14°

Provincia-Emilia

"Antonio era una persona tranquilla, affabile e simpatica"

"Antonio era una persona tranquilla, affabile e simpatica"
1

L’incredulità di un paese non solo legata alla tragicità del gesto ma anche e, soprattutto, alla persona uccisa. Antonio La Penna, nato a Carapelle, in provincia di Foggia, nel 1963, ma residente a Sorbolo da quasi vent’anni, era un uomo molto benvoluto da tutti. Una persona di grande convivialità, che amava stare con gli amici. Il primo aggettivo che arriva dalle bocche di tutti i conoscenti è «tranquillo». La Penna, una persona tranquilla, morto tragicamente con un colpo in testa senza che nemmeno se ne potesse rendere conto. Le testimonianze parlano di Antonio Muto, l’assassino, che appoggia la canna della pistola alla nuca e fa fuoco senza una parola. Un’esecuzione in piena regola. Ma che dietro all’assassinio di La Penna si celino moventi legati a regolamenti di conti, nessuno lo crede. Tutti sono più propensi a credere ad un raptus di follia di Muto, senza una motivazione logica, senza un movente. «Ho lavorato con lui per oltre quindici anni - ha commentato C.P., 38enne sorbolese - e non posso dire altro che Antonio era una persona molto affabile e simpatica. Non riesco a capire come possa aver fatto qualcosa di così grave da poter finire così». La Penna era un saldo-carpentiere metallico e lavorava alla Terex, multinazionale americana, con uno stabilimento a Lentigione di Brescello.
Era dipendente dell’azienda da oltre quindici anni e stimato per la mansione che svolgeva. Un’altra passione di Antonio era la bicicletta: era iscritto con i ragazzi del «Levante Bike», squadra ciclistica di Sorbolo a Levate. «Più che un vero agonista - ricordava Stefano Gatti, titolare del “Levante” -, Antonio era da considerarsi un cicloamatore. Infatti più che l’agonismo, amava la compagnia unita a qualche giro con la bici da corsa». Anche un altro ciclista del «Levante Bike» ha ascoltato incredulo la notizia dell’uccisione dell’amico, tradendo l’emozione per un fatto così tragico. «Ma quale può essere stato il motivo? - si è interrogato l’uomo - Come si poteva voler così male ad Antonio? Non posso credere ci fossero ragioni “strane” - ha aggiunto alludendo ad un regolamento di conti in pieno stile malavitoso -. L’unica ragione non può essere altro che la follia».
Gli amici del bar lo chiamavano «Forchetta», un nomignolo affibbiatogli a causa della passione per la buona cucina, mancando difficilmente ad una cena in compagnia. L'unica ombra nella vita di Antonio La Penna è un episodio che risale a diversi anni addietro quando lui perse la sua autovettura a causa di un rogo, rivelatosi successivamente doloso.P.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Kenny

    24 Aprile @ 19.27

    Sarà stato anche tranquillo, affabile e simpatico, ma passando davanti a tutti i bar di Sorbolo SEMPRE E SOLO davanti a quello li, la mia ragazza diceva sempre: "ma che razza di facce ci sono qui dentro??"

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

1commento

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

13commenti

Lealtrenotizie

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

2commenti

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

1commento

processo aemilia

Traffico di yacht e gruppi russi: quegli incontri a Parma della 'ndrangheta Tg Parma

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

il caso

Legionella, domani nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

Salute

Studio Efsa: 25mila morti all'anno in Europa per la resistenza dei batteri agli antibiotici

L'Italia è fra i Paesi più a rischio

Trasporto pubblico

Busitalia ha già un nome: Mauro Piazza

11commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

1commento

Lega Pro

Parma, che attacco sarà senza Baraye

COSMETICA

Davines, crescita in doppia cifra

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

FIDENZA

Crac Di Vittorio, primi rimborsi

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

7commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

Civitavecchia

Donna sparisce su una nave da crociera: fermato il marito

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

5commenti

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

LA RIO in pillole

Nuova Kia Rio, lancio sabato 25: da 10.900 euro

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv