14°

25°

Provincia-Emilia

Lucchi: "Miei beni all'asta. Ma è un dramma di tanti che va affrontato"

Lucchi: "Miei beni all'asta. Ma è un dramma di tanti che va affrontato"
9

La casa di famiglia all'asta. Parte da qui, dalla sua vicenda personale ("vivo questo “dramma” in prima persona. Me ne assumo la responsabilità:  ho sbagliato io") il sindaco di Berceto Luigi Lucchi, per affrontare il tema delle persone che a causa di debiti non pagati stanno perdendo i loro beni. E fa un appello alla politica.

Ecco la lettera inviata alla Gazzetta di Parma.

"Signor direttore,
                            va detto subito, com’è risaputo, che vivo questo “dramma” in prima persona e purtroppo in una nutrita compagnia di “disperati” che cresce in modo esponenziale mese per mese, direi settimana per settimana, stando alle lenzuolate di avvisi d’asta che compaiono sui giornali e negli appositi siti internet.
Ci sono certamente dei motivi visto che deliberatamente nessuno, in piena libertà e normalità, metterebbe a repentaglio la propria casa o quella dei suoi cari, assumendosi rischi tanto elevati di perderla e di essere, dall’oggi al domani, buttato in strada. Nonostante questo è giusto, direi doveroso, assumersene le responsabilità in prima persona e non cercare scuse. Si può dire, insomma, ho sbagliato io e nel mio caso è vero.
Resta un dramma che si ripercuote, fortemente, anche su tante persone che non c’entrano nulla e sulla situazione economica in generale.
Un dramma sociale che non può essere affrontato con un’alzata di spalle o l’attuale silenzio assordante come se non stesse avvenendo nulla d’insolito e drammatico che riguarda qualche milione d’italiani.
La società, nel suo insieme, con queste procedure di messa all’asta dei beni e proprietà dei debitori, salvaguardia un principio fondamentale che gli permette di funzionare: i debiti, in qualche modo, vanno pagati. Se non ci fosse questa salvaguardia crollerebbe tutto il sistema. Resta il fatto, però, che con questi metodi i creditori arrivano a ricavare molto meno di quanto sarebbe giusto e a volte, addirittura, nulla, i debitori sono gettati in strada e solo una piccola cerchia di persone, che potrebbero essere definiti anche “avvoltoi”, si arricchisce sulle disgrazie altrui. Non è la società, nel suo insieme, che si mette in pari ma solo pochi che senza merito guadagnano e contribuiscono a “drogare” il mercato procurando, indirettamente, ulteriori danni alla società così detta sana.
Il vivere civile, nei millenni, è progredito in tanti campi e ha trovato, in molti settori, comportamenti diversi rispetto al passato mentre invece in questo settore è restato fermo al palo dai suoi primordi.
Ci potrebbe essere, insomma, uno sforzo di tutti per trovare sistemi più validi per permettere di onorare i debiti e non far “ingrassare” pochi, senza meriti, sulle disgrazie altrui.
Se la politica, poi, non fosse ostaggio di chi deliberatamente vuole rovinare, insieme agli italiani, la stessa Italia, in un momento eccezionale, con una crisi economica mai conosciuta in precedenza, milioni di disoccupati e oltre 10.000.000 di nuovi poveri, troverebbe il modo, di fare una moratoria, sospendere le procedure d’asta per qualche anno soprattutto se i creditori sono le banche, in attesa di una ripresa economica che deve arrivare e arriverà. Ci sarà qualche parlamentare, qualche politico, che si accorgerà di questo e cercherà di approfondirlo? "
Luigi Lucchi
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Simonetta

    16 Settembre @ 16.51

    Prima di tutto quando si fanno i commenti, bisogna accertarsi che sia tutto vero, di una cosa sono certa che c'è comunque interesse a mandare all' asta gli immobili, primo che guadagna è l' avvocato, commercialista o notaio, fatto strano che con questa crisi sono gli unici che non ne risentono, sono speculatori sulla pelle degli altri, poi l' ente creditore che di solito è la banca, gli altri creditori vengono dopo. per cui messi al riparo professionisti con parcelle dignitose, messi al riparo gli istituti bancari non rimane niente e i piccoli imprenditori che avrebbero avuto iniziative per creare opportunità di lavoro si trovano pignorati e senza futuro,

    Rispondi

  • FRANCESCA

    16 Settembre @ 12.23

    La penso come ANDREA...Lucchi come al solito fa la vittima, venite a fare un giretto a Berceto e vi renderete conto di che persona sia Lucchi...fate un giro in mezzo a tutti i suoi cantieri mai terminati e capirete...

    Rispondi

  • andrea

    15 Settembre @ 11.11

    Realtá dell'italietta mediocre, se non sai fare l'imprenditore fai il sindaco! Se non hai MAI lavorato in vita tua...puoi diventare SENATORE! ...e questa gente deve gestire i nostri soldi.....

    Rispondi

  • giuliano

    15 Settembre @ 10.47

    Sarebbe molto civile se si potesse avverare la sua proposta !!!

    Rispondi

  • GAETAN LOUIS

    15 Settembre @ 06.56

    Questa e bella. Forse una delle piu belle paglicciate del nostro Sindaco. Chiede una moratoria per salvarlo. E per i suoi clienti che ha rovinato, e per gli imprenditori che ha fatto fallire, che cosa chiede?.... . Quando non si e capace di gestire, si fà il garzone, non l'affarista e neanche lo Sindaco. Vergogna.............

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cannes, tris di bionde per la Coppola

cinefilo

Cannes, tris di bionde per la Coppola Video

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester

MUSICA

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

A Parigi, per dodici mesi tra paesaggi e ritratti

VIAGGI

Parigi val bene un weekend. Ecco i nostri consigli

di Luca Pelagatti

Lealtrenotizie

Successo per le «ronde elettroniche»

Criminalità

Successo per le «ronde elettroniche»

PARMA

Scontro auto-moto in via Colorno: un ferito

play-off

Parma qualificato ai quarti: alle 15,30 il sorteggio della prossima avversaria dei crociati

play-off

Sondaggio: chi vorreste incontrare ai quarti? (Guarda la griglia)

VERSO IL VOTO

Amministrative, i sondaggi nazionali sul «caso Parma» 

Salsomaggiore

Lo struggente addio a Monia Lusignani

TRAVERSETOLO

Ragazzini danneggiano un tendone. Il sindaco li «denuncia» sui social

Viabilità

Cominciati i lavori sulla provinciale Monchio-Corniglio

Lutto

San Polo piange Eva Meldi, storica cuoca dell'asilo

Gazzareporter

Le foto di una lettrice: "Neviano de Rossi, una strada praticamente abbandonata..."

IN BICI

Nuova ciclabile: pedaleremo in sicurezza tra Gaiano e Ozzano

1commento

PGN

Cinque nuovi dischi delle band di Parma

Torna Parmagiornoenotte: eventi, appuntamenti, concerti, aperitivi, teatro e feste

LA STORIA

Radio Deejay: love story autista bus - passeggera, impazza il gossip parmigiano

3commenti

allarme

Sorbolo, "quei ragazzini che fingono di finire sotto le auto"

5commenti

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

9commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

LA SPEZIA

Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa: hanno fatto un volo di 40 metri

SICUREZZA

G7: massima allerta a Taormina Video

SOCIETA'

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

cinema

A Cannes il ritorno di Irina (splendida e sexy) a due mesi dal parto

SPORT

play-off

D'Aversa: "Il Parma è stato, prima di tutto, bravo tatticamente" Video

1commento

CALCIO

Due a zero all'Ajax: il Manchester United vince l'Europa League

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancora più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare