13°

26°

San Lazzaro Lubiana

"In via Emilio Lepido rischiamo la vita ogni giorno"

I residenti: "Traffico infernale e incidenti continui. Né strisce né dossi: abbiamo paura ad attraversare".

Un tratto di Via Emilia

Via Emilio Lepido

0

 

Margherita Portelli
Incidenti all’ordine del giorno, traffico «da rally» nelle ore di punta e attraversamenti pedonali inesistenti. Nel tratto di via Emilio Lepido che va dalla rotatoria del parcheggio scambiatore est a San Prospero, i residenti devono convivere da anni con una situazione viabilistica che non esistano a definire «infernale» e che li mette in serio pericolo quotidianamente. 
Siamo all’altezza del civico 137 e il sottofondo rumoroso del traffico è una costante. L’ultimo incidente risale a una manciata di giorni fa, ma qui l’asfalto è teatro di scontri continuamente e sono più di una quindicina le famiglie di residenti esasperate da questa situazione. A dar loro voce è Pëllumb Metushi, un muratore albanese in Italia da 17 anni che vive con la famiglia in una casetta che affaccia su questo tratto di strada.
 «Abbiamo chiesto ripetutamente a Comune e Anas di fare qualcosa, mettere un dosso, un dissuasore del traffico, un autovelox. Insomma qualcosa che imponga agli automobilisti di mantenere una velocità adeguata – spiega -. Qui la mattina alle 8 le macchine sfrecciano, anche fino a 120 chilometri all’ora, stessa cosa alla sera: non c’è scampo, durante la settimana è così ogni giorno. Sono cose da pazzi».
 Già immettersi in strada con l’auto è difficoltoso, ma il problema più grande, per chi ha dei figli da mandare a scuola o semplicemente per chi desidera avvalersi del servizio di trasporto pubblico, è raggiungere la fermata dell’autobus dalla parte opposta della carreggiata: le strisce pedonali non esistono.
 «Non chiediamo tanto, un dosso e due strisce pedonali – continua il cittadino -. Qui vivono molte famiglie, alcune con bambini che per andare a scuola devono prendere l’Happybus. Anche io ho due figli piccoli e ogni mattina ad accompagnarli dall’altra parte della strada per raggiungere la fermata c’è da avere paura seriamente: le macchine sfrecciano e il traffico è intenso». 
Gli incidenti spesso sono causati dall’alta velocità: «Io vivo qui da cinque anni e direi che in media una volta al mese questo tratto di strada è teatro di sinistri, talvolta anche gravi – sostiene Metushi -: come residenti abbiamo scritto al Comune in passato segnalando questa pericolosa situazione; ci è stato detto che la competenza era dell’Anas, allora ci siamo fatti vivi anche con loro, ma in tanto tempo non è stato fatto nulla: almeno un cartello che inviti le auto a rallentare avrebbero potuto metterlo, oppure un autovelox». 
Il tratto di strada in questione non è considerato centro abitato, infatti si trova tra il cartello che segnala la fine della città e quello che indica l’inizio di San Prospero. Domenica scorsa c’è stato l’ennesimo incidente, nel quale sono rimasti feriti, per fortuna in modo lieve, anche due bambini. 
Margherita Portelli

 

Incidenti all’ordine del giorno, traffico «da rally» nelle ore di punta e attraversamenti pedonali inesistenti. Nel tratto di via Emilio Lepido che va dalla rotatoria del parcheggio scambiatore est a San Prospero, i residenti devono convivere da anni con una situazione viabilistica che non esistano a definire «infernale» e che li mette in serio pericolo quotidianamente. Siamo all’altezza del civico 137 e il sottofondo rumoroso del traffico è una costante. L’ultimo incidente risale a una manciata di giorni fa, ma qui l’asfalto è teatro di scontri continuamente e sono più di una quindicina le famiglie di residenti esasperate da questa situazione. A dar loro voce è Pëllumb Metushi, un muratore albanese in Italia da 17 anni che vive con la famiglia in una casetta che affaccia su questo tratto di strada. «Abbiamo chiesto ripetutamente a Comune e Anas di fare qualcosa, mettere un dosso, un dissuasore del traffico, un autovelox. Insomma qualcosa che imponga agli automobilisti di mantenere una velocità adeguata – spiega -. Qui la mattina alle 8 le macchine sfrecciano, anche fino a 120 chilometri all’ora, stessa cosa alla sera: non c’è scampo, durante la settimana è così ogni giorno. Sono cose da pazzi». Già immettersi in strada con l’auto è difficoltoso, ma il problema più grande, per chi ha dei figli da mandare a scuola o semplicemente per chi desidera avvalersi del servizio di trasporto pubblico, è raggiungere la fermata dell’autobus dalla parte opposta della carreggiata: le strisce pedonali non esistono. «Non chiediamo tanto, un dosso e due strisce pedonali – continua il cittadino -. Qui vivono molte famiglie, alcune con bambini che per andare a scuola devono prendere l’Happybus. Anche io ho due figli piccoli e ogni mattina ad accompagnarli dall’altra parte della strada per raggiungere la fermata c’è da avere paura seriamente: le macchine sfrecciano e il traffico è intenso». Gli incidenti spesso sono causati dall’alta velocità: «Io vivo qui da cinque anni e direi che in media una volta al mese questo tratto di strada è teatro di sinistri, talvolta anche gravi – sostiene Metushi -: come residenti abbiamo scritto al Comune in passato segnalando questa pericolosa situazione; ci è stato detto che la competenza era dell’Anas, allora ci siamo fatti vivi anche con loro, ma in tanto tempo non è stato fatto nulla: almeno un cartello che inviti le auto a rallentare avrebbero potuto metterlo, oppure un autovelox». Il tratto di strada in questione non è considerato centro abitato, infatti si trova tra il cartello che segnala la fine della città e quello che indica l’inizio di San Prospero. Domenica scorsa c’è stato l’ennesimo incidente, nel quale sono rimasti feriti, per fortuna in modo lieve, anche due bambini. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Il video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Virginia Raggi balla tra la folla

Youtube

Virginia Raggi balla tra la folla Video

Le ritrovate

L'INDISCRETO

Gossip, la Top 5: le "ritrovate"

Cagnotto, matrimonio da favola

Gossip Sportivo

Cagnotto, matrimonio da favola

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La Gazzetta lancia una sottoscrizione con Cariparma

TERREMOTO

La sottoscrizione della Gazzetta con Cariparma

2commenti

Lealtrenotizie

In Duomo il battesimo del Principe Carlo Enrico

borbone parma

In Duomo il battesimo del Principe Carlo Enrico Le foto

C'era anche il re d'Olanda, uno dei padrini

10commenti

polemica

Pizzarotti: "Parma non è ordinata? Provate Piacenza o Reggio..."

35commenti

Passo di Fugicchia

Escursionista colta da malore in quota

Raggiunta dal Soccorso Alpino e trasportata in ospedale in elicottero

incidente

Schianto tra auto e scooter: un ferito a Varsi

QUATTRO CASTELLA

Agricoltore investe col trattore e uccide il figlio di 8 anni

La disgrazia in un fondo nel reggiano. Indagano i carabinieri

1commento

Lega Pro

Evacuo fa gioire il Parma

I gialloblù tornano ad allenarsi domani

4commenti

stessa posa, stesso luogo

Oggi come ieri: sorrisi e nostalgia Gallery Inviateci le vostre foto

1commento

Bufale e sogni

Un giorno inseguendo il fantasma di Angelina Jolie

INCIDENTE

Via Reggio, motociclista ferito

Scuola

Riccò, alla materna il 62% di stranieri

7commenti

auto storiche

Parma-Poggio: una passione senza tempo Foto

VIOLENZA

Salva la barista pestata da un cliente. Ma si becca una denuncia

La titolare del «Laguna»: «Il mio compagno mi ha difesa. Quell'uomo mi aveva colpito con un portacenere»

22commenti

lega pro

Battuto l'Albinoleffe 1-0! Il Parma è quarto Foto Video

Decisiva la rete di Evacuo al 46'. Apolloni: "Serviva più ritmo". Risultati e classifica

3commenti

LUNEDI'

Sicurezza, bellezza, immigrazione, terrorismo, convegno al Wopa

angelina a parma?

Col coccodrillo di Bogolese o a salutare con Dino: la Jolie e l'ironia-avvistamenti Foto

E spuntano anche i fotomontaggi

teatro

Busseto punta sulla leggerezza

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Ma la torta fritta non è blasfema

1commento

EDITORIALE

L'Italia che dice no «perché siamo incapaci»

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

Svizzera

Il Canton Ticino "respinge" i frontalieri italiani

TERREMOTO

Amatrice, gatto salvato dopo 32 giorni

SOCIETA'

festa

San Ruffino: è festa per Giulia, campionessa della porta accanto Foto

Spagna

Cartello dal barbiere: "Ammessi uomini e cani. Non le donne". E' polemica

SPORT

Basket

Show Olimpia, Supercoppa biancorossa

400 metri ostacoli

Folorunso, un nuovo acuto: vittoria e primato personale

MOTORI

ANTEPRIMA

Opel, la Karl
diventa Rocks

IL TEST

Kia cee'd,
che sorpresa
il tre cilindri