16°

Provincia-Emilia

Salsomaggiore: "Quella lapide rottamata"

Salsomaggiore: "Quella lapide rottamata"
1

Amaro e struggente lo sfogo di una salsese, Elisa Restori, riguardo un episodio accaduto alla alla sua famiglia che le ha fat-
to male: nei giorni scorsi è sta-
ta tolta la lapide dedicata a suo zio Italo Restori, generoso mi-
lite della Pubblica, deceduto trent'anni fa in un incidente, mentre era in servizio sull'ambulanza.
«Il mio cognome, alla generazione di oggi, non dirà assolutamente nulla - racconta -  ma se con la memoria torniamo al lontano inverno del 1982, a molti dovrebbe far tornare alle mente un fatto che addolorò gli animi di tutta la cittadinanza salsese. Mio zio, Italo Restori, volontario della Pubblica Assistenza e donatore di sangue, perì dopo un mese di sofferenze a causa di un incidente occorso mentre era in servizio come milite».
Elisa continua commossa nel suo sfogo con un breve accenno ai fatti. «Durante le feste natalizie, ormai finito il suo turno di servizio, veniva ricontattato per trasportare con urgenza all’ospedale di Parma una partoriente e come sempre non si tirò indietro. Tenendo presente che era inverno e le strade erano particolarmente pericolose per il ghiaccio. All’altezza di Sanguinaro, un’autovettura immettendosi sulla via Emilia lo costrinse ad una manovra brusca che causò il rovesciamento dell’ambulanza. Grazie a Dio per la partoriente ed il bambino non ci furono conseguenze, ma per mio zio le ferite furono fatali. Negli anni seguenti il consiglio direttivo della Pubblica Assistenza ritenne all’unanimità di installare una piccola lapide nel giardino della sede, in ricordo del sacrifico dello zio ed in onore di tutti i militi».
«Nei giorni scorsi mio cugino, come suo padre Italo milite della Pubblica, è stato sbrigativamente informato dalla presidente del sodalizio salsese dell’intenzione di togliere la lapide adducendo il fatto che creava fastidio in quanto molte persone passando davanti accennavano al segno della croce, e che  c’era la necessità di sistemare il giardino. Ovviamente lui ha dato il benestare, ma con amarezza. Dopo  pochi giorni, lapide rimossa e smaltita, e solo la foto restituita al mittente, anche se nella seduta del consiglio direttivo del 23.5.13 è stato deliberato il suo riposizionamento all’interno della sede (dove già si trova una targa alla memoria di Italo, ndr)».
«Credo sia giusto rispettare sempre la volontà altrui ma, a parte i modi discutibili, forse - continua Elisa -  poteva essere trovata un’altra soluzione piuttosto che procedere con la rottamazione.  Mio zio era una persona meravigliosa, sempre disponibile e con il sorriso sulle labbra come potrà confermare chi ha avuto la fortuna di svolgere volontariato in Pubblica insieme a lui. Tenere viva la memoria di persone così che hanno fatto del bene e che hanno sacrificato la propria vita per qualcosa in cui credevano, penso sia non dico doveroso, ma sicuramente non fastidioso. La memoria di persone come lui aiuta le nuove generazioni a dare il giusto senso alle cose».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • BOB

    18 Giugno @ 09.07

    Certo che messa così per noi che c'eravamo non rende buon merito della "ns." Pubblica. Speriamo in qualcosa di più edificante.Magari qualcuno dovrebbe rispondere ... o del caso dire che ha sbagliato!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

1commento

fotografia

Il "Mercante" secondo il fotografo Fabrizio Ferrari Gallery

comune

Casa: "Positivo il 2016, ma ci mancano 40 agenti" Tutti i numeri

L'assessore ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

1commento

GAZZAREPORTER

Ancora rifiuti selvaggi a San Leonardo Fotogallery

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia