-2°

Quartieri-Frazioni

Gli abitanti del quartiere San Leonardo: «Ci sentiamo assediati»

Gli abitanti del quartiere San Leonardo: «Ci sentiamo assediati»
Ricevi gratis le news
1

Residenti e negozianti ormai non ne possono più. La presenza di spacciatori in via Trento, per loro, ormai non è più tollerabile. Lo denunciano da tempo, ma l'episodio di venerdì sera ha davvero fatto traboccare il vaso. «Ci sentiamo assediati - lamenta un residente -. Questa gente staziona in strada tutta la notte, dalle otto di sera fino alle sette del mattino: non ci lasciano dormire, sentiamo le minacce, le contrattazioni con i clienti per la droga, gli inseguimenti quando ogni tanto vengono la polizia o i carabinieri. Che però ci dicono che non possono fare niente: questi spacciatori la droga non la portano addosso e hanno tutti il permesso di soggiorno. Finché non succederà qualcosa di molto grave saremo completamente abbandonati a noi stessi».

Una situazione, osserva un altro abitante della zona, che va avanti da luglio, «da quando li hanno cacciati da via Palermo e loro si sono spostati in via Trento e nelle strade laterali, in particolare via Brennero, via Brenta e via Marmolada. E adesso noi per entrare in casa nostra dobbiamo chiedere permesso a loro. Per non parlare di tutte le volte che ci avvicinano per chiederci se vogliamo della droga. E se diciamo qualcosa, ci sfidano: “Chiama pure la polizia, chiama chiama...”».
«Tutto è cominciato - spiega un barista - quando quest'estate hanno chiuso il tratto iniziale di via Trento per lavori: si sono spostati da questa parte e hanno trovato terreno fertile, con tutte queste stradine e l'area dell'Ex Boschi abbandonata, dove si nascondono facilmente». Ora la situazione, secondo lui, si è troppo deteriorata: «Li si è lasciati fare per troppo tempo, questi si sono organizzati: hanno tutti il telefonino e si tengono in contatto per avvisare se arriva la polizia. Le forze dell'ordine dicono che ci sono pochi uomini. Ma questa è un'emergenza. Se si possono fare arrivare rinforzi da fuori per una partita di calcio, perché non farli venire anche per risolvere una situazione come questa? Oppure dovrebbero fare delle retate in borghese, altrimenti quelli appena vedono una sirena scappano».
Un'altra persona che abita in uno dei palazzi della zona calda aggiunge: «Bisogna fare qualcosa: qui d'estate non si riesce neanche a dormire. L'area Ex Boschi, poi, andrebbe recintata bene, mentre adesso ci sono delle reti che possono essere aperte facilmente. E poi dovrebbero illuminarla e ripulirla dalla vegetazione che è cresciuta e dove questi spacciatori si nascondono». E anche il rudere che si affaccia proprio su quest'area è un nascondiglio ideale sia per gli spacciatori che per la loro droga.
«Questa situazione la conoscono bene tutti, già da tempo», denuncia il titolare di una tabaccheria. «Di questi spacciatori c'è pieno: si vedono anche in pieno giorno che vanno avanti e indietro in bicicletta, sempre le stesse persone. La gente ormai ha paura». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giorgio Russo

    30 Ottobre @ 14.00

    Difendere la Costituzione. Tanto rumore e poi in questa zona sono lesi i diritti umani. Base fondamentale di una civiltà democratica. Espulsione. purtroppo diversamente con una scusa o l'altra ce ne sono sempre di più.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biancanve

fiabe

Biancaneve, gli 80 anni della prima principessa Disney

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

6commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

PADOVA

Azienda non riusciva a trovare 70 operai: dopo l'appello 5mila domande

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPORT

sci

Sofia Goggia e' tornata, Hirscher gigante in Badia

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande