10°

22°

Provincia-Emilia

Negri: "Con un paio di colpi d'ala possiamo far decollare Salso"

Negri: "Con un paio di colpi d'ala possiamo far decollare Salso"
Ricevi gratis le news
1

Davide Castellazzi
Salsese di adozione (è nato infatti a Fiorenzuola), Pier Luigi Negri è oggi uno dei principali estimatori della cittadina termale, oltre che un imprenditore di spicco.
Dalle finestre della sua casa Negri guarda Salsomaggiore, le Terme e il Grand Hotel Centrale. Quest’ultimo è attualmente in fase di ristrutturazione a cura di una società di famiglia e tra qualche mese diventerà un nuovo polo attrattivo dell'ospitalità salsese. 

Lei non è originario di Salso. Quando ci si è trasferito?
Sono arrivato a Salso quarant'anni fa, nel 1972, e ho messo su famiglia nel 1982. Con mia moglie Marina ho avuto tre figli: Noemi, Erica e Davide.

Perché proprio Salsomaggiore?
Perché mi piaceva, per me era la più bella città del mondo. Negli anni Settanta era un luogo splendido, frequentato da persone meravigliose. Si vedevano ovunque Ferrari e Maserati. In particolare viale Romagnosi, splendeva, brulicava di vita, di eventi, di persone eleganti e felici di essere a Salsomaggiore. Clienti fedelissimi.
E oggi?
Certamente è molto cambiata ma ha ancora grandi potenzialità, è possibile rilanciarla. È come una bella donna, basterà vestirla e rifarle trucco per renderla di nuovo splendida.

Torniamo a lei. Ha cominciato a lavorare da giovanissimo…
A 14 anni facevo l’aiuto cameriere in un albergo. A 17 anni sono entrato in società con i miei fratelli. Vendevamo pavimenti e rivestimenti, materiali per l’edilizia. Nel 1976 ho scelto l'autonomia e, lavorando sedici ore al giorno, nel 1980 sono passato alla vendita di mobili, con il mio primo centro d’arredamento.

Il Centro Negri Arredamenti di Cadeo (Piacenza), è vero che è il più grande d’Italia?

Senza dubbio il più grande, con 29.000 metri quadri tra magazzini, show room e spazi espositivi. Il Centro Negri è cresciuto nel tempo, l’ultimo ampliamento risale ai primi anni duemila. Puntiamo su assortimento e qualità e non smettiamo di evolverci. Per il 2015 è prevista la nascita del nuovo Centro della Casa, grazie al quale saremo in grado di fornire tutto ciò che riguarda i moderni modi di abitare inclusi impianti energetici e di riscaldamento. Recentemente ad aiutarmi è arrivato mio figlio Davide, laureato in Ingegneria. Tra qualche anno spero sia lui a prendere le redini del Centro Negri.

Ma i mobili, gli arredi e la casa non sono i suoi unici interessi da imprenditore. La ristrutturazione del Grand Hotel Centrale ad esempio l’ha portata sotto i riflettori di tutta Salsomaggiore.

Io sono un imprenditore, un mobiliere, ma dato che sono nato e cresciuto nell’edilizia la voglia di costruire e ristrutturare mi è rimasta dentro e l’idea di farlo a Salso mi gratifica molto. Per questo ho deciso di accettare la sfida del Grand Hotel Centrale.

Non crede che imprenditoria e sentimentalismi vadano poco d’accordo? Specie per investimenti multimilionari come il suo?
È vero, ragionando solamente come imprenditore forse non avrei dovuto farlo. Ma chi mi conosce sa che non lavoro solo per fare soldi. Dopo quarant'anni di intensa attività potrei ritirarmi, andare in giro per il mondo. Penso che riuscirei anche a divertirmi, ma io credo nel rilancio di Salso, nel suo ritorno alla prosperità. Sarà la passione, l'appartenenza, il sentimento, non lo so, voglio partecipare al rilancio. Ho dei figli nati e cresciuti a Salso e credo che anche loro possano portare il loro contributo alla città.

Perché e come rilanciare Salso?
Gli amici e la storia mi dicono che Salsomaggiore era la più prestigiosa e meglio frequentata città termale italiana, una Ville d'Eaux leggendaria. Ci sono acque di eccezionale valore medico. Si trova in una zona splendida, circondata da castelli e da una natura formidabile. Abbiamo un testimonial come Giuseppe Verdi, siamo il cuore della gastronomia italiana: ottime acque, ottimi alberghi, ottimo cibo, ottima musica ... non possiamo sbagliare.
Credo che gli operatori turistici e la pubblica amministrazione siano in grado di dare un ruolo esaltante alle Terme, di mettere in luce le proprietà di Tabiano, di ritrovare quello spirito che ci reso famosi. Insieme dovremmo riaccendere la passione per il turismo, tornare ad offrire un’ospitalità di standard internazionale e uno shopping di livello nazionale, perché il made in Italy tira ancora. Se uniamo le forze, se mettiamo in archivio le diffidenze, se guardiamo avanti, ci riusciremo. Ci servono solo un paio di colpi d'ala per fare decollare Salsomaggiore. Il Grand Hotel Centrale è un primo colpo d'ala, non va visto come qualcosa di separato, non è una minaccia, ma un'opportunità per tutti gli operatori, per i commercianti, per chi si occupa di ristorazione, di sport, di golf, di musica, di eventi, eccetera. Sarebbe un clamoroso errore se qualcuno lo considerasse un concorrente. Credo invece sia un esempio da emulare, un punto di ri-partenza, un laboratorio nel quale spero di incontrare amici albergatori, pubblici amministratori e semplici cittadini come me.
Cosa ci vuole per fare sì che gli operatori di Salso  uniscano i loro sforzi per raggiungere il medesimo obiettivo?
Io ho ancora voglia di fare e sono pronto a fare la mia parte, come sto facendo.
Lascerebbe Salsomaggiore Terme?
Non verrei via da Salso per nulla al mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ENRICA TAGLIACOLLO

    21 Ottobre @ 10.15

    E' UNA SPLENDIDA INIZIATIVA E NOTIZIA!!! ERA ORA CHE SI FACESSE QUALCOSA PER RILANCIARE SALSO. IO HO INZIATO A FREQUENTARE SALSO PER CURA NE 1974. ERA VERAMENTE SPLENDIDA E SPIACEVA SEMPRE MOLTO QUANDO SI DOVEVA PARTIRE E TORNARE A CASA. SI ABBINAVANO MOLTO BENE SALUTE, MA ANCHE DIVERTIMENTO. SI, PROPRIO COSI. IL MITICO POGGIO DIANA, VILLA PARADISO, LA TAVERNA, IL MOLOKAI E CHE DIRE DEL CORALLO. IL CORALLO ERA DIVERTENTISSIMO. LI SI CHE SI POTEVA BALLARE ALLA GRANDE E TROVARE DEGLI OTTIMI BALLERINI. ED ORA COSA E' RIMASTO DI TUTTO CIO? NULLA. CHE PECCATO E NOSTALGIA. SAREBBE MOLTO BELLO ED INTELLIGENTE RIAPRIRE ALMENO IL CORALLO. E SITUATO IN CITTA, COMODO DA RAGGIUNGERE E POI, COSA MOLTO IMPORTANTE, HA PREZZI MOLTO CONVENIENTI. SAREBBE UN BEL RICHIAMO DAVVERO. IO CI ANDAVO TUTTI I POMERIGGI CON ALTR SIGNORE DELL'ALBERGO E SI USCIVA CONTENTE E RILASSATE. PERCHE NON ISTITUITE UNA SPECIE DI REFERENDUM VIA MAIL, SONO SICURA CHE IN TANTISSIME PERSONE ADERIREBBERO ALLA RIAPERTURA DEL " MITICO CORALLO ". GRAZIE PER AVERMI ASCOLTATA. VIA AUGURO UN BUON LAVORO E FATE DI TUTTO PER FAR RISORGERE COME " L'ARABA FENICE " LA MIA SALSO, CHE HO SEMPRE AMATO E CHE SEMPRE AVRO' NEL MIO CUORE. ENRICA TAGLIACOLLO

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Jovanotti annuncia nuovo tour, album esce 1 dicembre

MUSICA

Jovanotti nuovo album e nuovo tour

Oscar: è A ciambra il candidato italiano

cinema

E' "A ciambra" il candidato italiano agli Oscar

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter dalla pornostar

storie di ex

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter da una pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Via S. Leonardo: "La casa delle associazioni" nel mirino dei ladri

PARMA

San Leonardo, la Casa delle associazioni nel mirino dei ladri Video

E' intervenuta la polizia

il parma

Carra: "4 squadre più attrezzate di noi per la A. Puntiamo ai play-off"

gazzareporter

Scontro fra bici in via D'Azeglio: vistosa ferita al volto per una donna

bassa

Colorno-Casalmaggiore: l'esercito esclude l'ipotesi di un ponte di barche Video

Curiosità: un ponte di barche in una foto del 1920 dal libro Ricordo di Colorno di Franco Piccoli

2commenti

BARILLA

Il futuro della pasta secondo 19 giovani chef. Video: "The Pasta Opera"

Al via il "Pasta world championship" fra Milano e Parma. Il "campionato" ha una giuria internazionale

PARMA

Moletolo e Botteghino: due investiti in poche ore

Scontro auto-bici a Botteghino: un ferito. Davanti alla Overmach, dirigente dell'azienda investito da un'auto

Allarme

Tetti in eternit nell'ex fornace di Felegara: la paura dei cittadini

2commenti

salsomaggiore

Da mercoledì, una stagione da vivere con il Teatro Nuovo. Tutto il programma

CROCETTA

Scontro in via Emilia Ovest

PARMA

La Comunità nigeriana organizza una marcia contro razzismo, illegalità e violenza

Appuntamento domenica 1° ottobre

FIDENZA

Uova contro le vetrine dei negozi

Volontariato

Assistenza pubblica, numeri da record

boretto

La sorella di Bebe Brown: «Ancora troppi misteri sulla sua morte»

Sabato 7 ottobre il funerale

PARMA

Foto in vendita a Mercanteinfiera per aiutare Giocamico Video

Francesca Bocchia spiega i dettagli dell'iniziativa al padiglione 4 della fiera

FACCIA A FACCIA

Ateneo al voto, candidati a confronto

CANTIERI

Tangenziale Sud di Fidenza: iniziati i lavori

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La piccola vittoria di una grande Merkel

di Paolo Ferrandi

1commento

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

Genova

Lo vede scassinare la finestra: "Che fai?". Il ladro: "Rubo". Arrestato

Social network

Mosca contro Facebook: "Sposti i server in Russia o sarà fermato come Linkedin"

SPORT

Formula 1

Kvyat silurato dalla Toro Rosso

MOTOCROSS

Kiara Fontanesi si mette «in piega»

SOCIETA'

germania

Il tedesco arrabbiato: "Ora vi dico io come si dice Bmw, Porsche..." Video

Fisco

Spesometro: una settimana di proroga

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery