19°

Quartieri-Frazioni

Il centro? Un grande negozio

Il centro? Un grande negozio
0

Il centro di Parma? Altro non è che un grande centro commerciale all'aperto, o, come si dice oggi, un «centro commerciale naturale». E allora perché non sfruttare tutte le potenzialità che esistono in questo senso? Si tratta di sviluppare e organizzare questa vocazione, che nel caso di Parma riguarda sia il centro storico che l'Oltretorrente. È quello che hanno cominciato a fare ieri Comune e associazioni di categoria dei commercianti: il primo annunciando la riqualificazione mirata di alcuni spazi dell'Oltretorrente, dove dovrà partire la prima «sperimentazione» di Centro commerciale naturale; i secondi - Ascom e Confesercenti - dando vita al consorzio «Parma centro», che avrà il compito di raccogliere le adesioni dei negozianti che parteciperanno a questo grande progetto. E il punto di partenza dell'ambizioso piano è il cuore del quartiere «di là dall'acqua»: via Imbriani.
Il centro commerciale naturale
Tutto il centro di Parma (Oltretorrente compreso) è destinato a trasformarsi in un grande Centro commerciale naturale, vale a dire una realtà in cui gli esercizi commerciali si organizzano fra loro per dare vita a promozioni, pubblicità ed eventi in grado di promuovere la zona in quanto tale e agevolare in vario modi i cittadini-clienti. La prima sperimentazione in questo senso partirà da via Imbriani, cuore dell'Oltretorrente. Non prima, però, che la zona sia riqualificata da una serie di interventi programmati dal Comune. «Credo che in un momento di crisi come questo - ha osservato il sindaco Pietro Vignali - sia importante da un lato la collaborazione pubblico privato, dall'altro cercare di unire le forze per cercare di valorizzare il commercio, soprattutto nel centro storico. E questo non solo per un motivo di sviluppo economico, ma anche perché il commercio rappresenta un presidio fondamentale di un territorio per quanto riguarda la vitalità e la sicurezza». «La crisi si vince - ha detto l'assessore alle Politiche del commercio Paolo Zoni - credendo nelle attività imprenditoriali  esistenti e incentivandole. Per quanto ci riguarda faremo sì che tutto possa funzionare in tempi brevi». Per il direttore di Ascom, Enzo Malanca, quello dei centri commerciali naturali «è uno strumento fondamentale per raggiungere il cittadino-cliente, per organizzare manifestazioni sempre più attraenti e per tenere la clientela in centro». «Il commercio garantisce sicurezza e tenuta sociale: è importante che ci siano tante attività commerciali e che siano supportate a rimanere in centro», ha detto il direttore di Confesercenti Luca Vedrini.
Soddisfazione viene espressa anche dai consiglieri comunali Giovanna Michelotti e Mario Variati di «Impegno per Parma»: Per la Michelotti «il progetto dei centri commerciali naturali è fondamentale per la rivitalizzazione di quartieri come l’Oltretorrente», mentre Variati ricorda che «l'Amministrazione è stata di parola, con la riqualificazione dei borghi in atto e con l'attuazione del progetto del Centro commerciale naturale».

La «nuova» via Imbriani
I lavori dovrebbero partire già in giugno. Il primo intervento - del valore di 500 mila euro - riguarderà l'area di fianco alla chiesa dell'Annunziata, che verrà restituita alla socialità attraverso la creazione di una fontana a cascata e di un giardino di alberi (che riprende il disegno dell'antico giardino che lì sorgeva nel '700). A seguire, in estate o al più tardi all'inizio dell'autunno, a rifarsi il look sarà piazzale Bertozzi, che si affaccia proprio su via Imbriani (anche in questo caso il costo è di 500 mila euro). Qui verrà posata una nuova pavimentazione rialzata e sarà creato il «Caffè della creatività giovanile»: una moderna struttura in ferro e vetro di 250 metri quadrati che offrirà servizi (consultazione libri, periodici, wi-fi zone, internet, audiovisivi) e che rappresenterà uno spazio dedicato all'arte visiva, plastica, alla musica e alla lettura. «Sarà un luogo di produzione culturale dedicato ai giovani di talento nel cuore dell'Oltretorrente», ha detto l'assessore alle Politiche giovanili Lorenzo Lasagna. Infine, ad essere oggetto di lavori sarà il tratto finale di via Imbriani, fra borgo Parente e piazzale Picelli. In questo caso il progetto è ancora in fase di definizione con i commercianti, in quanto proprio questa parte della strada sarà il cuore del Centro commerciale naturale. Saranno comunque creati spazi di incontro e di valorizzazione per le attività commerciali.f.ban.

Villani: accordo  strategico
«Un accordo di assoluta positiva rilevanza perché strategico e efficacemente lungimirante non solo per il sistema agroalimentare italiano nel suo complesso ma per la realtà di Parma che continuerà a trovare, proprio in un settore in cui eccelle ed ha quindi grandi potenzialità, una delle sue maggiori linee di sviluppo». Questo il commento   del vice presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna e consigliere di Forza Italia-Pdl,  Luigi Giuseppe Villani. Che aggiunge:  «Con questa intesa, infatti, si è risolto un antagonismo controproducente sia per il sistema agroalimentare sia per le realtà che si contendevano la massima esposizione fieristica del settore trovando non solo un accordo razionale tra le due realtà che guarda alla specializzazione lasciando da parte una dannosa contrapposizione, ma punta anche dritto verso una sinergia dalle grandissime potenzialità».    Villani ricorda «come il sindaco di Parma Pietro Vignali vi abbia fortemente creduto fin dagli inizi del suo mandato superando peraltro alcuni forti scetticismi, e guardando a quella di Milano come una realtà con cui trovare complementarità e non difficili e controproducenti antagonismi.  Già nel dicembre 2007 Parma è stata infatti la prima città in Italia a stringere un accordo con Milano in previsione dell’Expo 2015. Se si è arrivati ora a risolvere la sovrapposizione tra le due manifestazioni fieristiche, che era un nodo decisivo nei rapporti tra le due realtà, è perché Vignali stesso, come il sindaco Letizia Moratti, il presidente della Lombardia Formigoni e tutti coloro che hanno dato, non solo dal mondo delle istituzioni ma anche da quello delle imprese forti segnali in quella direzione, hanno continuato a credere nella strategia della collaborazione».  

Intervento di Civiltà per Parma
«L’accordo  che riconosce a Cibus e alla nostra città il ruolo di capitale alimentare è un grande successo di questa amministrazione che il sindaco Vignali ha iniziato a costruire dall’inizio del suo mandato -  si legge in una nota di  Civiltà per Parma -  Quando il sindaco firmò nel dicembre del 2007 l’accordo con Letizia Moratti, c’era chi pensava che la grande Milano si sarebbe mangiata la piccola Parma con il suo Cibus. Oggi è avvenuto l’opposto e scopriamo che dietro quell’accordo c’era una visione strategica e lungimiranza politica. Anche l’Expo milanese del 2015, alla luce di questo accordo, sarà per la nostra città un’occasione ancora più grande di sviluppo. La competizione globale, soprattutto oggi che l’economia vive una profonda crisi, deve essere affrontata con importanti collaborazioni, non imitate ai soli confini regionali, che sappiano raccogliere e emettere in evidenza i diversi e specifici “talenti” di un territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

MILTO 5

Fotografia

Un alieno a Parma: ecco chi è Milto5, "campione di selfie"  Video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri 1988 - Taglio del nastro al Centro Torri Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

San Leonardo, stavolta niente «rito»

Droga

San Leonardo, stavolta niente «rito»

Tragedia

«Giovanni adesso è insieme a Dio»

Montechiarugolo

«Mio nipote sequestrato in Tunisia»

CALCIO

Buffon a quota 1000

CONCERTO

Mario Biondi, voce e ricordi

Imprenditori

Morto Primo Ferrari, una vita per il latte

Fidenza

Sottopasso, i residenti propongono un progetto alternativo

PROGETTO

Sala, c'è una badante per te: apre uno sportello

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

1commento

dopo l'attacco

Il terrore e la città bloccata: il video del nostro Matteo Scipioni a Londra

EMERGENZA CRIMINALITA'

La 48 ore dei ladri: quattro case svaligiate, razzie sulle auto e spaccate Video

8commenti

il fatto del giorno

"Bisogna salvare il quartiere San Leonardo" Video

1commento

foto dei lettori

"Scene di ordinaria... stazione: la sosta che blocca decine di bus" Foto

20commenti

Via Cavagnari

Ragazzino morsicato da un cane: scoppia una lite violenta

2commenti

Parma

Nel Piano mobilità il pezzo mancante della tangenziale

Opera da 12 milioni a est della città

5commenti

collecchio

Lo strazio dell'addio a "Gio", sempre a fianco degli ultimi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

11commenti

ITALIA/MONDO

LONDRA

Attacco a Westminster: 4 morti. Smentita l'identità dell'assalitore Video

LONDRA

Ventottenne bolognese ferita ma già dimessa

SOCIETA'

Concorso

La Grande Bellezza dell'Oltretorrente: i video dei ragazzi e le interviste

COLORNO

Con il Fai a scoprire l'appartamento del duca don Ferdinando Fotogallery

SPORT

SONDAGGIO

Il Parma andrà in serie B? Avete fiducia? Votate

2commenti

LA POLEMICA

Cipollini disintegra il ciclismo italiano

MOTORI

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery

LA PROVA

Fiat 500L Living a metano