21°

31°

Quartieri

I commercianti del centro Le Vele: «Siamo in balia dei delinquenti»

In un anno, dieci furti nei negozi: «In pochi non possiamo organizzare un servizio di sicurezza».

Centro commerciale le Vele di San Prospero

Centro commerciale le Vele di San Prospero

0

 

Matteo Scipioni
In un anno si contano una decina di colpi e, addirittura, una rapina a mano armata sventata all'ultimo istante, con tanto di ladri incappucciati pronti a irrompere dentro la sala da poker nel corso di un torneo. Parma, San Prospero, centro commerciale «Le Vele», e non la metropoli di un videogioco. 
Nel tardo pomeriggio, dei clienti nemmeno l'ombra: dodici attività commerciali semi vuote e tanta rabbia da parte dei titolari dei negozi. Il messaggio, nemmeno tanto velato, diretto al Comune è: «Nessun aiuto e nessun incentivo impediscono l'apertura di negozi: più attività commerciali equivalgono a più attrazioni che portano gente». 
L'equazione è, a questo punto, semplice: «Più clienti uguale più soldi e, quindi, la possibilità di investire in un capillare servizio di sicurezza». Due attività hanno già annunciato la chiusura, in tre  stanno pensando seriamente a questa decisione. Nei negozi non è acceso nemmeno il riscaldamento. Mario Gaida (profumeria Femme Fatale) ha subito due furti: «Abbiamo portato via la merce per paura. Se nessuno fa niente, anche noi dobbiamo chiudere». Marco Pioli (Cmp, abbigliamento): «Questo è il Far West e noi siamo stati abbandonati. Siamo in pochi e non possiamo strutturare un servizio di sorveglianza». Pioli rincara: «Il Comune in Oltretorrente ha incentivato gli investimenti nelle attività commerciali, ma qui non fa nulla». Paola Lauria (Foto Digital). «Il 31 gennaio chiudo, devo aggiungere altro? Non è partito il centro, non sono partite le difese, semplice». Fulvio Ventura (bar La Cambusa) è l'unico leggermente controcorrente: «Io sopravvivo perchè lavoro un po' a mezzogiorno, ma attorno basta dare un'occhiata per capire».  Tutti, poi, lamentano: «Per le necessità generali non sappiamo a chi rivolgerci». 
Leo Za (Arcadia, casalinghi-abbigliamento): «Aspettiamo che il Comune faccia qualcosa». Mentre Dino Guaccio (Brico OK) è l'unico un po' tranquillo: «Noi abbiamo la nostra sicurezza che vigila costantemente. Qui attorno, comunque, è tutto lasciato a se stesso». Mario Gruzza di Stop and Go - dopo il colpo subito ha messo dei dissuasori di cemento davanti alla vetrina - allarga il discorso: «Non è un problema solo del centro commerciale, è Parma che oramai è diventata invivibile: questi delinquenti restano sempre impuniti». Paolo Panizza (Communication network, cumputer) l'ultimo visitato dai ladri, domenica, esprime la sua rabbia: «Non riusciamo a tutelarci: abbiamo le mani legate in tutti i sensi. Se poi li prendi, i ladri tornano la sera dopo... In Italia è così». Chiude Fausto Locciola (Lara Optical): «Noi teniamo botta perchè abbiamo un marchio, ma gli altri non so come faranno a resistere. Siamo in pochi, non riusciamo ad avere un servizio di sicurezza».
Matteo Scipioni

 

In un anno si contano una decina di colpi e, addirittura, una rapina a mano armata sventata all'ultimo istante, con tanto di ladri incappucciati pronti a irrompere dentro la sala da poker nel corso di un torneo. Parma, San Prospero, centro commerciale «Le Vele», e non la metropoli di un videogioco. Nel tardo pomeriggio, dei clienti nemmeno l'ombra: dodici attività commerciali semi vuote e tanta rabbia da parte dei titolari dei negozi. Il messaggio, nemmeno tanto velato, diretto al Comune è: «Nessun aiuto e nessun incentivo impediscono l'apertura di negozi: più attività commerciali equivalgono a più attrazioni che portano gente». L'equazione è, a questo punto, semplice: «Più clienti uguale più soldi e, quindi, la possibilità di investire in un capillare servizio di sicurezza». Due attività hanno già annunciato la chiusura, in tre  stanno pensando seriamente a questa decisione. Nei negozi non è acceso nemmeno il riscaldamento. Mario Gaida (profumeria Femme Fatale) ha subito due furti: «Abbiamo portato via la merce per paura. Se nessuno fa niente, anche noi dobbiamo chiudere». Marco Pioli (Cmp, abbigliamento): «Questo è il Far West e noi siamo stati abbandonati. Siamo in pochi e non possiamo strutturare un servizio di sorveglianza». Pioli rincara: «Il Comune in Oltretorrente ha incentivato gli investimenti nelle attività commerciali, ma qui non fa nulla». Paola Lauria (Foto Digital). «Il 31 gennaio chiudo, devo aggiungere altro? Non è partito il centro, non sono partite le difese, semplice». Fulvio Ventura (bar La Cambusa) è l'unico leggermente controcorrente: «Io sopravvivo perchè lavoro un po' a mezzogiorno, ma attorno basta dare un'occhiata per capire».  Tutti, poi, lamentano: «Per le necessità generali non sappiamo a chi rivolgerci». Leo Za (Arcadia, casalinghi-abbigliamento): «Aspettiamo che il Comune faccia qualcosa». Mentre Dino Guaccio (Brico OK) è l'unico un po' tranquillo: «Noi abbiamo la nostra sicurezza che vigila costantemente. Qui attorno, comunque, è tutto lasciato a se stesso». Mario Gruzza di Stop and Go - dopo il colpo subito ha messo dei dissuasori di cemento davanti alla vetrina - allarga il discorso: «Non è un problema solo del centro commerciale, è Parma che oramai è diventata invivibile: questi delinquenti restano sempre impuniti». Paolo Panizza (Communication network, cumputer) l'ultimo visitato dai ladri, domenica, esprime la sua rabbia: «Non riusciamo a tutelarci: abbiamo le mani legate in tutti i sensi. Se poi li prendi, i ladri tornano la sera dopo... In Italia è così». Chiude Fausto Locciola (Lara Optical): «Noi teniamo botta perchè abbiamo un marchio, ma gli altri non so come faranno a resistere. Siamo in pochi, non riusciamo ad avere un servizio di sicurezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Parma al voto: domani si decide il prossimo sindaco

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

Meteo

Ferrara rovente: temperatura percepita 49°. Parma (da podio) non scherza, 41°

La città emiliana è la più calda d'Italia

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

fidenza

Catena di soccorsi e affetto salva un capriolo investito

traffico intenso

Autocisa: dopo una mattinata difficile, coda esaurita

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

3commenti

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Salerno

Investe una donna e la uccide: è un attore di "Don Matteo" e "1993"

Stati Uniti

Boss mafioso scarcerato per vecchiaia: ha 100 anni

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

CALCIO

Gli azzurrini battono la Germania e volano in semifinale

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse