san leonardo

Ex-Csac, cercasi progetto per un utilizzo pubblico

Lavori fermi da 3 anni nel padiglione all'interno di Stu Pasubio

0

 

Enrico Gotti
Tremila metri quadrati, in via Palermo, in attesa di un destino. «La Casa della cultura – diceva il sindaco Pietro Vignali - sarà uno dei cuori pulsanti dell’arte in città, un grande polo della creatività che sarà di stimolo per il futuro di Parma». «Sarà gestito direttamente dagli artisti -spiegava Luca Sommi, all'epoca assessore alla cultura - come al Palais de Tokyo di Parigi. I giovani potranno imparare e poi esibirsi, un unicum in Italia, una bottega rinascimentale del terzo millennio». Tre anni dopo, i lavori nel Padiglione Nervi, ex sede dello Csac, non sono ancora iniziati. Il progetto è firmato da Oriol Capdevila, l’architetto catalano dello studio Mbm Arquitectes che ha disegnato la stazione di Parma. L’idea è di trasformare l’edificio industriale, conosciuto come padiglione-Nervi, in un grande contenitore per l’attività culturale. Nel progetto, da sette milioni di euro, l’ex stabilimento doveva ospitare il Caffé degli artisti, spazi teatrali, auditorium e atelier per artisti. Adesso il padiglione e i capannoni contigui sono completamente vuoti. Porte e finestre sono sigillate. Il cortile interno, invece, è diventato un rifugio per tossicodipendenti, come dimostrano alcune siringhe per terra. Le reti metalliche attorno all’edificio sono state abbattute. Il progetto di riqualificazione del quartiere, adesso, non è più in capo al Comune di Parma, che sotto la giunta 5 Stelle, ha venduto le proprie quote di Stu Pasubio, la società di trasformazione urbana che si occupa dei lavori. Il Municipio si è liberato, in questo modo, di 44 milioni di euro di debiti. L’amministrazione cerca comunque una soluzione, per non avere un’altra «incompiuta» da aggiungere all’elenco delle opere. Il mese scorso è stato creato un tavolo di lavoro, con Comune, attuatori e ordine degli architetti, per arrivare ad un accordo da presentare alla regione Emilia-Romagna. L’obiettivo è di far proseguire il piano urbanistico e di non perdere i 2.500.000 euro che la Regione aveva deciso di destinare all’intervento. «Cosa si farà dell’edificio? Stiamo discutendo, ma l'indicazione è che sia uno spazio pubblico – dice Michele Alinovi, assessore ai Lavori pubblici del comune di Parma - Adesso è tutto ancora in itinere. Si sta concertando una linea, l’obiettivo è mantenere l’interesse pubblico della riqualificazione urbanistica». 
Enrico Gotti

Tremila metri quadrati, in via Palermo, in attesa di un destino. «La Casa della cultura – diceva il sindaco Pietro Vignali - sarà uno dei cuori pulsanti dell’arte in città, un grande polo della creatività che sarà di stimolo per il futuro di Parma». «Sarà gestito direttamente dagli artisti -spiegava Luca Sommi, all'epoca assessore alla cultura - come al Palais de Tokyo di Parigi. I giovani potranno imparare e poi esibirsi, un unicum in Italia, una bottega rinascimentale del terzo millennio». Tre anni dopo, i lavori nel Padiglione Nervi, ex sede dello Csac, non sono ancora iniziati. Il progetto è firmato da Oriol Capdevila, l’architetto catalano dello studio Mbm Arquitectes che ha disegnato la stazione di Parma. L’idea è di trasformare l’edificio industriale, conosciuto come padiglione-Nervi, in un grande contenitore per l’attività culturale. Nel progetto, da sette milioni di euro, l’ex stabilimento doveva ospitare il Caffé degli artisti, spazi teatrali, auditorium e atelier per artisti. Adesso il padiglione e i capannoni contigui sono completamente vuoti. Porte e finestre sono sigillate. Il cortile interno, invece, è diventato un rifugio per tossicodipendenti, come dimostrano alcune siringhe per terra. Le reti metalliche attorno all’edificio sono state abbattute. Il progetto di riqualificazione del quartiere, adesso, non è più in capo al Comune di Parma, che sotto la giunta 5 Stelle, ha venduto le proprie quote di Stu Pasubio, la società di trasformazione urbana che si occupa dei lavori. Il Municipio si è liberato, in questo modo, di 44 milioni di euro di debiti. L’amministrazione cerca comunque una soluzione, per non avere un’altra «incompiuta» da aggiungere all’elenco delle opere. Il mese scorso è stato creato un tavolo di lavoro, con Comune, attuatori e ordine degli architetti, per arrivare ad un accordo da presentare alla regione Emilia-Romagna. L’obiettivo è di far proseguire il piano urbanistico e di non perdere i 2.500.000 euro che la Regione aveva deciso di destinare all’intervento. «Cosa si farà dell’edificio? Stiamo discutendo, ma l'indicazione è che sia uno spazio pubblico – dice Michele Alinovi, assessore ai Lavori pubblici del comune di Parma - Adesso è tutto ancora in itinere. Si sta concertando una linea, l’obiettivo è mantenere l’interesse pubblico della riqualificazione urbanistica». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika su Rai Due

su Rai Due

L'Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Guida ai ristoranti 2017

nostre iniziative

Guida ai ristoranti 2017: ecco le novità

Lealtrenotizie

Parma Calcio

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

3commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

22commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà

Delineato il programma della nuova fiera che si terrà a Parma dal 12 al 13 aprile

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Gli errori, la sconfitta e la possibile rivincita

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

1commento

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

storia

Scoperta la mummia della regina Nefertari al Museo di Torino

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

ANIMALI

sos animali

Di chi è questo pappagallo?

sos animali

I due cagnolini Kay e Tata cercano una famiglia