15°

Provincia-Emilia

"Antonio era una persona tranquilla, affabile e simpatica"

"Antonio era una persona tranquilla, affabile e simpatica"
1

L’incredulità di un paese non solo legata alla tragicità del gesto ma anche e, soprattutto, alla persona uccisa. Antonio La Penna, nato a Carapelle, in provincia di Foggia, nel 1963, ma residente a Sorbolo da quasi vent’anni, era un uomo molto benvoluto da tutti. Una persona di grande convivialità, che amava stare con gli amici. Il primo aggettivo che arriva dalle bocche di tutti i conoscenti è «tranquillo». La Penna, una persona tranquilla, morto tragicamente con un colpo in testa senza che nemmeno se ne potesse rendere conto. Le testimonianze parlano di Antonio Muto, l’assassino, che appoggia la canna della pistola alla nuca e fa fuoco senza una parola. Un’esecuzione in piena regola. Ma che dietro all’assassinio di La Penna si celino moventi legati a regolamenti di conti, nessuno lo crede. Tutti sono più propensi a credere ad un raptus di follia di Muto, senza una motivazione logica, senza un movente. «Ho lavorato con lui per oltre quindici anni - ha commentato C.P., 38enne sorbolese - e non posso dire altro che Antonio era una persona molto affabile e simpatica. Non riesco a capire come possa aver fatto qualcosa di così grave da poter finire così». La Penna era un saldo-carpentiere metallico e lavorava alla Terex, multinazionale americana, con uno stabilimento a Lentigione di Brescello.
Era dipendente dell’azienda da oltre quindici anni e stimato per la mansione che svolgeva. Un’altra passione di Antonio era la bicicletta: era iscritto con i ragazzi del «Levante Bike», squadra ciclistica di Sorbolo a Levate. «Più che un vero agonista - ricordava Stefano Gatti, titolare del “Levante” -, Antonio era da considerarsi un cicloamatore. Infatti più che l’agonismo, amava la compagnia unita a qualche giro con la bici da corsa». Anche un altro ciclista del «Levante Bike» ha ascoltato incredulo la notizia dell’uccisione dell’amico, tradendo l’emozione per un fatto così tragico. «Ma quale può essere stato il motivo? - si è interrogato l’uomo - Come si poteva voler così male ad Antonio? Non posso credere ci fossero ragioni “strane” - ha aggiunto alludendo ad un regolamento di conti in pieno stile malavitoso -. L’unica ragione non può essere altro che la follia».
Gli amici del bar lo chiamavano «Forchetta», un nomignolo affibbiatogli a causa della passione per la buona cucina, mancando difficilmente ad una cena in compagnia. L'unica ombra nella vita di Antonio La Penna è un episodio che risale a diversi anni addietro quando lui perse la sua autovettura a causa di un rogo, rivelatosi successivamente doloso.P.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Kenny

    24 Aprile @ 19.27

    Sarà stato anche tranquillo, affabile e simpatico, ma passando davanti a tutti i bar di Sorbolo SEMPRE E SOLO davanti a quello li, la mia ragazza diceva sempre: "ma che razza di facce ci sono qui dentro??"

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa