18°

Provincia-Emilia

Picchia un 12enne per prendergli lo smartphone: 14enne denunciato nel Reggiano

Picchia un 12enne per prendergli lo smartphone: 14enne denunciato nel Reggiano
6

Un 14enne di Reggio Emilia è stato denunciato per aver preso a pugni in faccia un 12enne in un paese della provincia. Il 12enne ha dovuto farsi curare in ospedale: è stato picchiato per non avergli ceduto il suo iPhone5. I carabinieri hanno denunciato il bullo per tentata rapina.
È successo l'altra sera in un paese del Reggiano. Il 12enne è stato avvicinato in piazza dal bullo che ha cercato di strappargli lo smartphone. Il ragazzino ha tentato di resistere e il bullo lo ha colpito in testa. Altri amici sono intervenuti per difendere il 12enne, riuscito a fuggire. I suoi genitori si sono rivolti ai carabinieri. I militari hanno individuato il 14enne, su cui c'era già una segnalazione per il furto di un cellulare. Il bullo è stato riconosciuto in foto dalla vittima.
Ora i militari indagano per scoprire se altri ragazzini, magari in diversi paesi del Reggiano, siano stati presi di mira dal bullo.

I CONSIGLI CONTRO I BULLI AI RAGAZZINI. Il Comando provinciale dei Carabinieri di Reggio Emilia rilancia la campagna di sensibilizzazione "Smonta il bullo" con una serie di consigli rivolti anche alle vittime del bullismo invitate a:

·          parlare con i genitori, un amico fidato o gli insegnanti raccontando se c'è qualcuno che fa il bullo e che ripetutamente ti prende in giro, ti canzona o comunque ti fa del male: insieme è molto più semplice trovare delle soluzioni per affrontare il problema.

·          non isolarsi dagli altri e restare sempre vicino a qualcuno durante gli intervalli e nel tragitto tra casa e scuola;

·          non mostrarsi intimoriti di fronte alla prese in giro cercando sempre di rispondere in maniera spiritosa o intelligente;

·          cercare di ignorare le provocazioni del bullo e non far vedere che di essere impauriti o di star male per quello che dice. Ricordarsi che i bulli interpretano la paura e la sofferenza che riescono a provocare negli altri come segno di potere;

·          non cedere alle provocazioni e non andare alle mani soprattutto se il bullo è più forte. Se minacciano chiedendo degli oggetti personali, cedere alle loro richieste ma non alle loro minacce. Alla prima occasione poi riferire quello che è successo ad un adulto di fiducia;

·          scrivere sul diario ogni volta che si subiscono delle prepotenze: aiuterà a ricordare i singoli episodi;

·          riferire ad un adulto se capita di vedere che qualche altro ragazzo subisce delle prepotenze senza riuscire a difendersi: al posto del ragazzo potresti esserci tu e saresti felice se qualcuno ti aiutasse. Anche il carabiniere di quartiere può aiutarti se ti confidi con lui.

·          ricordare che tutti i problemi hanno almeno una soluzione e che c'è sempre qualcuno che ci può aiutare a trovare quella migliore!

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Matteo

    07 Novembre @ 11.52

    Secondo me vi state azzuffando per niente perdendo di vista l'argomento. Il discorso qua non è se sia corretto o diseducativo dare in mano al proprio figlio di 12 anni un telefono da mille euro anche perché sarebbe una discussione senza fine e non ci si verrebbe mai a capo. Anche per me è ridicolo che un bambino a quell'età possa girare con un iphone5, indipendentemente dal fatto che uno possa permetterselo o meno. Comunque so benissimo che ci sono tanti bambini che provengono da famiglie benestanti, ma hanno lo stesso diritto degli altri di essere protetti da quei cretini disadattati che pensano di poter fare il bello e il cattivo tempo. Trovo abbastanza inutili anche i consigli che vengono dati nell'articolo per "sopravvivere" a un incontro con un "bullo" perché è chiaro che a quell'età non tutti i bambini hanno la freddezza e la capacità di mettere in pratica certi insegnamenti, altrimenti non saremmo qui a parlare di questo argomento quasi tutti i giorni. Forse anni fa si sarebbe risolto il problema senza tante denunce, bastava aspettare il fenomeno di turno fuori da scuola in 3 o 4 e suonargliele tante fino a farlo diventare un agnellino (la classica quartasa). L'unico modo per mettere fine al bullo di turno è dargliene tante perché per loro non c'è cosa più umiliante che essere visti piangere e passare dalla parte del debole.

    Rispondi

  • Franco Bifani

    07 Novembre @ 04.07

    Morendo, si prenda una bella camomilla, poi un epatoprotettore ed infine un buon colagogo.. Lei deve imparare a leggere bene, senza partire in quarta, con lenti munite di filtro distorsore;dove mai io avrei giustificato la rapina, me lo deve ben specificare. Il suo paragone non regge, io ho solo sottolineato il fatto diseducativo di mandare in giro un bambino munito di un affare superfluo ed accessorio, che costa quanto il misero stipendio di tanti laureati e diplomati, al giorno d'oggi. O per Lei va bene così? Quale valore può dare al denaro una famiglia del genere, da trasmettere ad un ragazzetto 22enne? Io poi ho unito il furto al pestaggio può risultarne una rapina, o mi vuole insegnare anche a scrivere correttamente?

    Rispondi

  • mauro

    06 Novembre @ 22.27

    a me vengono in mente Tom Sawyer e il fratello Syd

    Rispondi

  • moreno

    06 Novembre @ 20.39

    @bifani tanto per cominciare non si tratta di furto ma di rapina o tentata rapina in quanto siamo di fronte anche ad un aggressione. Poi che il ragazzino abbia in tasca un telefonino da 600 euro non è da noi sindacabile evidentemente è figlio di genitori benestanti che se lo possono permettere. Questo non giustifica affatto chi con la prepotenza voglia far sui i beni degli altri! E come se io domani mi comprassi un Ferrari e i ladri sono giustificati a rubarmelo perchè costa troppo...evidentemente il problema del bullismo non è solo di Parma!

    Rispondi

  • pedrelli mario

    06 Novembre @ 19.47

    SE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO...... SPERO HE MI SBAGLI

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Gubbio-Parma 0-2, segna Calaiò

lega pro

Gubbio-Parma 0-2, segna Calaiò Diretta

Dopo 10 minuti infortunio per Giorgino: entra Corapi

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

6commenti

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

16commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

1commento

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

podisti

Tutti i protagonisti della Manarace di Fontevivo Foto

Collecchio

Ladri incappucciati messi in fuga dai residenti  

1commento

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

gazzareporter

"Via Nenni e il divieto di sosta...."

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

Economia

Corsa alla rottamazione cartelle, domande prorogate al 21 aprile Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017