-4°

Provincia-Emilia

"Siamo rive dello stesso fiume": Aiola ha festeggiato i 50 anni della parrocchia con il vescovo di Reggio

"Siamo rive dello stesso fiume": Aiola ha festeggiato i 50 anni della parrocchia con il vescovo di Reggio
1

Andrea Violi

La chiesa era piena, la gioia delle famiglie era palpabile. La parrocchia di Aiola ha celebrato i suoi cinquant'anni di vita con una messa guidata dal vescovo di Reggio Massimo Camisasca. La festa è per la comunità ma anche per monsignor Antenore Vezzosi, vero motore della parrocchia: lui l'ha fondata nel 1963, ha saputo farla crescere, dotandola di strutture - nuova chiesa, campi sportivi, spazi per i ragazzi - ma soprattutto facendo leva sulle persone. «Ci ha lasciato fare, tentare, applaudendo i nostri sforzi - ha detto un parrocchiano leggendo un messaggio di auguri -. Pian piano ci siamo scoperti coraggiosi, entusiasti, creativi: un po' come lei. Così Aiola, quattro case e un oratorio, è diventata... Aiola».
Il paese è cresciuto nei decenni e con lui il parroco, divenuto anche presidente nazionale dell'Anspi.
Nella terza domenica di ottobre sono quindi culminate le celebrazioni per le «nozze d'oro» della parrocchia. La messa celebrata dal vescovo (all'altare anche don Daniele Casini, parroco della Cattedrale, il parroco di Montecchio don Corrado Botti e il diacono di Sant'Ilario) e poi il pranzo della comunità. La festa è anche un'occasione per ricordare le vocazioni religiose scaturite da Aiola, come quelle di don Casini e suor Chiara, missionaria in Africa centrale. Alle missioni vanno anche le offerte raccolte a messa: saranno donate a don Pietro Ganapini, impegnato «nella sua straziata Africa», in Madagascar.

Alle 10,30 in punto la chiesa è già piena: nessuno pare voler essere in ritardo in questo giorno speciale, anche per gli ex aiolesi tornati soltanto per la messa solenne. Il vescovo e i sacerdoti entrano in processione. Nei primi banchi siedono il sindaco Paolo Colli - il cui nonno, Afro Reverberi, lavorò ad Aiola come barbiere negli anni '40-'50 - il maresciallo dei carabinieri Carlo Chiuri e i ragazzi che il 18 maggio 2014 faranno la cresima. Durante la messa del cinquantesimo c'è spazio anche per la presentazione al vescovo di Reggio Emilia-Guastalla.
I canti del coro scandiscono la prima parte della messa, fino all'omelia: Camisasca parla seduto davanti all'altare, «come un nonno che parla ai nipoti». Il vescovo ha ricevuto il libro scritto per l'anniversario: «Sarà sempre vero!!! - Storia di una comunità famiglia di famiglie». Il titolo lo ha colpito e diventa argomento del suo discorso: «Sarà sempre vero: ciò che qui è cominciato non finirà, anzi si perfezionerà, si purificherà strada facendo - dice Camisasca -. E' la festa di tutti voi ma soprattutto di don Antenore (come ancora oggi un po' tutti chiamano il monsignore, ndr): ha veramente creduto nella possibilità che ci fosse una comunità attorno alla parrocchia, ha donato tutte le energie della sua intelliganze viva, cuore creativo, fantasia e sensibilità».
Un pensiero va anche a don Ennio Caraffi, parroco di Montecchio che nel 1963 inviò don Vezzosi ad Aiola: «Per primo si adoperò per la nascita della comunità». Camisasca ricorda ai fedeli che «la parrocchia è il luogo in cui si impara a pregare. E' un luogo di umanità, che fonda una nuova socialità. E' il segno del primato di Dio nella nostra vita».
Ad Aiola i frutti della socialità che nasce dalla parrocchia sono evidenti. Anche il vescovo lo sa, tanto da sottolineare «il clima di famiglia e di confidenza che si respira subito entrando qui». Alla fine della messa monsignor Vezzosi si riallaccia al discorso e dice, suscitando ironia e poi un applauso: «Eccellenza, dica la verità: le è piaciuto venire ad Aiola! Una mamma ha detto a un ospite: “In questa parrocchia si sta meglio che a casa propria”. Una battuta che riassume il valore della fede, da vivere con gioia». «Sono venuto qui attratto da qualcosa - ribatte il vescovo -. E' la terza volta che vengo e non sono stato tre volte in tutte le parrocchie... Forse mi attrae la figura stessa di don Antenore. Abbiamo bisogno di sacerdoti così: dieci come lui rivoluzionano una diocesi».

Durante la messa si presentano a Camisasca i 15 ragazzi che faranno la cresima: Mattia, Nicole, Chiara, Sara, Eneo, Benedetta, Jacopo, Alfonso, Aurora, Francesca, Gabriele, Elia, Simone, Federica, Samuele.
La parrocchia compie mezzo secolo di vita ma questo non è un punto di arrivo. «Questa storia deve continuare», dice il vescovo. «Il nostro cammino non giunge a termine ma parte da qui con forza e speranza», aggiunge un aiolese nel messaggio finale. Parrocchia e sacerdote, sottolinea, hanno «camminato uniti, in cordata, alla ricerca della cima: Cristo»; sono stati «rive dello stesso fiume», con un don Antenore «inguaribile ottimista, entusiasta del Signore e della vita, mai malinconico o nostalgico».

Gli aiolesi hanno regalato a Camisasca un'immagine del Cristo della chiesa e al parroco un messale della liturgia e un paio di scarpe robuste. Le offerte della messa invece andranno alla missione in Africa di don Pietro Ganapini, amico di monsignor Vezzosi.
A fine messa, tutti sul sagrato per uno scatto di gruppo, con i fotografi costretti a salire su una scaletta per inquadrare tutti... E poi, il pranzo in parrocchia. Perché il vescovo torna a Reggio ma la festa continua, per ricordare insieme tanti episodi di vita vissuta e per guardare insieme... ai prossimi cinquant'anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Franco Bifani

    20 Ottobre @ 19.37

    Et benedictio Dei omnipotentis descendat super Andrea Violi, et maneat semper; in nomine Patris etc., etc., etc.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

30enne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

5commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

7commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

2commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

25commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

15commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Fidenza

Meningite, la 14enne è uscita dalla rianimazione: è fuori pericolo

Parla l'infettivologo sul recupero. La madre della ragazza: «Sono felice. Grazie ai medici e a tutti»

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

1commento

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

6commenti

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery