14°

Provincia-Emilia

Lucchi: "Miei beni all'asta. Ma è un dramma di tanti che va affrontato"

Lucchi: "Miei beni all'asta. Ma è un dramma di tanti che va affrontato"
Ricevi gratis le news
9

La casa di famiglia all'asta. Parte da qui, dalla sua vicenda personale ("vivo questo “dramma” in prima persona. Me ne assumo la responsabilità:  ho sbagliato io") il sindaco di Berceto Luigi Lucchi, per affrontare il tema delle persone che a causa di debiti non pagati stanno perdendo i loro beni. E fa un appello alla politica.

Ecco la lettera inviata alla Gazzetta di Parma.

"Signor direttore,
                            va detto subito, com’è risaputo, che vivo questo “dramma” in prima persona e purtroppo in una nutrita compagnia di “disperati” che cresce in modo esponenziale mese per mese, direi settimana per settimana, stando alle lenzuolate di avvisi d’asta che compaiono sui giornali e negli appositi siti internet.
Ci sono certamente dei motivi visto che deliberatamente nessuno, in piena libertà e normalità, metterebbe a repentaglio la propria casa o quella dei suoi cari, assumendosi rischi tanto elevati di perderla e di essere, dall’oggi al domani, buttato in strada. Nonostante questo è giusto, direi doveroso, assumersene le responsabilità in prima persona e non cercare scuse. Si può dire, insomma, ho sbagliato io e nel mio caso è vero.
Resta un dramma che si ripercuote, fortemente, anche su tante persone che non c’entrano nulla e sulla situazione economica in generale.
Un dramma sociale che non può essere affrontato con un’alzata di spalle o l’attuale silenzio assordante come se non stesse avvenendo nulla d’insolito e drammatico che riguarda qualche milione d’italiani.
La società, nel suo insieme, con queste procedure di messa all’asta dei beni e proprietà dei debitori, salvaguardia un principio fondamentale che gli permette di funzionare: i debiti, in qualche modo, vanno pagati. Se non ci fosse questa salvaguardia crollerebbe tutto il sistema. Resta il fatto, però, che con questi metodi i creditori arrivano a ricavare molto meno di quanto sarebbe giusto e a volte, addirittura, nulla, i debitori sono gettati in strada e solo una piccola cerchia di persone, che potrebbero essere definiti anche “avvoltoi”, si arricchisce sulle disgrazie altrui. Non è la società, nel suo insieme, che si mette in pari ma solo pochi che senza merito guadagnano e contribuiscono a “drogare” il mercato procurando, indirettamente, ulteriori danni alla società così detta sana.
Il vivere civile, nei millenni, è progredito in tanti campi e ha trovato, in molti settori, comportamenti diversi rispetto al passato mentre invece in questo settore è restato fermo al palo dai suoi primordi.
Ci potrebbe essere, insomma, uno sforzo di tutti per trovare sistemi più validi per permettere di onorare i debiti e non far “ingrassare” pochi, senza meriti, sulle disgrazie altrui.
Se la politica, poi, non fosse ostaggio di chi deliberatamente vuole rovinare, insieme agli italiani, la stessa Italia, in un momento eccezionale, con una crisi economica mai conosciuta in precedenza, milioni di disoccupati e oltre 10.000.000 di nuovi poveri, troverebbe il modo, di fare una moratoria, sospendere le procedure d’asta per qualche anno soprattutto se i creditori sono le banche, in attesa di una ripresa economica che deve arrivare e arriverà. Ci sarà qualche parlamentare, qualche politico, che si accorgerà di questo e cercherà di approfondirlo? "
Luigi Lucchi
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Simonetta

    16 Settembre @ 16.51

    Prima di tutto quando si fanno i commenti, bisogna accertarsi che sia tutto vero, di una cosa sono certa che c'è comunque interesse a mandare all' asta gli immobili, primo che guadagna è l' avvocato, commercialista o notaio, fatto strano che con questa crisi sono gli unici che non ne risentono, sono speculatori sulla pelle degli altri, poi l' ente creditore che di solito è la banca, gli altri creditori vengono dopo. per cui messi al riparo professionisti con parcelle dignitose, messi al riparo gli istituti bancari non rimane niente e i piccoli imprenditori che avrebbero avuto iniziative per creare opportunità di lavoro si trovano pignorati e senza futuro,

    Rispondi

  • FRANCESCA

    16 Settembre @ 12.23

    La penso come ANDREA...Lucchi come al solito fa la vittima, venite a fare un giretto a Berceto e vi renderete conto di che persona sia Lucchi...fate un giro in mezzo a tutti i suoi cantieri mai terminati e capirete...

    Rispondi

  • andrea

    15 Settembre @ 11.11

    Realtá dell'italietta mediocre, se non sai fare l'imprenditore fai il sindaco! Se non hai MAI lavorato in vita tua...puoi diventare SENATORE! ...e questa gente deve gestire i nostri soldi.....

    Rispondi

  • giuliano

    15 Settembre @ 10.47

    Sarebbe molto civile se si potesse avverare la sua proposta !!!

    Rispondi

  • GAETAN LOUIS

    15 Settembre @ 06.56

    Questa e bella. Forse una delle piu belle paglicciate del nostro Sindaco. Chiede una moratoria per salvarlo. E per i suoi clienti che ha rovinato, e per gli imprenditori che ha fatto fallire, che cosa chiede?.... . Quando non si e capace di gestire, si fà il garzone, non l'affarista e neanche lo Sindaco. Vergogna.............

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

X-Factor - Lite Fedez-Agnelli

televisione

Lite mai vista a X-Factor: Fedez insulta Agnelli e se ne va

Brumotti aggredito dai pusher anche a Padova

Un fotogramma che mostra il lancio di una bottiglia contro la troupe.

striscia

Brumotti aggredito dai pusher anche a Padova

5commenti

Quiz, lo sapete come si affrontano le piste ciclabili?

GAZZAFUN

Quiz, lo sapete come si affrontano le piste ciclabili?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Ascanio Celestini al Parco e Otello a Noceto

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Parco Ducale, la rabbia dei parmigiani

DROGA E UBRIACHI

Parco Ducale, la rabbia dei parmigiani

APPENNINO CON GLI SCI

Schia, lo skilift Prato Grosso riaperto a breve

Fidenza

Ladro di biciclette colto sul fatto

Fidenza

Defabiani, il tenore che aveva esordito con il liscio

Imprese

Gea Niro Soavi «Factory of the year»

Palanzano

E' morto Ugolotti: durante la guerra venne graziato da un tedesco

IL CASO

Pontetaro, protestano i parrocchiani: campane spente all'alba

Sorbolo

Domenica ponte sull'Enza chiuso, i percorsi alternativi

PARMA

Rubava materiali idraulici nella sua ditta e li rivendeva: arrestato operaio 40enne Video

Denunciato uno zio, residente a Maranello

1commento

Gabbiola di Traversetolo

Cade da un ballone di fieno in giardino, ma non è in gravi condizioni

METEO

Nel weekend arrivano piogge in Emilia e neve in Appennino

Allerta gialla per l'Emilia occidentale

anteprima gazzetta

Parco Ducale in balia degli spacciatori: com'è la situazione Video

PARMA

Lei non lo ama, lui la minaccia e dà coltellate al portone per entrare

Serata di follia in via Pedretti: denunciato un 31enne

via Bixio

Imbrattato il linguistico del Marconi Gallery

5commenti

Carpi-parma

D'Aversa: "Attacco? Aspettiamo domani" Video - I convocati

1commento

La testimonianza

«Plagiata e poi schiavizzata: vi racconto il mio incubo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'autonomia regionale e quel ponte chiuso

di Stefano Pileri

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

oxford street

Panico nel cuore di Londra dopo falso allarme terroristico. Riaperte tre stazioni metro. Video: la gente in fuga

egitto

Bomba e spari, attentato nella moschea nel Sinai: 235 morti

SPORT

Formula 1

Abu Dhabi, Hamilton davanti a Vettel

IL CASO

Violenza sessuale: 9 anni a Robinho, ex del Milan

SOCIETA'

Procura

Foto sexy della Leotta in rete: coinvolto un minorenne

SOS ANIMALI

Chi vuole adottare Willy?

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A 2018, svelati gli interni

motori

Confronto tra KTM 390 Duke, Honda CB 500 F e BMW G 310 R