15°

29°

Provincia-Emilia

Polemiche sui rifiuti, la Provincia di Reggio risponde a Millecolori: "Parma stia tranquilla e prenda esempio da noi"

Polemiche sui rifiuti, la Provincia di Reggio risponde a Millecolori: "Parma stia tranquilla e prenda esempio da noi"
Ricevi gratis le news
7

L'associazione Millecolori in questi giorni ha polemizzato con il sindaco Federico Pizzarotti riguardo all'inceneritore: «Grazie a lei dovremo smaltire anche i rifiuti di Reggio?». Oggi l'assessore all'Ambiente della Provincia di Reggio Emilia, Mirko Tutino, risponde all'avvocato Rutigliano, che guida “Millecolori”: «Parma stia tranquilla» perché «non è nostra abitudine spostare i problemi sui vicini» e «prenda esempio da noi», con riferimento alla scelta di passare dall'incenerimento al sistema Tmb. L'assessore sottolinea che spesso il caso-Reggio è citato in modo poco rispettoso nello scontro politico a Parma sull'inceneritore.  

Ecco il comunicato con l'intervento di Mirko Tutino:  

Non è la prima volta che le scelte del territorio reggiano vengono utilizzate per aprire polemiche nel dibattito politico sull'inceneritore di Parma e, come in altre occasioni, veniamo citati senza troppo rispetto. Il rispetto che sarebbe dovuto ad un "vicino di casa" che per 15 anni si è occupato della risoluzione del problema rifiuti di Parma. Mentre a Parma si discuteva, infatti, gli impianti reggiani hanno evitato l'emergenza rifiuti alla città ducale.

Nel momento in cui a Reggio Emilia abbiamo dovuto ripensare il sistema di raccolta e trattamento dei rifiuti, tuttavia, non abbiamo fatto valere questo dato e non abbiamo proposto nessun utilizzo del nuovo inceneritore di Parma (o di Modena) per lo smaltimento dei rifiuti reggiani. Prima di passare le competenze alla Regione abbiamo pianificato lo sviluppo di un servizio di raccolta capace di raggiungere e superare il 70% di differenziata, riducendo sotto le 100 mila tonnellate annue il rifiuto residuo da trattare con il meccanico-biologico (Tmb). Non ci siamo accontentati di un Tmb ordinario (che avrebbe prodotto combustibile da rifiuti per inceneritori) ma abbiamo coinvolto competenze di rilievo nazionale ed internazionale che ci hanno consentito di migliorare l'impianto e renderlo una vera e propria "Fabbrica dei materiali" che non necessita di un inceneritore. Stiamo concludendo la progettazione definitiva dell'impianto e, in accordo con il gestore, daremo seguito alle scelte compiute. 

In questi tre anni in provincia di Reggio si il porta a porta ha raggiunto 100 mila nuovi cittadini ed in queste realtà si è passati da oltre 200 kg/abitante di rifiuti indifferenziati a quantità comprese tra i 70 ed i 110 kg.

Questi fatti trovano conferma anche negli atti approvati dalla Provincia e dai Comuni reggiani. A giugno scorso, per esempio, Provincia e Comune di Reggio Emilia hanno inviato alla Regione le proprie osservazioni al documento preliminare del Piano regionale rifiuti chiedendo - nel rispetto delle normative europee - di estendere il porta a porta a tutte le aree urbane e di pianura entro il 2020 (come stiamo facendo a Reggio) e di inserire un pre-trattamento di qualità in tutta la regione. In questo modo sarà possibile chiudere le discariche ed avviare un piano per la graduale disattivazione degli 8 inceneritori presenti in Emilia-Romagna.

Non è nostra abitudine "spostare i problemi" sui vicini, i commentatori parmigiani possono pertanto stare tranquilli… 

Mirko Tutino
Assessore all'Ambiente  della Provincia di Reggio Emilia

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gianluca

    17 Settembre @ 16.32

    Ho paura che qualcuno non abbia fatto i compiti! Prima di lanciarsi in crociate straccia vesti e fare la figura dei polli bisogna studiare! Ps: suggerirei di andare a vedere la determina che ha modificato lo status di inceneritore si Modena a centro di recupero per far affluire rifiuti da fuori .. altro che il mago Silvan!

    Rispondi

  • Luke

    17 Settembre @ 14.28

    ahahahah millecolori, non lo sapete che il Comune non decide quali rifiuti bruciare nell'inceneritore che i vostri amichetti hanno costruito? Chiedete direttamente ad Errani e Bernazzoli se volete risposte alle vostre domande. La smania di visibilità è una brutta malattia

    Rispondi

  • Temussi Salvatore

    17 Settembre @ 11.53

    Povera Parma, quando non si è all'altezza di occupare certi posti di comando si riesce a prendere fischi per fiaschi. Quando gli Italiani impareranno a ragionare con la propria testa e non a seguire le linee dei partiti e loro chiacchere insulse forse le cose in Italia miglioreranno. Chi continua a vivere nel passato e non vede davanti al proprio naso le soluzioni e le esigenze future continuerà a seguire come le pecore il pastore così il proprio partito. Le cose giuste annunciate e mai fatte: Eleminazione finanziamento dei partiti? Che fine ha fatto? Diminuzione dei parlamentari? Bo!!! Ridimensionamento degli stipendi dei commessi in parlamento? Boo!!!. Chi vuol fare il deputato deve essere all'altezza di poterlo fare, cultura, indirizzo e conoscenza della costituzione devono essere alla base. Basta con i quaquaraquà. Sig. Sindaco com'è che vi sono paesi e comuni che con i rifiuti ci guadagnano? Auguri

    Rispondi

  • Giovanni FESTA

    17 Settembre @ 01.22

    @FedePizzarotti: Riprenditi la gestione dei servizi Acqua Luce Gas Monnezza che furono privatizzati illegalmente nel 1999 #Parma #AMPS #AMNU

    Rispondi

  • antidoto

    16 Settembre @ 19.25

    che facce di bronzo ! abbiamo bruciato il vs rudo x piu' di 10 anni xD !

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

12commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

3commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

calcio

Parma, oltre 7.200 abbonamenti. In attesa del colpaccio

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti