12°

22°

s. leonardo

L'eco-mostro pericolante abitato dai senzatetto

L'ex stabilimento Tarasconi da 6 anni è simbolo dell'abbandono. I residenti: «Buttiamolo giù e ricostruiamo qualcosa di nuovo»

L'eco-mostro pericolante abitato dai senzatetto
0

 

Margherita Portelli
I residenti del quartiere hanno imparato, loro malgrado, a conviverci. Undicimila metri quadrati di degrado che da sei anni danno il buongiorno a chi spalanca le finestre dei tanti palazzi fra via San Leonardo e il comparto Paradigna: l’ex stabilimento Tarasconi è ancora lì, smisurato simbolo dell’abbandono, polo produttivo che un devastante rogo ha come cristallizzato nel tempo, una notte d’estate del 2007. 
I cittadini che passeggiano a fianco di questo imponente vicino di casa dicono che la soluzione migliore, di cui si parla da tanto tempo, sarebbe quella di «buttare giù tutto e ricostruire qualcosa di nuovo». «Ci sono disperati che vanno a trovare rifugio fra quelle mura pericolanti di notte, ragazzi che vanno là a passare il tempo e a scrivere sui muri» accenna un signore mentre libera il suo amico a quattro zampe nell’attigua area cani. La proprietà è privata, ma l’accesso è quanto di più semplice, perché le sbarre del cancello che dà su via San Leonardo in vari punti sono state divelte, la rete che separa l’area da stradello Matilde di Canossa è piena di buchi e persino un piccolo cancello a lato dello spazio è aperto. Farsi strada è così facile che vedere gente «a passeggio» tra queste rovine in un giorno qualsiasi (qualcuno addirittura per far correre liberamente il proprio cagnolino) è ormai abbastanza normale, anche se avventurarsi da soli, stando ai residenti, è tutt’altro che consigliabile. 
La fotografia di questo spazio visto da vicino è desolante: un tappeto di vetri in frantumi e rifiuti circonda quel che resta del luogo che pochi anni fa dava lavoro a centinaia di persone. Ora si ha come la sensazione che tutto debba crollare da un momento all’altro, complice il tempo, e, non di meno, il puntiglio di instancabili vandali che hanno fatto di questo luogo meta prediletta delle loro scorribande. Bombolette e bottiglie abbandonate «ornano» ogni angolo. 
Si tratta di un luogo pericoloso e potenzialmente accessibile a tutti: il problema era stato portato all’attenzione dell’amministrazione anche nelle riunioni di quartiere dei mesi scorsi. «In agenda nei prossimi giorni ho un incontro con i proprietari dell’area per valutare insieme le reciproche idee e intenzioni su come si potrebbe procedere - specifica, in proposito, l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Parma, Michele Alinovi -. Lo spazio potrebbe essere riqualificato, si potrebbe pensare ad una riconversione, anche attraverso varianti di strumenti urbanistici: di certo, essendo un’area privata, i margini d’intervento dell’amministrazione sono piuttosto limitati, ma si farà il possibile per favorire una soluzione». I tempi non si preannunciano brevi, anche se, come aggiunge l’assessore: «Al Piano strutturale comunale stiamo mettendo mano in questo periodo, quindi già dal prossimo anno potrebbe muoversi qualcosa». 
Margherita Portelli

 

I residenti del quartiere hanno imparato, loro malgrado, a conviverci. Undicimila metri quadrati di degrado che da sei anni danno il buongiorno a chi spalanca le finestre dei tanti palazzi fra via San Leonardo e il comparto Paradigna: l’ex stabilimento Tarasconi è ancora lì, smisurato simbolo dell’abbandono, polo produttivo che un devastante rogo ha come cristallizzato nel tempo, una notte d’estate del 2007. I cittadini che passeggiano a fianco di questo imponente vicino di casa dicono che la soluzione migliore, di cui si parla da tanto tempo, sarebbe quella di «buttare giù tutto e ricostruire qualcosa di nuovo». «Ci sono disperati che vanno a trovare rifugio fra quelle mura pericolanti di notte, ragazzi che vanno là a passare il tempo e a scrivere sui muri» accenna un signore mentre libera il suo amico a quattro zampe nell’attigua area cani. La proprietà è privata, ma l’accesso è quanto di più semplice, perché le sbarre del cancello che dà su via San Leonardo in vari punti sono state divelte, la rete che separa l’area da stradello Matilde di Canossa è piena di buchi e persino un piccolo cancello a lato dello spazio è aperto. Farsi strada è così facile che vedere gente «a passeggio» tra queste rovine in un giorno qualsiasi (qualcuno addirittura per far correre liberamente il proprio cagnolino) è ormai abbastanza normale, anche se avventurarsi da soli, stando ai residenti, è tutt’altro che consigliabile. La fotografia di questo spazio visto da vicino è desolante: un tappeto di vetri in frantumi e rifiuti circonda quel che resta del luogo che pochi anni fa dava lavoro a centinaia di persone. Ora si ha come la sensazione che tutto debba crollare da un momento all’altro, complice il tempo, e, non di meno, il puntiglio di instancabili vandali che hanno fatto di questo luogo meta prediletta delle loro scorribande. Bombolette e bottiglie abbandonate «ornano» ogni angolo. Si tratta di un luogo pericoloso e potenzialmente accessibile a tutti: il problema era stato portato all’attenzione dell’amministrazione anche nelle riunioni di quartiere dei mesi scorsi. «In agenda nei prossimi giorni ho un incontro con i proprietari dell’area per valutare insieme le reciproche idee e intenzioni su come si potrebbe procedere - specifica, in proposito, l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Parma, Michele Alinovi -. Lo spazio potrebbe essere riqualificato, si potrebbe pensare ad una riconversione, anche attraverso varianti di strumenti urbanistici: di certo, essendo un’area privata, i margini d’intervento dell’amministrazione sono piuttosto limitati, ma si farà il possibile per favorire una soluzione». I tempi non si preannunciano brevi, anche se, come aggiunge l’assessore: «Al Piano strutturale comunale stiamo mettendo mano in questo periodo, quindi già dal prossimo anno potrebbe muoversi qualcosa». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Atterraggio

olanda

Che atterraggio! Il cargo rimbalza sulla pista Video

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Corteo in centro: Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti: "Avanzano le paure ma dall'antifascismo sono nati gli anticorpi della civiltà"

25 Aprile

Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti ricorda il partigiano Annibale Foto Video 

Il 25 aprile festeggiato a Fidenza (Guarda le foto)

1commento

parma in crisi

Ko (anche) con il Sudtirol: squadra in ritiro a Collecchio Video

anteprima gazzetta

Anziana rapinata e aggredita all'uscita del cinema Astra Video

1commento

gaffe e polemiche

La "Pilotta dei lettori": da parcheggio (involontario) a campo da calcio

5commenti

pilotta

Planet Funk e Fast Animals and Slow Kids Chi c'era

FOTOGRAFIA

Bonassera e il "Brozzi" a Fotografia Europea 

GIALLO

Trovato un cadavere in Po: si pensa che sia Bebe Brown, scomparsa a Pasqua a Boretto

La testimonianza: "Sua sorella l'aveva chiamata qui per darle un futuro migliore..."

BRESCELLO

Trasporta cavalli senza patente né permessi: maxi-multa per 25enne

Salso

Bruciata l'auto di un salsese

Aveva 81 anni

Se n'è andato Franco Ferretti, re del packaging

Bassa

Castle Street Food: una giornata ricca di eventi a Fontanellato Foto

Autostrade

A1: code a tratti tra Parma e Fidenza per traffico intenso

EVENTI

Concerti, bancarelle e street food: l'agenda del 25 aprile

tV parma

'Il cuoco perfetto": stasera iniziano le sfide dirette Video

Calcio

Figuraccia Parma, ko con il Sudtirol: pioggia di fischi Foto D'Aversa: "Così la B è difficile" Video

Davanti al Tardini, il ds Faggiano incontra i tifosi La foto -   Il commento di Pacciani: "Partita sconcertante" Video - Il Pordenone raggiunge il Parma. La squadra esce senza "salutare" la curva, poi torna indietro

11commenti

LA BACHECA

20 annunci per chi cerca lavoro

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

EDITORIALE

Eliseo: sarà una sfida tra due outsider

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

E' morta la quercia più vecchia: aveva 600 anni

LIVORNO

Sale sul tetto di un treno: 18enne muore folgorato

SOCIETA'

3 mesi fa l'aggressione

Il primo selfie di Gessica Notaro (la miss sfregiata con l’acido dall’ex)

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

SPORT

crisi del parma

Ferrari: "Chi non ci crede si faccia da parte. Tifosi sosteneteci" Video

calcio e veleni

Lite Spalletti-Panucci sulla sostituzione di Dzeko Video

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"