12°

26°

Quartieri-Frazioni

Via libera agli incentivi per la casa

Via libera agli incentivi per la casa
0

Pierluigi Dallapina

Case più belle in centro storico e palazzi capaci di far risparmiare sulla bolletta energetica. I progressi dell'edilizia rendono questi due obiettivi facilmente raggiungibili, anche se non sempre risultano economici. Soprattutto in un periodo di crisi. E' per questo che il Comune ieri ha dato il via libera ad una serie di incentivi - nove per gli edifici esistenti - per recuperare le facciate degli edifici storici e per installare impianti che producono energia da fonti rinnovabili. In concreto si parla di sconti sugli oneri di urbanizzazione secondaria, di agevolazioni nelle ztl, oltre alla possibilità di guadagnare una stanza in più (20 metri quadrati), per chi riqualifica un intero palazzo.
«Il settore edile ha bisogno di alcune opportunità che l'amministrazione deve mettere in campo», dice Francesco Manfredi, assessore all'Urbanistica. «E' per questo che il Comune vuole snellire e sburocratizzare le procedure», aggiunge prima di ricordare che gli incentivi saranno operativi dopo l'approvazione del Regolamento energetico e di quello Urbanistico ed edilizio. Il primo dovrebbe essere varato durante l'ultimo consiglio comunale di luglio, mentre l'altro Regolamento dovrebbe vedere il via libera a settembre.

Per quanto riguarda gli edifici esistenti, il sistema degli incentivi prevede: premio volumetrico, semplificazione delle pratiche edilizie, riduzione della tassa di occupazione del plateatico, incentivi e agevolazioni nella fase di cantierizzazione, riduzione degli oneri di urbanizzazione secondaria, scomputo delle superfici dei locali tecnologici, recupero a fini abitativi dei sottotetti esistenti, possibilità di inserimento di «tasche» nel tetto e possibilità di aumentare il rapporto aero-illuminometrico. Misure che, in estrema sintesi, cercano di migliorare la qualità del patrimonio edilizio di Parma.

Buona parte dei premi riguarda il miglioramento della classe energetica degli edifici, che segue un criterio simile a quello degli elettrodomestici: più sale la classe di assegnazione e più è alto il risparmio. In questa direzione va il premio volumetrico, che prevede la possibilità, per coloro che recuperano un intero edifico - in conformità con i parametri della Legge regionale 156/08 - di guadagnare 20 metri quadrati in più per ogni singola unità abitativa. Questa possibilità, per ovvi motivi, non è applicabile ai centri storici. In questo modo, nei condomini, si potrebbero recuperare i balconi chiusi con i vetri. Il premio volumetrico permette anche di derogare alle distanze minime tra gli edifici, ma solo in caso di interventi di recupero energetico.

La semplificazione delle pratiche edilizie prevede la possibilità di sostituire la Dia con una semplice comunicazione al Comune, ma solo nei casi di recupero energetico in cui gli impianti non modifichino l'aspetto dell'edificio. La riduzione della tassa del plateatico per chi monta un ponteggio - sia per chi migliora l'efficienza energetica che per chi recupera una facciata - è del 40 per cento per gli edifici non soggetti a vincolo di tutela dal ministero per i Beni culturali, e del 50 per cento per gli edifici vincolati dal ministero.
Nella fase del cantiere sono previste deroghe alle limitazioni della ztl e/o della sosta per i mezzi d'opera, mentre la riduzione degli oneri di urbanizzazione secondaria è del 20 per cento se con l'intervento energetico si raggiunge la Classe C, del 25 se si arriva alla B e del 30 per cento se si raggiunge la Classe A. Il sesto incentivo prevede lo scomputo delle superfici necessarie ad accogliere impianti per le energie rinnovabili o per il riscaldamento/raffrescamento passivo. In pratica questi locali e questi impianti non sono considerati nel calcolo dei volumi, delle superfici, o del calcolo della Slu.
Dal Comune arriva anche il via libera al recupero ai fini abitativi dei sottotetti esistenti che rispettano i requisiti della Legge regionale 11 del 1998. Con questo incentivo il comune offre la possibilità di dare il requisito dell'abitabilità ai sottotetti con altezza media di 2,40 metri. Il penultimo incentivo prevede la possibilità di realizzare terrazzini «a tasca»  - per quanto riguarda il centro storico - anche per i sottotetti privi di abitabilità, nel rispetto delle prescrizioni della Disciplina particolareggiata del centro storico.

Infine, sempre per quanto riguarda il centro storico, sarà possibile aumentare il rapporto aero-illuminometrico per i sottotetti privi dell'abitabilità. Da questi due incentivi sono esclusi gli edifici assogettati a restauro scientifico.
Come conferma Paolo Conforti, delegato dell'Agenzia per la Qualità urbana, gli incentivi mirano a ridare bellezza ad alcuni palazzi del centro. «In questo modo - spiega - vogliamo aiutare i proprietari a riqualificare quelle facciate che, a causa dell'introduzione di elementi di poco valore, hanno perso l'originaria fisionomia».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Il video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Parma? La Jolie si consola con Johnny Depp...

GOSSIP

Parma? La Jolie si consola con Johnny Depp...

«Fuocammare» è il candidato italiano

Cinema 

«Fuocammare» è il candidato italiano agli Oscar

Cagnotto, matrimonio da favola

Gossip Sportivo

Cagnotto, matrimonio da favola

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Festival Verdi: venerdì la festa inaugurale

Parma

Festival Verdi: venerdì la festa inaugurale

Lealtrenotizie

Lungoparma, nuove regole: viale Toschi deserto alle 9,30

Parma

Lungoparma, nuove regole: viale Toschi deserto alle 9,30 Video

Parma Calcio

Lussazione a una spalla: Coly fermo per oltre un mese Video

Borgotaro

Ruba l'incasso alla Fiera del fungo: inseguita e arrestata

Rivalità

Parma meglio delle città vicine? È polemica

13commenti

M5S

Pizzarotti duro con Grillo: "Decidere tutti? No, decide uno solo"

Il sindaco rinnova lo scontro dopo l'esclusione dalla kermesse di Palermo

1commento

tg parma

Scuola di Alice: dopo i ritardi, lavori finiti Video

A breve un altro cantiere

1commento

Guastalla

In treno senza biglietto, inveisce contro i passeggeri: caos sul Parma-Suzzara

Un 21enne già noto alle forze dell'ordine è stato denunciato

5commenti

Criminalità

Rincasa dopo la messa: scippata

1commento

Lutto

Addio ad Aleotti: internato in Germania, per due anni mangiò bucce di patata

EDITORIALE

L'Italia che dice no «perché siamo incapaci»

12commenti

QUATTRO CASTELLA

Agricoltore investe col trattore e uccide il figlio di 8 anni

La disgrazia in un fondo nel reggiano. Indagano i carabinieri

1commento

"Puliamo il Mondo"

Rifiuti di ogni genere fra i torrenti Parma e il Baganza Foto

tg parma

Gioco, droga e alcol: dipendenza in calo a Parma nel 2015

1commento

Gazzareporter

Pecore al pascolo nel greto... a Parma Video

Fontevivo

Restori, il geometra più longevo d'Italia

stessa posa, stesso luogo

Oggi come ieri: sorrisi e nostalgia Gallery Inviateci le vostre foto

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Rivoluzionari con le case degli altri

3commenti

SONDAGGIO

Parma è meno ordinata di Reggio e Piacenza?

ITALIA/MONDO

Appennino reggiano

Picchia la ex e il figlio, poi si nasconde in un bosco: accerchiato e arrestato

Siena

Ruba da Facebook le foto di un'amica e le pubblica su un sito porno: denunciato

CURIOSITA'

parma

Christo: dal lago d'Iseo alle Fiere

borbone parma

In Duomo il battesimo del Principe Carlo Enrico Le foto

16commenti

SPORT

Parlano gli ex

Parma, il 3-5-2 è il modulo vincente?

Calciomercato

Napoli, Gabbiadini rinnova

MOTORI

SALONE

Parigi val bene una "scossa"

IL TEST

Kia cee'd,
che sorpresa
il tre cilindri