22°

32°

Provincia-Emilia

"Guerra" del sale: scorte finite anche a Borgotaro e in alta Val Ceno

"Guerra" del sale: scorte finite anche a Borgotaro e in alta Val Ceno
Ricevi gratis le news
12

Lo hanno definito l' "oro bianco" di questo inverno. Il sale anti-ghiaccio, infatti, è sempre più difficile da trovare nel nostro Appennino e sono tanti i Comuni che ne sono rimasti sprovvisti.  Dopo le proteste a Palanzano, a Monchio e a Bedonia, ora l'emergenza si espande anche ai Comuni di Borgotaro, Varsi, Bardi, Pellegrino e Bore che stanno finendo le scorte e si stanno arrangiando con ghiaietto, terriccio o segatura.

"E' vero, da alcuni giorni anche noi siamo rimasti senza sale - conferma il sindaco di Borgotaro Salvatorangelo Oppo nell'articolo di Chiara Cacciani sulla Gazzetta di Parma in edicola - . Abbiamo già provveduto a riordinarne un congruo quantitativo, così come abbiamo fatto per il ghiaietto, ed entrambi dovrebbero essere in arrivo già da oggi".  Anche a Palanzano, il sindaco Carlo Montali assicura che le scorte arriveranno in giornata. "Intanto in questi giorni abbiamo sparso il ghiaietto dappertutto per garantire la sicurezza dei cittadini".  E precisa: "Non si tratta di una nostra mancanza: mancava proprio l'offerta. Noi abbiamo finito il sale perché ne abbiamo sparso di più". Poi invita i cittadini alla collaborazione, montando catene o gomme da neve.
A Monchio, il sindaco spera di risolvere il problema entro oggi. Problemi anche per Bardi, Bore, Pellegrino e Varsi: l'assessore provinciale alla Viabilità Ugo Danni assicura che ci siano scorte per almeno quattro giorni.


LA CRONACA DEI GIORNI SCORSI

PROTESTE A PALANZANO - Strade ghiacciate e sale finito: e a Palanzano monta la protesta. Se a far da apripista è stata la rabbia degli abitanti di  Pratopiano e Lalatta del Cardinale per la situazione delle strade («da Natale ad oggi i mezzi spargisale non sono mai passati, il vetro-ghiacchio ci blocca in casa e in Comune ci dicono che il sale è finito»), ora si aggiungono  le lamentele delle famiglie di Case Ferrarini e Case Stefanelli.
Ma arriva anche la risposta del sindaco Carlo Montali: «Purtroppo i fornitori sono rimasti “a secco” ovunque, ma in ogni caso i cittadini devono attrezzarsi adeguatamente: i montanari lo sanno». Parte da quelle che chiama «precisazioni», il primo cittadino: «Il territorio  di Palanzano  è montano, soggetto a nevicate e a formazione di ghiaccio. I 160 chilometri delle strade comunali vengono gestite da 9 ditte di sgombro neve e mantenute libere al transito. La formazione del ghiaccio è data da eventi atmosferici a volte imprevedibili che variano da punto a punto, a seconda dell’altitudine e dell’esposizione. Pertanto per affrontare le  improvvise e notevoli precipitazioni, si è provveduto al sistematico sgombro neve che ha reso le strade agibili e allo spargimento del sale dove necessario;  il 30 ed il 31 dicembre questo è stato fatto sulla totalità delle frazioni».

Ma poi arriva la tirata d'orecchi ai cittadini. «Abbiamo spesso riscontrato che le lamentele giungono da chi non si attrezza per affrontare queste situazioni e pensa di stare in città. Il montanaro sa come comportarsi e non si lamenta  se nei giorni critici ci sono strade difficoltose da percorrere per colpa  di neve e ghiaccio. Pertanto si consiglia, come da cartelli esposti sulle strade, di munirsi di apposite catene o gomme da neve e di affrontare le situazioni con spirito di collaborazione». «Certo che è più comodo chiamare il giornale che non montare le catene sulla propria auto o pulire il proprio cortile», ironizza, per poi aggiungere: «Attualmente sul mercato non c'è disponibilità di sale,  verrà consegnato nei prossimi giorni. La scorta che avevamo depositata per tutto l’arco dell’inverno è stata smaltita velocemente a causa le notevoli precipitazioni e la formazione di ghiaccio in poco tempo. Stiamo provvedendo ad intervenire con ghiaietto di frantoio».
Ma tra i cittadini c'è chi dà un suggerimento: «Siamo in emergenza? Allora comportiamoci da emergenza e utilizziamo il sale di scarto dei tanti salumifici della montagna», propone un abitante della zona di  Case Ferrarini e Case Stefanelli, l'altra sacca della protesta. «Da 25 anni guido in montagna e ho le gomme da neve  - racconta arrabbiato il quarantenne - ma la neve è una cosa, il vetro-ghiaccio di questi giorni un'altra. Ho una madre di 78 anni con problemi di salute, e certo se ci fosse bisogno avrei difficoltà a muovermi di casa e sarebbe quasi impossibile l'arrivo di un'ambulanza». «Ogni anno si presentano gli stessi problemi, non è possibile - continua -. Vent'anni fa se c'era bisogno gli operai scendevano in strada con il badile. Non pretendo certo la situazione dell'asfalto di agosto, ma stasera (ieri, ndr.) non mi rimarrà altro da fare che andare al Consorzio a comprare 25 chili di sale e arrangiarmi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Leto

    07 Gennaio @ 20.40

    Purtroppo in tempi di vacche magre i comuni hanno bisogno di poter soddisfare le richieste più svariate : festa del carciofo, della patata, dell' aria fritta, ma in concreto chi pensa a festeggiare il sale? mi sorge un dubbio : questo per mancanza di materia prima o di soldi (già spesi !)?

    Rispondi

  • bargnocla

    07 Gennaio @ 18.08

    VOGLIAMO SAPERE GLI INDIRIZZI DI TUTTI I MEMBRI DELLA GIUNTA PER VEDERE SE SOTTO CASA LORO C'E' LO SCHIFO CHE C'E' SOTTO CASA NOSTRA........E NON DICANO CHE IL SALE E' FINITO......QUI NON LO ABBIAMO MAI VISTO........A CHI PIACE QUESTO SCHIFO VADA A MILANO!!

    Rispondi

  • L'ornitorinco

    07 Gennaio @ 17.24

    Succede anche nella Milano da bere: Moratti: «Neve più intensa del previsto, finito il sale» http://snipurl.com/9l5vx Queste nevicate non sono certo la norma se si tiene conto degli ultimi anni, forse un po' meno "politicanti" ed un po' più di buon senso gioverebbero.

    Rispondi

  • Luigi

    07 Gennaio @ 16.17

    Se è finito il sale......siamo proprio alla frutta.

    Rispondi

  • Pier Luigi

    07 Gennaio @ 15.42

    Ma hai fornitori di sale sono state pagate le fatture arretrate?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

2commenti

weekend

Un sabato tra amor, musica e... castelli di sabbia: l'agenda

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

13commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TERRORISMO

Barcellona: per la polizia sono tutti morti i quattro ricercati. Forse in Francia l'autista-killer

terrorismo

Barcellona, terza vittima italiana: Carmela, residente in Argentina

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti