San Lazzaro Lubiana

"In via Emilio Lepido rischiamo la vita ogni giorno"

I residenti: "Traffico infernale e incidenti continui. Né strisce né dossi: abbiamo paura ad attraversare".

Un tratto di Via Emilia

Via Emilio Lepido

Ricevi gratis le news
0

 

Margherita Portelli
Incidenti all’ordine del giorno, traffico «da rally» nelle ore di punta e attraversamenti pedonali inesistenti. Nel tratto di via Emilio Lepido che va dalla rotatoria del parcheggio scambiatore est a San Prospero, i residenti devono convivere da anni con una situazione viabilistica che non esistano a definire «infernale» e che li mette in serio pericolo quotidianamente. 
Siamo all’altezza del civico 137 e il sottofondo rumoroso del traffico è una costante. L’ultimo incidente risale a una manciata di giorni fa, ma qui l’asfalto è teatro di scontri continuamente e sono più di una quindicina le famiglie di residenti esasperate da questa situazione. A dar loro voce è Pëllumb Metushi, un muratore albanese in Italia da 17 anni che vive con la famiglia in una casetta che affaccia su questo tratto di strada.
 «Abbiamo chiesto ripetutamente a Comune e Anas di fare qualcosa, mettere un dosso, un dissuasore del traffico, un autovelox. Insomma qualcosa che imponga agli automobilisti di mantenere una velocità adeguata – spiega -. Qui la mattina alle 8 le macchine sfrecciano, anche fino a 120 chilometri all’ora, stessa cosa alla sera: non c’è scampo, durante la settimana è così ogni giorno. Sono cose da pazzi».
 Già immettersi in strada con l’auto è difficoltoso, ma il problema più grande, per chi ha dei figli da mandare a scuola o semplicemente per chi desidera avvalersi del servizio di trasporto pubblico, è raggiungere la fermata dell’autobus dalla parte opposta della carreggiata: le strisce pedonali non esistono.
 «Non chiediamo tanto, un dosso e due strisce pedonali – continua il cittadino -. Qui vivono molte famiglie, alcune con bambini che per andare a scuola devono prendere l’Happybus. Anche io ho due figli piccoli e ogni mattina ad accompagnarli dall’altra parte della strada per raggiungere la fermata c’è da avere paura seriamente: le macchine sfrecciano e il traffico è intenso». 
Gli incidenti spesso sono causati dall’alta velocità: «Io vivo qui da cinque anni e direi che in media una volta al mese questo tratto di strada è teatro di sinistri, talvolta anche gravi – sostiene Metushi -: come residenti abbiamo scritto al Comune in passato segnalando questa pericolosa situazione; ci è stato detto che la competenza era dell’Anas, allora ci siamo fatti vivi anche con loro, ma in tanto tempo non è stato fatto nulla: almeno un cartello che inviti le auto a rallentare avrebbero potuto metterlo, oppure un autovelox». 
Il tratto di strada in questione non è considerato centro abitato, infatti si trova tra il cartello che segnala la fine della città e quello che indica l’inizio di San Prospero. Domenica scorsa c’è stato l’ennesimo incidente, nel quale sono rimasti feriti, per fortuna in modo lieve, anche due bambini. 
Margherita Portelli

 

Incidenti all’ordine del giorno, traffico «da rally» nelle ore di punta e attraversamenti pedonali inesistenti. Nel tratto di via Emilio Lepido che va dalla rotatoria del parcheggio scambiatore est a San Prospero, i residenti devono convivere da anni con una situazione viabilistica che non esistano a definire «infernale» e che li mette in serio pericolo quotidianamente. Siamo all’altezza del civico 137 e il sottofondo rumoroso del traffico è una costante. L’ultimo incidente risale a una manciata di giorni fa, ma qui l’asfalto è teatro di scontri continuamente e sono più di una quindicina le famiglie di residenti esasperate da questa situazione. A dar loro voce è Pëllumb Metushi, un muratore albanese in Italia da 17 anni che vive con la famiglia in una casetta che affaccia su questo tratto di strada. «Abbiamo chiesto ripetutamente a Comune e Anas di fare qualcosa, mettere un dosso, un dissuasore del traffico, un autovelox. Insomma qualcosa che imponga agli automobilisti di mantenere una velocità adeguata – spiega -. Qui la mattina alle 8 le macchine sfrecciano, anche fino a 120 chilometri all’ora, stessa cosa alla sera: non c’è scampo, durante la settimana è così ogni giorno. Sono cose da pazzi». Già immettersi in strada con l’auto è difficoltoso, ma il problema più grande, per chi ha dei figli da mandare a scuola o semplicemente per chi desidera avvalersi del servizio di trasporto pubblico, è raggiungere la fermata dell’autobus dalla parte opposta della carreggiata: le strisce pedonali non esistono. «Non chiediamo tanto, un dosso e due strisce pedonali – continua il cittadino -. Qui vivono molte famiglie, alcune con bambini che per andare a scuola devono prendere l’Happybus. Anche io ho due figli piccoli e ogni mattina ad accompagnarli dall’altra parte della strada per raggiungere la fermata c’è da avere paura seriamente: le macchine sfrecciano e il traffico è intenso». Gli incidenti spesso sono causati dall’alta velocità: «Io vivo qui da cinque anni e direi che in media una volta al mese questo tratto di strada è teatro di sinistri, talvolta anche gravi – sostiene Metushi -: come residenti abbiamo scritto al Comune in passato segnalando questa pericolosa situazione; ci è stato detto che la competenza era dell’Anas, allora ci siamo fatti vivi anche con loro, ma in tanto tempo non è stato fatto nulla: almeno un cartello che inviti le auto a rallentare avrebbero potuto metterlo, oppure un autovelox». Il tratto di strada in questione non è considerato centro abitato, infatti si trova tra il cartello che segnala la fine della città e quello che indica l’inizio di San Prospero. Domenica scorsa c’è stato l’ennesimo incidente, nel quale sono rimasti feriti, per fortuna in modo lieve, anche due bambini. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

8commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

1commento

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

2commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

MODENA

Ius soli, scontri alla manifestazione: arrestato 28enne antagonista di Parma

Il giovane è stato condannato a 6 mesi (pena sospesa). Due manifestanti al pronto soccorso, 6 agenti lievemente feriti

1commento

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

PARMA

Cremazione di cani e gatti: inaugurato il servizio a Pilastrello

È nato il Ponte dell’Arcobaleno

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

tg parma

Ponte chiuso fra Colorno e Casalmaggiore: protesta sulle due sponde del Po Video

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

PROMO NATALE

Abbonarsi conviene: la Gazzetta digitale con lo sconto del 28%

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande