Provincia-Emilia

Quarant'anni fa Salso venne travolta dall'acqua

Quarant'anni fa Salso venne travolta dall'acqua
Ricevi gratis le news
1

Marico Lamur
 Sono trascorsi quarant’anni dall’alluvione che devastò la città termale causando ingenti danni e provocando due morti.
 Alle 19,10 di quel tragico 18 settembre, dopo una giornata di pioggia violenta e continua, i torrenti Ghiara e Citronia, che attraversano Salsomaggiore in parte coperti, esondarono (anche a causa dell'ostruzione dell'ingresso della «copertura») e due fiumi di acqua fangosa e limacciosa si riversarono nelle vie. Una prima ondata di acqua mista a fango uscì dall’alveo del Ghiara in via Unità allagando case e scantinati e non trovando sfogo all’imboccatura della copertura si riversò nei viali vicini per raggiungere le terme Zoja.
Trascinò auto, mobili, lampioni dell’illuminazione pubblica e alberi divelti, creando apprensione per i ricoverati di Villa Igea che paventavano il rischio di dover abbandonare struttura con ambulanze dell’assistenza pubblica. Fortunatamente non ci fu bisogno di drastiche soluzioni perché l’acqua lambì soltanto ambulatori e palestra in locali sotterranei.
Contemporaneamente, un’altra ondata dal Citronia in via Pascoli raggiunse piazza Libertà dopo aver invaso, con la gravi danni, la chiesa cinquecentesca di San Bartolomeo ed i negozi di via Loschi, accavallando e trascinando auto: gioiellerie, oreficerie, negozi e alberghi furono invasi e piazza Berzieri divenne una surreale laguna dove galleggiavano rifiuti di ogni genere e grandezza e dove affioravano i tettucci delle auto semisommerse.
La furia delle acque aveva raggiunto anche i sotterranei del Berzieri e dello Zoja sommergendo ogni cosa. Quando la furia degli elementi si placò vennero confermandosi le notizie dei due morti, mentre si applaudì il gesto del commerciante Bruno Mignoni che, pur avendo il negozio completamente allagato, era riuscito ad afferrare miracolosamente una ragazza che stava per essere travolta.
Il ripristino iniziò subito anche con l’aiuto di uomini della nettezza urbana di Parma con automezzi attrezzati per lo spurgo che ripulirono vie, piazza e scoli fognari domestici costruiti in mattoni alla fine dell’Ottocento dalla società terme Magnaghi e rimasti intasati dal fango. Immediati i lavori di recupero e di pulitura degli impianti degli stabilimenti termali che fra lo stupore e la soddisfazione consentirono il quasi normale svolgersi delle cure e non fu mai bloccata la distribuzione di acqua e gas grazie alle maestranze termali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Hugo

    20 Settembre @ 12.05

    Eran ancora bei tempi , esistevan i salsesi e la solidarietà! Li ce l'abbiamo fatta....!!! ma ora...?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS