontanellato e Fontevivo
2

 Chiara De Carli

Genitori, insegnanti e studenti di terza media dell’Istituto comprensivo di Fontanellato e Fontevivo si sono ritrovati tutti insieme, in una sorta di moderna agorà, nella sala polivalente della «Ghiacciaia» per la conclusione del progetto «Bullis-no» ideato da Elisa Guareschi, laureata in Scienze criminologiche per la sicurezza e agente scelto di polizia municipale dell’Unione Terre Verdiane, e dall’ispettore Andrea Volpi, comandante del Distretto. 
Il percorso, pensato per contrastare il crescente fenomeno del bullismo, è iniziato a metà febbraio ed è stato organizzato con diversi momenti di dialogo e confronto che hanno visto il supporto esperto della criminologa Francesca Mussati e della pedagogista Giovanna Mazzieri. 
In prima battuta, ad essere coinvolti sono stati i ragazzi, guidati verso una presa di coscienza dell’esistenza del fenomeno ed incentivati ad agire efficacemente nei confronti dei bulli, delle vittime e degli osservatori. In parallelo è stato portato avanti un lavoro con gli insegnanti, a cui sono stati forniti gli strumenti utili a riconoscere le situazioni a rischio. I ragazzi sono stati fatti confrontare con i docenti per condividere le conclusioni raggiunte durante gli incontri ed elaborare una strategia comportamentale omogenea. 
«L'esperienza è stata positiva e abbiamo visto nei ragazzi una particolare attenzione al problema» ha commentato Volpi. «I ragazzi hanno partecipato attivamente e gli insegnanti hanno collaborato e direi che il confronto è stato costruttivo - ha affermato la Guareschi -. Questo era un progetto pilota e, visti i risultati, verrà riproposto l’anno prossimo. Anche per noi è stato un percorso interessante: il metterci nella prospettiva dei ragazzi e vivere con i loro occhi le emozioni che nascono dai conflitti ha aiutato anche noi ad approfondire il problema. I ragazzi vedono il bullismo come qualcosa che li fa soffrire e, per questo, fanno fatica a farlo emergere». 
Dagli incontri è emerso un profondo gap tra quello che i genitori sanno e quello che i ragazzi vivono, come ha confermato Francesca Mussati: «Per gli adulti sono dinamiche che vengono liquidate spesso con “queste cose c'erano anche quando andavo a scuola io” mentre per i ragazzi sono drammi enormi che diventano centrali nella loro vita. Per gli studenti vedere che gli adulti si interessano è molto importante. Oggi, rispetto al passato, ci sono anche nuove forme di vessazione che incidono in modo particolare». 
Le fragilità dei ragazzi e l’atteggiamento delle famiglie sono i punti che maggiormente determinano il quadro in cui il bullismo va a «far male». In quest’ottica il progetto si è concluso con un incontro che ha coinvolto anche le famiglie e a cui Giovanna Mazzieri ha portato anche la sua esperienza di insegnante: «Non esistono scuole che non siano toccate dal bullismo - ha affermato la docente-. Adesso c'è una maggiore sensibilità rispetto al passato: se prima il bullismo veniva attribuito a situazioni di disagio economico e sociale, oggi i bulli sono per la maggior parte appartenenti a famiglie benestanti e di classe sociale elevata. In questo scenario, il comportamento da bullo si attribuisce oggi a carenze di cure materne o di affetto fin dalla prima infanzia mentre il vittimismo dipende da un’iperprotettività da parte della famiglia. Infine la scuola e le famiglie dovrebbero collaborare e lavorare insieme cercando di capire, dai comportamenti, se nel ragazzo si nasconde un bullo o una vittima». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Franco Bifani

    24 Marzo @ 18.40

    Voglio vedere quale sarebbe il comportamento di tanti, troppi papi e mami di pargoli bambocioni, polli di allevamento, coccolati e viziati, il giorno in cui il povero bimbo bullo venisse punito anche solo con una nota di demerito. Si fionderebbero a scuola, a difendere la povera vittima, insultando gli insegnanti, il preside e tutti i compagni di classe. Potrebbero anche arrivare a pestare il docente, come è successo spesse volte. A parole sono tutti d'accordo, ma quando tocchi la creaturina di famiglia., Dio te ne guardi e liberi! Ho visto come si svolgono certe faccende, in 40 anni quasi di insegnamento, specie negli ultimi anni, con presidi tremebondi, asserviti ai genitori, e compagni di classe omertosi, per paura di essere poi picchiati dal bullo.

    Rispondi

  • Patty Smith

    24 Marzo @ 18.23

    la ricetta è: patacche nel sederino dei bimbi monelli, sospensione da scuola e segnalazione in questura, Se recidivo espulsione definitiva. I genitori o chi per loro se ne devono fare carico, bisogna ritornare indietro con le bacchettate nelle mani e meno tolleranza. una sana punizione non ha mai fatto male a nessuno. Altrimenti ci rimettono solo i deboli

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Evasore fiscale "seriale": sequestro di beni a Parma

Guardia di Finanza

Evasore fiscale "seriale": sequestro di beni a Parma

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

Parma

Tangenziale: code per lavori fra la Crocetta e via Baganzola

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

8commenti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

Criminalità

Felino, il bar Jolly senza pace: quarto furto in dieci mesi

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

10commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

roma

Oggi fiducia sulla manovra e la direzione del Pd

Ventimiglia

Brucia la villa dei cognati e muore asfissiato

SOCIETA'

SOCIAL NETWORK

Fb e YouTube creano database antiterrorismo Video

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Nuoto

Federica Pellegrini d'oro: vince i 200 sl

Sport

Basket, conto alla rovescia per la Supercoppa

FOTOGRAFIA

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco

Fotofestival

Fra metafisica e Storia: un mese di mostre fotografiche a Montecchio