15°

28°

Provincia-Emilia

"Riina mandante della strage di Natale"

"Riina mandante della strage di Natale"
Ricevi gratis le news
3

(Ansa/ Giampaolo Grassi)

FIRENZE – La strage del Rapido 904, che il 23 dicembre del 1984 provocò 16 morti, fu «programmata e decisa» da Totò Riina. Non solo. L’esplosivo fu dello stesso tipo di quello impiegato, «in parte, anche nelle successive stragi degli anni Novanta». La procura di Firenze ha chiesto il rinvio a giudizio del Capo dei capi, mettendo così un sigillo alla ricostruzione 'ereditatà dai colleghi napoletani, che hanno riaperto l’inchiesta nel 2010, e al filo che lega la strage di Natale alla successiva strategia mafiosa.

Il treno Rapido 904, partito da Napoli Centrale e diretto a Milano, esplose alle 19.08 in una galleria fra Firenze e Bologna. Fra la vitiime anche due ragazzi di Parma: Susanna Cavalli e Pierfrancesco Leoni. Nella prima inchiesta, condotta dalla procura di Firenze, emerse un intreccio fra mafia, camorra e destra eversiva. L’iter processuale si concluse con le condanne dell’ex capo del mandamento palermitano di Porta Nuova Pippo Calò, dei suoi aiutanti Guido Cercola e Franco Di Agostino e dell’artificiere tedesco Friedrich Schaudinn.

La ricostruzione della procura di Napoli – che ha riaperto l'indagine sulla base di nuove dichiarazioni di pentiti di camorra e Cosa Nostra, tra cui Giovanni Brusca – inquadra l'attentato nell’ambito della strategia terroristica mafiosa. La strage di Natale rappresentò la prima «risposta» ai mandati di cattura relativi al maxiprocesso emessi nel settembre 1984 da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino: il messaggio era diretto «ai (veri o presunti che fossero) referenti politici» e mirava a condizionare l’esito del dibattimento, attraverso «una sostanziale forma di ricatto».

I magistrati napoletani tracciano poi un filo conduttore con gli attentati degli anni Novanta, e lo fanno sulla base delle perizie sull'esplosivo. Nella strage del rapido 904 e in quella di via D’Amelio (1992) fu utilizzata la stessa combinazione. Un componente analogo compare pure nei rilievi post attentato dell’Addaura (1989). Una linea di continuità accolta dalla procura di Firenze – che ha ereditato l’inchiesta napoletana per competenza territoriale – titolare anche delle indagini sulle stragi del '93-94 a Roma, Milano e Firenze, anch’esse ritenute frutto di un ricatto, meglio, di «un’estorsione». In un’integrazione al capo di imputazione, il procuratore Giuseppe Quattrocchi e la sostituta Angela Pietroiusti definiscono Totò Riina «mandante, determinatore e istigatore della strage» del rapido 904 «da lui programmata e decisa con l’impiego di materiale (esplosivo e congegni elettronici) appartenente all’organizzazione ed utilizzato poi, in parte, anche nelle successive stragi degli anni '90».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    12 Maggio @ 10.45

    MAFIA , CAMORRA E "DESTRA EVERSIVA" ! CERTO , MA , DIETRO LA "DESTRA EVERSIVA" C' ERANO , E CI SONO , PEZZI DELLO STATO. Ci sono Organizzazioni la cui funzione istituzionale dovrebbe essere quella di proteggere i Cittadini italiani , invece.... piazza Fontana, piazza della Loggia , treni (anche l' "Italicus" , oltre al "904" , e nella stessa galleria ) , terrorismo nero e terrorismo rosso , che , secondo alcuni , usava una manovalanza di estremisti comunisti , ma era infiltrato ed istigato da ambienti di tutt ' altra matrice ...... Il sequestro e l' omicidio Moro , attribuiti alle Brigate Rosse , erano contro l' ingresso del Partito Comunista nella maggioranza di Governo , che Moro voleva , ma per cui era stato brutalmente minacciato dal Segretario di Stato americano , Kissinger. LA MAFIA , LA CAMORRA , CERTO , come manovalanza, come esecutori materiali , ma chi c' era , e chi c' è , dietro ? TOTO' RIINA , in arte "Totò u curtu" , è un sanguinario mafioso della cosca di Corleone , con un livello di istruzione infimo. E' poco meno che analfabeta. SECONDO VOI NE SAPEVA QUALCOSA DELL' ACCADEMIA DEI GEORGOFILI DI FIRENZE ? Pur volendo cercare di non cadere nel gorgo della "dietrologia" , la Storia d' Italia è costellata da molti , inquietanti misteri , che, probabilmente , non conosceremo mai. Chi sa non parla. Nelle inchieste giudiziarie salta fuori un giorno uno, un giorno un altro , e si resta spesso con in mano un pugno di mosche......Qualcosinina s' era lasciato sfuggire Cossiga..............

    Rispondi

  • roberto

    11 Maggio @ 20.34

    Mandante ... e noi continuima a curarlo! Non ho parole! Italiani giudicate voi!

    Rispondi

  • cecilia passalacqua

    11 Maggio @ 19.58

    Quei due ragazzi erano amici cari.Sono passati 29 anni...questa è l'Italia.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

7commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

"In infradito sul Penna: a proposito di escursionisti sprovveduti..." Foto

1commento

CALCIO

D'Aversa si racconta

OSPEDALE

Il Maggiore: «Sostituiremo al più presto le sonde rubate»

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

15commenti

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

1commento

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

dai video

Barcellona, ci sono le immagini del terrorista in fuga dopo strage

1commento

modena

Sgozzato durante una rissa a Sassuolo, inutili i soccorsi

1commento

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti