20°

31°

san leonardo

Ex-Csac, cercasi progetto per un utilizzo pubblico

Lavori fermi da 3 anni nel padiglione all'interno di Stu Pasubio

0

 

Enrico Gotti
Tremila metri quadrati, in via Palermo, in attesa di un destino. «La Casa della cultura – diceva il sindaco Pietro Vignali - sarà uno dei cuori pulsanti dell’arte in città, un grande polo della creatività che sarà di stimolo per il futuro di Parma». «Sarà gestito direttamente dagli artisti -spiegava Luca Sommi, all'epoca assessore alla cultura - come al Palais de Tokyo di Parigi. I giovani potranno imparare e poi esibirsi, un unicum in Italia, una bottega rinascimentale del terzo millennio». Tre anni dopo, i lavori nel Padiglione Nervi, ex sede dello Csac, non sono ancora iniziati. Il progetto è firmato da Oriol Capdevila, l’architetto catalano dello studio Mbm Arquitectes che ha disegnato la stazione di Parma. L’idea è di trasformare l’edificio industriale, conosciuto come padiglione-Nervi, in un grande contenitore per l’attività culturale. Nel progetto, da sette milioni di euro, l’ex stabilimento doveva ospitare il Caffé degli artisti, spazi teatrali, auditorium e atelier per artisti. Adesso il padiglione e i capannoni contigui sono completamente vuoti. Porte e finestre sono sigillate. Il cortile interno, invece, è diventato un rifugio per tossicodipendenti, come dimostrano alcune siringhe per terra. Le reti metalliche attorno all’edificio sono state abbattute. Il progetto di riqualificazione del quartiere, adesso, non è più in capo al Comune di Parma, che sotto la giunta 5 Stelle, ha venduto le proprie quote di Stu Pasubio, la società di trasformazione urbana che si occupa dei lavori. Il Municipio si è liberato, in questo modo, di 44 milioni di euro di debiti. L’amministrazione cerca comunque una soluzione, per non avere un’altra «incompiuta» da aggiungere all’elenco delle opere. Il mese scorso è stato creato un tavolo di lavoro, con Comune, attuatori e ordine degli architetti, per arrivare ad un accordo da presentare alla regione Emilia-Romagna. L’obiettivo è di far proseguire il piano urbanistico e di non perdere i 2.500.000 euro che la Regione aveva deciso di destinare all’intervento. «Cosa si farà dell’edificio? Stiamo discutendo, ma l'indicazione è che sia uno spazio pubblico – dice Michele Alinovi, assessore ai Lavori pubblici del comune di Parma - Adesso è tutto ancora in itinere. Si sta concertando una linea, l’obiettivo è mantenere l’interesse pubblico della riqualificazione urbanistica». 
Enrico Gotti

Tremila metri quadrati, in via Palermo, in attesa di un destino. «La Casa della cultura – diceva il sindaco Pietro Vignali - sarà uno dei cuori pulsanti dell’arte in città, un grande polo della creatività che sarà di stimolo per il futuro di Parma». «Sarà gestito direttamente dagli artisti -spiegava Luca Sommi, all'epoca assessore alla cultura - come al Palais de Tokyo di Parigi. I giovani potranno imparare e poi esibirsi, un unicum in Italia, una bottega rinascimentale del terzo millennio». Tre anni dopo, i lavori nel Padiglione Nervi, ex sede dello Csac, non sono ancora iniziati. Il progetto è firmato da Oriol Capdevila, l’architetto catalano dello studio Mbm Arquitectes che ha disegnato la stazione di Parma. L’idea è di trasformare l’edificio industriale, conosciuto come padiglione-Nervi, in un grande contenitore per l’attività culturale. Nel progetto, da sette milioni di euro, l’ex stabilimento doveva ospitare il Caffé degli artisti, spazi teatrali, auditorium e atelier per artisti. Adesso il padiglione e i capannoni contigui sono completamente vuoti. Porte e finestre sono sigillate. Il cortile interno, invece, è diventato un rifugio per tossicodipendenti, come dimostrano alcune siringhe per terra. Le reti metalliche attorno all’edificio sono state abbattute. Il progetto di riqualificazione del quartiere, adesso, non è più in capo al Comune di Parma, che sotto la giunta 5 Stelle, ha venduto le proprie quote di Stu Pasubio, la società di trasformazione urbana che si occupa dei lavori. Il Municipio si è liberato, in questo modo, di 44 milioni di euro di debiti. L’amministrazione cerca comunque una soluzione, per non avere un’altra «incompiuta» da aggiungere all’elenco delle opere. Il mese scorso è stato creato un tavolo di lavoro, con Comune, attuatori e ordine degli architetti, per arrivare ad un accordo da presentare alla regione Emilia-Romagna. L’obiettivo è di far proseguire il piano urbanistico e di non perdere i 2.500.000 euro che la Regione aveva deciso di destinare all’intervento. «Cosa si farà dell’edificio? Stiamo discutendo, ma l'indicazione è che sia uno spazio pubblico – dice Michele Alinovi, assessore ai Lavori pubblici del comune di Parma - Adesso è tutto ancora in itinere. Si sta concertando una linea, l’obiettivo è mantenere l’interesse pubblico della riqualificazione urbanistica». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera»

PERSONAGGI

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera» Foto

Grande Fratello UK

televisione

Rissa al Grande Fratello UK: interviene la security Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Spaccata nella notte al barino: i ladri se ne vanno con la cassa  (vuota)

furto

Folle notte al Barino, video 1: i ladri se ne vanno con la cassa, video 2  il secondo "visitatore" con 2 bottigliette d'acqua

3commenti

Il personaggio

Spadi, il maturando che dirigerà il Consiglio

3commenti

Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

4commenti

musica

Silvia Olari ci racconta "Fuori di Testa" Videointervista

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «Bocciata la politica che sa solo criticare»

2commenti

Lutto

Di Camillo, il sorriso sopra il camice

Via Venezia

Devastati gli orti sociali

1commento

l'attimo

Ballando sotto la pioggia La foto fa boom di clic

FIDENZA

Bagno notturno alla Guatelli: giovani multati

1commento

IL CASO

Omicidio di Alessia, nessun accordo per l'estradizione: Jella processato in Tunisia

Poggio di Sant'Ilario

L'ivoriano temeva di essere lasciato dalla moglie

PARMA

Vento e forte pioggia: danni a Marore e Monticelli, rami in strada in città Foto

Le foto dei lettori (scarica l'app Gazzareporter per inviarci foto e video)

4commenti

PARMA

Scontro auto-bici in via Europa: grave una 16enne

10commenti

Assemblea Upi

Figna al ministro Delrio: "Si trovino le risorse per TiBre, Pontremolese e aeroporto Verdi"

Bene l'economia di Parma, fiducia delle imprese ai massimi. Delrio promette defiscalizzazione e sostegno al lavoro

2commenti

Asessuali

Vivere senza sesso: il documentario della parmigiana Soresini

5commenti

Lo sconfitto

Scarpa: "Il Pd ha adottato Pizzarotti, trattandolo come enfant prodige"

Il Pd regionale: "Impariamo dalle sconfitte in Emilia-Romagna"

25commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Cinque anni fa vinse Grillo. Questa volta ha vinto lui

di Stefano Pileri

1commento

ITALIA/MONDO

lutto

E' morto Paolo Limiti: conduttore e paroliere. Scrisse per Mina - Gallery - Video

delitto

Italiano assassinato a Londra: è giallo sulla morte

SOCIETA'

MALTEMPO

Albero sradicato a Monticelli: la foto di una lettrice

archeologia

Scoperta una piccola Pompei sotto la metro di Roma Gallery Video

SPORT

vela

America's Cup, trionfo New Zealand

Moto

Viñales ringrazia Dovizioso: "Grazie per avermi evitato"

2commenti

MOTORI

OPEL

Grandland X, via agli ordini. Si parte da 26 mila euro

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse