-4°

Provincia-Emilia

L'ultimo saluto di San Secondo al suo eroe

L'ultimo saluto di San Secondo al suo eroe
0

 Matteo Scipioni

«Se Silvio fosse qui li avrebbe già trascinati sotto il sole a giocare a calcio», a Ferruccio scappa un sorriso nostalgico. A una manciata di metri, nel portico della casa dei Baglioni, le famiglie dell'energico parà, morto tragicamente in Trentino, si incontrano tra commozione, ricordi e amicizia. La famiglia di nascita, di sangue e quella di tutti i giorni, quella dei parà, quella che 30 anni fa ha scelto «con passione e amore» Silvio. Il fratello del primo maresciallo non ha dubbi: «Non ha senso che noi famigliari oggi parliamo, ha parlato la gente: grazie a tutti».
E' questa l'ultima immagine di una mattinata di lacrime, fede, ricordi e patriottismo per Pizzo: l'ultimo saluto, quello della sua gente, a Silvio Baglioni. Amici di una volta, di sempre ma anche compagni di sudore, fatica e orgoglio erano presenti fuori e dentro la chiesetta di San Giorgio, un piccolo gioiellino troppo piccolo ieri per contenere tutta la gente e la commozione. Sulla bara avvolta dal tricolore i simboli, gli affetti e le passioni di Silvio: il basco, la spada, la medaglia d'argento al valore, una foto tra le montagne e una degli amatissimi nipoti. Attorno il suo piccolo grande mondo racchiuso tra gli argini della Fossaccia Scannabecco, la chiesetta e la casa di famiglia: la sua oasi di pace quando, per rilassarsi, correva qui a trovare la mamma, i fratelli e gli amici.
Oltre sessanta commilitoni sono arrivati in pullman da Livorno, dalla caserma Vannucci, la casa di tutti i giorni di Baglioni. La cerimonia è stata concelebrata dal parroco di Pizzo, don  Giacomo Bocchi e dai due cappellani della Folgone, don Francesco e don Vincenzo. A tributare gli onori militari e civili al 47enne parà sono intervenuti una delegazione del Comune con l'assessore Ketty Pellegrini, una delegazione dell'associazione paracadutisti di Parma e della Croce rossa. 
«Il desiderio di Silvio, in questa vita, era di elevarsi tra i monti, di vedere le cose dall'alto: ora le vede da più in alto, con Dio, in cielo - ha detto don Giacomo nella sua omelia, dopo un passo del Vangelo di San Luca -. Non ci aspettavamo che ci potesse lasciare nel fiore degli anni, ma noi non conosciamo questi misteri; sappiamo però che il Signore penserà a lui, lo aiuterà in questo viaggio. Noi siamo attaccati a questa vita, ma è un viaggio breve: ce n'è uno più lungo che è eterno e vale di più. Silvio era pronto all'incontro con Dio». Omelia conclusa da una  preghiera di don Vincenzo: «Affidiamo Silvio a San Michele, patrono dei parà. Silvio ha lavorato sempre nel silenzio, non ha voluto applausi e ha sempre teso la mano».  
Prima dell'uscita della bara dalla chiesa, portata a spalla dai commilitoni di Baglioni e dai fratelli, le note e le parole del «Signore delle cime» e la recita della preghiera del paracadutista hanno concluso la cerimonia. Il feretro, avvolto dalla bandiera italiana, è stato portato per un passaggio simbolico nel cortile della casa dei Baglioni prima di una sosta nel cimitero di Pizzo dove, a pochi metri dalla lapide dedicata al padre di Silvio (Severino, morto due anni fa), è stata recitata una preghiera. Il picchetto ha poi piegato il tricolore consegnandolo al fratello maggiore del parà scomparso, Santino. Ma Silvio non ha smesso di viaggiare: il suo corpo sarà cremato a Udine e, le ceneri, ritorneranno a Pizzo, custodite in casa dalla famiglia.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

DATI

Collecchio, boom di nascite

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

25commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery