-5°

Provincia-Emilia

Grillo attacca Delrio e Zanonato sui doppi incarichi. La risposta del sindaco di Reggio: "Si va verso la decadenza"

Grillo attacca Delrio e Zanonato sui doppi incarichi. La risposta del sindaco di Reggio: "Si va verso la decadenza"
13

Il Movimento 5 Stelle chiede ai ministri Delrio e Zanonato di dimettersi rispettivamente dall’incarico di sindaco di Padova e Reggio Emilia. Lo fa con un articolo, «Doppi incarichi ostinati», a firma Matteo Olivieri sul blog di Beppe Grillo. «I sindaci del pd (menoelle, ndr) Delrio e Zanonato - si legge - sono stati nominati ministri. Delrio ha detto che non ha nessuna intenzione di dimettersi, e vuole continuare a fare il primo cittadino di Reggio Emilia. Per corrispondenza».
«Come se la città non avesse bisogno di essere amministrata! Ha detto che è anche disposto a rinunciare agli 80 mila euro di stipendio di sindaco (da ministro dovrebbe prendere quasi 200 mila euro lordi all’anno)», prosegue l’articolo.
«Tuttavia, visto che questi politici amano i cavilli, gli ricordiamo che l’articolo 13, comma 3, del decreto legge n. 138
del 2011 come convertito in legge n. 148/2011, dispone "che le cariche di deputato, senatore, parlamentare europeo nonchè le cariche di governo (Presidente del Consiglio dei Ministri, Ministri, Vice Ministri , Sottosegretari di Stato e commissari straordinari del Governo), sono incompatibili con qualsiasi altra carica pubblica elettiva di natura monocratica relativa ad organi di governo di enti pubblici territoriali aventi, alla data di indizione delle elezioni o della nomina, popolazione superiore a 5.000 abitanti". Che è appunto il caso dei due sindaci di Reggio Emilia e di Padova», conclude il post sul blog di Grillo.

DELRIO PRECISA CHE NON SI DIMETTERA' MA ASPETTA LA DECADENZA DALLA CARICA DI SINDACO. Il sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio, appena nominato ministro degli Affari regionali, non si dimetterà ma percorrerà la procedura della decadenza (nomina di un vicesindaco reggente, nessuno scioglimento di giunta e consiglio comunale, ndr) che consentirà al Comune di non essere commissariato. Lo ha annunciato Delrio con una nota: «Non sono a favore dei doppi incarichi - ha detto -, infatti i passi che ho compiuto in queste ore sono finalizzati ad applicare la nuova norma che prevede la non compatibilità».
In caso di dimissioni di Graziano Delrio il consiglio comunale verrebbe sciolto e il Comune sarebbe commissariato. Visto che non c'è più tempo per votare quest’anno, la città andrebbe alle elezioni nella primavera del 2014, data coincidente con la scadenza naturale del secondo mandato di Delrio.
La procedura di decadenza, invece, sostiene lo stesso Delrio «ha tempi e modi regolati dalla legge e consente all’Amministrazione comunale di proseguire il suo cammino fino al termine del mandato con gli organi democraticamente eletti e con la Giunta e il programma che hanno ottenuto la fiducia dei cittadini. Questa è la strada che abbiamo deciso di percorrere sia io, sia il sindaco di Padova, Flavio Zanonato».
Proprio in virtù di questa ipotesi, Delrio ha fatto ieri un rimpasto di giunta, considerando anche il fatto che uno dei suoi assessori, Paolo Gandolfi, è diventato deputato. Ugo Ferrari, uomo forte del Pd e della giunta, è diventato vice sindaco al posto della giovane esponente dell’Idv Filomena De Sciscio, rimasta in giunta con le deleghe al bilancio. Ferrari diventerebbe, insomma, secondo l’ipotesi alla quale sta lavorando il Comune di Reggio Emilia, il facente funzione per un anno, fino alle elezioni della primavera 2014.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Remo

    03 Maggio @ 16.12

    Di certo devolverà le remunerazioni ai bisognosi...del partito!!! Rosso....di vergogna!!!

    Rispondi

  • GIORGIO

    03 Maggio @ 14.37

    Del Rio è sufficentemente corretto per non cadere nella trappola del doppio incarico. Poi ognuno può leggere la notizia secondo quanto gli detta il cervello che possiede, ovviamente. Attaccarsi alla vicenda Del Rio per continuare a spargere m...da da un blog e mai mettendo il faccione dal vivo, significa comunicare urbi et orbi che il repertorio è finito e che piano piano il giullare ritorna a fare quello che gli viene meglio: il giullare o pifferaio, appunto.

    Rispondi

  • Guido

    03 Maggio @ 14.17

    Povero Oberto conte di San "Parloacaso". Citami una legge che non permette di diventare ministro a un sindaco o a un Presidente della Provincia. Secondo la tua "ill"logica possono diventare ministri solo i grillini nullafacenti,o come nel tuo caso,nullapensanti. Ma stai sereno ,come te nelle file grilline il numero è sterminato,capo compreso.

    Rispondi

  • Fabio

    03 Maggio @ 13.59

    La questione non è cosa sia meglio o se conviene, la questione è che LO VIETA LA LEGGE!!! ....sempre se la legge è ancora uguale per tutti. ....quindi se al semaforo trovo rosso, ma se mi fermo ad aspettare mi si raffredda la cena a casa, visto che è meglio, posso passare con il rosso????

    Rispondi

  • Fabrizio

    03 Maggio @ 13.55

    Allora non doveva proporsi come deputato... insomma come al solito vogliono la botte piena e la moglie ubriaca... il sindaco può farlo il vice-sindaco, tanto le direttive gliele da lui di notte... se vuole stare in parlamento deve lasciare l'incarico, è la legge che lo dice.... ma siccome questo parlamento ha vita breve ecco il suo timore di mollare.... non sia mai che resti senza stipendio... a schifio finisce....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

1commento

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

3commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo: i crociati provano a riprendere il volo Diretta

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

21commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

Rigopiano

Francesca che dall'ospedale aspetta il suo Stefano

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto