13°

30°

Provincia-Emilia

Gli ambulanti di Salso lanciano l'allarme "Se restiamo qui il mercato muore"

Gli ambulanti di Salso lanciano l'allarme "Se restiamo qui il mercato muore"
1

Davide Castellazzi
C’è un certo fermento tra gli ambulanti del mercato di Salsomaggiore Terme. Un misto di preoccupazione e speranza, di rassegnazione e voglia di combattere. Il mercato salsese è da tempo in calo, di circa 120 banchi presenti due anni fa quasi 60 si sono ritirati, alcuni persino consegnando la licenza in comune. Gli incassi continuano a scendere e la recente perdita del parcheggio adiacente al sito del mercato, per cui l’amministrazione non ha rinnovato la convenzione con il vicino oratorio, non ha migliorato la situazione.
La  fiera di San Vitale, però, ha consentito di individuare una possibile via d’uscita dal problema. In data 26 aprile, infatti, il mercato è stato provvisoriamente spostato nei pressi del parco Mazzini, inglobato nell’insieme di iniziative per la festa del patrono. In quell’occasione, gli ambulanti hanno visto i loro incassi lievitare, raddoppiare, persino quadruplicare. Per questo motivo molti di loro cominciano a chiedere che la via attorno a Parco Mazzini diventi il nuovo sito del mercato.
Fabio Brasola, che ha un banco d’abbigliamento, è tra i più convinti ed è certo di avere la popolazione di Salso dalla sua. «Le persone ci chiedevano perché non facciamo il mercato sempre lì», spiega, «inoltre anche i bar nei pressi del parco hanno lavorato molto di più».
 Rimane il dubbio che a favorire maggiori introiti sia stata l’occasione della festa, con un pubblico non abituale e proveniente da fuori città, ma Armando Bussandri, titolare di un altro banco, non la pensa così: «c’erano salsesi molto più felici di avere il mercato a portata di mano», racconta, «poi persone che facevano le cure alle terme e approfittavano della pausa di dieci minuti per le compere e che non vengono fin qui, nella sede abituale».
Alessandro vende calze e la pensa allo stesso modo, così Umberto, titolare di un banco di bigiotteria. Renata, abbigliamento, non ha dubbi: «Se ci lasciano qui moriamo». Insomma, a detta dei diretti interessati, è necessario un cambiamento drastico e il paragone tra la vecchie sede, dove il cassetto piange, e la nuova, ove domanda e offerta sembrano incontrarsi a meraviglia, sembrerebbe incoronare come vincitrice la seconda. Gli ambulanti raccontano anche di nuovi clienti che non sapevano neanche che a Salso vi fosse un mercato, del banco del pesce che ha esaurito i prodotti prima della chiusura, di anziani felici di non dover camminare troppo.
 Un detto popolare mette in guardia sui cambiamenti, «chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che lascia ma non quel che trova», ma in tempo di gravi difficoltà il rischio più grosso potrebbe essere l’immobilismo. In una città nella quale tutto il commercio, non solo quello ambulante, attraversa una crisi profonda è forse tempo di ripensare anche ciò che si dava per scontato e di sedersi attorno a un tavolo con gli interessati per trovare nuove soluzioni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Pavesin Luciano

    29 Maggio @ 20.10

    La sede naturale del mercato e quella attuale.la faccenda dei parcheggi e' superata...il mercato e' un luogo sicuro con i bagni ed e' recintato. il calo delle vendite e' collegato all'attuale congiuntura che avvolge il nostro paese.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpe a forma di piccione ... follie giapponesi

pazzo mondo

La signora con le scarpe a forma di piccione: dal Giappone al giro del web video

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

 Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

tv

Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

1commento

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

Weekend

Street food, bancarelle e vino: l'agenda della domenica

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

COLLECCHIO

Auto danneggiate e un computer rubato nel parcheggio dell'EgoVillage

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

Intervista

Bob Sinclar: «Grazie Parma»

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

PARMA

Gag, solidarietà e... abbracci gratis: i clown di corsia in piazza Garibaldi Foto

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere

PILOTTA

Chiude l'anno luigino: la memoria in tre libri

salso

Terme, via libera alla liquidazione

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

iren

Traversetolo, guasto all'acquedotto: possibile mancanza di acqua

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

gran bretagna

Computer in tilt, aerei della British Airways ancora a terra

WEEKEND

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

Inghilterra

All'Arsenal l'FA Cup. Conte, sfuma la doppietta

F1 - MONACO

Pazza griglia di partenza, Ferrari imprendibili per rompere il digiuno di vittorie

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover