12°

Provincia-Emilia

Baroni: "Neanche da pugile ho preso così tante botte"

Baroni: "Neanche da pugile ho preso così tante botte"
Ricevi gratis le news
1

PAROLA DI NOCETO

Viso tumefatto, punti di sutura, ecchimosi e un vistoso cerotto sul naso: così si  presenta il giorno dopo la rapina, Giacomo Baroni, picchiato da due banditi, che hanno fatto irruzione nell’ufficio della sua ditta di Parola, lunedì poco le 19. 
Nonostante i momenti drammatici vissuti, il «Ragno» (così viene chiamato Baroni per il suo passato da pilota automobilistico), Baroni trova la voglia di scherzare: «Nemmeno quando praticavo pugilato mi aveva ridotto così qualcuno, guai se fossi uscito così trito da un match».
Dopo essere stato medicato all'ospedale di Vaio in seguito alla violenta aggressione da parte dei due banditi, Baroni è stato dimesso nella tarda serata di lunedì. E ieri era già al suo posto nella ditta. 
«Mi sento dolorante, ma non mi lascio scoraggiare, anche se oggi, pensando all’accaduto, mi sono reso conto che potevo anche morire». 
Nel cortile della ditta Baroni Ceramiche, lungo la via Emilia, ci sono ancora le chiazze di sangue, che il titolare ha perso in quantità, dopo essere stato preso a calci e pugni dai due malviventi. 
Sulla fronte, Baroni  porta il segno di una scarpa. «Erano cattivi e violenti – ha raccontato – e hanno fatto irruzione in ufficio con una furia tale da far paura a chiunque, ma non a me. Ho un passato da sportivo e ho sempre dimostrato un grande coraggio in qualsiasi situazione. Anche perchè non è stato il primo episodio violento di cui sono stato vittima. Appena entrati, uno col viso incappucciato e l’altro a viso scoperto, parlando bene in italiano, senza inflessioni particolari, mi hanno puntato una pistola alla testa, gridandomi di tirare fuori i soldi. Ma io ho risposto loro che non tengo mai contante nella ditta. Allora mi hanno fatto inginocchiare, sempre con la Beretta puntata alla testa, poi hanno voluto che li accompagnassi alla cassaforte. Ma non trovando niente, mi hanno sfilato un   braccialetto d’oro, che portavo sempre al polso e mi hanno detto di consegnare loro anche il portafoglio. Ma non erano ancora soddisfatti e per meglio rovistare dappertutto, mi hanno legato alla sedia della scrivania, con nastro adesivo per pacchi, poi mi hanno scaraventato a terra per rendermi inoffensivo». 
Mentre racconta i terribili istanti vissuti, Baroni apre le porte dell’ufficio, mostrando la seggiola sulla quale i due bandito lo hanno immobilizzato. «Erano due giovani, sui trent'anni, alti più di un metro e ottanta, atletici, determinati – ha continuato a raccontare Baroni – e mi hanno scaraventato con violenza per terra, legato alla seggiola. Mi sono salvato per miracolo, fingendo di avere perso i sensi. Ma poi, quando si sono voltati, ne ho approfittato per slegarmi e in quel momento ho suscitato in loro una violenta reazione. Hanno cominciato a sferrarmi calci e pugni, con una violenza tale, da fare sgorgare il sangue dalla testa a fiotti. Ma non mi sono perso d’animo e con determinazione ho preso la mia pistola, che detengo regolarmente e li ho rincorsi nel cortile, mentre il sangue non si fermava. Mi colava dalla testa sul viso e non vedevo più nulla. Il pensiero è corso a mia moglie che si trovava in casa, di sopra e temevo per lei. Così sono corso fuori e ho sparato alcuni colpi in aria per cercare di mettere in fuga i due malviventi». 
Baroni ha raccontato che il cellulare era caduto sotto la scrivania. «Non trovavo il telefono per chiedere soccorso. Così,   ferito e sanguinante sono corso verso la via Emilia, a chiedere aiuto, ma in quel momento non passava nessuno. Così sono tornato in ufficio e ho trovato il cellulare. Poi ho chiamato il 112 e l’ambulanza». 
Diverse pattuglie di carabinieri sono confluite sul posto, restando sino a tarda sera, alla ricerca di elementi utili alle indagini. Dopo aver transennato l’area esterna della Baroni Ceramiche, i militari hanno cercato nel cortile elementi utili alle indagini, mentre all’interno della ditta hanno effettuato rilievi alla ricerca di impronte o di eventuali altri segni lasciati da due rapinatori. Le indagini, da parte dei carabinieri della stazione di Noceto in collaborazione con i colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Salsomaggiore, nonché dei carabinieri del Reparto operativo-Nucleo investigativo di Parma, sono tuttora in corso, ma sino a ieri non sono emerse particolari novità. Nessuna pista viene tralasciata. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianfranco ferrari

    07 Agosto @ 18.30

    Quando le forze dell'ordine li arresteranno dovranno far attenzione ad usare maniere gentili, perchè il rischio è quello che li arrestino per maltrattamenti mentre i delinquenti vanno ai domiciliari!e. i

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

GAZZAFUN

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

'Chi' annuncia: tra Belen e Iannone è finita

Gossip Sportivo

Lui la vuole sposare, lei no: Belen e Iannone si lasciano

Fausto Leali sui social, "io derubato da 4 slavi"

MONZA BRIANZA

Fausto Leali sui social: "Derubato da quattro slavi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Furto presso la concessionaria Boselli Moto di via La Spezia, 189/C

Foto dal video del TgParma

Parma

Sfondano la vetrina della concessionaria Boselli e rubano quattro moto nuove

Intervento della polizia in via La Spezia

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

PARMA

Inseguimento nella notte a San Pancrazio: un uomo abbandona l'auto e fugge

Dopo l'alt dei carabinieri, un africano alla guida di una Peugeot 307 è fuggito a fari spenti a tutta velocità

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

CALCIO

Il Parma verso Carpi con un ballottaggio per il "vice Calaiò" Video

PARMA

Black Friday: sale la febbre per gli sconti Video

PARMA

Centro Antiviolenza, aumentano le donne che chiedono aiuto: 265 quest'anno

Sono aumentate rispetto al 2016 le vittime di violenza che si sono rivolte all'associazione

L'intervista

Il carabiniere investito: «Voglio tornare sulla strada»

Lutto

Addio Roberta, maestra di una volta

Sicurezza

La Cittadella al buio: nessuno ci va più

1commento

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

SOLIDARIETA'

La lotta di Isabella contro la Fop: via alla raccolta fondi

social

Rimosse le condoglianze per Riina: Facebook si scusa con la famiglia del boss

La salma del boss tumulata a Corleone (Guarda)

TRIBUNALE

Guerra tra vicini, 82enne patteggia 1 anno

Libro

Mazzamurro: «Quando eravamo in trincea, negli anni di piombo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Milano sconfitta dalla politica incapace

di Vittorio Testa

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

4commenti

ITALIA/MONDO

POLIZIA

Donna uccisa in un parco a Milano

PESCARA

La tragedia dell'Hotel Rigopiano: la Procura emette 23 avvisi di garanzia

SPORT

IL COMPLEANNO

I settant'anni di Nevio Scala

1commento

CHAMPIONS

Finisce senza reti la sfida fra Juve e Barcellona

SOCIETA'

SPECIALE ORIENTAMENTO

Al via le iscrizioni 3.0: si fanno solo on line

Musica

«Sei un mito»: in tantissimi all'Euro Torri per Max Pezzali Gallery

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery