12°

26°

Quartieri-Frazioni

"Lindo e accogliente. Ma i marciapiedi?"

0

A parte un incrocio pericoloso, un cantiere che va a singhiozzo e un parco pubblico comunale dimenticato, non c’è di che lamentarsi a Marano. Lontani dalla città, ma allo stesso tempo vicino. Si può godere dell’aria tipica della prima collina, di tanto verde, silenzio e tranquillità. Se mancano i servizi, poco male: Monticelli è vicina. 

«Qui si vive bene, perché si può stare a contatto con la natura in un contesto di poche centinaia di abitanti – dice Francesco Perinotto -. Se vieni a vivere qui, significa che ti piace la vita all’aria aperta, senza però rinunciare alle comodità della città, che comunque non è lontana». La qualità di vita è alta, con qualche «se»: «Sul parco mai realizzato, il Comune deve intervenire – precisa Perinotto -. Ho contattato personalmente il sindaco Federico Pizzarotti, facendogli presente l’incuria in cui versa da un paio d’anni. Mi ha risposto che hanno intenzione di risolvere la situazione in tempi ragionevoli. Bisogna poi vedere cosa significa tempi ragionevoli, ma aspettiamo che intervengano». 
Paese ancora dall’aspetto e dalle abitudini agricole, a Marano la modernità fatica ad arrivare. Per esempio, manca la copertura adsl. «Ci siamo organizzati con un’antenna privata ed un abbonamento un po’ costoso – spiega Sandra Mezzetta -, ma era l’unica soluzione». Va bene internet veloce, ma la fogna no: «Non c’è in tutto il paese – sottolinea -. E dove c’è, non tutte le abitazioni hanno fatto l’allaccio». Residente qui da una decina anni, non andrebbe ad abitare altrove, ma sa benissimo cosa manca per rendere la vita dei residenti più semplice: «Il bus passa una volta all’ora, d’estate addirittura ogni due ed è praticamente come non averlo – dice -. Servirebbe anche un marciapiede, per rendere più sicura la discesa lungo via Cava, che porta in via Traversetolo». 
A proposito di via Traversetolo: se non in auto, è impraticabile. «Non possiamo raggiungere il parco di Marano, né in bicicletta, né a piedi – sottolinea la residente -. Lo stesso discorso vale per la rotonda di Monticelli, che dista meno di un chilometro. Andrebbero anche sistemate un po’ le strade interne, perché quando nevica è un macello». Suo marito, Stefano Righetti, prima di abbozzare qualche lamentela, preferisce concentrarsi sugli aspetti positivi: «Qui ci sono sempre circa tre gradi in meno rispetto alla città – osserva -. Il silenzio, poi, è impagabile: dopo la salita di via Cava, infatti, non si sente più nemmeno via Traversetolo».
 Marano è anche un piccolo laboratorio di integrazione: «Vivono qui pachistani e indiani, che lavorano nelle stalle – spiega -. Alla sera si trovano in piazzetta a prendere un po’ di fresco, insieme agli anziani del paese».
Il bar, trattoria e tabaccheria è gestito dalla giovane Cristina Mastropieri, che mette a tavola operai e gente di passaggio a mezzogiorno; il giovedì, il venerdì e il sabato tiene aperto anche la sera. «Il vero problema di Marano è il traffico – assicura -: sua via Traversetolo vanno come dei matti. Io apro alle 5.30 di mattina e, a quell’ora, vedo sfrecciare automobili anche ai 150 all’ora. Si vede la gente andare piano solo quando vengono i vigili con l’autovelox mobile, altrimenti il limite dei 50 all’ora non viene rispettato da nessuno». Una contromisura inmediata ci sarebbe: «Basterebbe mettere un dosso». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Il video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Angelo Pintus fa la sua proposta di matrimoni durante il concerto a Verona

musica

Pintus, proposta di matrimonio "live". E commovente Video

Dal Partito Democratico al porno: un milione di clic per "Malena"

Foto dalla pagina Facebook ufficiale di "Malena"

BARI

Dal Partito Democratico al porno: un milione di clic per "Malena"

Benedetta Mazza fuori da «Pechino Express»

Televisione

Benedetta Mazza fuori da «Pechino Express»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Festival Verdi: venerdì la festa inaugurale

PARMA

Festival Verdi: venerdì la festa inaugurale

Lealtrenotizie

Legionella, continuano i contrlli sulla rete idrica di Arpa

tg parma

Legionella, continuano i controlli sulla rete idrica di Arpa Video

Cos'è la legionella e come si trasmette

via Toscana

Spintone sul bus e mani in tasca. Sei studenti derubati del cellulare

fidenza

Schianto tra tir e furgone in tangenziale Nord: un ferito grave

PALLAVOLO

Ragazzine deferite, guerra aperta tra Coop e Energy

8commenti

Inquinamento

Sigilli alla maxi discarica abusiva. Rifiuti pronti per essere interrati?

2commenti

tg parma

Parma, Apolloni prova il 4-4-2 Video

Petizione

Firme contro le nuove corsie dei bus

5commenti

Testimonianza

Motore in fiamme durante il decollo: «Mezz'ora di terrore»

Fidenza

E' morta la maestra Caraffini

Parma

Legionella nel quartiere Montebello: 14 casi. Ecco le precauzioni da prendere

Protesta

I coltaresi: «No allo spostamento degli uffici comunali»

Tv

Valentina, la regina delle torte

3commenti

CALCIO

Dilettanti e giovanili, società premiate

Collecchio

A Gaiano il commosso addio a Leonardo, ucciso da una malattia a 42 anni

ciclismo

Malori, che sfortuna: caduta in gara e frattura alla clavicola

tg parma

Aeroporto: resta il volo per Trapani Video

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Se l'uomo è peggio di una bestia

EDITORIALE

Hillary vince ai punti. Non è detto che basti

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Cagliari

Multe auto per 10mila euro a un ambulante: poi gli regalano la bici per andare al mercato

Pinerolo

Unioni civili: due ex suore si sposano nel Torinese

SOCIETA'

Gazzareporter

Giocoliere al semaforo Foto

Casa della Fotografia

Concorso: foto in bianco e nero per raccontare Parma

SPORT

Calciomercato

Il Suning manda Biabiany allo Jiangsu

Calciomercato

Il Valencia nelle mani di Prandelli

CURIOSITA'

gazzareporter

Cartoline con "rudo" da via Venezia

1commento

foto parmigiana

Amatrice, quel guanciale-simbolo ritrovato tra le macerie e donato ai soccorritori

1commento