21°

31°

Provincia-Emilia

L'incubo di Pianestolla: "Sentivamo i vetri e i muri scricchiolare"

L'incubo di Pianestolla: "Sentivamo i vetri e i muri scricchiolare"
1

Chiara Cacciani

"Noi che eravamo in paese ieri pomeriggio, e mai avremmo immaginato....". "Noi che questa mattina abbiamo sentito la terra che si muoveva sotto i piedi, gli scricchiolii dei muri e dei vetri che si infrangevano.". E' il  dramma di Pianestolla: un dramma che si compie in poche ore. Così poche che Guerrino Boschi e i suoi ragazzi – tre famiglie, sei persone in tutto – non sono riusciti a portar via da casa nemmeno una fotografia: crepe che diventano squarci, mattoni che cedono, timori che diventano pericolo reale, immediato. E' una belva sbucata d'improvviso la frana: qualcuno non la sapeva nemmeno in vita, altri la consideravano addormentata da tempo. E invece si è risvegliata di colpo, risucchiando nell'incubo chi a Pianestolla vive, e chi questa primavera d'emergenza, di baratri scavati dalla terra e di isolamento la deve gestire. Il paese non sarà evacuato, il nucleo storico sembra reggere. Ma la paura resta.
Pianestolla si aggiunge a Boschetto, a Lalatta, a Curatico e Signatico: tutte ferite aperte e chissà quando rimarginabili di un Appennino orientale che reagisce ma allo stesso tempo comincia ad accusare il colpo. Pianestolla no, non era prevista. E che il colpo al morale sia stato assestato con maestria si capisce bene dai volti  di chi arriva nella sala della Comunità montana a Langhirano per fare il punto della situazione con l'assessore regionale alla Protezione.
Ci sono tecnici dell'ente che raccontano il sopralluogo del giorno prima: "Eravamo proprio lì, c'era qualche crepa, ma non ci saremmo aspettati che dopo poco sarebbe stato necessario evacuare una casa: una cosa incredibile".   Si arrossano gli occhi, all'assessore tizzanese Serena Brandini, mentre mostra la foto della strada maciullata e non più praticabile. Indossa il giubbotto della Protezione civile, è una volontaria da tempo, e non se lo sarebbe aspettato di dover operare proprio lì, tra la sua gente. Neanche il sindaco Amilcare Bodria, probabilmente. E' un geologo in pensione e – lo racconta anche di fronte all'assessore regionale Gazzola – ne ha viste tante di emergenze. "Ma qui è diverso: l'emozione cambia, è fortissima. E ormai siamo in una situazione drammatica". Le viscere in movimento della terra le ha udite bene l'assessore provinciale Andrea Fellini. Un rumore " di vetri che si rompono e muri che scricchiolano  e dei tralicci che cadono. Impressionante, agghiacciante" (ascolta la testimonianza a Gazzettadiparma.it).
Sembra destinato a non richiudere mai le sue fauci, il "mostro". E ora la salvezza (precaria, appesa a un filo) dell'Appennino passa da altri nomi: da  Lagrimone, il crocevia, la frazione dei prosciuttifici (il 10% del Parma è prodotto lì), minacciata dai nuovi corsi che – sotto la spinta del fango e della frana – potrebbe prendere il torrente Bardea. E poi Antria, Case Bodria, dove la Massese è già dimezzata: "Se cedesse tutta Palanzano sarebbe collegato alla città solo raggiungendo Aulla e il suo casello autostradale – è lo spettro che evoca il sindaco Giorgio Maggiali – E' per questo che abbiamo bisogno di soluzioni. Non soluzioni ottimali: soluzioni. Perchè di tempo non ne abbiamo più".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • elisa

    13 Aprile @ 18.06

    A fronte di questo disastro, il dissesto del territorio montano che mette a rischio persone, strade, case, insediamenti produttivi..... la grande opera prevista nella Provincia di Parma è la costruzione di un pezzetto di autostrada, la Tibre, da Fontevivo a Trecasali, per una spesa di ben 512 milioni di euro che, a parole, dovrebbero mettere i privati ma in realtà saranno pagati dai cittadini con ingenti aumenti delle tariffe e da contributi diretti e indiretti dello stato, quindi di tutti. Occorre fermare questo spreco, l'inutile e dannosa cementificazione della Bassa e dirottare le risorse sulla Pontremolese Ferroviaria e sulla cura del territorio, del nostro Appenino pena la sua distruzione e conseguente abbandono. Con danni incalcolabili. Infine non scordiamolo siamo un territorio sismico che va tutelato tutto e messo in sicurezza. Cambiare non è difficile ... .

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Parma al voto: domani si decide il prossimo sindaco

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

Piazza Dalla Chiesa

Ancora risse davanti alla stazione

L'AGENDA

Una domenica da vivere nella nostra provincia

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

Bedonia

Fontane chiuse, scoppia la polemica

DRAMMA DI TORINO

Panico collettivo: parla la psicologa

Presentazione

Croce rossa, un secolo e mezzo in un libro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

baseball

Parma concede il bis: è doppietta contro il Novara

Finisce 3-1: lanciatore vincente Rivera, salvezza per Santana, 3 su 4 di Deotto. La corsa per i play off continua

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

Meteo

Ferrara rovente: temperatura percepita 49°. Parma (da podio) non scherza, 41°

La città emiliana è la più calda d'Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Salerno

Investe una donna e la uccide: è un attore di "Don Matteo" e "1993"

Stati Uniti

Boss mafioso scarcerato per vecchiaia: ha 100 anni

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

CALCIO

Gli azzurrini battono la Germania e volano in semifinale

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse