-2°

baganzola

Un negozio speciale che vende solidarietà

È l'Emporio di Natale dell'associazione Filodijuda

L'Emporio di Natale dell'associazione Filodijuta

L'Emporio di Natale dell'associazione Filodijuta

0

 

Giulia Viviani
C’è un negozio speciale a Baganzola che è aperto soltanto per un mese all’anno ma racchiude in sé l’impegno di tante persone: è l’emporio di Natale dell’associazione il Filodijuta, aperto in piazza Salvarani ogni giorno dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. 
Cos’ha di speciale? Prima di tutto per realizzarlo collaborano tante persone di Baganzola e dintorni, a partire dal proprietario del fondo che lo cede gratuitamente, fino alle molte signore che per mesi si danno da fare con ricami e maglia per realizzare gli oggetti in vendita.
 Poi ci sono i tanti che regalano cose belle che in casa non servono più, chi realizza decorazioni natalizie fai da te e chi prepara dolci, biscotti e conserve. Si può trovare questo e molto altro all’emporio di Natale, e il valore aggiunto sta proprio nella partecipazione e nella solidarietà di tutti. 
«Quello che ricaviamo dalle vendite di questo periodo - spiega Lorena Sghia dell’associazione - serve per sostenere le nostre tre scuole in Bangladesh che vengono frequentate ogni giorno da 385 bambini. Con la cifra raccolta solitamente riusciamo a pagare lo stipendio degli insegnanti, garantire un’abbondante merenda agli alunni, comprare il materiale didattico e creare dei piccoli fondi sanitari d’emergenza». L’emporio a Baganzola è una tradizione che si ripete da sei anni, e ogni anno qualcuno si aggiunge per dare una mano. 
All’interno vi si può trovare di tutto: l’artigianato del Bangladesh naturalmente, con gli oggetti in juta in primis, ma anche i quaderni, i saponi e persino le perle, di cui il Paese è un forte produttore. Poi ci sono tutti i prodotti del mercato equosolidale, caffè, spezie, cioccolato, tè e tisane che si sommano alle specialità gentilmente offerte da amici dell’associazione, come i biscotti fatti in casa, le conserve, i liquori e in particolare lo strudel (che sarà in negozio domani o su prenotazione). 
Dall’impegno delle signore della zona arrivano poi i corredi ricamati, i centri, la biancheria per la casa, le copertine e le scarpine da neonato e tanti altri oggetti fatti con amore, come pure le sciarpe, le cuffie e i coprispalle in lana. Parte della bigiotteria è fatta a mano, altre cose sono donate, e non è raro trovare qualche pezzo vintage come le spille. Infine ci sono i libri, le collezioni di bambole e di carte, le porcellane e tanta oggettistica: «Quello che per noi è un semplice regalo di Natale - conclude Lorena Sghia - per i bambini dei villaggi del sud del Bagladesh, è l’opportunità di migliorare la propria condizione attraverso l’istruzione». 
Giulia Viviani
C’è un negozio speciale a Baganzola che è aperto soltanto per un mese all’anno ma racchiude in sé l’impegno di tante persone: è l’emporio di Natale dell’associazione il Filodijuta, aperto in piazza Salvarani ogni giorno dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. Cos’ha di speciale? Prima di tutto per realizzarlo collaborano tante persone di Baganzola e dintorni, a partire dal proprietario del fondo che lo cede gratuitamente, fino alle molte signore che per mesi si danno da fare con ricami e maglia per realizzare gli oggetti in vendita. Poi ci sono i tanti che regalano cose belle che in casa non servono più, chi realizza decorazioni natalizie fai da te e chi prepara dolci, biscotti e conserve. Si può trovare questo e molto altro all’emporio di Natale, e il valore aggiunto sta proprio nella partecipazione e nella solidarietà di tutti. «Quello che ricaviamo dalle vendite di questo periodo - spiega Lorena Sghia dell’associazione - serve per sostenere le nostre tre scuole in Bangladesh che vengono frequentate ogni giorno da 385 bambini. Con la cifra raccolta solitamente riusciamo a pagare lo stipendio degli insegnanti, garantire un’abbondante merenda agli alunni, comprare il materiale didattico e creare dei piccoli fondi sanitari d’emergenza». L’emporio a Baganzola è una tradizione che si ripete da sei anni, e ogni anno qualcuno si aggiunge per dare una mano. All’interno vi si può trovare di tutto: l’artigianato del Bangladesh naturalmente, con gli oggetti in juta in primis, ma anche i quaderni, i saponi e persino le perle, di cui il Paese è un forte produttore. Poi ci sono tutti i prodotti del mercato equosolidale, caffè, spezie, cioccolato, tè e tisane che si sommano alle specialità gentilmente offerte da amici dell’associazione, come i biscotti fatti in casa, le conserve, i liquori e in particolare lo strudel (che sarà in negozio domani o su prenotazione). Dall’impegno delle signore della zona arrivano poi i corredi ricamati, i centri, la biancheria per la casa, le copertine e le scarpine da neonato e tanti altri oggetti fatti con amore, come pure le sciarpe, le cuffie e i coprispalle in lana. Parte della bigiotteria è fatta a mano, altre cose sono donate, e non è raro trovare qualche pezzo vintage come le spille. Infine ci sono i libri, le collezioni di bambole e di carte, le porcellane e tanta oggettistica: «Quello che per noi è un semplice regalo di Natale - conclude Lorena Sghia - per i bambini dei villaggi del sud del Bagladesh, è l’opportunità di migliorare la propria condizione attraverso l’istruzione». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

rapper

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Sessanta cellulari in casa per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

carabineri

Sessanta cellulari per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

1commento

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve presidio fisso: ma non di militari" Video

13commenti

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

4commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

gran bretagna

Brexit, la Corte dà torto al governo May: "Voti il Parlamento"

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di due donne e tre uomini: le vittime salgono a 14

SOCIETA'

scuola

Ecco "Nubi", la app con la dieta bilanciata per i bimbi delle scuole Video

arte

Kampah anti-Trump a Hollywood

SPORT

tg parma

L'allenatore del Venezia Inzaghi: "Parma temibile"

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto