COMMERCIO

Salvarani chiude dopo sessant'anni

Una bottega vecchio stampo dove i clienti erano quasi una famiglia

Salvarani chiude dopo sessant'anni
Ricevi gratis le news
1

Un altra saracinesca storica si è abbassata per sempre nella nostra città. Da fine giugno, ma in realtà la «smobilitazione» definitiva è arrivata soltanto a fine luglio, ha chiuso i battenti dopo quasi 60 anni di attività il negozio di elettrodomestici Salvarani, che si trovava all'inizio di via Trento, all'angolo con via Monte Altissimo.
Più che un negozio, in realtà era una «bottega» vecchio stampo, dove i clienti erano quasi una famiglia e l'assistenza prima e dopo la vendita un piacere più che un obbligo. A condurre l'attività fino all'ultimo è stato Roberto, figlio di Ivo, che aveva avviato l'attività nel lontano 1955 negli stessi locali che sono stati occupati fino a pochi giorni fa. «Purtroppo è stata una scelta inevitabile, perché, soprattutto negli ultimi 2 anni, il lavoro è praticamente crollato e quindi ho preferito, per così dire, chiudere - spiega Roberto - per scelta e non per obbligo».
Una chiusura che però per lui non significa assolutamente un ritiro «a riposo»: «No, perché continuo a lavorare facendo assistenza e riparazioni per i miei clienti. Per me è un modo per continuare nello spirito di quel servizio di qualità che un negozio come il nostro, a conduzione famigliare, ha sempre portato avanti». Quello di Roberto Salvarani era uno degli ultimi negozi di elettrodomestici che hanno resistito all'«invasione» delle grandi catene degli ultimi anni: «Sì, ormai si contano al massimo sulle dita di due mani, ma è un'evoluzione inevitabile, viste le condizioni in cui si è costretti a lavorare». Negli anni Cinquanta, papà Ivo aveva cominciato vendendo bombole di gpl e fornelli, «poi a inizio degli anni Sessanta è diventato concessionario di Fides e Ignis e negli anni Settanta avevamo anche vendita e esposizione delle cucine della Germal e della Sare». Roberto era alla guida del negozio da 38 anni e di tutto questo tempo ricorda con piacere «l'ottimo rapporto con i clienti. Pensi che durante le feste erano in tanti che passavano anche solo per farmi un augurio». Non ci sono rimpianti per la chiusura «però va detto che il Comune non sta facendo nulla per aiutare i piccoli negozi a non abbassare la saracinesca. Qui ormai non veniva più nessuno anche perché l'unica cosa certa era la multa che i vigili davano anche a chi sostava per pochi minuti. E le stesse difficoltà ci sono per tutti i negozianti storici della zona. I tempi sono cambiati molto in fretta». Forse troppo, considerato che anche questo è un altro piccolo tassello dell'«anima» della città che si è perso e non verrà più rimpiazzato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Marzio

    17 Agosto @ 20.49

    Certo che dopo quasi sessant'anni, almeno un commentino.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

PARMA

Incidente con auto ribaltata: disagi al traffico in zona Petitot Foto

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

La rabbia degli abitanti oltre il confine con Brescello. «Nessuno ci ha avvertiti e così abbiamo perso tutto»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

1commento

MANTOVA

Bimbi uccisi: indagato anche il marito di Antonella Barbieri

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta la squadra

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260