21°

VistodaParma

Movida come il Far West: la misura è colma

0

 

Se proprio dobbiamo arrenderci, allora che almeno lo si dica pubblicamente. Così, quei gran rompiscatole dei residenti di via D’Azeglio e dintorni che si lamentano da anni la smetteranno finalmente di frignare. Dopo l’ultima doppia rissa – o battaglia? – a colpi di bottigliate, infatti, la «guerra della movida»  può considerarsi ufficialmente chiusa. Con la vittoria schiacciante dei violenti. Dei teppisti dell’urlo e dello schiamazzo permanente di ogni ordine e grado. Dei professionisti dello sballo garantito (che come volevasi dimostrare non può essere certo fermato imponendo l’uso dei bicchieri di plastica al posto di quelli di vetro!). E con la disfatta inequivocabile di quanti – compreso chi scrive – hanno cercato a più riprese, ma invano, di protestare e di mettere in guardia. Di segnalare che lasciare in balia del degrado e dei più maramaldi il cuore stesso dell’Oltretorrente avrebbe portato a consegnare rapidamente l’intero quartiere al Far West. E così è avvenuto. Con l’aggravante che, adesso, nessuno sembra avere più nulla da dire o da proporre dopo la colossale sbornia di conferenze stampa, ordinanze, «tavoli di lavoro» e annunci d’ogni genere a cui siamo stati, nostro malgrado, sottoposti.   A questo punto, quindi, dichiarare la resa incondizionata sarebbe se non altro un gesto di onestà intellettuale. E magari potrebbe servire pure da salutare, ancorché tardiva, sferzata. Temo che non sarà così. Temo infatti che dovremo sorbirci un nuovo profluvio di accorate prese di posizione condite con la promessa di chissà quali nuovi interventi volti a «riqualificare», a «rilanciare», a «migliorare» e via discorrendo. Ebbene, premesso che se bisogna assolvere qualcuno da questa autentica «Caporetto» civile, culturale e morale prima ancora che dell’ordine pubblico quel qualcuno sono proprio le nostre forze dell’ordine (troppo scarse e per forza di cose impegnate su un fronte ben più vasto), vediamo almeno di fissare alcuni punti fermi. Ad esempio: basta con le già citate ordinanze! Ne sono state scritte ed emanate anche troppe. E tutte rivelatesi penosamente inutili. Se bisogna multare un esercente che smercia litri d’alcol a dei minorenni, oppure non rispetta l’orario di chiusura, od ancora fa andare la musica a mille bastano e avanzano le leggi e i codici esistenti. Il problema, semmai, qual è? Il problema è che non ci si può limitare a fare strage di auto in sosta vietata per «fare cassa», chiudendo contemporaneamente un occhio (e l’altro pure) sugli ubriachi e su quelli che si divertono a organizzare un bel «rave party» direttamente sotto le finestre dei residenti. I quali (e non solo quelli di via D’Azeglio ma pure di strada Farini e più di recente anche di zona Mazzini) hanno sempre chiesto e invocato alla fin fine cosa? Ma - diamine! - che qualcuno controllasse e sanzionasse all’istante anche i disturbatori di professione. Ed ancora una presenza ben visibile e non occasionale che scoraggiasse sul nascere i balordi e gli spacciatori. E questo non è un problema di ordinanze. Ma di scelte. Di direttive impartite, oppure no. In altri termini, di come si amministra (o non si amministra) una città! Invece, poco a poco, strada dopo strada, metro dopo metro, abbiamo assistito a una lenta ritirata iniziata – voglio dirlo chiaramente - già con la precedente amministrazione. Ed è così che via D’Azeglio è finita in mano alle bande che un paio di sere fa si sono affrontate selvaggiamente nel fuggi fuggi generale dei passanti e per la disperazione di un intero quartiere ormai prigioniero a casa propria. La misura è dunque colma. Ed è allarme rosso ormai per tutto il centro storico che già sta vivendo il momento terribile che sappiamo. Anche per questo, arrendersi veramente equivarrebbe a una specie di suicidio di massa. Smettiamola allora di perdere tempo in storielle. E ascoltiamo finalmente la voce di una intera città che non vuole sprofondare in un Far West dove a pagare sono sempre i buoni. E mai i cattivi.
postagnetti@alice.it.
Pino Agnetti
Se proprio dobbiamo arrenderci, allora che almeno lo si dica pubblicamente. Così, quei gran rompiscatole dei residenti di via D’Azeglio e dintorni che si lamentano da anni la smetteranno finalmente di frignare. Dopo l’ultima doppia rissa – o battaglia? – a colpi di bottigliate, infatti, la «guerra della movida»  può considerarsi ufficialmente chiusa. Con la vittoria schiacciante dei violenti. Dei teppisti dell’urlo e dello schiamazzo permanente di ogni ordine e grado. Dei professionisti dello sballo garantito (che come volevasi dimostrare non può essere certo fermato imponendo l’uso dei bicchieri di plastica al posto di quelli di vetro!). E con la disfatta inequivocabile di quanti – compreso chi scrive – hanno cercato a più riprese, ma invano, di protestare e di mettere in guardia. Di segnalare che lasciare in balia del degrado e dei più maramaldi il cuore stesso dell’Oltretorrente avrebbe portato a consegnare rapidamente l’intero quartiere al Far West. E così è avvenuto. Con l’aggravante che, adesso, nessuno sembra avere più nulla da dire o da proporre dopo la colossale sbornia di conferenze stampa, ordinanze, «tavoli di lavoro» e annunci d’ogni genere a cui siamo stati, nostro malgrado, sottoposti.   A questo punto, quindi, dichiarare la resa incondizionata sarebbe se non altro un gesto di onestà intellettuale. E magari potrebbe servire pure da salutare, ancorché tardiva, sferzata. Temo che non sarà così. Temo infatti che dovremo sorbirci un nuovo profluvio di accorate prese di posizione condite con la promessa di chissà quali nuovi interventi volti a «riqualificare», a «rilanciare», a «migliorare» e via discorrendo. Ebbene, premesso che se bisogna assolvere qualcuno da questa autentica «Caporetto» civile, culturale e morale prima ancora che dell’ordine pubblico quel qualcuno sono proprio le nostre forze dell’ordine (troppo scarse e per forza di cose impegnate su un fronte ben più vasto), vediamo almeno di fissare alcuni punti fermi. Ad esempio: basta con le già citate ordinanze! Ne sono state scritte ed emanate anche troppe. E tutte rivelatesi penosamente inutili. Se bisogna multare un esercente che smercia litri d’alcol a dei minorenni, oppure non rispetta l’orario di chiusura, od ancora fa andare la musica a mille bastano e avanzano le leggi e i codici esistenti. Il problema, semmai, qual è? Il problema è che non ci si può limitare a fare strage di auto in sosta vietata per «fare cassa», chiudendo contemporaneamente un occhio (e l’altro pure) sugli ubriachi e su quelli che si divertono a organizzare un bel «rave party» direttamente sotto le finestre dei residenti. I quali (e non solo quelli di via D’Azeglio ma pure di strada Farini e più di recente anche di zona Mazzini) hanno sempre chiesto e invocato alla fin fine cosa? Ma - diamine! - che qualcuno controllasse e sanzionasse all’istante anche i disturbatori di professione. Ed ancora una presenza ben visibile e non occasionale che scoraggiasse sul nascere i balordi e gli spacciatori. E questo non è un problema di ordinanze. Ma di scelte. Di direttive impartite, oppure no. In altri termini, di come si amministra (o non si amministra) una città! Invece, poco a poco, strada dopo strada, metro dopo metro, abbiamo assistito a una lenta ritirata iniziata – voglio dirlo chiaramente - già con la precedente amministrazione. Ed è così che via D’Azeglio è finita in mano alle bande che un paio di sere fa si sono affrontate selvaggiamente nel fuggi fuggi generale dei passanti e per la disperazione di un intero quartiere ormai prigioniero a casa propria. La misura è dunque colma. Ed è allarme rosso ormai per tutto il centro storico che già sta vivendo il momento terribile che sappiamo. Anche per questo, arrendersi veramente equivarrebbe a una specie di suicidio di massa. Smettiamola allora di perdere tempo in storielle. E ascoltiamo finalmente la voce di una intera città che non vuole sprofondare in un Far West dove a pagare sono sempre i buoni. E mai i cattivi.postagnetti@alice.it.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito"

gossip

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito" Foto

Ghepardo, turista imprudente

VIDEO

Il ghepardo attacca la turista e cerca di azzannarla

Scocca l'ora di nove bellissime 50enni:  Cindy Crawford

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Pedone investito in via Spezia: è grave

incidente

Pedone investito in via Spezia: è grave

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

lega pro

D'Aversa: "Ora deve tornare a scattare la scintilla dell'entusiasmo" Video

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

cibo on the road

Castle Street Food, continua l'assedio a Fontanellato Gallery

l'agenda

Una domenica tra feste di primavera, aquiloni e treni storici

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

2commenti

gazzareporter

Un lettore: "Ma i vigili controlleranno anche le Harley Davidson?"

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

7commenti

verso il 25 Aprile

"Bella ciao!": in centinaia a celebrare la Resistenza delle donne Foto

unione parmense

Il wifi copre la Pedemontana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Morta a 56 anni Erin Moran, la Joanie di Happy Days

1commento

nairobi

Difende gli animali, spari contro la scrittrice Kuki Gallmann: ferita

WEEKEND

foto dei lettori

Aspettando la 1000 Miglia: lo sguardo di Paolo Gandolfi Foto

la peppa propone

Ricetta della domenica - Tortino tricolore: uno spuntino patriottico

SPORT

calcio

Dramma per Vidal: cognato ucciso a colpi di pistola alla testa

Ciclismo

Michele Scarponi è morto, post toccante della moglie

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"