-1°

Rifiuti

Raccolta differenziata: botta e risposta tra Ghiretti e Folli

Il consigliere: "Non funziona, Comune ostaggio di Iren". L'assessore: "Comunicazione e repressione per superare i problemi". Iren: "Consultate i calendari"

Raccolta differenziata: botta e risposta tra Ghiretti e Folli
17

Botta e risposta sulla gestione dei rifiuti fra il capogruppo di Parma Unita, Roberto Ghiretti, e l'assessore all'Ambiente Gabriele Folli. Per Ghiretti la raccolta differenziata così come proposta da Comune e Iren non funziona. Ghiretti accusa l'amministrazione di essere "ostaggio" di Iren.
L'assessore all'Ambiente Gabriele Folli risponde a Ghiretti che non c'è alcuna sudditanza da parte del Comune nei confronti di Iren e sottolinea che ci sono problemi e "fenomeni di inciviltà" anche a Firenze, città indicata da Ghiretti come modello, ad esempio per la presenza di cassonetti interrati i quali però inciderebbero sul piano finanziario rifiuti, fa notare Folli. I problemi legati al porta a porta - aggiunge - saranno superati con un'opera di comunicazione e con la "repressione dei comportamenti scorretti". 
ROBERTO GHIRETTI (PARMA UNITA): "LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NON FUNZIONA. COMUNE OSTAGGIO DI IREN". Il capogruppo di Parma Unita Roberto Ghiretti critica il sistema di raccolta differenziata dei rifiuti promosso dall'amministrazione Pizzarotti. Scrive Ghiretti nel suo comunicato: 

Gli ultimi scorci di questo 2013 hanno portato alla ribalta un problema che da tempo segnalo: la raccolta differenziata promossa dal Comune di Parma e Iren non funziona. Ormai si è perso il conto delle segnalazioni fotografiche sui giornali da parte dei cittadini: Centro, Oltretorrente, Molinetto, Montanara; i mucchi di spazzatura proliferano un po' ovunque, così come le discariche abusive, vedi i casi di via Paradigna e Panocchia.
E tutto questo accade mentre abbiamo ancora nelle orecchie le rassicurazioni dell'assessore Folli, che con un paio di ronde di vigili ambientali in più ha pensato bene qualche settimana fa di annunciare che l'emergenza stava rientrando!
Il problema non è che i parmigiani non sono disponibili a fare la raccolta differenziata dei rifiuti, il problema è che il piano messo in atto è povero di mezzi e di idee. Non sono state messe in campo soluzioni ad hoc per i diversi quartieri, non sono state fatte sperimentazioni, ci si è limitati a togliere i cassonetti dalle strade e tanti saluti.
Per quanto mi riguarda non è certo così che si raggiungerà l'80% di raccolta differenziata, un obiettivo a lungo sbandierato ma dal quale siamo La raccolta differenziata non funzionaancora molto lontani.
E sì che le progettualità a cui guardare e da cui prendere spunto non mancano. Penso ad esempio a Firenze, dove con un'iniziativa molto innovativa si è coperto il centro storico e non solo con cassonetti interrati. O città come Alessandria o Genova, dove i cassonetti, differenziati per colore, sono rimasti in strada.
Mai come in questo caso il Comune di Parma sembra essere ostaggio di Iren. In un anno e mezzo i rapporti con la Multiutility sono diventati un groviglio di interessi e conflittualità (vere o supposte che siano) dal quale, evidentemente, Sindaco e Assessore oggi non riescono più a districarsi.Tra cause milionarie per la questione inceneritore, piccoli dispetti e grandi manovre per garantire la poltrona al rappresentante del Comune di Parma in seno all'azienda, quel Lorenzo Bagnacani che abbiamo visto una volta in consiglio comunale e poi più, mi sono convinto che nei confronti di Iren la nostra è una posizione di debolezza talmente profonda da non poter più dire chiaramente “No, cara Multiutility, questo servizio per la gestione della raccolta differenziata proprio non va”.
Del resto ho troppo rispetto della competenza dell'assessore Folli da poter pensare che egli condivida quanto sta avvenendo quotidianamente nelle nostre strade.
Come consigliere di opposizione farò la mia parte e anche di più. Nelle prossime settimane Parma Unita presenterà alcune proposte organiche per migliorare la raccolta dei rifiuti che speriamo possano mettere in moto correttivi efficaci. Il buon funzionamento della raccolta differenziata deve essere un obiettivo di tutta la città e come tale non può essere subordinato a interessi di parte che non hanno senso di esistere quando si parla del benessere dei cittadini.

L'ASSESSORE FOLLI: "NESSUNA SUDDITANZA VERSO IREN. COMUNICAZIONE E REPRESSIONE PER SUPERARE I PROBLEMI". L'assessore all'Ambiente Gabriele Folli risponde a Ghiretti che non c'è alcuna sudditanza da parte del Comune nei confronti di Iren e sottolinea che ci sono problemi e "fenomeni di inciviltà" anche a Firenze, città indicata da Ghiretti come modello, ad esempio per la presenza di cassonetti interrati i quali però inciderebbero sul piano finanziario rifiuti, fa notare Folli. I problemi legati al porta a porta - aggiunge - saranno superati con un'opera di comunicazione e con la "repressione dei comportamenti scorretti". 

Ecco il comunicato dell'assessore: 


“Ringrazio il consigliere Ghiretti per le sollecitazioni e le raccolgo come ulteriore spinta propositiva a migliorare il percorso da noi intrapreso sulla raccolta differenziata porta a porta. Ghiretti però nel suo intervento si produce in una serie di affermazioni che non condivido specie quando banalizza un progetto largamente studiato da alcuni dei migliori specialisti italiani del settore (Pasquale Lepore, Raphael Rossi, Enzo Favoino, Roberto Cavallo per citarne alcuni) e poi applicato da Iren che proprio l’ultimo arrivato in materia di raccolta differenziata non è, visti gli ottimi risultati ottenuti in Provincia di Parma con il più grande numero di comuni oltre l’80% in regione.

Di contro rassicuro lo stesso che non vi è alcuna sudditanza da parte nostra nei confronti di Iren e prova ne è che a partire da settembre di quest’anno, abbiamo introdotto una serie di controlli a campione sull’operato del gestore e sulla corretta esecuzione del servizio raccolta e spazzamento che mai prima d’ora era stata fatta nel Comune di Parma. 

Il sistema porta a porta per sua natura presenta delle difficoltà iniziali che col tempo vengono assorbite grazie al lavoro di comunicazione e repressione dei comportamenti scorretti e continueremo ad apportare tutte le migliorie e le modifiche necessarie che le buone pratiche mutuate da altre realtà ci possono essere utili al progressivo e continuo miglioramento del sistema.
Ricordo che nel novembre scorso, in occasione dell’assemblea dall’associazione Comuni Virtuosi abbiamo avuto il sindaco Del Ghingaro del Comune di Capannori che oggi rappresenta un modello di eccellenza a livello europeo e che per sua stessa ammissione ci aveva spiegato che anche per loro gli inizi non erano stati affatto facili.
E’ vero dunque che vi sono le difficoltà che sono sotto gli occhi di tutti ma è anche vero che la stragrande maggioranza dei cittadini sta rispondendo positivamente al nuovo modello di raccolta visti i risultati che a novembre danno un raccolta differenziata del Comune al 57% con un balzo in avanti di 9 punti percentuali rispetto all’inizio ed anche al dato di rifiuto residuo procapite avviato a smaltimento che fanno del comune di Parma il miglior capoluogo della regione Emilia-Romagna con 267 kg/abitante/anno, rispetto a comuni che magari vantano percentuali di raccolta migliori ma con risultati sensibilmente inferiori sul residuo.
Ben vengano anche le proposte di seguire esempi di altre città come Firenze che per il centro storico ha adottato le isole interrate, tenendo presente però che questi interventi vanno dosati progressivamente perché vanno a pesare sul piano finanziario rifiuti e, in un momento in cui gli effetti della Tares hanno portato sensibili aumenti alla tariffe e non ci è dato sapere quello che ci prospetterà il governo per l’anno prossimo, aggiungere ulteriori costi porterebbe a pesare ulteriormente sulle famiglie e sulle attività commerciali. Utile anche conoscere i dati di Firenze che al 2011 aveva un 43,6% di raccolta differenziata e un procapite di rifiuto urbano residuo di 395 kg/abitante/anno, dati quindi non esaltanti che non ci ispirano a copiare in tutto e per tutto il modello fiorentino che pure non è esente da fenomeni di inciviltà che purtroppo ci accomunano come si può notare anche da questo resoconto apparso su un giornale locale. Con questo non ci rassegniamo e le assicuro che l’’impegno e la passione mia, dei miei collaboratori e del gestore in questa partita non mancheranno confidando che nel corso del prossimo anno con pazienza e perseveranza arriveremo a raggiungere i modelli di eccellenza in risultati e decoro che in Italia certo non mancano (Trento, Capannori, Ponte nelle Alpi, solo per citarne alcuni).

 

LA DIFFERENZIATA IL 1° GENNAIO. Intanto Iren Emilia ricorda che in occasione del 1 gennaio, i servizi di raccolta porta a porta dei rifiuti possono subire variazioni di giornata. "È perciò importante, a seconda delle zone cittadine servite dalla raccolta differenziata, consultare il calendario che è stato consegnato a tutte le utenze per conoscere se i rifiuti possono essere esposti oppure no. Esporre i rifiuti nei giorni sbagliati può creare difficoltà operative e influire sul decoro urbano".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Renato Cantarelli

    23 Giugno @ 13.40

    Gentile Direttore, sono un attivista del M5S Parma e mi chiedo come mai non dia spazio al nostro cuminicato Stampa inviatole Sabato ultimo scorso in risposta alle osservazioni del consigliere Ghiretti in merito al tema "differenziata. Cordialità http://parma5stelle.it/wp/2014/06/risposte-in-attesa-di-proposte-ghiretti-parma/ Renato Cantarelli - M5S Parma

    Rispondi

  • pallina

    10 Gennaio @ 14.18

    Penso proprio che questa raccolta non vada per niente bene.... e non sono la sola a pensarlo... rifiuti ovunque e non sempre per colpa dei cittadini che sono costretti a tenere in casa i rifiuti e aspettare il giorno di raccolta e chi vive in un monolocale quasi sempre senza balcone come deve fare???? e allora chi non ha uno spiccato senso civico la lascia dove può anche all'interno dei condomini che si trasformano in discariche... mi chiedo con l'arrivo del caldo come si farà... tutto sarà reso più difficile e rischiamo aumento presenza animali vari da insetti a... non voglio pensarci... non sarebbe stato meglio e più semplice mettere dei cassonetti appositi per i vari rifiuti dove poter gettare i propri all'occorrenza e raccoglierli tutti i giorni senza creare disagi? penso che anche la raccolta dal cassonetto a porta a porta sia più semplice ed efficace... speriamo che cambino alla svelta prima di vedere Parma trasformata in un'altra città...

    Rispondi

  • Maurizio

    03 Gennaio @ 21.19

    Immanuel mi chiedi se sto dicendo sul serio? Bene nel mio comune al comando c'è un'amministrazione di centro sinistra e si fa la stessa raccolta differenziata anzi con passaggi settimanali invece che trisettimanali per alcuni tipi di rifiuti, in altri comuni più grossi di parma si fa lo stesso e non mi risulta ci sia folli al comando e non credo che siano tanto sprovveduti a chiamarlo come consulente anche se siamo in italia ed è normale che chiunque possa essere chiamato come consulente in tutto pur non avendo cose insignificanti come la competenza...

    Rispondi

  • brontolone

    03 Gennaio @ 12.24

    La repressione è una pura chimera. Dove li trovano i vigili che di notte si appostano in tutti i quartieri per "beccare" i cittadini che abbandonano le immondizie in strada? Rimettete i cassonetti colorati e, vedrete, si cancellerà il problema.

    Rispondi

  • Immanuel

    02 Gennaio @ 12.27

    Maurizio, ma stai dicendo sul serio ? Facciamo cosi: io non so chi ha inventato il sistema, io parlo per me. In Oltretorrente il sistema è entrato in vigore a fine anno, per quello che mi riguarda non sta funzionando bene (casa piena di immondizia, servizio carente, cumuli di rudo per strada) e all'amministrazione in questo momento c'e' Folli. Ergo, con chi me la devo prendere? Con Ubaldi? Non è un problema di 5 stelle, ma di chi sta sostenendo questa schifezza. Negli altri quartieri non so se va bene (mi sembra non molto), so solo che mia madre, che abita in provincia e ha il cortile, non ha grossi problemi. IO ABITO IN UN APPARTAMENTO E' NON SO PIU' DOVE METTERE IL RUDO !!! HO LA CASA CHE FA SCHIFO PERCHE' ME LO DEVO TENERE IN CASA DEI GIORNI !!! MI SPIEGO? E' GIUSTO? DICI CHE NON E' CONDIVISIBILE IL MIO PUNTO DI VISTA? DOVE SBAGLIO???

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti