10°

20°

OLTRETORRENTE

Lavori in San Giuseppe: servono fondi per salvarla

Appello dei parrocchiani: «Occorrono 50 mila euro per finire il restauro»

Restauri in San Giuseppe

Restauri in San Giuseppe

Ricevi gratis le news
0

 

Luca Molinari
Il futuro di San Giuseppe, chiesa simbolo dell’Oltretorrente, dipende dai parmigiani. Sono appena partiti i lavori di restauro al tetto - in seguito al cedimento di alcune travi di una cappella laterale, che rischiava di crollare - ma servono fondi per portarli a termine. La storica parrocchia di piazzale don Dagnino quest’estate è rimasta chiusa un mese per effettuare i primi interventi di messa in sicurezza. In quell’occasione il parroco, don Gianpietro Poggi, aveva lanciato un appello alla città, ora ribadito con forza dai parrocchiani della chiesa dell’Oltretorrente. Per portare a termine i lavori infatti sono necessari circa cinquantamila euro.
«Si tratta di una cifra molto importante per una parrocchia come San Giuseppe - affermano i parrocchiani - per questo lanciamo un appello alla città affinché si possano trovare i fondi necessari per realizzare i restauri e far tornare al suo antico splendore questa stupenda chiesa, carica di storica». La chiesa di San Giuseppe risale al 1600 e per trentaquattro anni è stata guidata dall’indimenticato don Raffaele Dagnino, a cui è dedicato il piazzale antistante. Don Gianpietro Poggi, parroco della vicina chiesa di Santa Croce, è stato chiamato alla guida di San Giuseppe soltanto da alcuni mesi, dopo che don Primo Dall’Asta, parroco per trentaquattro anni, ha lasciato l’incarico per motivi di salute.
I cedimenti al tetto della chiesa sono legati a infiltrazioni d’acqua. La situazione più grave è quella relativa alla cappella di Santa Cecilia - interamente puntellata e transennata - poiché le travi sovrastanti erano adagiate sulla volta e potevano provocare danni gravissimi senza una tempestiva messa in sicurezza. La chiesa di San Giuseppe si è inoltre dotata di un sistema di allarme per far fronte ai furti. Circa due anni fa erano state trafugate due tele seicentesche, delle quali - almeno per ora - non si è più avuto notizia. Le due opere, il ritratto del conte Giuseppe Acerbi e della moglie Barbara Picolelli - attribuite a un pittore fiammingo - erano state rubate dalla sagrestia. Un colpo su commissione messo a segno da mani esperte, senza lasciare impronte o segni di effrazioni. Le opere, inserite nell’«Inventario degli oggetti d’arte della Provincia di Parma» nel 1934 per conto dell’allora ministero dell’Educazione nazionale, rappresentano un importante pezzo di storia della città. Le figure ritratte infatti sono quelle dei nobili che hanno offerto un contributo fondamentale alla realizzazione della chiesa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

SERIE B

Parma, batti un colpo

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: si vota per la finale

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Garani è presidente del gruppo fotografico Obbiettivo Natura

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: