Provincia-Emilia

"La tangenziale di Lesignano? Indispensabile per poter respirare in centro"

"La tangenziale di Lesignano? Indispensabile per poter respirare in centro"
Ricevi gratis le news
6

L’asfalto in questo agosto lesignanese non si vede. O almeno, non si vede sul versante che dovrebbe ospitare la tanto discussa e osteggiata bretella che oggi è ancora lungi dalla sua realizzazione. 

E’ della scorsa settimana il nuovo «stop»: il Tar di Parma ha accolto la richiesta di sospensiva urgente dei lavori, ricominciati solo pochi giorni prima. La domanda era stata avanzata dall’«Associazione Lesignano Futura» e da alcuni cittadini lesignanesi, che avevano presentato una dettagliata relazione sulla situazione dei lavori, impugnando i progetti preliminare, definitivo ed esecutivo della bretella e ottenendo un nuovo blocco fino al 18 settembre quando il Tar deciderà se esprimere una sospensiva vera e propria.
 Ma c'è chi questa bretella la vuole davvero e si rammarica nel vederla tanto intralciata. 
«Fino a quando ancora i cittadini di Lesignano dovranno subire il capriccio di quel gruppetto di persone, forse venti o trenta al massimo, che ormai da anni, pur non partecipando in alcun modo alla vita e alle attività del paese, si accaniscono pretestuosamente affinché la bretella che escluderebbe il traffico dal centro non si debba portare a compimento? - si lamenta una dozzina di cittadini, di cui si è fatto portavoce Giovanni Tonelli -. Più di mille lesignanesi hanno già espresso il loro parere favorevole all’opera e siamo a conoscenza - prosegue - che altrettanti sono pronti a firmare quel documento, ma i detrattori di questo importante lavoro, del parere dei cittadini di Lesignano, dei loro problemi di salute, del continuo e ormai ultradecennale disturbo provocato dal traffico e dall’inquinamento, se ne infischiano altamente al punto tale che molti ormai si chiedono cosa realmente nasconda tale accanimento. Non ci sono spiegazioni che legittimino una posizione di questo tipo. In tutto il mondo si costruiscono tangenziali per portare il traffico fuori dai centri urbani e autorevoli studi hanno dimostrato che in tutti i casi la qualità della vita migliora notevolmente. In tutto il mondo, ma non a Lesignano dove cinquecento metri di strada sono diventati un problema».
 Il gruppo di cittadini che sostiene l’opera dice di poter contare su mille firme: «La lettera che avevamo firmato in mille e che altrettanti sono pronti a sottoscrivere, non era stata porta-
ta a conoscenza della intera cittadinanza per la pratica difficoltà di effettuare un’operazione 
divulgativa di questo tipo, ma ora siamo pronti a inviarla a tutti». 
Secondo i sostenitori della variante viabilistica l’amministrazione potrebbe avere commesso errori, sì, ma soltanto «negli adempimenti burocratici». 
«Se l’amministrazione ha commesso errori negli adempimenti burocratici possono essere accettabili i ritardi necessari per adeguare e completare la documentazione, così come avviene in tutto il mondo civile - concludono - ma non può essere più sostenibile qualsiasi pretesto su presunte problematiche quando autorevoli esperti, nonché l’evidenza dei fatti, ne hanno accertato l’inesistenza». 
Ora,   la collina,  sola e in silenzio, attende imperturbabile che l’uomo faccia le sue scelte... o un sacrosanto referendum.
Guarda il servizio del TgParma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Maria Quaretti

    19 Agosto @ 15.00

    Cara Annamaria, a Lesignano le sentenze si rispettano, perchè accusare il contrario??? Tuttavia sottolineo che quella del Tar non è una sentenza definitiva, ma una sospensiva disposta in via d'urgenza...metodo spesso utilizzato per avere maggior tempo per vedere le carte, questo non significa che l'Amministrazione comunale ha torto e "Lesignano futura" ha ragione. Ma comunque rallegriamoci...i cari amici hanno fatto ricorso su una delibera della Comunità montana, a quanto mi risulta. Indi per cui non si può che affermare con soddisfazione "sbagliando si impara" e infatti l'A,ministrazione di Lesignano ha dimostrato di saper lavorare bene.

    Rispondi

  • Gio

    19 Agosto @ 14.20

    Avete costruito una casa qui una di la ecc. aumentando a dismisura, rispetto al territorio, le case cementificando troppo ripeto rispetto alla zona e al terreno. Chi abita a Stadirano farà la strettoia o allungherà il percorso andando giù in discesa per tornare ancora su in salita e per fare solo 200 mtl ? Inotre tutta la parte alta del paese farà la stessa cosa ? Metterete il divieto di transito nella strettoia ? Devono saperlo coloro che vorrebbero prendere casa qui. Aveste avuto la lungimiranza che hanno avuto per esempio a S. Polo d'Enza o Quattro Castella. Quelli si che hanno realmente evitato il traffico per la maggior parte del del territorio". Qui ci si dimentica che la bretella non fa evitare tutto ""l'abitato"". Inoltre c'ero quando Danni e i suoi tecnici dicevano di aver fatto controlli geolocici con soli 2 mt di carotaggio !! In una zona con pendio e frane continue. Secondo me e altri siete voi a non conoscere il territorio sul quale avete voluto fare interessi aumentando in pochissimo tempo gli abitanti e credendo che NON avrebbero agito democraticamente contro le ingiustizie del vostro affarismo. Avete ceduto terreni edificando e pensate di essere i padroni completi ? Non è così avete sbagliato.

    Rispondi

  • Gio

    19 Agosto @ 13.52

    Lo smog da riversare a Santa Maria del Piano. E' indubbio che con questa bretella aumenterebbe il traffico a Santa Maria del Piano. E in un comune dove si è proclamato l'unione della polizia Municipale con Langhirano PER NON VEDERLI quasi più.....Telecamere di sicurezza ecc. proclami sul giornale ecc. Si ha paura che non vi siano poi controlli adeguati. In tanti paesi hanno installato gli Speed Ceck nei centri abitati o anche in zone RESIDENZIALI. Qui non capiscono la differenza fra una strada provinciale e una residenziale. Poi non fate segnalazioni alla polizia municipale per cose da controllare prima delle otto del mattino.....dicono che loro cominciano alle otto. C'è da fidarsi di questi amministratori ? Se aumenti le strade e le case.....devi avere maggior controllo. Non c'è nemmeno ora.

    Rispondi

  • DAVIDE

    19 Agosto @ 08.46

    Le firme le hanno raccolte i cittadini di Lesignano! È c e ancora molta gente che vuole firmare! Le sentenze si rispettano se sono fatte con una misura equa! Peccato che il tar stia bloccando il paese con inutili sospensive (cercate su google), se si abolisse il pil del nostro paese ripartirebbe! La strada a Lesignano ci vuole

    Rispondi

  • annamaria

    19 Agosto @ 01.28

    Mi pare che questo non sia il primo stop del TAR e comunque c'è un verdetto. , E allora, firme o non firme, le sentenze si rispettano.O forse le sentenze si rispettano solo quando fa comodo? E con quale supponenza si definisce" capriccio di un gruppetto di persone" una richiesta che ha avuto ragione in sede giudiziaria? Voi avete "autorevoli esperti" e ce li hanno pure dall'altra parte. Voi parlate di accanimento che nasconde chissà cosa, magari nascondete voi pure qualcosa. Insomma, mille firme (magari gli altri ne raccolgono di più) non significano per forza avere ragione. Lasciate che sia il tribunale a decidere e rispettatene il giudizio. (e il sindaco, che è del mio partito, sia il primo a dare l'esempio)

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS