-6°

Provincia-Emilia

Il preside Angella: "Ho fatto amare la scuola a generazioni di studenti"

Il preside Angella: "Ho fatto amare la scuola a generazioni di studenti"
0

Franco Brugnoli
Dal settembre 1993, sono passati vent’anni esatti. Il preside Angelo Angella (originario della Lunigiana, che aveva già, all’epoca, 22 anni di servizio) giunse a Borgotaro, ove rimase appunto a capo dell’importante polo scolastico, oggi «Zappa-Fermi», per tutto questo tempo. Ora se n’è andato in pensione.
Lo abbiamo incontrato, per l’ultima volta nel suo ufficio, ove ci ha raccontato un po’ la sua carriera, le sue aspirazioni e soprattutto le sue grandi soddisfazioni avute in questi anni.
Partiamo dagli inizi...
«Dopo alcune supplenze ad Albareto e Bardi ho iniziato il mio incarico, di ruolo, allora come insegnante elementare (avevo 20 anni), a Milano, nel 1971 e vi sono rimasto per cinque anni. Poi sono passato alle superiori, ove ho dedicato 15 anni all’insegnamento e quindi 22 anni come preside. Gli ultimi vent’anni, li ho appunto passati qui a Borgotaro».
Come è stata questa esperienza?
«E’ stata una esperienza che mi ha dato davvero molto. All’inizio, mi sono trovato a gestire un istituto tecnico (lo Zappa), con aggregato un istituto professionale. Nel 2000, poi, sono stati fusi l’istituto tecnico Zappa ed il liceo Fermi, per cui è nato l’attuale istituto Zappa-Fermi. Così mi sono trovato a dirigere tre licei (scientifico, linguistico e psico-pedagogico), più l’istituto tecnico, con l’istituto professionale per i servizi turistici. E da due anni a questa parte, mi era stato affidato anche l’ex-Ipsia di Bedonia, nel quale abbiamo fatto sorgere un Istituto professionale per i servizi eno-grastronomici. Inoltre negli anni 2007-2008 mi è stato pure affidato, in reggenza, l’Istituto Comprensivo di Borgotaro ed Albareto».
Ma veniamo a questi vent’anni vissuti a Borgotaro.
«Questo periodo è stato per me, a dir poco, entusiasmante, perché ho trovato tante persone interessate a promuovere l’innovazione, il cambiamento anche dal punto di vista metodologico e didattico».
Qual era il suo più grande sogno nel cassetto?
«Io davvero avevo, da sempre, un sogno nel cassetto: poter dirigere una scuola, in cui i ragazzi venissero volentieri, studiassero volentieri. Una scuola, in altre parole, che non fosse vissuta come un carcere, ma come un luogo in cui crescere volentieri insieme. E devo dire che gli insegnanti ed anche gli alunni, mi hanno aiutato molto in questo, promuovendo, fin dall’inizio, tutta una serie di iniziative, che hanno reso veramente accattivante la frequenza scolastica, perché l’obiettivo primario, per me, è sempre stato quello di dare agli studenti di queste zone, geograficamente marginali, tutta una serie di occasioni, di stimoli, di iniziative che consentano loro di colmare il gap ambientale, rispetto a chi vive in città».
In quali settori vi siete mossi principalmente?
«Arte, musica, teatro, informatica, volontariato presso varie strutture, sono state solo alcune delle attività svolte, al di là chiaramente degli orari scolastici».
Nel dettaglio, ci vuol segnalare qualche esempio concreto?
«Si, ricordo ad esempio, il primo premio vinto, con un cd musicale, ad Arte a Scuola di Terni e Spoleto. E poi  decine di pubblicazioni, mostre, dvd, video legati ad eventi particolari. Inoltre abbiamo vinto tantissimi concorsi, uno di lingua straniera».
In questi giorni il preside Angella è passato a salutare tutta la scuola, iniziando dalla sua vice, la prof. Maria Giuliana Anelli («una vulcanica - ha detto - e preziosissima collega e collaboratrice»), tutti i docenti, il personale non insegnante ed i suoi ragazzi.
L’amministrazione comunale di Borgotaro lo ha recentemente insignito della medaglia d’oro riservata ai cittadini illustri. Lui non è borgotarese, ma dopo vent’anni lo è diventato di adozione. Ora la scuola è stata affidata, in reggenza, alla prof. Elisabetta Botti (già dirigente dell’ «Itis Leonardo Da Vinci» di Parma).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Il ritratto

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

VIABILITA'

Cascinapiano, i residenti: "Chieste strisce pedonali e più luci: inascoltati"

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: un ferito grave

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

1commento

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

DOPPIO ENRICO VIII

Sorpresa al Regio: Spotti recita "muto", Zanellato canta

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

1commento

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali Foto

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

14commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

4commenti

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

19commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

14commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

mafia del brenta

Sequestrato il "tesoro" di Felice Maniero

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video