13°

Provincia-Emilia

"Siamo rive dello stesso fiume": Aiola ha festeggiato i 50 anni della parrocchia con il vescovo di Reggio

"Siamo rive dello stesso fiume": Aiola ha festeggiato i 50 anni della parrocchia con il vescovo di Reggio
Ricevi gratis le news
1

Andrea Violi

La chiesa era piena, la gioia delle famiglie era palpabile. La parrocchia di Aiola ha celebrato i suoi cinquant'anni di vita con una messa guidata dal vescovo di Reggio Massimo Camisasca. La festa è per la comunità ma anche per monsignor Antenore Vezzosi, vero motore della parrocchia: lui l'ha fondata nel 1963, ha saputo farla crescere, dotandola di strutture - nuova chiesa, campi sportivi, spazi per i ragazzi - ma soprattutto facendo leva sulle persone. «Ci ha lasciato fare, tentare, applaudendo i nostri sforzi - ha detto un parrocchiano leggendo un messaggio di auguri -. Pian piano ci siamo scoperti coraggiosi, entusiasti, creativi: un po' come lei. Così Aiola, quattro case e un oratorio, è diventata... Aiola».
Il paese è cresciuto nei decenni e con lui il parroco, divenuto anche presidente nazionale dell'Anspi.
Nella terza domenica di ottobre sono quindi culminate le celebrazioni per le «nozze d'oro» della parrocchia. La messa celebrata dal vescovo (all'altare anche don Daniele Casini, parroco della Cattedrale, il parroco di Montecchio don Corrado Botti e il diacono di Sant'Ilario) e poi il pranzo della comunità. La festa è anche un'occasione per ricordare le vocazioni religiose scaturite da Aiola, come quelle di don Casini e suor Chiara, missionaria in Africa centrale. Alle missioni vanno anche le offerte raccolte a messa: saranno donate a don Pietro Ganapini, impegnato «nella sua straziata Africa», in Madagascar.

Alle 10,30 in punto la chiesa è già piena: nessuno pare voler essere in ritardo in questo giorno speciale, anche per gli ex aiolesi tornati soltanto per la messa solenne. Il vescovo e i sacerdoti entrano in processione. Nei primi banchi siedono il sindaco Paolo Colli - il cui nonno, Afro Reverberi, lavorò ad Aiola come barbiere negli anni '40-'50 - il maresciallo dei carabinieri Carlo Chiuri e i ragazzi che il 18 maggio 2014 faranno la cresima. Durante la messa del cinquantesimo c'è spazio anche per la presentazione al vescovo di Reggio Emilia-Guastalla.
I canti del coro scandiscono la prima parte della messa, fino all'omelia: Camisasca parla seduto davanti all'altare, «come un nonno che parla ai nipoti». Il vescovo ha ricevuto il libro scritto per l'anniversario: «Sarà sempre vero!!! - Storia di una comunità famiglia di famiglie». Il titolo lo ha colpito e diventa argomento del suo discorso: «Sarà sempre vero: ciò che qui è cominciato non finirà, anzi si perfezionerà, si purificherà strada facendo - dice Camisasca -. E' la festa di tutti voi ma soprattutto di don Antenore (come ancora oggi un po' tutti chiamano il monsignore, ndr): ha veramente creduto nella possibilità che ci fosse una comunità attorno alla parrocchia, ha donato tutte le energie della sua intelliganze viva, cuore creativo, fantasia e sensibilità».
Un pensiero va anche a don Ennio Caraffi, parroco di Montecchio che nel 1963 inviò don Vezzosi ad Aiola: «Per primo si adoperò per la nascita della comunità». Camisasca ricorda ai fedeli che «la parrocchia è il luogo in cui si impara a pregare. E' un luogo di umanità, che fonda una nuova socialità. E' il segno del primato di Dio nella nostra vita».
Ad Aiola i frutti della socialità che nasce dalla parrocchia sono evidenti. Anche il vescovo lo sa, tanto da sottolineare «il clima di famiglia e di confidenza che si respira subito entrando qui». Alla fine della messa monsignor Vezzosi si riallaccia al discorso e dice, suscitando ironia e poi un applauso: «Eccellenza, dica la verità: le è piaciuto venire ad Aiola! Una mamma ha detto a un ospite: “In questa parrocchia si sta meglio che a casa propria”. Una battuta che riassume il valore della fede, da vivere con gioia». «Sono venuto qui attratto da qualcosa - ribatte il vescovo -. E' la terza volta che vengo e non sono stato tre volte in tutte le parrocchie... Forse mi attrae la figura stessa di don Antenore. Abbiamo bisogno di sacerdoti così: dieci come lui rivoluzionano una diocesi».

Durante la messa si presentano a Camisasca i 15 ragazzi che faranno la cresima: Mattia, Nicole, Chiara, Sara, Eneo, Benedetta, Jacopo, Alfonso, Aurora, Francesca, Gabriele, Elia, Simone, Federica, Samuele.
La parrocchia compie mezzo secolo di vita ma questo non è un punto di arrivo. «Questa storia deve continuare», dice il vescovo. «Il nostro cammino non giunge a termine ma parte da qui con forza e speranza», aggiunge un aiolese nel messaggio finale. Parrocchia e sacerdote, sottolinea, hanno «camminato uniti, in cordata, alla ricerca della cima: Cristo»; sono stati «rive dello stesso fiume», con un don Antenore «inguaribile ottimista, entusiasta del Signore e della vita, mai malinconico o nostalgico».

Gli aiolesi hanno regalato a Camisasca un'immagine del Cristo della chiesa e al parroco un messale della liturgia e un paio di scarpe robuste. Le offerte della messa invece andranno alla missione in Africa di don Pietro Ganapini, amico di monsignor Vezzosi.
A fine messa, tutti sul sagrato per uno scatto di gruppo, con i fotografi costretti a salire su una scaletta per inquadrare tutti... E poi, il pranzo in parrocchia. Perché il vescovo torna a Reggio ma la festa continua, per ricordare insieme tanti episodi di vita vissuta e per guardare insieme... ai prossimi cinquant'anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Franco Bifani

    20 Ottobre @ 19.37

    Et benedictio Dei omnipotentis descendat super Andrea Violi, et maneat semper; in nomine Patris etc., etc., etc.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mangiamusica:  Parmigiano e  Rolling Stones

Fidenza

Mangiamusica: Parmigiano e Rolling Stones Gallery

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

GAZZAFUN

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

23commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

La lettera della mamma di Mattia

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

13commenti

Incidente

Scontro a Pilastro, un ferito

Incidente

Carambola fra tre auto in via Mantova, due feriti

Indaga la Polizia municipale

WEEKEND

Il Mercato del Forte, la torta di verze, November Porc a Zibello: l'agenda di domenica

Salso

Sfondano la vetrina e rubano capi firmati

Polizia

Raffica di furti negli appartamenti

Bici rubate e in attesa dei proprietari

Eccellenze

Il Parmigiano trionfa agli "Oscar del formaggio" a Londra

Risultato stellare: porta a casa 38 medaglie

POESIA

Zucchi tradotto da un giurato del Nobel

calcio

Parma, poker e primato

Lutto

L'addio di Rubbiano a Fabrizio Aguzzoli

LIRICA

Festival Verdi, numeri da record

FERROVIA

Fidenza-Cremona, treni al posto di due bus

Carabinieri

Controlli contro spaccio e furti: identificate 50 persone

L'operazione nella notte

STADIO TARDINI

Il Parma travolge l'Ascoli 4-0 e sogna: è primo in classifica

Frattali: "Rigore parato, evitata sofferenza finale" (Video) - Grossi: "Bella vittoria, molte occasioni mancate per il Parma" (Videocommento)

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

1commento

Torino

Addestratore sbranato dal cane affidatogli dall'amico

SPORT

SERIE A

Il Napoli piega il Milan (2-1), la Roma si prende il derby

GAZZAFUN

Parma-Ascoli 4-0: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

curiosità

Sono una "chimera" quelli pubblici a Parma: il 19 è la Giornata mondiale dei servizi igienici

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto