Provincia-Emilia

Uccise la compagna, scarcerato: slitta la sentenza. La rabbia delle vittime

Uccise la compagna, scarcerato: slitta la sentenza. La rabbia delle vittime
3

REGGIO EMILIA – "Un nuovo errore, una schifezza: se non arrivano a un sentenza a breve mi faccio giustizia da sola". Una frase dettata dalla rabbia e dalla delusione quella di Rosella Carlini, madre di Tiziana Olivieri, uccisa a 40 anni a Rubiera (Reggio Emilia) dal suo compagno Ivan Forte, il 29enne di Castrovillari (Cosenza), reo confesso. Oggi al tribunale di Reggio era attesa la sentenza, ma per una questione tecnica, il processo è stato rinviato al 4 novembre.
Un processo partito male, con un errore dovuto a una carta che si era "infrattata": per decorrenza dei termini l’imputato, sei mesi fa, era stato quindi scarcerato, facendo infuriare la famiglia. Questa volta la questione è meno rilevante, ma ha causato uno slittamento della sentenza.
Il pubblico ministero Valentina Salvi, nel preparare la requisitoria, si è accorta che dal fascicolo del procedimento mancavano i tabulati telefonici di tre utenze dell’imputato e di due della vittima. Nel fascicolo era regolarmente presente il decreto di acquisizione, firmato tre giorni dopo il delitto, ma mancava materialmente il documento. Visto che il registro delle telefonate ha assunto importanza per valutare le testimonianze rese nell’udienza scorsa dalla madre della vittima e dall’imputato, il pm ha chiesto che venisse acquisito.
L'avvocato difensore, Fabio Lombardi, ha chiesto un rinvio per poter valutare i tabulati. Il giudice del tribunale di Reggio Emilia Angela Baraldi ha fissato una nuova udienza al 4 novembre, per la discussione e la sentenza. "Non c'è stato nessuno errore – ha detto l’avvocato Lombardi – solo un problema tecnico in cui è facile imbattersi per chi fa il nostro mestiere". Non è dello stesso parere l’avvocato di parte civile Barbara Tassi: "E' stato un errore della procura. Anche se certamente è meglio pure per noi che sia fatta piena chiarezza sulle telefonate effettuate quel giorno".
Il procuratore capo Giorgio Grandinetti ha precisato: "Prendo atto di questo disguido non ascrivibile all’ufficio della procura della Repubblica e che in ogni caso è stato rimediato in tempo utile".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • dino

    24 Ottobre @ 15.24

    Possibile licenziare questi posti disorganizzati e pagati lautamente per la loro inefficienza? Ma quelli non pagano mai e restan sul gobbo fino alla fine?

    Rispondi

  • filippo

    24 Ottobre @ 08.09

    c'è solo da augurarsi di non aver mai a che fare con questa"CASTA"di magistrati che hanno ormai in tanti casi dato prova delle loro incapacità o forse un altro motivo sarà perchè son poco remuneratiiiii?

    Rispondi

  • beta46

    23 Ottobre @ 17.04

    Ma quando ci renderemo conto che effettivamente c'è qualcosa che no funziona veramente.? Spero di non dovere mai aver niente a che fare con cose del genere , ma non mi sentirei tranquillo specialmente se dovessi essere innocente. Leggetevi la lettera d'addio di Cagliari , il fu presidente ENI. La potete trovare via internet. Vengono i brividi alla schiena.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

LA BACHECA

44 opportunità per trovare un lavoro

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)