14°

Provincia-Emilia

Genitori, figli e insegnanti insieme per battere il bullismo a Fontanellato e Fontevivo

Genitori, figli e insegnanti insieme per battere il bullismo a Fontanellato e Fontevivo
Ricevi gratis le news
2

 Chiara De Carli

Genitori, insegnanti e studenti di terza media dell’Istituto comprensivo di Fontanellato e Fontevivo si sono ritrovati tutti insieme, in una sorta di moderna agorà, nella sala polivalente della «Ghiacciaia» per la conclusione del progetto «Bullis-no» ideato da Elisa Guareschi, laureata in Scienze criminologiche per la sicurezza e agente scelto di polizia municipale dell’Unione Terre Verdiane, e dall’ispettore Andrea Volpi, comandante del Distretto. 
Il percorso, pensato per contrastare il crescente fenomeno del bullismo, è iniziato a metà febbraio ed è stato organizzato con diversi momenti di dialogo e confronto che hanno visto il supporto esperto della criminologa Francesca Mussati e della pedagogista Giovanna Mazzieri. 
In prima battuta, ad essere coinvolti sono stati i ragazzi, guidati verso una presa di coscienza dell’esistenza del fenomeno ed incentivati ad agire efficacemente nei confronti dei bulli, delle vittime e degli osservatori. In parallelo è stato portato avanti un lavoro con gli insegnanti, a cui sono stati forniti gli strumenti utili a riconoscere le situazioni a rischio. I ragazzi sono stati fatti confrontare con i docenti per condividere le conclusioni raggiunte durante gli incontri ed elaborare una strategia comportamentale omogenea. 
«L'esperienza è stata positiva e abbiamo visto nei ragazzi una particolare attenzione al problema» ha commentato Volpi. «I ragazzi hanno partecipato attivamente e gli insegnanti hanno collaborato e direi che il confronto è stato costruttivo - ha affermato la Guareschi -. Questo era un progetto pilota e, visti i risultati, verrà riproposto l’anno prossimo. Anche per noi è stato un percorso interessante: il metterci nella prospettiva dei ragazzi e vivere con i loro occhi le emozioni che nascono dai conflitti ha aiutato anche noi ad approfondire il problema. I ragazzi vedono il bullismo come qualcosa che li fa soffrire e, per questo, fanno fatica a farlo emergere». 
Dagli incontri è emerso un profondo gap tra quello che i genitori sanno e quello che i ragazzi vivono, come ha confermato Francesca Mussati: «Per gli adulti sono dinamiche che vengono liquidate spesso con “queste cose c'erano anche quando andavo a scuola io” mentre per i ragazzi sono drammi enormi che diventano centrali nella loro vita. Per gli studenti vedere che gli adulti si interessano è molto importante. Oggi, rispetto al passato, ci sono anche nuove forme di vessazione che incidono in modo particolare». 
Le fragilità dei ragazzi e l’atteggiamento delle famiglie sono i punti che maggiormente determinano il quadro in cui il bullismo va a «far male». In quest’ottica il progetto si è concluso con un incontro che ha coinvolto anche le famiglie e a cui Giovanna Mazzieri ha portato anche la sua esperienza di insegnante: «Non esistono scuole che non siano toccate dal bullismo - ha affermato la docente-. Adesso c'è una maggiore sensibilità rispetto al passato: se prima il bullismo veniva attribuito a situazioni di disagio economico e sociale, oggi i bulli sono per la maggior parte appartenenti a famiglie benestanti e di classe sociale elevata. In questo scenario, il comportamento da bullo si attribuisce oggi a carenze di cure materne o di affetto fin dalla prima infanzia mentre il vittimismo dipende da un’iperprotettività da parte della famiglia. Infine la scuola e le famiglie dovrebbero collaborare e lavorare insieme cercando di capire, dai comportamenti, se nel ragazzo si nasconde un bullo o una vittima». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Franco Bifani

    24 Marzo @ 18.40

    Voglio vedere quale sarebbe il comportamento di tanti, troppi papi e mami di pargoli bambocioni, polli di allevamento, coccolati e viziati, il giorno in cui il povero bimbo bullo venisse punito anche solo con una nota di demerito. Si fionderebbero a scuola, a difendere la povera vittima, insultando gli insegnanti, il preside e tutti i compagni di classe. Potrebbero anche arrivare a pestare il docente, come è successo spesse volte. A parole sono tutti d'accordo, ma quando tocchi la creaturina di famiglia., Dio te ne guardi e liberi! Ho visto come si svolgono certe faccende, in 40 anni quasi di insegnamento, specie negli ultimi anni, con presidi tremebondi, asserviti ai genitori, e compagni di classe omertosi, per paura di essere poi picchiati dal bullo.

    Rispondi

  • Patty Smith

    24 Marzo @ 18.23

    la ricetta è: patacche nel sederino dei bimbi monelli, sospensione da scuola e segnalazione in questura, Se recidivo espulsione definitiva. I genitori o chi per loro se ne devono fare carico, bisogna ritornare indietro con le bacchettate nelle mani e meno tolleranza. una sana punizione non ha mai fatto male a nessuno. Altrimenti ci rimettono solo i deboli

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

X-Factor - Lite Fedez-Agnelli

televisione

Lite mai vista a X-Factor: Fedez insulta Agnelli e se ne va

Brumotti aggredito dai pusher anche a Padova

Un fotogramma che mostra il lancio di una bottiglia contro la troupe.

striscia

Brumotti aggredito dai pusher anche a Padova

5commenti

Quiz, lo sapete come si affrontano le piste ciclabili?

GAZZAFUN

Quiz, lo sapete come si affrontano le piste ciclabili?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Ascanio Celestini al Parco e Otello a Noceto

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Parco Ducale, la rabbia dei parmigiani

DROGA E UBRIACHI

Parco Ducale, la rabbia dei parmigiani

APPENNINO CON GLI SCI

Schia, lo skilift Prato Grosso riaperto a breve

Fidenza

Ladro di biciclette colto sul fatto

Fidenza

Defabiani, il tenore che aveva esordito con il liscio

Imprese

Gea Niro Soavi «Factory of the year»

Palanzano

E' morto Ugolotti: durante la guerra venne graziato da un tedesco

IL CASO

Pontetaro, protestano i parrocchiani: campane spente all'alba

Sorbolo

Domenica ponte sull'Enza chiuso, i percorsi alternativi

PARMA

Rubava materiali idraulici nella sua ditta e li rivendeva: arrestato operaio 40enne Video

Denunciato uno zio, residente a Maranello

1commento

Gabbiola di Traversetolo

Cade da un ballone di fieno in giardino, ma non è in gravi condizioni

METEO

Nel weekend arrivano piogge in Emilia e neve in Appennino

Allerta gialla per l'Emilia occidentale

anteprima gazzetta

Parco Ducale in balia degli spacciatori: com'è la situazione Video

PARMA

Lei non lo ama, lui la minaccia e dà coltellate al portone per entrare

Serata di follia in via Pedretti: denunciato un 31enne

via Bixio

Imbrattato il linguistico del Marconi Gallery

5commenti

Carpi-parma

D'Aversa: "Attacco? Aspettiamo domani" Video - I convocati

1commento

La testimonianza

«Plagiata e poi schiavizzata: vi racconto il mio incubo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'autonomia regionale e quel ponte chiuso

di Stefano Pileri

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

oxford street

Panico nel cuore di Londra dopo falso allarme terroristico. Riaperte tre stazioni metro. Video: la gente in fuga

egitto

Bomba e spari, attentato nella moschea nel Sinai: 235 morti

SPORT

Formula 1

Abu Dhabi, Hamilton davanti a Vettel

IL CASO

Violenza sessuale: 9 anni a Robinho, ex del Milan

SOCIETA'

Procura

Foto sexy della Leotta in rete: coinvolto un minorenne

SOS ANIMALI

Chi vuole adottare Willy?

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A 2018, svelati gli interni

motori

Confronto tra KTM 390 Duke, Honda CB 500 F e BMW G 310 R