Provincia-Emilia

Genitori, figli e insegnanti insieme per battere il bullismo a Fontanellato e Fontevivo

Genitori, figli e insegnanti insieme per battere il bullismo a Fontanellato e Fontevivo
Ricevi gratis le news
2

 Chiara De Carli

Genitori, insegnanti e studenti di terza media dell’Istituto comprensivo di Fontanellato e Fontevivo si sono ritrovati tutti insieme, in una sorta di moderna agorà, nella sala polivalente della «Ghiacciaia» per la conclusione del progetto «Bullis-no» ideato da Elisa Guareschi, laureata in Scienze criminologiche per la sicurezza e agente scelto di polizia municipale dell’Unione Terre Verdiane, e dall’ispettore Andrea Volpi, comandante del Distretto. 
Il percorso, pensato per contrastare il crescente fenomeno del bullismo, è iniziato a metà febbraio ed è stato organizzato con diversi momenti di dialogo e confronto che hanno visto il supporto esperto della criminologa Francesca Mussati e della pedagogista Giovanna Mazzieri. 
In prima battuta, ad essere coinvolti sono stati i ragazzi, guidati verso una presa di coscienza dell’esistenza del fenomeno ed incentivati ad agire efficacemente nei confronti dei bulli, delle vittime e degli osservatori. In parallelo è stato portato avanti un lavoro con gli insegnanti, a cui sono stati forniti gli strumenti utili a riconoscere le situazioni a rischio. I ragazzi sono stati fatti confrontare con i docenti per condividere le conclusioni raggiunte durante gli incontri ed elaborare una strategia comportamentale omogenea. 
«L'esperienza è stata positiva e abbiamo visto nei ragazzi una particolare attenzione al problema» ha commentato Volpi. «I ragazzi hanno partecipato attivamente e gli insegnanti hanno collaborato e direi che il confronto è stato costruttivo - ha affermato la Guareschi -. Questo era un progetto pilota e, visti i risultati, verrà riproposto l’anno prossimo. Anche per noi è stato un percorso interessante: il metterci nella prospettiva dei ragazzi e vivere con i loro occhi le emozioni che nascono dai conflitti ha aiutato anche noi ad approfondire il problema. I ragazzi vedono il bullismo come qualcosa che li fa soffrire e, per questo, fanno fatica a farlo emergere». 
Dagli incontri è emerso un profondo gap tra quello che i genitori sanno e quello che i ragazzi vivono, come ha confermato Francesca Mussati: «Per gli adulti sono dinamiche che vengono liquidate spesso con “queste cose c'erano anche quando andavo a scuola io” mentre per i ragazzi sono drammi enormi che diventano centrali nella loro vita. Per gli studenti vedere che gli adulti si interessano è molto importante. Oggi, rispetto al passato, ci sono anche nuove forme di vessazione che incidono in modo particolare». 
Le fragilità dei ragazzi e l’atteggiamento delle famiglie sono i punti che maggiormente determinano il quadro in cui il bullismo va a «far male». In quest’ottica il progetto si è concluso con un incontro che ha coinvolto anche le famiglie e a cui Giovanna Mazzieri ha portato anche la sua esperienza di insegnante: «Non esistono scuole che non siano toccate dal bullismo - ha affermato la docente-. Adesso c'è una maggiore sensibilità rispetto al passato: se prima il bullismo veniva attribuito a situazioni di disagio economico e sociale, oggi i bulli sono per la maggior parte appartenenti a famiglie benestanti e di classe sociale elevata. In questo scenario, il comportamento da bullo si attribuisce oggi a carenze di cure materne o di affetto fin dalla prima infanzia mentre il vittimismo dipende da un’iperprotettività da parte della famiglia. Infine la scuola e le famiglie dovrebbero collaborare e lavorare insieme cercando di capire, dai comportamenti, se nel ragazzo si nasconde un bullo o una vittima». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Franco Bifani

    24 Marzo @ 18.40

    Voglio vedere quale sarebbe il comportamento di tanti, troppi papi e mami di pargoli bambocioni, polli di allevamento, coccolati e viziati, il giorno in cui il povero bimbo bullo venisse punito anche solo con una nota di demerito. Si fionderebbero a scuola, a difendere la povera vittima, insultando gli insegnanti, il preside e tutti i compagni di classe. Potrebbero anche arrivare a pestare il docente, come è successo spesse volte. A parole sono tutti d'accordo, ma quando tocchi la creaturina di famiglia., Dio te ne guardi e liberi! Ho visto come si svolgono certe faccende, in 40 anni quasi di insegnamento, specie negli ultimi anni, con presidi tremebondi, asserviti ai genitori, e compagni di classe omertosi, per paura di essere poi picchiati dal bullo.

    Rispondi

  • Patty Smith

    24 Marzo @ 18.23

    la ricetta è: patacche nel sederino dei bimbi monelli, sospensione da scuola e segnalazione in questura, Se recidivo espulsione definitiva. I genitori o chi per loro se ne devono fare carico, bisogna ritornare indietro con le bacchettate nelle mani e meno tolleranza. una sana punizione non ha mai fatto male a nessuno. Altrimenti ci rimettono solo i deboli

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Emma Chambers

Emma Chambers

Gran Bretagna

Morta Emma Chambers, sorella di Hugh Grant in "Notting Hill"

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

INSTAGRAM

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Burian

METEO

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Buran Video

Enel e energia ellettrica: una task force per fronteggiare i disagi (leggi)

5commenti

APPENNINO

Il sindaco Lucchi: "Gelo e neve in arrivo, lunedì scuole chiuse a Berceto e Ghiare"

Serie B: 27a giornata

Empoli in testa all'ultimo istante. Cade il Frosinone. Solo il Bari ne approfitta. La Cremonese non scappa

APPENNINO

Frana sulla strada fra Varsi e Ponte Lamberti: operai al lavoro Video

VIABILITA'

Buche in A1: problemi anche nel tratto parmense dell'autostrada

PARMA

Scontro fra due auto in via Sidoli: due feriti Foto

Incidente all'incrocio con via XXIV Maggio

weekend

Neve "pigliatutto". E poi teatro, fumetti e ballo: l'agenda del sabato

GAZZAREPORTER

Caprioli vicino a ponte Caprazucca Foto

Foto di Federica Romanazzi

ALLARME MAFIE

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

9commenti

RICERCA

Cuore, da Parma parte la rivoluzione farmacologica

SERIE B

Il Parma lotta e strappa un punto

2commenti

Via Mameli

Tenta di rubare una bici: "placcato" dal barista

VIA PICASSO

Furto al bar: la banda strappa il cambiamonete dal muro 

E' intervenuta la polizia. Il bottino resta da quantificare

ATLETICA

Fidenza rinnova il centro sportivo Ballotta: ecco come sarà Video

Recidivo

Ai domiciliari, continuava a spacciare cocaina

3commenti

Intervista

Thomas: «Sono un anti-social, mi esprimo nei live»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Confronti? No grazie. Meglio i monologhi

di Francesco Bandini

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

ORVIETO

E' morto Folco Quilici: il grande documentarista aveva 87 anni

POVIGLIO

Il veterinario fa domande, l'allevatore gli punta il forcone alla gola

2commenti

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

parma calcio

D'Aversa su Parma-Venezia: "I ragazzi hanno spinto dall'inizio alla fine" Video

SOCIETA'

Irruzione

Lo streaker più famoso colpisce (ancora) alle Olimpiadi Gallery

il disco

1973: Edoardo Bennato spicca il volo

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day