18°

San Lazzaro Lubiana

"In via Emilio Lepido rischiamo la vita ogni giorno"

I residenti: "Traffico infernale e incidenti continui. Né strisce né dossi: abbiamo paura ad attraversare".

Un tratto di Via Emilia

Via Emilio Lepido

0

 

Margherita Portelli
Incidenti all’ordine del giorno, traffico «da rally» nelle ore di punta e attraversamenti pedonali inesistenti. Nel tratto di via Emilio Lepido che va dalla rotatoria del parcheggio scambiatore est a San Prospero, i residenti devono convivere da anni con una situazione viabilistica che non esistano a definire «infernale» e che li mette in serio pericolo quotidianamente. 
Siamo all’altezza del civico 137 e il sottofondo rumoroso del traffico è una costante. L’ultimo incidente risale a una manciata di giorni fa, ma qui l’asfalto è teatro di scontri continuamente e sono più di una quindicina le famiglie di residenti esasperate da questa situazione. A dar loro voce è Pëllumb Metushi, un muratore albanese in Italia da 17 anni che vive con la famiglia in una casetta che affaccia su questo tratto di strada.
 «Abbiamo chiesto ripetutamente a Comune e Anas di fare qualcosa, mettere un dosso, un dissuasore del traffico, un autovelox. Insomma qualcosa che imponga agli automobilisti di mantenere una velocità adeguata – spiega -. Qui la mattina alle 8 le macchine sfrecciano, anche fino a 120 chilometri all’ora, stessa cosa alla sera: non c’è scampo, durante la settimana è così ogni giorno. Sono cose da pazzi».
 Già immettersi in strada con l’auto è difficoltoso, ma il problema più grande, per chi ha dei figli da mandare a scuola o semplicemente per chi desidera avvalersi del servizio di trasporto pubblico, è raggiungere la fermata dell’autobus dalla parte opposta della carreggiata: le strisce pedonali non esistono.
 «Non chiediamo tanto, un dosso e due strisce pedonali – continua il cittadino -. Qui vivono molte famiglie, alcune con bambini che per andare a scuola devono prendere l’Happybus. Anche io ho due figli piccoli e ogni mattina ad accompagnarli dall’altra parte della strada per raggiungere la fermata c’è da avere paura seriamente: le macchine sfrecciano e il traffico è intenso». 
Gli incidenti spesso sono causati dall’alta velocità: «Io vivo qui da cinque anni e direi che in media una volta al mese questo tratto di strada è teatro di sinistri, talvolta anche gravi – sostiene Metushi -: come residenti abbiamo scritto al Comune in passato segnalando questa pericolosa situazione; ci è stato detto che la competenza era dell’Anas, allora ci siamo fatti vivi anche con loro, ma in tanto tempo non è stato fatto nulla: almeno un cartello che inviti le auto a rallentare avrebbero potuto metterlo, oppure un autovelox». 
Il tratto di strada in questione non è considerato centro abitato, infatti si trova tra il cartello che segnala la fine della città e quello che indica l’inizio di San Prospero. Domenica scorsa c’è stato l’ennesimo incidente, nel quale sono rimasti feriti, per fortuna in modo lieve, anche due bambini. 
Margherita Portelli

 

Incidenti all’ordine del giorno, traffico «da rally» nelle ore di punta e attraversamenti pedonali inesistenti. Nel tratto di via Emilio Lepido che va dalla rotatoria del parcheggio scambiatore est a San Prospero, i residenti devono convivere da anni con una situazione viabilistica che non esistano a definire «infernale» e che li mette in serio pericolo quotidianamente. Siamo all’altezza del civico 137 e il sottofondo rumoroso del traffico è una costante. L’ultimo incidente risale a una manciata di giorni fa, ma qui l’asfalto è teatro di scontri continuamente e sono più di una quindicina le famiglie di residenti esasperate da questa situazione. A dar loro voce è Pëllumb Metushi, un muratore albanese in Italia da 17 anni che vive con la famiglia in una casetta che affaccia su questo tratto di strada. «Abbiamo chiesto ripetutamente a Comune e Anas di fare qualcosa, mettere un dosso, un dissuasore del traffico, un autovelox. Insomma qualcosa che imponga agli automobilisti di mantenere una velocità adeguata – spiega -. Qui la mattina alle 8 le macchine sfrecciano, anche fino a 120 chilometri all’ora, stessa cosa alla sera: non c’è scampo, durante la settimana è così ogni giorno. Sono cose da pazzi». Già immettersi in strada con l’auto è difficoltoso, ma il problema più grande, per chi ha dei figli da mandare a scuola o semplicemente per chi desidera avvalersi del servizio di trasporto pubblico, è raggiungere la fermata dell’autobus dalla parte opposta della carreggiata: le strisce pedonali non esistono. «Non chiediamo tanto, un dosso e due strisce pedonali – continua il cittadino -. Qui vivono molte famiglie, alcune con bambini che per andare a scuola devono prendere l’Happybus. Anche io ho due figli piccoli e ogni mattina ad accompagnarli dall’altra parte della strada per raggiungere la fermata c’è da avere paura seriamente: le macchine sfrecciano e il traffico è intenso». Gli incidenti spesso sono causati dall’alta velocità: «Io vivo qui da cinque anni e direi che in media una volta al mese questo tratto di strada è teatro di sinistri, talvolta anche gravi – sostiene Metushi -: come residenti abbiamo scritto al Comune in passato segnalando questa pericolosa situazione; ci è stato detto che la competenza era dell’Anas, allora ci siamo fatti vivi anche con loro, ma in tanto tempo non è stato fatto nulla: almeno un cartello che inviti le auto a rallentare avrebbero potuto metterlo, oppure un autovelox». Il tratto di strada in questione non è considerato centro abitato, infatti si trova tra il cartello che segnala la fine della città e quello che indica l’inizio di San Prospero. Domenica scorsa c’è stato l’ennesimo incidente, nel quale sono rimasti feriti, per fortuna in modo lieve, anche due bambini. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

4commenti

lega pro

Parma, alle 16.30 in campo pensando solo a vincere Diretta

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

5commenti

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

15commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

1commento

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

3commenti

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

podisti

Tutti i protagonisti della Manarace di Fontevivo Foto

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

usa

Sparatoria in un night a Cincinnati, un morto e 15 feriti Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017