19°

32°

Provincia-Emilia

Tele e colori contro la mafia dedicate a don Ciotti

Tele e colori contro la mafia dedicate a don Ciotti
0

 LANGHIRANO

Giulia Coruzzi
La sua tenda, dopo tanto errare, è diventata stabile. A rinsaldare la sua struttura, già fortissima, vi sono adesso anche la pietra e le parole incise nel legno. Emanuele Modica ha raggiunto un altro dei suoi nobili obiettivi e domenica inaugurerà la «Casa museo La Tenda» dedicata a don Ciotti e a Libera, così vicino a lui negli intenti e nella lotta alla mafia. 
La mafia: ecco il grande mostro contro cui Modica ha combattuto fino a oggi con grande coraggio e tenacia e contro cui non intende deporre le sue «armi». Non violento, fervente credente, fermo nei suoi valori, legato alla terra e alla natura, Emanuele Modica è un esempio di come si può impegnare un’esistenza a lottare contro la realtà mafiosa. 
Nelle stanze della sua abitazione di Manzano ci sono le tele più significative del suo percorso, un cavalletto su cui continuare a creare e «urlare», fotografie e testimonianze del suo passato, ma c'è soprattutto la sua vecchia tenda, il luogo che fisicamente e simbolicamente fu custode della sua arte itinerante. 
Colpito quando era ancora ragazzo dalla morte del padre, ucciso dalla mafia nel 1961 mentre lavorava la terra del suo campo, Modica scelse la forza del colore, dell’arte e di una mano davvero libera, rifiutando quella delle armi e della vendetta. 
Nel 1969 l’artista creò a Palermo la «Tenda», mostra itinerante che lo portò attraverso le piazze d’Italia sfidando minacce, pregiudizi, intimidazioni. Tanti sono passati nel suo «regno»: critici d’arte, giornalisti, politici, scrittori e poeti come Ignazio Buttitta, Leonardo Sciascia, Vittorio Sgarbi, Michele Prisco, Lorenzo Piras, Gianni Bertone, Cesare Zavattini, Gianni Cavazzini, Leoluca Orlando, don Ciotti. 
Il legame forte con quest’ultimo grande personaggio diede un’iniezione di fiducia in più a Modica che oggi gli dedica la sua casa-museo. «Su un castagno secolare ho inciso questo mio ennesimo grido contro il male dell’uomo - spiega Modica mostrando la grande insegna che sovrasta l’ingresso -. Accanto alla dedica a don Ciotti spicca un nido, elemento ricorrente nelle mie opere e metafora di quella famiglia, di quella società che cresce, forte della giustizia e della verità che alimenta al suo interno. Le mie opere si rivolgono soprattutto a ragazzi e studenti. Anche per loro il mio impegno deve continuare: la lotta civica e culturale alla criminalità mafiosa non deve mai placarsi o scendere a compromessi». 
Sfidando minacce, paura, pregiudizi, intimidazioni, il suo messaggio di pace e non violenza è pronto per la trasformazione: un impegno sociale quotidiano, una perenne apertura al bene.
 L’inaugurazione, aperta a tutti, avverrà domenica pomeriggio alle 16, nella casa museo che sorge dietro la chiesa di Manzano, alla presenza delle autorità locali, della presidente di Libera Alessia Frangipane, dal referente regionale della medesima associazione Daniele Borghi, della giornalista e critica d’arte nonché coordinatrice della Casa museo Manuela Bartolotti e del parroco di Langhirano don Raffaele Mazzolini. 
Per tutti coloro che volessero visitare la Casa museo: 331-2226335.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Casaltone, un paese diviso in due

Il caso

Casaltone, un paese diviso in due

Poggio di Sant'Ilario

Da fuoco alla stanza e ustiona moglie e figlia

Asessuali

Vivere in astinenza: il documentario della parmigiana Soresini

Fidenza

Piazza Grandi, operazione recupero archeologico

Lutto

Laurano dice addio a «Ester» la centenaria

Integrazione

Fine del Ramadan, una festa condivisa

Serie B

Le avversarie del Parma ai raggi X

Promozione

Apolloni: «Felice per questa B»

BALLOTTAGGIO

"Effetto Parma" festeggia. Pizzarotti: "Altri cinque anni entusiasmanti" Video

L'intervista di TvParma: "Penso che per questa vittoria abbiano pesato la nostra concretezza e i nostri contenuti"

2commenti

elezioni 2017

Lavagetto (Pd): "Ora riflessione ma possiamo imparare dalle cose fatte bene" Video

LE ALTRE CITTA'

Piacenza, Patrizia Barbieri (centrodestra) sindaco

Dem sconfitti praticamente ovunque. Spezia, vittoria di Peracchini. Genova, vince Bucci

elezioni 2017

Ballottaggio, affluenza al 45,17%

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna 

5commenti

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande