17°

Provincia-Emilia

"Riina mandante della strage di Natale"

"Riina mandante della strage di Natale"
3

(Ansa/ Giampaolo Grassi)

FIRENZE – La strage del Rapido 904, che il 23 dicembre del 1984 provocò 16 morti, fu «programmata e decisa» da Totò Riina. Non solo. L’esplosivo fu dello stesso tipo di quello impiegato, «in parte, anche nelle successive stragi degli anni Novanta». La procura di Firenze ha chiesto il rinvio a giudizio del Capo dei capi, mettendo così un sigillo alla ricostruzione 'ereditatà dai colleghi napoletani, che hanno riaperto l’inchiesta nel 2010, e al filo che lega la strage di Natale alla successiva strategia mafiosa.

Il treno Rapido 904, partito da Napoli Centrale e diretto a Milano, esplose alle 19.08 in una galleria fra Firenze e Bologna. Fra la vitiime anche due ragazzi di Parma: Susanna Cavalli e Pierfrancesco Leoni. Nella prima inchiesta, condotta dalla procura di Firenze, emerse un intreccio fra mafia, camorra e destra eversiva. L’iter processuale si concluse con le condanne dell’ex capo del mandamento palermitano di Porta Nuova Pippo Calò, dei suoi aiutanti Guido Cercola e Franco Di Agostino e dell’artificiere tedesco Friedrich Schaudinn.

La ricostruzione della procura di Napoli – che ha riaperto l'indagine sulla base di nuove dichiarazioni di pentiti di camorra e Cosa Nostra, tra cui Giovanni Brusca – inquadra l'attentato nell’ambito della strategia terroristica mafiosa. La strage di Natale rappresentò la prima «risposta» ai mandati di cattura relativi al maxiprocesso emessi nel settembre 1984 da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino: il messaggio era diretto «ai (veri o presunti che fossero) referenti politici» e mirava a condizionare l’esito del dibattimento, attraverso «una sostanziale forma di ricatto».

I magistrati napoletani tracciano poi un filo conduttore con gli attentati degli anni Novanta, e lo fanno sulla base delle perizie sull'esplosivo. Nella strage del rapido 904 e in quella di via D’Amelio (1992) fu utilizzata la stessa combinazione. Un componente analogo compare pure nei rilievi post attentato dell’Addaura (1989). Una linea di continuità accolta dalla procura di Firenze – che ha ereditato l’inchiesta napoletana per competenza territoriale – titolare anche delle indagini sulle stragi del '93-94 a Roma, Milano e Firenze, anch’esse ritenute frutto di un ricatto, meglio, di «un’estorsione». In un’integrazione al capo di imputazione, il procuratore Giuseppe Quattrocchi e la sostituta Angela Pietroiusti definiscono Totò Riina «mandante, determinatore e istigatore della strage» del rapido 904 «da lui programmata e decisa con l’impiego di materiale (esplosivo e congegni elettronici) appartenente all’organizzazione ed utilizzato poi, in parte, anche nelle successive stragi degli anni '90».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    12 Maggio @ 10.45

    MAFIA , CAMORRA E "DESTRA EVERSIVA" ! CERTO , MA , DIETRO LA "DESTRA EVERSIVA" C' ERANO , E CI SONO , PEZZI DELLO STATO. Ci sono Organizzazioni la cui funzione istituzionale dovrebbe essere quella di proteggere i Cittadini italiani , invece.... piazza Fontana, piazza della Loggia , treni (anche l' "Italicus" , oltre al "904" , e nella stessa galleria ) , terrorismo nero e terrorismo rosso , che , secondo alcuni , usava una manovalanza di estremisti comunisti , ma era infiltrato ed istigato da ambienti di tutt ' altra matrice ...... Il sequestro e l' omicidio Moro , attribuiti alle Brigate Rosse , erano contro l' ingresso del Partito Comunista nella maggioranza di Governo , che Moro voleva , ma per cui era stato brutalmente minacciato dal Segretario di Stato americano , Kissinger. LA MAFIA , LA CAMORRA , CERTO , come manovalanza, come esecutori materiali , ma chi c' era , e chi c' è , dietro ? TOTO' RIINA , in arte "Totò u curtu" , è un sanguinario mafioso della cosca di Corleone , con un livello di istruzione infimo. E' poco meno che analfabeta. SECONDO VOI NE SAPEVA QUALCOSA DELL' ACCADEMIA DEI GEORGOFILI DI FIRENZE ? Pur volendo cercare di non cadere nel gorgo della "dietrologia" , la Storia d' Italia è costellata da molti , inquietanti misteri , che, probabilmente , non conosceremo mai. Chi sa non parla. Nelle inchieste giudiziarie salta fuori un giorno uno, un giorno un altro , e si resta spesso con in mano un pugno di mosche......Qualcosinina s' era lasciato sfuggire Cossiga..............

    Rispondi

  • roberto

    11 Maggio @ 20.34

    Mandante ... e noi continuima a curarlo! Non ho parole! Italiani giudicate voi!

    Rispondi

  • cecilia passalacqua

    11 Maggio @ 19.58

    Quei due ragazzi erano amici cari.Sono passati 29 anni...questa è l'Italia.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Autobus

Trasporto pubblico

Addio Tep: i prossimi 9 anni saranno targati Busitalia

Tep ha 30 giorni per un eventuale ricorso al tribunale amministrativo

Inflazione

A Parma i prezzi corrono più della media nazionale: +2,5% ad aprile, pesano i carburanti

Aumentano alimentari, ristorazione e servizi per la casa, calano i prezzi dei settori Comunicazioni e Istruzione

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

9commenti

Calcio

Derby, appello di Pizzarotti: "Sia una giornata di divertimento". Ai crociati: "I parmigiani credono in voi"

Il sindaco è intervenuto sul suo profilo Facebook

1commento

lega pro

Trasferta, crociati a Teramo in treno: ecco i convocati

bologna

Aemilia, 7 imputati parmigiani al processo d'appello. La Procura generale vuole sentire Giglio

Bernini non è in aula 

1commento

meteo

Tra pioggia e arcobaleno in città, neve al Lago Santo Video

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

1commento

elezioni 2017

Pellacini si ritira dalla corsa a sindaco: "Sosterrò Scarpa"

9commenti

sorbolo

Danni alla parete del nuovo edificio: il sindaco sequestra i palloni

8commenti

gazzareporter

Quando il buongiorno è uno spettacolo: l'arcobaleno "in posa" Foto

Inviate anche le vostre foto

gazzareporter

Rottura a un tombino: cortile della Pilotta allagato Video

3commenti

ordinanza

Niente alcol in lattine o bottiglie durante lo Street Food Festival

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

Reggio

Fotografia Europea, 400 mostre "off": anche Parma fra gli eventi Foto

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

2commenti

ITALIA/MONDO

FERRARA

I carabinieri cercano il killer Igor e trovano gli spacciatori

latina

Si finge incinta per comprare neonata. Poi la rifiuta perché mulatta: 3 arresti

SOCIETA'

Fisco

"Amazon ha evaso 130 milioni"

il caso

Così Venezia pensa a conta-turisti e ticket Video

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

Formula 1

Sochi, prove libere: le Ferrari davanti a tutti

MOTORI

MOTO

500 Miles: da Parma la 24 ore delle Harley

NOVITA'

Bmw 530e iPerformance, Serie 5 in salsa plug-in hybrid