15°

29°

Provincia-Emilia

Carlo Dal Verme: l'orgoglio italiano rivive a El Alamein

Carlo Dal Verme: l'orgoglio italiano rivive a El Alamein
0

Chiara Cacciani

«Siamo tornati a dormire insieme a distanza di tantissimi anni, noi tre fratelli. A scambiarci i ricordi, a rivivere la nostra infanzia, a dare colore e contorni a quelle storie di guerra che ci erano state raccontate come fiabe da nostro padre». E’ ad El Alamein – teatro dell’epica battaglia che decretò la fine dell’impero coloniale italiano e mise fine al sogno africano delle potenze dell’Asse – che Francesca, Gabriele ed Enrico Dal Verme hanno ricevuto quest’ultimo regalo di papà Carlo.
Nel deserto egiziano, «dove basta scostare la sabbia e si trovano pile di transistor, mine anticarro e scatolette di carne con i segni lasciate dalle baionette per aprirle», da poche settimane c’è un cippo che ricorda  il Tenente colonnello di artiglieria di Pilastro, che prima di esser fatto prigioniero per tre anni dai francesi si distinse per coraggio e intuizione sui campi di battaglia africani. Come quando, nell’ora della ritirata, riuscì a tenere in scacco i nemici con un solo cannone e pochi uomini stremati, senza acqua, senza viveri e senza mezzi di trasporto. Permise a tanti soldati italiani di ripiegare, Dal Verme, e quando gli offrirono di mettersi in salvo – lui solo - rifiutò: «Non ho la minima intenzione di abbandonare i miei uomini. Verrò via quando invieranno un autocarro che potrà caricare tutti». E così fu.
Il cippo dedicato al tenente colonnello di carriera, croce al merito di guerra, ingegnere, scrittore e disegnatore si trova all’interno del «Parco storico del campo di battaglia di E Alamein»: un progetto realizzato dalla Società italiana di Geografia e Geologia militare, con la collaborazione di diverse realtà. Un’iniziativa per evitare che quegli 80 km di sabbia perdano le sue testimonianze di memoria, ma anzi continuino a raccontare di sé grazie a itinerari di visita tematici e al ricordo di alcuni dei suoi (spesso sconosciuti) protagonisti.
Che fosse possibile donare un cippo lo ha scoperto qualche tempo fa la sorella di Carlo, Luisa, 94enne ex maestra, leggendo un giornale. E non ha avuto dubbi sulla decisione da prendere. «Io avevo letto il libro che mio padre aveva dedicato alla sua esperienza in Africa, “Ombre sulla sabbia”, avevo conservato tutti gli articoli che parlavano di lui, ma per me ormai El Alamein era archiviata – racconta Enrico, agente di polizia municipale dell’Unione Pedemontana - La zia invece ha iniziato a interessarsi ed è  in entrata in contatto con Walter Amatobene, un parmigiano ex Folgore, che è il braccio destro dell’ideatore del Parco, il professor Bondesan». E da lì qualcosa si è messo in moto  anche nei nipoti. «Abbiamo iniziato a dirci che sarebbe stato bello andare a vedere coi nostri occhi quei luoghi, ma ancora sembrava qualcosa destinato a sfumare – prosegue Enrico - . Invece alla fine la voglia è cresciuta e per una combinazione di circostanze eravamo tutti e tre liberi esattamente nella settimana della posa del cippo». Si sono così ritrovati nel deserto, attorniati dai residuati bellici, da quel che resta delle trincee, nella «divisa» prevista dal cerimoniale: il basco militare, i pantaloni kaki. E poi l’attenti!, l’ «onore al tenente colonnello Dal Verme», il minuto di silenzio, il rompete le righe . Brividi, ricordi («Da quel punto si vede la stazioncina di El Alamein, ed  è uno dei particolari che mio padre ha citato nel libro: è sicuramente stato lì») e tanta commozione condivisa in diretta, al telefono, con zia Luisa. «Questo viaggio non è stata una meteora: ci ha lasciato dentro la voglia di sapere di più. Appena tornato a casa ho riletto gli scritti di mio padre:  ora hanno tutto un altro sapore, hanno contorni e colori.  Da bimbi ci raccontava gli aneddoti di guerra come fossero fiabe. Ora  che sono stato là capisco che razza di vita devono aver fatto e cosa devono aver patito. E adesso vogliamo ritornare al più presto». A riportare a casa un altro pezzetto di questa storia. Un pezzetto della loro eredità che ha ancora tanto da regalare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Parodia Fedez/Ferragni: J-Ax chiede la mano a Nek

ARENA DI VERONA

Parodia di Fedez-Ferragni: J-Ax chiede la mano a Nek 

"I parchi della musica", la rassegna a contatto con la natura

tg parma

"I parchi della musica", la rassegna a contatto con la natura

diamante

Inghilterra

Compra anello in mercatino per 10 sterline, ne vale 350mila

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I due gatti

CHICHIBIO

"I due Gatti": qui è nata la pizza gourmet... E non solo

di Chichibio

Lealtrenotizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

tg parma

Inchiesta sanità: in procura De Luca, manager del colosso Angelini Video

San Leonardo

Ennesima rissa tra pusher

22commenti

corecom

"Campagna elettorale scorretta": esposto di Ghiretti contro Pizzarotti

PARMA CALCIO

Scaglia a Bar Sport: "Piacenza chiuso anche al ritorno" Video

piazzale Maestri

Fioriera come ariete: e i ladri fanno il colpo al bar Riviera Foto

incendio

Via Farini, fiamme su un balcone: allarme rientrato Foto

'NDRANGHETA

Il pentito contro Bernini: «Soldi in cambio di una sanatoria edilizia»

1commento

novità

Ricevi gratis le news più importanti in tempo reale con il BOT di Gazzetta

Fidenza Salso

Addio a Monia Lusignani, l'angelo dei cani abbandonati

assistenza pubblica

Festeggiano 50 anni di nozze donando un'ambulanza alla città

1commento

Intervista

Sergej Krylov: «In concerto con il violino di papà»

Aveva 79 anni

Schianto di Ostia, il ritratto di Maria Dellasavina

Busseto

È morto Minozzi, custode dei sapori della Bassa

Oltretorrente

Si infila nel letto della ex ma trova la madre: arrestato 32enne Video

Nella fuga, l'uomo ha rubato un cellulare ma ha perso il suo: rintracciato e fermato dai carabinieri

2commenti

La storia

Via Francigena, in pellegrinaggio con l'asinella

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La forza di saper dire "scusate, ho sbagliato"

di Michele Brambilla

4commenti

EDITORIALE

Il pasticciaccio di Tuttofood

di Aldo Tagliaferro

2commenti

ITALIA/MONDO

salute

Morbillo, tre fratellini ricoverati ad Arezzo con loro mamma

Italia

Ecco i vaccini obbligatori e il calendario Video

SOCIETA'

avvistamenti

Centro ufologico nazionale: "Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino" Foto

2commenti

sos amici animali

Cane scomparso a Stradella

SPORT

lutto

Addio a Nicky Hayden: lo sport piange "Kentucky Kid" Foto 1 - 2

Cesena

Julia Viellehner in condizioni disperate ma non è morta

MOTORI

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare

NISSAN

Micra, arriva il 3 cilindri "mille" benzina. E il listino si abbassa