22°

Provincia-Emilia

Fecci: "L'abolizione delle Province? Meglio tardi che mai"

Fecci: "L'abolizione delle Province? Meglio tardi che mai"
Ricevi gratis le news
2

Finalmente. Bravo Delrio.Queste le prime parole che immediatamente mi sono uscite nell’apprendere la notizia del disegno di legge cosiddetto “Svuotaprovince” che il Ministro Delrio ha presentato venerdì scorso al Consiglio dei Ministri.Finalmente il profilarsi di una svolta concreta nell’orizzonte – molto fosco – di tutte quelle “riforme annunciate” e fragorose a cui ci siamo tristemente abituati, poi troppo spesso destinate a cadere nel vuoto.L’altra cosa che ancora ho pensato – senza voler peccare di presunzione - è stata “ma io l’avevo detto”. L’abolizione delle Province, infatti, era uno dei temi principali di quel mio documento - datato 2005, integralmente inviato alle più alte cariche istituzionali e poi pubblicato per alcuni stralci su alcune testate fra cui la Gazzetta di Parma - nel quale formulavo proposte concrete per l’abbattimento dei costi della politica, tema nel mirino da tanti anni, ma per il quale non sono mai state adottate misure organiche ed incisive.Tornando in particolare all’abolizione delle Province - anche a sostegno del progetto Delrio, che dà una svolta a quella sequenza di incoerenti e falsi tentativi dei precedenti governi - è bene ricordare che il loro ciclo vitale era destinato a concludersi già dal 1970, anno in cui furono istituite le autonomie regionali .Sono i Comuni le cellule politico- amministrative percepite in maniera più immediata dai cittadini, i nodi su cui scorre la linfa vitale del nostro Paese, la riforma Delrio li valorizza e restituisce loro un giusto ruolo.L’abolizione delle Province - che già nel 2005 definivo “ente inutile”, in quanto “anello intermedio” anacronistico fra Regioni e Comuni , che spesso genera confusione, appesantisce la burocrazia ed è titolare di competenze che in alcuni casi duplicano o triplicano quelle di Regioni e Comuni – rinsalderebbe anche il legame fra questi ultimi e lo Stato. A seguito della loro abolizione si potrebbero mantenere in vita solo quegli uffici essenziali aventi funzioni di coordinamento, mentre il restante personale verrebbe riassorbito da Comuni e Regioni : sparirebbero così tutti i costi di funzionamento legati agli immobili sede degli uffici (che tornerebbero disponibili per essere alienati o destinati a finalità sociali), così come quelli per le indennità agli amministratori, per le commissioni e le figure dei vari segretari personali, comunemente definite “portaborse”. L’abolizione delle Province significherebbe un risparmio di 15 miliardi l’anno (circa l’1% del PIL).Un plauso inoltre a Delrio quando porta avanti quel concetto di “cooperazione” fra gli Enti di vario livello sul quale necessariamente devono incardinarsi le riforme, che si sostituisce a quelli di “frammentazione”, “duplicazione” e spesso “sovrapposizione” di cariche e funzioni, che moltiplica i costi, ma non solo. Che crea quel reticolato di feudi di potere piccoli e grandi spesso inquinati da dannose connivenze e clientelismo.E’ “unione” la parola d’ordine per il futuro delle autonomie locali e regionali.Unirsi per razionalizzare costi, confrontare idee e costruire progettualità condivise, sinergie di ampio respiro, dotarsi di più qualificate professionalità, superando quella mentalità – retaggio culturale anacronistico – legata a strette logiche di campanile che di questi ultimi fanno piccoli ed arroccati centri di potere. Speriamo che questo disegno di legge possa essere accolto e faccia un po’ da “apripista” di un più ampio progetto di riforme strutturali dell’attuale assetto del sistema Paese, ad iniziare dalla riduzione del numero dei parlamentari, dei costi dello Stato, fino ad un auspicabile accorpamento di alcune Regioni, che spesso sono centri di spreco di pubbliche risorse.Un progetto non più garantista di poteri e privilegi ma coraggiosamente orientato al bene comune. La politica non deve essere una “spiaggia” ove in troppi soggiornano in virtù di logiche partitiche che mirano a garantire privilegi e lavoro ai propri militanti. Stiamo pagando duramente decenni di politica condotta quanto meno con leggerezza e scarsa lungimiranza. E’arrivato il tempo del rigore.Solo dando questo esempio i nostri legislatori si riguadagneranno la stima e la fiducia della gente. Solo così la politica italiana potrà tornare ad affrancarsi.

Fabio Fecci
Assessore al Comune di Noceto 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marzio

    17 Agosto @ 10.51

    Gentilissimo assessore, da quello che lei scrive mi rendo conto che lei sconosce le competenze delle province e quali sono i veri sprechi della pubblica amministrazione, purtroppo essendo governati da gente come l'Italia e' allo sfascio.

    Rispondi

  • cioccio

    02 Agosto @ 17.54

    15 miilardi di risparmio l'anno!!! Gentile assessore lei non sà assolutamente nulla della P.A. del governo del territorio e degli enti locali (pur essendo assessore). Ma lei crede veramente che la riforma Del Rio (leggasi ANCI) avìndrà in porto? Verrà sconvolta prima dalle Regioni (che si prenderanno la maggior parte delle funzioni) poi dal parlamento. Sempre che non cada il governo prima. Comunque sono un funaionario delle province che si occupa di servizi di area vasta e le posso assiurare che, al pari dei miei colleghi, non siamo assolutamente preoccupati dalla situazione. Quindi le mie parole sono dettate da una profonda conoscenza dei fatti e della realtà degli enti locali. Serietà Vi prego perchè quando tornerà a politica (vera non quella che corre dietro alle gonne della "ggente") verranno le rofrome vere.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»