23°

Provincia-Emilia

Carlo Dal Verme: l'orgoglio italiano rivive a El Alamein

Carlo Dal Verme: l'orgoglio italiano rivive a El Alamein
0

Chiara Cacciani

«Siamo tornati a dormire insieme a distanza di tantissimi anni, noi tre fratelli. A scambiarci i ricordi, a rivivere la nostra infanzia, a dare colore e contorni a quelle storie di guerra che ci erano state raccontate come fiabe da nostro padre». E’ ad El Alamein – teatro dell’epica battaglia che decretò la fine dell’impero coloniale italiano e mise fine al sogno africano delle potenze dell’Asse – che Francesca, Gabriele ed Enrico Dal Verme hanno ricevuto quest’ultimo regalo di papà Carlo.
Nel deserto egiziano, «dove basta scostare la sabbia e si trovano pile di transistor, mine anticarro e scatolette di carne con i segni lasciate dalle baionette per aprirle», da poche settimane c’è un cippo che ricorda  il Tenente colonnello di artiglieria di Pilastro, che prima di esser fatto prigioniero per tre anni dai francesi si distinse per coraggio e intuizione sui campi di battaglia africani. Come quando, nell’ora della ritirata, riuscì a tenere in scacco i nemici con un solo cannone e pochi uomini stremati, senza acqua, senza viveri e senza mezzi di trasporto. Permise a tanti soldati italiani di ripiegare, Dal Verme, e quando gli offrirono di mettersi in salvo – lui solo - rifiutò: «Non ho la minima intenzione di abbandonare i miei uomini. Verrò via quando invieranno un autocarro che potrà caricare tutti». E così fu.
Il cippo dedicato al tenente colonnello di carriera, croce al merito di guerra, ingegnere, scrittore e disegnatore si trova all’interno del «Parco storico del campo di battaglia di E Alamein»: un progetto realizzato dalla Società italiana di Geografia e Geologia militare, con la collaborazione di diverse realtà. Un’iniziativa per evitare che quegli 80 km di sabbia perdano le sue testimonianze di memoria, ma anzi continuino a raccontare di sé grazie a itinerari di visita tematici e al ricordo di alcuni dei suoi (spesso sconosciuti) protagonisti.
Che fosse possibile donare un cippo lo ha scoperto qualche tempo fa la sorella di Carlo, Luisa, 94enne ex maestra, leggendo un giornale. E non ha avuto dubbi sulla decisione da prendere. «Io avevo letto il libro che mio padre aveva dedicato alla sua esperienza in Africa, “Ombre sulla sabbia”, avevo conservato tutti gli articoli che parlavano di lui, ma per me ormai El Alamein era archiviata – racconta Enrico, agente di polizia municipale dell’Unione Pedemontana - La zia invece ha iniziato a interessarsi ed è  in entrata in contatto con Walter Amatobene, un parmigiano ex Folgore, che è il braccio destro dell’ideatore del Parco, il professor Bondesan». E da lì qualcosa si è messo in moto  anche nei nipoti. «Abbiamo iniziato a dirci che sarebbe stato bello andare a vedere coi nostri occhi quei luoghi, ma ancora sembrava qualcosa destinato a sfumare – prosegue Enrico - . Invece alla fine la voglia è cresciuta e per una combinazione di circostanze eravamo tutti e tre liberi esattamente nella settimana della posa del cippo». Si sono così ritrovati nel deserto, attorniati dai residuati bellici, da quel che resta delle trincee, nella «divisa» prevista dal cerimoniale: il basco militare, i pantaloni kaki. E poi l’attenti!, l’ «onore al tenente colonnello Dal Verme», il minuto di silenzio, il rompete le righe . Brividi, ricordi («Da quel punto si vede la stazioncina di El Alamein, ed  è uno dei particolari che mio padre ha citato nel libro: è sicuramente stato lì») e tanta commozione condivisa in diretta, al telefono, con zia Luisa. «Questo viaggio non è stata una meteora: ci ha lasciato dentro la voglia di sapere di più. Appena tornato a casa ho riletto gli scritti di mio padre:  ora hanno tutto un altro sapore, hanno contorni e colori.  Da bimbi ci raccontava gli aneddoti di guerra come fossero fiabe. Ora  che sono stato là capisco che razza di vita devono aver fatto e cosa devono aver patito. E adesso vogliamo ritornare al più presto». A riportare a casa un altro pezzetto di questa storia. Un pezzetto della loro eredità che ha ancora tanto da regalare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Samsumg volta pagina, affida il rilancio al Galaxy S8

hi-tech

Samsung, esce il Galaxy S8: lo smartphone del rilancio

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

CANNES

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria degli Argini

Osteria degli Argini

CHICHIBIO

«Osteria degli Argini», tutto fatto in casa con cura

Lealtrenotizie

Uccide la moglie malata e si taglia la gola

A Felegara

Uccide la moglie malata e si taglia la gola

SAN LAZZARO

Medico aggredito e rapinato nel suo studio

TRAVERSETOLO

Il rock «di centrodestra» del Primo Maggio

Ozzano

Vandali al cimitero: auto danneggiate

VIA VERDI

Arrestato studente con 60 grammi di «fumo»

Calcio

Parma, l'abbraccio dei tifosi

TERENZO

L'Asiletto, i bimbi a scuola dalla natura

TORNOLO

Don Massimo lascia le sue cinque parrocchie

dramma

Felegara, con un coltello uccide la moglie malata e si suicida Foto Video

I corpi di Wilma Paletti e Gianfranco Carpana ritrovati dai figli

Molinetto

Supermercato: mette in vendita salumi inserendo nel prezzo la tara. Denunciato

3commenti

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

4commenti

xxx

notizia 4

lutto

E' morta Alice Borbone-Parma, la nipote dell'ultimo duca di Parma Foto

1commento

anteprima gazzetta

Omicidio-suicidio: Felegara sotto choc

intervento

Pellacini: "Comune e Provincia svendono quote delle Fiere di Parma"

convegno

Barilla, Chiesi e Dallara: la lezione in Università di tre "big"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Trump assume la figlia come dipendente federale

La testimonianza

Carminati: "Sono un fascista degli anni '70"

SOCIETA'

Chat

Dal velo islamico allo yoga: arrivano 69 nuove emoji

Musica

Stoccolma: finalmente Dylan ritirerà il Nobel

SPORT

Sport

Tuffi: Tania Cagnotto verso l'addio

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon