19°

32°

s. leonardo

L'eco-mostro pericolante abitato dai senzatetto

L'ex stabilimento Tarasconi da 6 anni è simbolo dell'abbandono. I residenti: «Buttiamolo giù e ricostruiamo qualcosa di nuovo»

L'eco-mostro pericolante abitato dai senzatetto
0

 

Margherita Portelli
I residenti del quartiere hanno imparato, loro malgrado, a conviverci. Undicimila metri quadrati di degrado che da sei anni danno il buongiorno a chi spalanca le finestre dei tanti palazzi fra via San Leonardo e il comparto Paradigna: l’ex stabilimento Tarasconi è ancora lì, smisurato simbolo dell’abbandono, polo produttivo che un devastante rogo ha come cristallizzato nel tempo, una notte d’estate del 2007. 
I cittadini che passeggiano a fianco di questo imponente vicino di casa dicono che la soluzione migliore, di cui si parla da tanto tempo, sarebbe quella di «buttare giù tutto e ricostruire qualcosa di nuovo». «Ci sono disperati che vanno a trovare rifugio fra quelle mura pericolanti di notte, ragazzi che vanno là a passare il tempo e a scrivere sui muri» accenna un signore mentre libera il suo amico a quattro zampe nell’attigua area cani. La proprietà è privata, ma l’accesso è quanto di più semplice, perché le sbarre del cancello che dà su via San Leonardo in vari punti sono state divelte, la rete che separa l’area da stradello Matilde di Canossa è piena di buchi e persino un piccolo cancello a lato dello spazio è aperto. Farsi strada è così facile che vedere gente «a passeggio» tra queste rovine in un giorno qualsiasi (qualcuno addirittura per far correre liberamente il proprio cagnolino) è ormai abbastanza normale, anche se avventurarsi da soli, stando ai residenti, è tutt’altro che consigliabile. 
La fotografia di questo spazio visto da vicino è desolante: un tappeto di vetri in frantumi e rifiuti circonda quel che resta del luogo che pochi anni fa dava lavoro a centinaia di persone. Ora si ha come la sensazione che tutto debba crollare da un momento all’altro, complice il tempo, e, non di meno, il puntiglio di instancabili vandali che hanno fatto di questo luogo meta prediletta delle loro scorribande. Bombolette e bottiglie abbandonate «ornano» ogni angolo. 
Si tratta di un luogo pericoloso e potenzialmente accessibile a tutti: il problema era stato portato all’attenzione dell’amministrazione anche nelle riunioni di quartiere dei mesi scorsi. «In agenda nei prossimi giorni ho un incontro con i proprietari dell’area per valutare insieme le reciproche idee e intenzioni su come si potrebbe procedere - specifica, in proposito, l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Parma, Michele Alinovi -. Lo spazio potrebbe essere riqualificato, si potrebbe pensare ad una riconversione, anche attraverso varianti di strumenti urbanistici: di certo, essendo un’area privata, i margini d’intervento dell’amministrazione sono piuttosto limitati, ma si farà il possibile per favorire una soluzione». I tempi non si preannunciano brevi, anche se, come aggiunge l’assessore: «Al Piano strutturale comunale stiamo mettendo mano in questo periodo, quindi già dal prossimo anno potrebbe muoversi qualcosa». 
Margherita Portelli

 

I residenti del quartiere hanno imparato, loro malgrado, a conviverci. Undicimila metri quadrati di degrado che da sei anni danno il buongiorno a chi spalanca le finestre dei tanti palazzi fra via San Leonardo e il comparto Paradigna: l’ex stabilimento Tarasconi è ancora lì, smisurato simbolo dell’abbandono, polo produttivo che un devastante rogo ha come cristallizzato nel tempo, una notte d’estate del 2007. I cittadini che passeggiano a fianco di questo imponente vicino di casa dicono che la soluzione migliore, di cui si parla da tanto tempo, sarebbe quella di «buttare giù tutto e ricostruire qualcosa di nuovo». «Ci sono disperati che vanno a trovare rifugio fra quelle mura pericolanti di notte, ragazzi che vanno là a passare il tempo e a scrivere sui muri» accenna un signore mentre libera il suo amico a quattro zampe nell’attigua area cani. La proprietà è privata, ma l’accesso è quanto di più semplice, perché le sbarre del cancello che dà su via San Leonardo in vari punti sono state divelte, la rete che separa l’area da stradello Matilde di Canossa è piena di buchi e persino un piccolo cancello a lato dello spazio è aperto. Farsi strada è così facile che vedere gente «a passeggio» tra queste rovine in un giorno qualsiasi (qualcuno addirittura per far correre liberamente il proprio cagnolino) è ormai abbastanza normale, anche se avventurarsi da soli, stando ai residenti, è tutt’altro che consigliabile. La fotografia di questo spazio visto da vicino è desolante: un tappeto di vetri in frantumi e rifiuti circonda quel che resta del luogo che pochi anni fa dava lavoro a centinaia di persone. Ora si ha come la sensazione che tutto debba crollare da un momento all’altro, complice il tempo, e, non di meno, il puntiglio di instancabili vandali che hanno fatto di questo luogo meta prediletta delle loro scorribande. Bombolette e bottiglie abbandonate «ornano» ogni angolo. Si tratta di un luogo pericoloso e potenzialmente accessibile a tutti: il problema era stato portato all’attenzione dell’amministrazione anche nelle riunioni di quartiere dei mesi scorsi. «In agenda nei prossimi giorni ho un incontro con i proprietari dell’area per valutare insieme le reciproche idee e intenzioni su come si potrebbe procedere - specifica, in proposito, l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Parma, Michele Alinovi -. Lo spazio potrebbe essere riqualificato, si potrebbe pensare ad una riconversione, anche attraverso varianti di strumenti urbanistici: di certo, essendo un’area privata, i margini d’intervento dell’amministrazione sono piuttosto limitati, ma si farà il possibile per favorire una soluzione». I tempi non si preannunciano brevi, anche se, come aggiunge l’assessore: «Al Piano strutturale comunale stiamo mettendo mano in questo periodo, quindi già dal prossimo anno potrebbe muoversi qualcosa». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Pizzarotti

BALLOTTAGGIO

"Effetto Parma" festeggia. Pizzarotti: "Altri cinque anni entusiasmanti" Video

L'intervista di TvParma: "Penso che per questa vittoria abbiano pesato la nostra concretezza e i nostri contenuti"

2commenti

elezioni 2017

Lavagetto (Pd): "Ora riflessione ma possiamo imparare dalle cose fatte bene" Video

LE ALTRE CITTA'

Piacenza, Patrizia Barbieri (centrodestra) sindaco

Dem sconfitti praticamente ovunque. Spezia, vittoria di Peracchini. Genova, vince Bucci

elezioni 2017

Ballottaggio, affluenza al 45,17%

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna 

5commenti

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

10commenti

polizia

Torna all'Esselunga per un altro furto (di supercalcolici): denunciato un 22enne

4commenti

gazzareporter

San Pancrazio, il degrado continua Gallery

CHIESA

Montecchio, cambia il parroco: arriva don Orlandini da Reggio

Don Romano Vescovi, originario di Neviano, lascia Bibbiano per l'eremo di Salvarano (Quattro Castella)

tg parma

Al Regio l'assemblea dell'Upi con il ministro Graziano Delrio Video

polizia

Furto al Bar Squisjto ad Alberi di Vigatto

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

CRIMINALITA

Monticelli, automobilista insegue gli scippatori in viale Marconi

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande