15°

29°

baganzola

Un negozio speciale che vende solidarietà

È l'Emporio di Natale dell'associazione Filodijuda

L'Emporio di Natale dell'associazione Filodijuta

L'Emporio di Natale dell'associazione Filodijuta

Ricevi gratis le news
0

 

Giulia Viviani
C’è un negozio speciale a Baganzola che è aperto soltanto per un mese all’anno ma racchiude in sé l’impegno di tante persone: è l’emporio di Natale dell’associazione il Filodijuta, aperto in piazza Salvarani ogni giorno dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. 
Cos’ha di speciale? Prima di tutto per realizzarlo collaborano tante persone di Baganzola e dintorni, a partire dal proprietario del fondo che lo cede gratuitamente, fino alle molte signore che per mesi si danno da fare con ricami e maglia per realizzare gli oggetti in vendita.
 Poi ci sono i tanti che regalano cose belle che in casa non servono più, chi realizza decorazioni natalizie fai da te e chi prepara dolci, biscotti e conserve. Si può trovare questo e molto altro all’emporio di Natale, e il valore aggiunto sta proprio nella partecipazione e nella solidarietà di tutti. 
«Quello che ricaviamo dalle vendite di questo periodo - spiega Lorena Sghia dell’associazione - serve per sostenere le nostre tre scuole in Bangladesh che vengono frequentate ogni giorno da 385 bambini. Con la cifra raccolta solitamente riusciamo a pagare lo stipendio degli insegnanti, garantire un’abbondante merenda agli alunni, comprare il materiale didattico e creare dei piccoli fondi sanitari d’emergenza». L’emporio a Baganzola è una tradizione che si ripete da sei anni, e ogni anno qualcuno si aggiunge per dare una mano. 
All’interno vi si può trovare di tutto: l’artigianato del Bangladesh naturalmente, con gli oggetti in juta in primis, ma anche i quaderni, i saponi e persino le perle, di cui il Paese è un forte produttore. Poi ci sono tutti i prodotti del mercato equosolidale, caffè, spezie, cioccolato, tè e tisane che si sommano alle specialità gentilmente offerte da amici dell’associazione, come i biscotti fatti in casa, le conserve, i liquori e in particolare lo strudel (che sarà in negozio domani o su prenotazione). 
Dall’impegno delle signore della zona arrivano poi i corredi ricamati, i centri, la biancheria per la casa, le copertine e le scarpine da neonato e tanti altri oggetti fatti con amore, come pure le sciarpe, le cuffie e i coprispalle in lana. Parte della bigiotteria è fatta a mano, altre cose sono donate, e non è raro trovare qualche pezzo vintage come le spille. Infine ci sono i libri, le collezioni di bambole e di carte, le porcellane e tanta oggettistica: «Quello che per noi è un semplice regalo di Natale - conclude Lorena Sghia - per i bambini dei villaggi del sud del Bagladesh, è l’opportunità di migliorare la propria condizione attraverso l’istruzione». 
Giulia Viviani
C’è un negozio speciale a Baganzola che è aperto soltanto per un mese all’anno ma racchiude in sé l’impegno di tante persone: è l’emporio di Natale dell’associazione il Filodijuta, aperto in piazza Salvarani ogni giorno dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. Cos’ha di speciale? Prima di tutto per realizzarlo collaborano tante persone di Baganzola e dintorni, a partire dal proprietario del fondo che lo cede gratuitamente, fino alle molte signore che per mesi si danno da fare con ricami e maglia per realizzare gli oggetti in vendita. Poi ci sono i tanti che regalano cose belle che in casa non servono più, chi realizza decorazioni natalizie fai da te e chi prepara dolci, biscotti e conserve. Si può trovare questo e molto altro all’emporio di Natale, e il valore aggiunto sta proprio nella partecipazione e nella solidarietà di tutti. «Quello che ricaviamo dalle vendite di questo periodo - spiega Lorena Sghia dell’associazione - serve per sostenere le nostre tre scuole in Bangladesh che vengono frequentate ogni giorno da 385 bambini. Con la cifra raccolta solitamente riusciamo a pagare lo stipendio degli insegnanti, garantire un’abbondante merenda agli alunni, comprare il materiale didattico e creare dei piccoli fondi sanitari d’emergenza». L’emporio a Baganzola è una tradizione che si ripete da sei anni, e ogni anno qualcuno si aggiunge per dare una mano. All’interno vi si può trovare di tutto: l’artigianato del Bangladesh naturalmente, con gli oggetti in juta in primis, ma anche i quaderni, i saponi e persino le perle, di cui il Paese è un forte produttore. Poi ci sono tutti i prodotti del mercato equosolidale, caffè, spezie, cioccolato, tè e tisane che si sommano alle specialità gentilmente offerte da amici dell’associazione, come i biscotti fatti in casa, le conserve, i liquori e in particolare lo strudel (che sarà in negozio domani o su prenotazione). Dall’impegno delle signore della zona arrivano poi i corredi ricamati, i centri, la biancheria per la casa, le copertine e le scarpine da neonato e tanti altri oggetti fatti con amore, come pure le sciarpe, le cuffie e i coprispalle in lana. Parte della bigiotteria è fatta a mano, altre cose sono donate, e non è raro trovare qualche pezzo vintage come le spille. Infine ci sono i libri, le collezioni di bambole e di carte, le porcellane e tanta oggettistica: «Quello che per noi è un semplice regalo di Natale - conclude Lorena Sghia - per i bambini dei villaggi del sud del Bagladesh, è l’opportunità di migliorare la propria condizione attraverso l’istruzione». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

12commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

3commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

calcio

Parma, oltre 7.200 abbonamenti. In attesa del colpaccio

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti