-2°

Provincia-Emilia

Giuseppe Bertolucci un intellettuale combattente

Giuseppe Bertolucci un intellettuale combattente
Ricevi gratis le news
0

 Beatrice Minozzi

Sono state le parole di Andrea Gambetta, il profilo tracciato da Gian Luca Farinelli, gli aneddoti raccontati da Mimmo Rafele, i versi letti da Sonia Bergamaschi e soprattutto l’amore che filtrava dalle parole di Lucilla Albano, a tracciare un ricordo commovente e affettuoso di Giuseppe Bertolucci, a cui è stata dedicata la tredicesima edizione di «Una Terra per Viverci». 
La manifestazione, organizzata dal Comitato Pro Casarola con Provincia, Comune di Monchio e Parco Nazionale, tradizionalmente ambientata a Casarola e incentrata sulla figura di Attilio Bertolucci, quest’anno ha voluto omaggiare il figlio minore del poeta, Giuseppe, scomparso il 16 giugno dello scorso anno.
 Pittore, poeta, sceneggiatore, regista di cinema e teatro: sono solo alcune delle sfaccettature della personalità di «G», come amava chiamarlo sue padre nelle poesie a lui dedicate. Era una personalità «poetica» la sua, come l’ha descritta la moglie Lucilla, che non è riuscita a trattenere le lacrime mentre parlava della sua «quercia», «isolata ma accogliente, imponente ma avvolgente, come se ne trovano anche in queste montagne, e quando te ne appare una davanti è una festa».
 Il produttore Andrea Gambetta, all’ombra del maggiociondolo nel piccolo anfiteatro del giardino di casa Bertolucci, ha parlato di una grande personalità, ma anche di un luogo, Casarola appunto, pieno di fascino ed emozione. Farinelli, direttore della cineteca di Bologna, ha raccontato di «un intellettuale combattente, pieno di talento, che voleva concorrere allo sviluppo culturale della società in cui viveva». 
Lacrime, ma allo stesso tempo sorrisi, ha strappato il ricordo tracciato dall’amico Mimmo Rafele, noto sceneggiatore, che ha parlato di un «inguaribile» cinefilo, che si nutriva di film e che quando andava al cinema si sedeva sempre nelle primissime file, per immergersi completamente nelle immagini che scorrevano sullo schermo. Rafele ha poi letto alcune righe scritte dalla moglie Lidia Ravera, scrittrice e assessore alla cultura della Regione Lazio, che ha rivolto un pensiero affettuoso all’amico Giuseppe. 
E’ stata poi l’attrice Sonia Bergamaschi a leggere alcuni versi del poeta, mentre Miriam Catastini, del Coro Renata Tebaldi, ha omaggiato Giuseppe e Lucilla con le note di «Adios con el corazon». Alla Casa delle Ciliegie sono andati in scena «Casa d’altri», un progetto di Giuseppe Bertolucci e Antonio Piovanelli, tratto dal testo di Silvio D’Arzo, introdotto dal critico Paolo Lagazzi e interpretato dallo stesso Piovanelli, ma anche un collage di immagini (a cura di Lucilla e Bernardo Bertolucci e montato da Jacopo Quadri) tratte da alcuni film di Giuseppe, che ha completato il ritratto di un artista eclettico e geniale. 
«Protagonista di questa giornata, accanto a Giuseppe, è sicuramente Casarola – ha commentato Marta Simonazzi, presidente del Comitato – che rappresenta le radici dell’arte attraverso cui Attilio e Giuseppe si sono espressi», mentre il sindaco Claudio Moretti ha sottolineato come sia importante «raccogliere i segnali lanciati dalle persone illustri che su questo territorio sono passate, ed è quello che stiamo cercando di fare in collaborazione con il Parco Nazionale».
 Il presidente Fausto Giovanelli conferma: «Stiamo ragionando per creare un percorso letterario d’Appennino di cui la casa di Bertolucci, e Casarola, saranno punto fondamentale». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biancanve

fiabe

Biancaneve, gli 80 anni della prima principessa Disney

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

13commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

7commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

sci

Sofia Goggia e' tornata, Hirscher gigante in Badia

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande