-2°

OLTRETORRENTE

Lavori in San Giuseppe: servono fondi per salvarla

Appello dei parrocchiani: «Occorrono 50 mila euro per finire il restauro»

Restauri in San Giuseppe

Restauri in San Giuseppe

Ricevi gratis le news
0

 

Luca Molinari
Il futuro di San Giuseppe, chiesa simbolo dell’Oltretorrente, dipende dai parmigiani. Sono appena partiti i lavori di restauro al tetto - in seguito al cedimento di alcune travi di una cappella laterale, che rischiava di crollare - ma servono fondi per portarli a termine. La storica parrocchia di piazzale don Dagnino quest’estate è rimasta chiusa un mese per effettuare i primi interventi di messa in sicurezza. In quell’occasione il parroco, don Gianpietro Poggi, aveva lanciato un appello alla città, ora ribadito con forza dai parrocchiani della chiesa dell’Oltretorrente. Per portare a termine i lavori infatti sono necessari circa cinquantamila euro.
«Si tratta di una cifra molto importante per una parrocchia come San Giuseppe - affermano i parrocchiani - per questo lanciamo un appello alla città affinché si possano trovare i fondi necessari per realizzare i restauri e far tornare al suo antico splendore questa stupenda chiesa, carica di storica». La chiesa di San Giuseppe risale al 1600 e per trentaquattro anni è stata guidata dall’indimenticato don Raffaele Dagnino, a cui è dedicato il piazzale antistante. Don Gianpietro Poggi, parroco della vicina chiesa di Santa Croce, è stato chiamato alla guida di San Giuseppe soltanto da alcuni mesi, dopo che don Primo Dall’Asta, parroco per trentaquattro anni, ha lasciato l’incarico per motivi di salute.
I cedimenti al tetto della chiesa sono legati a infiltrazioni d’acqua. La situazione più grave è quella relativa alla cappella di Santa Cecilia - interamente puntellata e transennata - poiché le travi sovrastanti erano adagiate sulla volta e potevano provocare danni gravissimi senza una tempestiva messa in sicurezza. La chiesa di San Giuseppe si è inoltre dotata di un sistema di allarme per far fronte ai furti. Circa due anni fa erano state trafugate due tele seicentesche, delle quali - almeno per ora - non si è più avuto notizia. Le due opere, il ritratto del conte Giuseppe Acerbi e della moglie Barbara Picolelli - attribuite a un pittore fiammingo - erano state rubate dalla sagrestia. Un colpo su commissione messo a segno da mani esperte, senza lasciare impronte o segni di effrazioni. Le opere, inserite nell’«Inventario degli oggetti d’arte della Provincia di Parma» nel 1934 per conto dell’allora ministero dell’Educazione nazionale, rappresentano un importante pezzo di storia della città. Le figure ritratte infatti sono quelle dei nobili che hanno offerto un contributo fondamentale alla realizzazione della chiesa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

nuoto

Europei, tris d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

SOCIETA'

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5