21°

31°

Provincia-Emilia

Ferrovie, biglietti più cari in Emilia-Romagna

Ferrovie, biglietti più cari in Emilia-Romagna
Ricevi gratis le news
11

BOLOGNA, 30 LUG – Per i treni dal 1° agosto scatta in Emilia-Romagna l’adeguamento tariffario, con incrementi medi del 3-4% rispetto al 2011, in linea con l’inflazione dell’ultimo biennio. Riguarderà Trenitalia e i servizi Tper su rete Rfi. «Un’operazione resa necessaria anche dalla grande difficoltà che sta attraversando il trasporto pubblico locale nel nostro Paese, a causa dei pesanti tagli dei trasferimenti statali avvenuti negli ultimi tre anni» spiega Alfredo Peri, assessore regionale.Ferrovie: dal primo agosto scattano aumenti in Emilia-Romagna.

«Va però sottolineato – ha rimarcato Peri – che in Emilia-Romagna quest’incremento si accompagna alla salvaguardia dei servizi offerti, che hanno subito riduzioni limitate, e al recupero di queste riduzioni con il 'riposizionamentò dei servizi su altre linee ferroviarie, dove la domanda è più forte».
Qualche esempio: dal primo agosto, un biglietto di corsa semplice di seconda classe da Bologna a Ravenna (84 chilometri) passerà da 6,80 euro a 6,90 euro; da Modena a Rimini (149 chilometri) da 10.40 euro a 10.50 euro; da Piacenza a Parma (57 chilometri) da 5 euro a 5.10 euro. Un abbonamento mensile Ferrara-Bologna passerà da 56 a 58 euro; un annuale da Cesena a Bologna da 650 a 679 euro.
Il primo agosto, spiega una nota della Regione, si completa così il percorso per portare le tariffe ferroviarie alla cosiddetta 'tariffa obiettivò, che rappresenta il livello di riferimento comune per tutti i bacini del trasporto pubblico in Emilia-Romagna per attuare 'Mi Muovò. Un sistema che ha, tra i suoi obiettivi, l’integrazione tra i vari titoli di viaggio e l'allineamento dei costi del trasporto su ferro e su gomma. Già da alcuni anni «Mi Muovo» ha consentito agli utenti di avvalersi di tariffe integrate a condizioni più vantaggiose, soprattutto per abbonati e studenti, e quindi per chi utilizza in maniera sistematica il treno per i propri spostamenti.  Le tariffe (prima e seconda classe, corse semplici e abbonamenti) su http://mobilita.regione.emilia-romagna.it/mobilita/allegati/notizie/2013/le-tariffe-valide-dal-1deg-agosto.

CRITICHE PER I RINCARI. «Si poteva evitare» in tempi di crisi, o almeno si poteva migliorare «il servizio da terzo mondo». Così il capogruppo Pdl in Regione, Gianguido Bazzoni, punta il dito contro l’aumento dei biglietti dei treni regionali, da domani 1 agosto, abbonamenti compresi.
E' solo una delle critiche – in campo anche il Codacons - piovute sugli aumenti dei biglietti Trenitalia e di Tper che ha rincarato anche i bus gestiti a Bologna.
«Ci si aspettava che la Regione Emilia-Romagna, visto il cospicuo avanzo di amministrazione da quasi 2,5 miliardi - scrive Bazzoni – cercasse di venire incontro ai pendolari soprassedendo ad un aumento quanto mai inopportuno. Ci siamo sbagliati» e «ci dobbiamo tenere l’aumento delle tariffe, ma anche i treni sporchi, sempre in ritardo, superaffollati, soppressi all’ultimo momento. Questo è ancor più vero per i collegamenti Romagna-Bologna, dove i treni mancano sempre di 2 o 3 carrozze rispetto al fabbisogno, costringendo centinaia di persone a stiparsi nei corridoi» e «con l’aria condizionata che funziona una volta su tre».
«Dove sono i miglioramenti del servizio per gli utenti?», si chiede anche il consigliere regionale piacentino Andrea Pollastri (Pdl), presentando un’interpellanza per dire «no al nuovo rincaro ferroviario, il quarto in tre anni, dopo quelli dell’agosto 2010, del luglio 2011 e del febbraio 2012».

Anche il Codacons dell’Emilia-Romagna contesta gli aumenti: «Significa che non si è riusciti a fare scelte efficienti rispetto agli investimenti sui servizi di trasporto». Ancora una volta si conferma, sostiene l’associazione, che i Cda con «uomini indicati o nominati dalla politica non possono riuscire a risolvere i problemi di costi, sperperi, inefficienze, errate scelte strategiche»: «occorrerebbe forse legare incarichi e compensi dei manager con i risultati da essi ottenuti in termini di qualità del servizio e contenimento dei costi».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • stefano

    01 Agosto @ 15.05

    l'aumento dei costi di trasporto è una cosa non auspicabile ma che purtroppa rientra nella logica inflattiva, quello che invece che fa decisamente "incazzare" sono le affermazioni dell'assessore ai trasporti della regione Emilia Romagna quando afferma che sono stati preservati i servizi. Rispetto a questo o l'assessore non ha mai preso un regionale e allora ovviamente non conosce nulla di quello che dice oppure prende i fondelli tutte quelle persone che loro malgrado sono costrette a servirisi di quanto offerto da trenitalia. ps: in quale legge sta scritto che le sovvenzioni destinate al trasporto pubblico su rotaia debbano per forza essere date a trenitalia e non ad un altro gestore in concorrenza con trenitalia

    Rispondi

  • the clansman

    31 Luglio @ 23.23

    peccato che anche oggi ero sul treno fiorenzuola-parma e ci stavano i soliti 2 magrebini senza biglietto...niente multa e solo un invito a scendere

    Rispondi

  • ettore

    31 Luglio @ 20.15

    Ricordiamo che la Regione Emilia-Romagna ha messo decine di milioni per costruire quella specie di mediopadana nel deserto a Reggio Emilia. Il prezzo fissato (e messo a disposizione) da Ferrovie Italiane era di circa 20 milioni per la costruzione di una stazione decente ma senza troppi fronzoli. Il problema era che i reggiani volevano una megastazione per magnificare l'incrocio ferroviario con la Reggio Guastalla (sigh). A questo punto si è interpellato Calatrava ed i costi sono lievitati di decine di milioni di euro... messi a disposizione senza fiatare dalla regione. In effetti si spostarono fondi destinati al potenziamento della rete regionale per costruire un opera faraonica e completamente fuori da ogni logica intermodale... e da domani biglietti più cari... e se volete andate pure a Reggio in auto per prendere un treno all'incrocio con il nulla più assoluto che prima di arrivare a Bologna non avrà nemmeno la distanza minima di accelerazione (dixit ufficio tecnico ferrovie italiane).

    Rispondi

  • Franco Bifani

    31 Luglio @ 19.13

    Signor Perì, quali sarebbero i servizi salvaguardati? Gelo d'inverno e caldo soffocante d'estate, con passeggeri ammassati in carrozze-bestiame, sporche, puzzolenti, senza servizi igienici? Ma Lei, da quanti decenni non sale su un treno per pendolari? Mica tutti si possono permettere Italo o il Frecciarossa o le auto blu, dipinte di blu.

    Rispondi

  • massimo bernieri

    31 Luglio @ 19.05

    Purtroppo per tutti,il prezzo dei biglietti in Italia dei trasporti pubblici,copre poco più di 1/3 il costo reale il resto,è messo dallo stato regioni cioè noi e in pratica,paga il biglietto anche,chi non usa mai mezzi pubblici.Nonostante gli aumenti,se uno vede il costo della benzina,pedaggi autostradali,manutenzione,assicurazione ecc per fare un tot di kilometri,con il treno,spende almeno la metà del costo vivo in auto senza contare,il costo acquisto auto e,il rischio di avere un incidente.Detto questo,il servizio,dovrebbe essere più efficiente,con treni più moderni,meno soggetti a rotture e basta con gli annunci pochi minuti prima dell'arrivo del treno che questo,è stato "soppresso e ci scusiamo per il disagio"e la vergogna di sospendere le corse in inverno per 20 cm di neve sulle rotaie.Peri,come tutti i politici,dice che gli aumenti serviranno per migliorare il servizio,acquistare nuovi treni ma,sono anni che lo dicono e i treni,sono sempre quelli e le corse,sempre meno.Ti obbligano a usare l'auto così,incassano subito i soldi delle accise e I.V.A. sui carburanti e lo Stato è contento:i cittadini un po' meno!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti