-7°

s. leonardo

L'eco-mostro pericolante abitato dai senzatetto

L'ex stabilimento Tarasconi da 6 anni è simbolo dell'abbandono. I residenti: «Buttiamolo giù e ricostruiamo qualcosa di nuovo»

L'eco-mostro pericolante abitato dai senzatetto
0

 

Margherita Portelli
I residenti del quartiere hanno imparato, loro malgrado, a conviverci. Undicimila metri quadrati di degrado che da sei anni danno il buongiorno a chi spalanca le finestre dei tanti palazzi fra via San Leonardo e il comparto Paradigna: l’ex stabilimento Tarasconi è ancora lì, smisurato simbolo dell’abbandono, polo produttivo che un devastante rogo ha come cristallizzato nel tempo, una notte d’estate del 2007. 
I cittadini che passeggiano a fianco di questo imponente vicino di casa dicono che la soluzione migliore, di cui si parla da tanto tempo, sarebbe quella di «buttare giù tutto e ricostruire qualcosa di nuovo». «Ci sono disperati che vanno a trovare rifugio fra quelle mura pericolanti di notte, ragazzi che vanno là a passare il tempo e a scrivere sui muri» accenna un signore mentre libera il suo amico a quattro zampe nell’attigua area cani. La proprietà è privata, ma l’accesso è quanto di più semplice, perché le sbarre del cancello che dà su via San Leonardo in vari punti sono state divelte, la rete che separa l’area da stradello Matilde di Canossa è piena di buchi e persino un piccolo cancello a lato dello spazio è aperto. Farsi strada è così facile che vedere gente «a passeggio» tra queste rovine in un giorno qualsiasi (qualcuno addirittura per far correre liberamente il proprio cagnolino) è ormai abbastanza normale, anche se avventurarsi da soli, stando ai residenti, è tutt’altro che consigliabile. 
La fotografia di questo spazio visto da vicino è desolante: un tappeto di vetri in frantumi e rifiuti circonda quel che resta del luogo che pochi anni fa dava lavoro a centinaia di persone. Ora si ha come la sensazione che tutto debba crollare da un momento all’altro, complice il tempo, e, non di meno, il puntiglio di instancabili vandali che hanno fatto di questo luogo meta prediletta delle loro scorribande. Bombolette e bottiglie abbandonate «ornano» ogni angolo. 
Si tratta di un luogo pericoloso e potenzialmente accessibile a tutti: il problema era stato portato all’attenzione dell’amministrazione anche nelle riunioni di quartiere dei mesi scorsi. «In agenda nei prossimi giorni ho un incontro con i proprietari dell’area per valutare insieme le reciproche idee e intenzioni su come si potrebbe procedere - specifica, in proposito, l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Parma, Michele Alinovi -. Lo spazio potrebbe essere riqualificato, si potrebbe pensare ad una riconversione, anche attraverso varianti di strumenti urbanistici: di certo, essendo un’area privata, i margini d’intervento dell’amministrazione sono piuttosto limitati, ma si farà il possibile per favorire una soluzione». I tempi non si preannunciano brevi, anche se, come aggiunge l’assessore: «Al Piano strutturale comunale stiamo mettendo mano in questo periodo, quindi già dal prossimo anno potrebbe muoversi qualcosa». 
Margherita Portelli

 

I residenti del quartiere hanno imparato, loro malgrado, a conviverci. Undicimila metri quadrati di degrado che da sei anni danno il buongiorno a chi spalanca le finestre dei tanti palazzi fra via San Leonardo e il comparto Paradigna: l’ex stabilimento Tarasconi è ancora lì, smisurato simbolo dell’abbandono, polo produttivo che un devastante rogo ha come cristallizzato nel tempo, una notte d’estate del 2007. I cittadini che passeggiano a fianco di questo imponente vicino di casa dicono che la soluzione migliore, di cui si parla da tanto tempo, sarebbe quella di «buttare giù tutto e ricostruire qualcosa di nuovo». «Ci sono disperati che vanno a trovare rifugio fra quelle mura pericolanti di notte, ragazzi che vanno là a passare il tempo e a scrivere sui muri» accenna un signore mentre libera il suo amico a quattro zampe nell’attigua area cani. La proprietà è privata, ma l’accesso è quanto di più semplice, perché le sbarre del cancello che dà su via San Leonardo in vari punti sono state divelte, la rete che separa l’area da stradello Matilde di Canossa è piena di buchi e persino un piccolo cancello a lato dello spazio è aperto. Farsi strada è così facile che vedere gente «a passeggio» tra queste rovine in un giorno qualsiasi (qualcuno addirittura per far correre liberamente il proprio cagnolino) è ormai abbastanza normale, anche se avventurarsi da soli, stando ai residenti, è tutt’altro che consigliabile. La fotografia di questo spazio visto da vicino è desolante: un tappeto di vetri in frantumi e rifiuti circonda quel che resta del luogo che pochi anni fa dava lavoro a centinaia di persone. Ora si ha come la sensazione che tutto debba crollare da un momento all’altro, complice il tempo, e, non di meno, il puntiglio di instancabili vandali che hanno fatto di questo luogo meta prediletta delle loro scorribande. Bombolette e bottiglie abbandonate «ornano» ogni angolo. Si tratta di un luogo pericoloso e potenzialmente accessibile a tutti: il problema era stato portato all’attenzione dell’amministrazione anche nelle riunioni di quartiere dei mesi scorsi. «In agenda nei prossimi giorni ho un incontro con i proprietari dell’area per valutare insieme le reciproche idee e intenzioni su come si potrebbe procedere - specifica, in proposito, l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Parma, Michele Alinovi -. Lo spazio potrebbe essere riqualificato, si potrebbe pensare ad una riconversione, anche attraverso varianti di strumenti urbanistici: di certo, essendo un’area privata, i margini d’intervento dell’amministrazione sono piuttosto limitati, ma si farà il possibile per favorire una soluzione». I tempi non si preannunciano brevi, anche se, come aggiunge l’assessore: «Al Piano strutturale comunale stiamo mettendo mano in questo periodo, quindi già dal prossimo anno potrebbe muoversi qualcosa». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

Eva Herzigova

Eva Herzigova

L'INDISCRETO

Bellezze mozzafiato e vallette a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Incidente sulla via Emilia: traffico bloccato a Parola

Parola

Scontro auto-camion sulla via Emilia: muore un 60enne

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

2commenti

CLASSIFICA 

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

29commenti

Parma

Trovati in un giorno 3 veicoli rubati: uno scooter, una Clio e una Fiat Ritmo

Parma

Ancora una settimana di gelo, possibili nuove nevicate in Appennino Video

LA STORIA

«Grazie a mio marito ho una nuova vita»

Berceto

Dopo 67 anni la cicogna torna a Pelerzo

Senzatetto

Tante iniziative per i senzatetto. E' polemica fra il Comune e la Diocesi

3commenti

Parma

Terremoto: scossa di magnitudo 2.2 in Appennino

il caso

Minacce e insulti: Bello FiGo, a rischio concerti di Foligno e Torino

Al rapper parmigiano-ghanese sono state cancellate tre date in meno di un mese

18commenti

Calcio

Il Parma acquista Munari: oggi la presentazione con Edera Video

Il centrocampista ha già giocato con la maglia crociata in serie A e in Coppa Italia

musica

Giulia, una stella del jazz pronta a brillare

La felinese è in finale al Concorso Bettinardi

Gazzareporter

Il Mondo di Flo

Gazzareporter

Pulire la Parma con temperature sotto zero...

polemica

"Marchio Parma in Giappone", affondo della Lega, Casa risponde

La storia

In via Po circondati dal degrado

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

6commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

L'Fmi taglia il pil dell'Italia: +0,7% nel 2017, +0,8% nel 2018

Motori

La Germania chiede il richiamo di Fiat 500, Doblò e Jeep-Renegade

SOCIETA'

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

ISTAT

Grandi città fuori dalla deflazione. Sopra i 150mila abitanti Parma tra le più care

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

ARBITRI

Fischietto, che passione. Un'epopea lunga un secolo

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video