21°

35°

Provincia-Emilia

Derubavano negozi e tabaccherie fra Parma, Reggio e Modena: tre denunciati

Derubavano negozi e tabaccherie fra Parma, Reggio e Modena: tre denunciati
Ricevi gratis le news
12

Svaligiavano negozi e tabaccherie in tutta la regione, anche nel Parmense, poi stoccavano la merce in un appartamento di Reggio Emilia. E la rivendevano a una rete di ricettatori compiacenti. Due rumeni e un moldavo sono stati denunciati dai carabinieri di Reggio Emilia.
I carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Reggio Emilia hanno scoperto che la banda, specializzata ai furti in esercizi commerciali, dalla base di Reggio Emilia (un appartamento di via Astico) allargava l'attività alle altre province emiliane. Tre uomini sono stati denunciati dai carabinieri per furto aggravato: due rumeni di 35 e 25 anni e un moldavo di 30 anni.
I militari hanno trovato su un'ingente partita di merce rubata nell’appartamento dove i tre vivevano, alle porte del centro di Reggio. Merce che era in procinto di partire a favore di compiacenti ricettatori.
Le indagini, coordinate dalla Procura reggiana, hanno chiarito che la rudimentale ma collaudata organizzazione era dedita a continui furti notturni ai danni di negozi e tabaccherie, in alcuni casi con il metodo della “spaccata”.
Secondo quanto emerso dalle indagini, i malviventi dedicavano gran parte del loro tempo ai sopralluoghi. A bordo di potenti auto, vagavano in lungo e largo alla ricerca del bersaglio buono da colpire. Una volta scelto l’obiettivo, operavano in gruppo con ruoli distinti: c’era chi faceva da palo, avvisando dell’arrivo di potenziali fattori di disturbo quali forze dell’ordine e vicini. Gli altri poi si dedicavano ai colpi compiuti in pochi minuti.
La svolta nelle indagini è arrivata dopo accertamenti tecnici su ricariche telefoniche rubate e finite in cellulari usati da persone su cui si è concentrata l’attenzione dei carabinieri del Nucleo Investigativo fino al blitz di oggi nel’appartamento di via Astico.
La refurtiva è ingente: numerosi capi d’abbigliamento e scarpe da ginnastica delle più svariate marche, costosi profumi (Chanel, Gucci, Meschino, Armani, Dolce e gabbana, Prada), decine di cellulari, smartphone, accessori per cellulari, videogiochi, docking station (attrezzatura per computer portatili) ma anche computer, tablet e iPod. Non mancano gratta e vinci, sigarette e alcune mountain bike.
La refurtiva, del valore di oltre 20mila euro è provento di una lunga serie di furti ai danni dei negozi non solo della provincia di Reggio ma anche di Parma e Modena. 
Sono ancora in corso gli accertamenti dei militari dell'Arma per risalire ai proprietari degli oggetti recuperati. Due tabaccherie a Reggio Emilia (furto del 22 aprile scorso) e Scandiano (furto del 10 marzo) sono state nel mirino della banda ma tanti altri commercianti restano individuare. Per questo eventuali commercianti e tabaccai derubati che si riconoscessero come proprietari dell’ingente partita di merce recuperata potranno presentarsi, denuncia alla mano, agli uffici del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Reggio Emilia per le operazioni di riconoscimento e restituzione.

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • luca

    19 Giugno @ 08.30

    Stranamente non sono Italiani.... A CASA!!!!

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    18 Giugno @ 18.50

    @claudio - npon so se sono intelligente, ma so che se applicassimo il tuo concetto sulle etnìe si potrebbe dire che noi italiani siamo un'etnìa mafiosa, visto l'altissimo numero di italiani accusati di reati di mafia e visto che questa forma di criminalità è tutta nostra. Tu sei mafioso ? Io no. Eppure siamo italiani: e questo è il motivo per cui i commenti sulle etnìe, o sulla equazione immigrazione=delinquenza, finiscono nel cestino. Quello che si può dire è che l'immigrazione massiccia (con la presenzs di tanti irregolari) ha sicuramente un riflesso sul numero dei reati. Ma le equazioni etniche sono delle sciocchezze, o delle espressioni di razzismo. A meno che tu non voglia essere definito un mafioso....

    Rispondi

  • claudio

    18 Giugno @ 17.49

    E poi dicono che tutti i popoli, tutte le etnie sono...uguali!!!!!!!! La più colossale BARZELLETTA dei nostri tempi che, purtroppo, non fa nemmeno ridere. Al contrario. Pardon per lo strisciante razzista ma, G.B., DA UOMO A UOMO (non da Redazione), sono CERTO che sei del mio stesso parere (ti ritengo una persona intelligente e obiettiva).

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    18 Giugno @ 17.02

    Tre denunciati, che vista la velocità della nostra giustizia saranno processati fra quindici anni, ossia MAI:

    Rispondi

  • Franco Bifani

    18 Giugno @ 16.49

    Per bocca di tanti rumeni onesti lavoratori, qui in Italia, che conosco da tempo, se questi furfanti facessero le stesse cose in patria, vedrebbero i sorci verdi, in galere rumene infernali.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

NEW YORK

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

Torino

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Migranti nell'ex caseificio a Mulazzano: il sindaco non ci sta e scrive al ministro dell'Interno

Lesignano

Migranti nell'ex caseificio a Mulazzano: il sindaco minaccia le dimissioni

Giorgio Cavatorta ha scritto al ministro dell'Interno

Tg Parma

Delitto di via San Leonardo: Solomon a Parma incontra il padre Video

Delitto

Papà Fred si racconta: tra il dolore infinito e la forza dell'amore

6commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Fred Nyantakyi resterà a vivere in città: "Parma non lo lasci solo" Video

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

ParmENSE

In arrivo il caldo record, fiume Po sempre più in basso Video

Guardia di Finanza

Fa sparire 135mila euro destinati ai creditori: nei guai imprenditore parmense

1commento

cantiere

Via Mazzini, parte la riqualificazione dei portici Foto

panocchia

Auto fuori strada: liberato il conducente incastrato tra le lamiere

2commenti

via fleming

Urta un veicolo in sosta e finisce con l'auto a ruote all'aria Foto

Alimentare

Sciopero e presidio alla Froneri (ex Nestlé)

1commento

CONFCONSUMATORI

Energia e gas: boom di reclami contro le maxi bollette

Dagli errori di fatturazione alle attivazioni mai richieste: scoppia la protesta

2commenti

Tribunale

Stalker violento condannato a tre anni

carabinieri

Rapina in banca con sequestro a Busseto: arrestati in tre

Inchiesta

Le casalinghe a Parma, pareri a confronto

6commenti

natura

Mamme d'Appennino: la volpe allatta i suoi cuccioli Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

GIALLO

Molotov contro centro migranti a Modena

VENEZIA

L'incendio di Londra: mille persone al funerale di Marco, morto assieme a Gloria

SPORT

PARMA CALCIO

Luca Siligardi, nuovo bomber: "Bel gruppo. La serie B? Imprevedibile" Video

TOUR

Sull'Izoard vince Barguil, Aru in difficoltà: scivola al quinto posto

SOCIETA'

l'emendamento

Cellulare alla guida: ritiro immediato della patente fino a 6 mesi

10commenti

telefono azzurro

Telefono e social, i bambini "inchiodano" gli adulti Video

MOTORI

TOYOTA

Yaris GRMN, dal Nurburgring la Yaris più potente di sempre

DAIMLER

Mercedes, "richiamo" volontario per 3 milioni di motori diesel