15°

VistodaParma

Movida come il Far West: la misura è colma

0

 

Se proprio dobbiamo arrenderci, allora che almeno lo si dica pubblicamente. Così, quei gran rompiscatole dei residenti di via D’Azeglio e dintorni che si lamentano da anni la smetteranno finalmente di frignare. Dopo l’ultima doppia rissa – o battaglia? – a colpi di bottigliate, infatti, la «guerra della movida»  può considerarsi ufficialmente chiusa. Con la vittoria schiacciante dei violenti. Dei teppisti dell’urlo e dello schiamazzo permanente di ogni ordine e grado. Dei professionisti dello sballo garantito (che come volevasi dimostrare non può essere certo fermato imponendo l’uso dei bicchieri di plastica al posto di quelli di vetro!). E con la disfatta inequivocabile di quanti – compreso chi scrive – hanno cercato a più riprese, ma invano, di protestare e di mettere in guardia. Di segnalare che lasciare in balia del degrado e dei più maramaldi il cuore stesso dell’Oltretorrente avrebbe portato a consegnare rapidamente l’intero quartiere al Far West. E così è avvenuto. Con l’aggravante che, adesso, nessuno sembra avere più nulla da dire o da proporre dopo la colossale sbornia di conferenze stampa, ordinanze, «tavoli di lavoro» e annunci d’ogni genere a cui siamo stati, nostro malgrado, sottoposti.   A questo punto, quindi, dichiarare la resa incondizionata sarebbe se non altro un gesto di onestà intellettuale. E magari potrebbe servire pure da salutare, ancorché tardiva, sferzata. Temo che non sarà così. Temo infatti che dovremo sorbirci un nuovo profluvio di accorate prese di posizione condite con la promessa di chissà quali nuovi interventi volti a «riqualificare», a «rilanciare», a «migliorare» e via discorrendo. Ebbene, premesso che se bisogna assolvere qualcuno da questa autentica «Caporetto» civile, culturale e morale prima ancora che dell’ordine pubblico quel qualcuno sono proprio le nostre forze dell’ordine (troppo scarse e per forza di cose impegnate su un fronte ben più vasto), vediamo almeno di fissare alcuni punti fermi. Ad esempio: basta con le già citate ordinanze! Ne sono state scritte ed emanate anche troppe. E tutte rivelatesi penosamente inutili. Se bisogna multare un esercente che smercia litri d’alcol a dei minorenni, oppure non rispetta l’orario di chiusura, od ancora fa andare la musica a mille bastano e avanzano le leggi e i codici esistenti. Il problema, semmai, qual è? Il problema è che non ci si può limitare a fare strage di auto in sosta vietata per «fare cassa», chiudendo contemporaneamente un occhio (e l’altro pure) sugli ubriachi e su quelli che si divertono a organizzare un bel «rave party» direttamente sotto le finestre dei residenti. I quali (e non solo quelli di via D’Azeglio ma pure di strada Farini e più di recente anche di zona Mazzini) hanno sempre chiesto e invocato alla fin fine cosa? Ma - diamine! - che qualcuno controllasse e sanzionasse all’istante anche i disturbatori di professione. Ed ancora una presenza ben visibile e non occasionale che scoraggiasse sul nascere i balordi e gli spacciatori. E questo non è un problema di ordinanze. Ma di scelte. Di direttive impartite, oppure no. In altri termini, di come si amministra (o non si amministra) una città! Invece, poco a poco, strada dopo strada, metro dopo metro, abbiamo assistito a una lenta ritirata iniziata – voglio dirlo chiaramente - già con la precedente amministrazione. Ed è così che via D’Azeglio è finita in mano alle bande che un paio di sere fa si sono affrontate selvaggiamente nel fuggi fuggi generale dei passanti e per la disperazione di un intero quartiere ormai prigioniero a casa propria. La misura è dunque colma. Ed è allarme rosso ormai per tutto il centro storico che già sta vivendo il momento terribile che sappiamo. Anche per questo, arrendersi veramente equivarrebbe a una specie di suicidio di massa. Smettiamola allora di perdere tempo in storielle. E ascoltiamo finalmente la voce di una intera città che non vuole sprofondare in un Far West dove a pagare sono sempre i buoni. E mai i cattivi.
postagnetti@alice.it.
Pino Agnetti
Se proprio dobbiamo arrenderci, allora che almeno lo si dica pubblicamente. Così, quei gran rompiscatole dei residenti di via D’Azeglio e dintorni che si lamentano da anni la smetteranno finalmente di frignare. Dopo l’ultima doppia rissa – o battaglia? – a colpi di bottigliate, infatti, la «guerra della movida»  può considerarsi ufficialmente chiusa. Con la vittoria schiacciante dei violenti. Dei teppisti dell’urlo e dello schiamazzo permanente di ogni ordine e grado. Dei professionisti dello sballo garantito (che come volevasi dimostrare non può essere certo fermato imponendo l’uso dei bicchieri di plastica al posto di quelli di vetro!). E con la disfatta inequivocabile di quanti – compreso chi scrive – hanno cercato a più riprese, ma invano, di protestare e di mettere in guardia. Di segnalare che lasciare in balia del degrado e dei più maramaldi il cuore stesso dell’Oltretorrente avrebbe portato a consegnare rapidamente l’intero quartiere al Far West. E così è avvenuto. Con l’aggravante che, adesso, nessuno sembra avere più nulla da dire o da proporre dopo la colossale sbornia di conferenze stampa, ordinanze, «tavoli di lavoro» e annunci d’ogni genere a cui siamo stati, nostro malgrado, sottoposti.   A questo punto, quindi, dichiarare la resa incondizionata sarebbe se non altro un gesto di onestà intellettuale. E magari potrebbe servire pure da salutare, ancorché tardiva, sferzata. Temo che non sarà così. Temo infatti che dovremo sorbirci un nuovo profluvio di accorate prese di posizione condite con la promessa di chissà quali nuovi interventi volti a «riqualificare», a «rilanciare», a «migliorare» e via discorrendo. Ebbene, premesso che se bisogna assolvere qualcuno da questa autentica «Caporetto» civile, culturale e morale prima ancora che dell’ordine pubblico quel qualcuno sono proprio le nostre forze dell’ordine (troppo scarse e per forza di cose impegnate su un fronte ben più vasto), vediamo almeno di fissare alcuni punti fermi. Ad esempio: basta con le già citate ordinanze! Ne sono state scritte ed emanate anche troppe. E tutte rivelatesi penosamente inutili. Se bisogna multare un esercente che smercia litri d’alcol a dei minorenni, oppure non rispetta l’orario di chiusura, od ancora fa andare la musica a mille bastano e avanzano le leggi e i codici esistenti. Il problema, semmai, qual è? Il problema è che non ci si può limitare a fare strage di auto in sosta vietata per «fare cassa», chiudendo contemporaneamente un occhio (e l’altro pure) sugli ubriachi e su quelli che si divertono a organizzare un bel «rave party» direttamente sotto le finestre dei residenti. I quali (e non solo quelli di via D’Azeglio ma pure di strada Farini e più di recente anche di zona Mazzini) hanno sempre chiesto e invocato alla fin fine cosa? Ma - diamine! - che qualcuno controllasse e sanzionasse all’istante anche i disturbatori di professione. Ed ancora una presenza ben visibile e non occasionale che scoraggiasse sul nascere i balordi e gli spacciatori. E questo non è un problema di ordinanze. Ma di scelte. Di direttive impartite, oppure no. In altri termini, di come si amministra (o non si amministra) una città! Invece, poco a poco, strada dopo strada, metro dopo metro, abbiamo assistito a una lenta ritirata iniziata – voglio dirlo chiaramente - già con la precedente amministrazione. Ed è così che via D’Azeglio è finita in mano alle bande che un paio di sere fa si sono affrontate selvaggiamente nel fuggi fuggi generale dei passanti e per la disperazione di un intero quartiere ormai prigioniero a casa propria. La misura è dunque colma. Ed è allarme rosso ormai per tutto il centro storico che già sta vivendo il momento terribile che sappiamo. Anche per questo, arrendersi veramente equivarrebbe a una specie di suicidio di massa. Smettiamola allora di perdere tempo in storielle. E ascoltiamo finalmente la voce di una intera città che non vuole sprofondare in un Far West dove a pagare sono sempre i buoni. E mai i cattivi.postagnetti@alice.it.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Accanto alle palme anche i banani in piazza Duomo

milano

Accanto alle palme anche i banani in piazza Duomo Foto

L'Ambarabà compie un anno

Pgn

L'Ambarabà compie un anno Foto

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Due parmigiane in missione per salvare l'arte dalle macerie

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

PARMA

Si fa prestare lo scooter e scippa tre anziane: arrestato giovane indiano

Una delle vittime, cadendo, è finita al Maggiore con il bacino fratturato e oltre un mese di prognosi

4commenti

tg parma

Pesticidi nel Po: dati preoccupanti, trovate anche sostanze proibite

Pubblicato un dossier Ispra

Bassa

Furti a Mezzano Superiore: nel mirino anche l'asilo e il circolo Anspi Video

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

il caso

Legionella, nuovo incontro pubblico alla Don Milani

La trasmissione di TvParma "Lettere al direttore" seguirà l'evento

1commento

VIA VENEZIA

Investe una donna e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

8commenti

amministrative

Manno si candida: "Con falce e martello vogliamo far tornare la speranza in città" Video

3commenti

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

Ci sono nuove date per semifinali e finali

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

6commenti

Sindacato

Cgil Parma, gli iscritti superano quota 76.000

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

2commenti

LA SPEZIA

Rubava Epo all'ospedale per venderlo ai ciclisti

SOCIETA'

ALIMENTAZIONE

Frutta e verdura: 10 porzioni al giorno per salvare 7,8 mln di vite l'anno

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Formula Uno

La Ferrari svelerà la vettura del Mondiale 2017 in diretta web

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv