-4°

Provincia-Emilia

Meno morti e meno incidenti sulle strade del Parmense

Meno morti e meno incidenti sulle strade del Parmense
4

COMUNICATO

Meno morti e meno incidenti sulle strade parmensi. E’ un buon dato quello che emerge dal report dell’Ufficio Statistica della Provincia di Parma sui sinistri avvenuti nel 2012 e presentato questa mattina nella sede dell’ente. E se è vero, come ha sottolineato l’assessore alla viabilità Andrea Fellini che “i decessi sono sempre troppi e il dolore che provocano non è misurabile dall’analisi di un dato” è confortante sapere che l’anno scorso Parma è risultata tra le province della regione dove si muore meno sulle strade, e quella in cui avvengono meno incidenti rapportati alla popolazione.

“Possiamo parlare di un trend positivo. Per la prima volta nello storico degli incidenti abbiamo raggiunto il minimo dei decessi fra gli utenti deboli. – ha spiegato Fellini commentando i dati illustrati da Gian Marco Baroni - Al raggiungimento di questi risultati concorrono più fattori. Da un lato l’accresciuta sensibilità degli utenti, dall’altro il lavoro congiunto di istituzioni, forze dell’ordine e vigili del fuoco, dei sanitari, sta producendo i primi risultati importanti”.
E poi c’è la prevenzione. “Anche in un periodo di ristrettezze economiche come questo – continua l’assessore provinciale – non rinunciamo alle azioni di sensibilizzazione. La campagna di comunicazione promossa con Autocisa  che oggi presentiamo ne è un esempio”.
Si tratta di una serie di materiali che verranno distribuiti nelle scuole, luoghi pubblici e municipi, in cui vengono evidenziate con la tecnica del fumetto le cattive e buone abitudini degli utilizzatori delle strade. 
“Con la Provincia sono stati individuati tre comportamenti a rischio: l’abuso di alcol, il colpo di sonno e l’uso del cellulare. – ha spiegato Alberto Bignasco ingegnere di Autocisa spa entrando nel merito delle azioni che l’Autocamionale ha promosso con le Concessionarie autostradali del Gruppo ASTM-SIAS per migliorare la sicurezza stradale – Il motore è il sito www.autostrada facendo.it, il secondo per numero di visitatori tra quelli dedicati al tema della sicurezza stradale. Diviso in sezioni, vi si possono trovare tutti i materiali relativi alla campagna di sensibilizzazione e una parte tecnologica di approfondimento”. 
“La nostra è una azione sinergica che facciamo per migliorare la sicurezza. Quella dei Carabinieri è una presenza non solo legata ai controlli ma anche all’attività nelle scuole con conferenze periodiche per rendere i ragazzi i controllori dei loro papà” – ha detto Carlo Cerina, comandante provinciale dei Carabinieri sottolienando fra l’altro la necessità di comportamenti corretti anche da parte delle utenze deboli e in particolare di chi usa la bicicletta, così come maggiore cura e manutenzione dei terreni confinanti con le strade da parte dei proprietari. 
“ Nella valutazione complessiva il dato ci mostra una riduzione ma non si riesce ad essere completamente soddisfatti perché ci sono ancora 31 morti  – ha aggiunto Eugenio Amorosa comandante della Polizia Stradale di Parma - Molti di questi li ho visti e ogni volta ho fatto la stessa considerazione: con un minimo di accortezza in più queste morti non ci sarebbero state. Siamo qui per andare avanti con il nostro lavoro”.
 
I dati
Calano del 13,9% (5 persone) rispetto al 2011 i decessi per incidenti stradali nell’ultimo anno, e nel 2012 il numero complessivo di morti sulle strade del nostro territorio arriva, con 31 decessi, al punto più basso da quando abbiamo a disposizione i dati, cioè dal 1995, quando i decessi furono 103, più di tre volte tanto rispetto al 2012.
Nel periodo 2002-2012 i deceduti si sono praticamente dimezzati, e in particolare le donne fanno rilevare valori molto bassi di mortalità.
Rispetto all’anno precedente, inoltre, nel 2012 vi è stata una diminuzione degli incidenti stradali del 5,3% (93 sinistri in meno).
Questa la sintesi dei dati 2012: 1.656 incidenti stradali, con 31 decessi e 2.341 feriti; questi dati sono stati rilevati in presenza di un aumento dei veicoli circolanti, ed in particolare dei motocicli. 
Dal confronto con le realtà vicine, vediamo che Parma si colloca tra le province migliori della regione rispetto agli indicatori dei decessi e, soprattutto, degli incidenti rapportati alla popolazione; per quest’ultimo indicatore relativo all’anno 2011 la provincia di Parma risulta la migliore in regione. 
Una nota positiva emerge dai dati degli incidenti con coinvolgimento di utenti deboli. Si passa, infatti, dai 21 deceduti del 2011 ai 13 del 2012. Fra questi, gli unici a non registrare una diminuzione di decessi sono i motociclisti (9 per entrambi gli ultimi 2 anni). Per ciclisti, pedoni e utenti di ciclomotori, invece, viene toccato, in tutti e tre i casi, il minimo storico dal 2005 in avanti.
Elementi preoccupanti emergono invece dai dati degli incidenti notturni nel fine settimana, che fanno registrare valori decisamente peggiori rispetto alle restanti notti, in particolare per quel che riguarda il numero di decessi.
Per ciò che concerne le strade provinciali (intese come SP, ovvero quelle di proprietà dell'Amministrazione di Parma), si rileva una diminuzione di 2 vittime rispetto all’anno precedente (valore più basso registrato, assieme a quello del 2007, a partire dal 2005) e c’è un calo del costo sociale, un parametro calcolato dall’ISTAT che quantifica tutte le conseguenze negative prodotte dai sinistri con morti e feriti.
Nel 2012 il costo sociale sulle strade provinciali registra il valore più basso dal 2005, con una diminuzione del 13,9%, pari a circa 10,5 milioni di Euro.
I dati dei sinistri avvenuti sulle strade del territorio vengono rilevati da tutte le Forze dell’Ordine, che si coglie l’occasione per ringraziare, e sono raccolti dalla Provincia per conto dell’ISTAT e della Regione Emilia-Romagna. Questi dati diventano quelli ufficiali sull’incidentalità, raccolti secondo i parametri internazionali indicati dall’Eurostat, che permettono un confronto omogeneo tra i dati dei vari Paesi.
 
Mettiti alla guida della tua vita
La campagna per la sicurezza stradale di Autocisa e Provincia di Parma 
Migliorare la sicurezza stradale: ecco l’obiettivo con il quale Autocamionale della Cisa S.p.A. e le Concessionarie autostradali del Gruppo ASTM-SIAS hanno promosso una campagna di sensibilizzazione dei cittadini a cui la Provincia di Parma ha concesso il proprio patrocinio.
Con lo slogan “Mettiti alla guida della tua vita” si è prodotta una linea di comunicazione, modulata su diversi strumenti, finalizzata a individuare i comportamenti a rischio e i buoni comportamenti. Questi vengono rappresentati in vignette un modo immediato e diretto  di veicolare messaggi corretti agli utenti della strada.
L’iniziativa, aperta a soggetti pubblici e privati, ha raccolto importanti contributi di indirizzo, consensi e patrocini a livello delle più prestigiose istituzioni nazionali, regionali, locali, dell'ispettorato SVCA del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e persino di una istituzione sovranazionale come lì'Organizzaizone delle nazioni Unite.  
All’inizio del mese di marzo i contenuti della campagna sono stati presentati ai membri del Parlamento Europeo dai rappresentanti del Gruppo ASTM-SIAS, che hanno avuto la possibilità di evidenziare i risultati relativi al tema della sicurezza sulla rete gestita (1.300 km di autostrade in un’area particolarmente trafficata e industrializzata).
Nel decennio 2001-2010 le istituzioni europee avevano infatti chiesto un dimezzamento degli incidenti mortali: in tale periodo le autostrade del gruppo ASTM-SIAS non hanno dimezzato, ma hanno diviso per tre le fatalità della strada.
Proprio in virtù del patrocinio la Provincia di Parma ha operato in quanto partner istituzionale della campagna e ha conseguentemente programmato, con Autocamionale della Cisa, proprie iniziative sinergiche alla diffusione capillare dei contenuti della campagna sul territorio di competenza.
Fra queste la diffusione di messaggi di legalità e sicurezza sulla strada anche nelle sedi istituzionali aperte al pubblico, negli istituti scolastici superiori, nei Municipi e nelle bacheche posizionate nelle pensiline del TPL lungo le strade provinciali.
Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla consultazione del sito internet www.autostradafacendo.it, ove si possono trovare, articolati in 1700 pagine web: 150 articoli, tutti i materiali della campagna, contenuti scientifici e di attualità, oltre 350 video di interesse pubblico relativi al tema della sicurezza stradale, oltre 50 link siti di altre campagne, i profili dei personaggi che animano le vignette della campagna. Il sito, con oltre 350.000 visitatori, è il secondo sito per numero di visitatori , tra quelli dedicati al tema della sicurezza stradale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • MIchele

    30 Marzo @ 10.47

    Sono convinto che buona parte del merito sia delle strade di "m...." che abbiamo a Parma, si proprio quella parola poco fine che non si dovrebbe scrivere nei commenti di un giornale rispettabilissimo come la Gazzetta di Parma, ma è l'unica parola che rende bene l'idea delle nostre strade... Tornando a noi, si deve andare talmente piano per non sfondare l'auto, moto, bici e quel che sia, che è impossibile fare incidenti mortali.... Penso che il prossimo mezzo che acquisterò sarà un auto o moto da Dakar!"

    Rispondi

  • roby

    28 Marzo @ 19.47

    bene,allora l'rca auto dovrebbe calare no?com'è che si diceva?vai avanti tu che mi scappa da ridere?

    Rispondi

  • Franco Bifani

    28 Marzo @ 15.35

    Un plauso a questi cali di morti e feriti per incidenti d'auto va anche ai petrolieri ed ai loro aumenti sproprosiyati della benzina e del diesel; si gira meno e si va anche più lemtamente.

    Rispondi

  • francesco

    28 Marzo @ 15.08

    Vediamo con il bel tempo, le bici e le moto con le buche che ci sono in giro......

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paul McCartney contro la Sony: "Rivoglio i diritti dei Beatles"

musica

Paul McCartney contro la Sony: "Rivoglio i diritti dei Beatles"

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Terremoto, slavina travolge hotel, nuove richieste ai soccorsi da Parma

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

11commenti

Parma

Legionella: la causa del contagio resta incerta 

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

4commenti

sabato

Per tenere viva la Curva Nord torna la riffa dei Boys

1commento

Mercato

Guazzo, niente Modena

Gazzareporter

Massimo Mari: "Parma, inverno"

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

1commento

Wopa

I genitori omosessuali fra difficoltà e pregiudizi

Presentato libro a Parma in un dibattito moderato da Chiara Cacciani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

1commento

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Le immagini terribili dell'hotel Rigopiano Gallery

FRANCIA

Bimba di 14 mesi sbranata dal rottweiler della sua famiglia

SOCIETA'

PGN

Tutti i concerti del 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta