21°

33°

Provincia-Emilia

Genitori, figli e insegnanti insieme per battere il bullismo a Fontanellato e Fontevivo

Genitori, figli e insegnanti insieme per battere il bullismo a Fontanellato e Fontevivo
Ricevi gratis le news
2

 Chiara De Carli

Genitori, insegnanti e studenti di terza media dell’Istituto comprensivo di Fontanellato e Fontevivo si sono ritrovati tutti insieme, in una sorta di moderna agorà, nella sala polivalente della «Ghiacciaia» per la conclusione del progetto «Bullis-no» ideato da Elisa Guareschi, laureata in Scienze criminologiche per la sicurezza e agente scelto di polizia municipale dell’Unione Terre Verdiane, e dall’ispettore Andrea Volpi, comandante del Distretto. 
Il percorso, pensato per contrastare il crescente fenomeno del bullismo, è iniziato a metà febbraio ed è stato organizzato con diversi momenti di dialogo e confronto che hanno visto il supporto esperto della criminologa Francesca Mussati e della pedagogista Giovanna Mazzieri. 
In prima battuta, ad essere coinvolti sono stati i ragazzi, guidati verso una presa di coscienza dell’esistenza del fenomeno ed incentivati ad agire efficacemente nei confronti dei bulli, delle vittime e degli osservatori. In parallelo è stato portato avanti un lavoro con gli insegnanti, a cui sono stati forniti gli strumenti utili a riconoscere le situazioni a rischio. I ragazzi sono stati fatti confrontare con i docenti per condividere le conclusioni raggiunte durante gli incontri ed elaborare una strategia comportamentale omogenea. 
«L'esperienza è stata positiva e abbiamo visto nei ragazzi una particolare attenzione al problema» ha commentato Volpi. «I ragazzi hanno partecipato attivamente e gli insegnanti hanno collaborato e direi che il confronto è stato costruttivo - ha affermato la Guareschi -. Questo era un progetto pilota e, visti i risultati, verrà riproposto l’anno prossimo. Anche per noi è stato un percorso interessante: il metterci nella prospettiva dei ragazzi e vivere con i loro occhi le emozioni che nascono dai conflitti ha aiutato anche noi ad approfondire il problema. I ragazzi vedono il bullismo come qualcosa che li fa soffrire e, per questo, fanno fatica a farlo emergere». 
Dagli incontri è emerso un profondo gap tra quello che i genitori sanno e quello che i ragazzi vivono, come ha confermato Francesca Mussati: «Per gli adulti sono dinamiche che vengono liquidate spesso con “queste cose c'erano anche quando andavo a scuola io” mentre per i ragazzi sono drammi enormi che diventano centrali nella loro vita. Per gli studenti vedere che gli adulti si interessano è molto importante. Oggi, rispetto al passato, ci sono anche nuove forme di vessazione che incidono in modo particolare». 
Le fragilità dei ragazzi e l’atteggiamento delle famiglie sono i punti che maggiormente determinano il quadro in cui il bullismo va a «far male». In quest’ottica il progetto si è concluso con un incontro che ha coinvolto anche le famiglie e a cui Giovanna Mazzieri ha portato anche la sua esperienza di insegnante: «Non esistono scuole che non siano toccate dal bullismo - ha affermato la docente-. Adesso c'è una maggiore sensibilità rispetto al passato: se prima il bullismo veniva attribuito a situazioni di disagio economico e sociale, oggi i bulli sono per la maggior parte appartenenti a famiglie benestanti e di classe sociale elevata. In questo scenario, il comportamento da bullo si attribuisce oggi a carenze di cure materne o di affetto fin dalla prima infanzia mentre il vittimismo dipende da un’iperprotettività da parte della famiglia. Infine la scuola e le famiglie dovrebbero collaborare e lavorare insieme cercando di capire, dai comportamenti, se nel ragazzo si nasconde un bullo o una vittima». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Franco Bifani

    24 Marzo @ 18.40

    Voglio vedere quale sarebbe il comportamento di tanti, troppi papi e mami di pargoli bambocioni, polli di allevamento, coccolati e viziati, il giorno in cui il povero bimbo bullo venisse punito anche solo con una nota di demerito. Si fionderebbero a scuola, a difendere la povera vittima, insultando gli insegnanti, il preside e tutti i compagni di classe. Potrebbero anche arrivare a pestare il docente, come è successo spesse volte. A parole sono tutti d'accordo, ma quando tocchi la creaturina di famiglia., Dio te ne guardi e liberi! Ho visto come si svolgono certe faccende, in 40 anni quasi di insegnamento, specie negli ultimi anni, con presidi tremebondi, asserviti ai genitori, e compagni di classe omertosi, per paura di essere poi picchiati dal bullo.

    Rispondi

  • Patty Smith

    24 Marzo @ 18.23

    la ricetta è: patacche nel sederino dei bimbi monelli, sospensione da scuola e segnalazione in questura, Se recidivo espulsione definitiva. I genitori o chi per loro se ne devono fare carico, bisogna ritornare indietro con le bacchettate nelle mani e meno tolleranza. una sana punizione non ha mai fatto male a nessuno. Altrimenti ci rimettono solo i deboli

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

documentario

William e Harry: "Quell'ultima breve telefonata con mamma (Diana)"

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe

PISCINE

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe Foto

Ascolti; Ciao Darwin 7 in replica vince il sabato sera

Televisione

Ascolti in tv: "Ciao Darwin 7" in replica vince il sabato sera

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox: i controlli della settimana

PARMA

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

2commenti

Lealtrenotizie

Viale Vittoria, è sempre emergenza spaccio

L'INCHIESTA

Viale Vittoria, è sempre emergenza spaccio

DELITTO DI VIA SIDOLI

«Elisa voleva andare a un concerto, ho perso la testa e l'ho ammazzata»

Fraore

Black out programmato. Ma nessuno lo sapeva

Incredibile

Straordinaria scoperta nel Po: trovata la mandibola di un leone

QUI PINZOLO

Bongiovanni: «Alleno il Parma a tavola»

Traversetolo

Escluso dai servizi scolastici chi non paga

Lutto

Alberto Greci, una vita per il museo Lombardi

SALA

E' morta la Milla, regina della torta fritta

MILANO

Sala: "Il Pd ha sbagliato a non dare credito a Pizzarotti. Forse con lui bisognava dialogare prima"

Il sindaco di Parma alla Festa dell'Unità a Milano si schiera con Gori sullìimmigrazione: "Lo Stato faccia di più"

1commento

PINZOLO

Baraye e Calaiò (triplette) protagonisti nella prima uscita stagionale: 14-0

Giorno, debutto con gol: "Pronto a dare tutto" Video - Le prossime amichevoli (guarda) 

meteo

Il caldo intenso sta per finire, arriva aria fresca

Piogge e temporali al Nord.Centro-sud,calo termico di 8-10 gradi

Bedonia

Con la moto in una scarpata al passo del Tomarlo: grave un 45enne

varano

Incidente a Scarampi: ferito un motociclista

incidenti

Auto contromano in via Capelluti, frontale: ferita una donna

1commento

via Mantova

Ignoti danno fuoco alla rete della casa cantoniera

1commento

IL RICORDO

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

1commento

AMARCORD/1

Quando c'era "Un disco per l'estate" Video

di Vanni Buttasi

ITALIA/MONDO

venezia

Donna accoltellata dall'ex marito che poi chiama i carabinieri e confessa

degrado

Venezia: e ora i turisti si tuffano (anche) dal ponte di Calatrava

SPORT

ATLETICA

Under 20, Scotti d'oro nella 4x400

baseball

Scalera, 2 home run in un giorno: Parma Clima vittorioso

SOCIETA'

Malore

Frassica in ospedale per una bevanda ghiacciata

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

1commento

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori