Provincia-Emilia

Alfieri, il buon vino che nasce sulla Cisa

Alfieri, il buon vino che nasce sulla Cisa
1

È la casa vinicola situata alla maggior altitudine sul livello del mare (750 metri slm), certamente della provincia di Parma, dell'Emilia-Romagna e forse d’Italia.
La cantina Alfieri a Casola di Castellonchio, in comune di Berceto, si affaccia sulla strada  della Cisa, ed ha attraversato per intero il secolo scorso, vedendo passare eserciti, le prime automobili, i campioni dello sport, i divi dello spettacolo e della musica leggera, i camion, per convivere oggi con il silenzio rotto solo dal rombo di qualche motocicletta.

Nonostante la nomea di grande cantina, conquistata con il sudore e la fatica, ma anche con il coraggio imprenditoriale e la capacità di precorrere i tempi, quella di Alfieri era a completa gestione familiare: i figli, come scrive Beatrice Anelli sulla rivista «Per la Val Baganza», vi entrano in forze appena sono in grado di fare qualche cosa; Maria, Aurelia, Giuseppina e Igildo si irrobustiscono affrontando, senza sdolcinature, la salutare fatica del lavoro anche nell’umidità della cantina.
L’uva, che le alture di Castellonchio non producono, bisogna andarla a «conquistare» là dove una fama secolare la dice saporosa e madre di ottimo liquor di Bacco: in varie zone della Provincia di Parma ma soprattutto a Scandiano e anche in Toscana in Chianti. Fiorenzo Alfieri, acquistava uva dagli agricoltori per poi barattarla con uve Sangiovese e Barbera di poderi presi in affitto nella zona del Chianti.

Ci teneva, insomma, come cantiniere ad avere un po' di bottiglie di vino locale e proprio con questo vino, ora andato perso, visto che le vigne sono state sradicate dall’Autostrada negli anni Sessanta, riusciva a conquistare alcuni clienti di Milano. Il viaggio per andare a caricare l’uva era avventuroso, potevano servire anche diversi giorni di cammino davanti a due paia di buoi che trainavano un lungo carro su cui riporre le tante cassette dell’uva. Fiorenzo preferiva prendere le vigne da coltivare piuttosto che comprare l’uva. Voleva essere sicuro del suo prodotto, del suo vino.
Proprio per questo, per lunghi periodi, lasciando la cura della cantina alla moglie, andava in pianura, sulle colline reggiane, nella zona del Chianti a curare le proprie vigne. Oggi l’azienda è gestita da Domenico e Carla insieme alle tre figlie Erika, Emanuela ed Elena, iscritte all’Università.

 

 

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • tuo fratello/ cognato

    04 Febbraio @ 16.29

    poco professionale gli abiti della foto ci volevano , grembiuli, guanti ecc. sembrate due da spiaggia più che due che si interessano di vino

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

ROGO

Fidenza, scoppia un incendio:

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti