14°

28°

Quartieri-Frazioni

Via i cassonetti del verde a Vigheffio: e i residenti scrivono al sindaco e ad Enìa

Ricevi gratis le news
2

Questa la lettera inviata dagli abitanti di Vigheffio al sindaco, Enìa e altre realtà cittadine per contestare la scelta di togliere i cassonetti del "verde" a favore di soluzioni di compostaggio domestico:

"Enìa e Comune hanno annunciato che a Vigheffio saranno drasticamente aboliti i cassonetti verdi per la raccolta di erba e potature; si dovrà trasportare lo sfalcio in via Toscana oppure realizzare delle maxi compostiere "domestiche" in giardino.
Tale obbligo crea sconcerto, non per cattiva volontà, ma perchè la gestione di una grande compostiera richiede tempo e competenze che vanno ben oltre la diligenza del buon cittadino.
Si legga l’opuscolo inviato dal Comune agli abitanti di Vigheffio: “Il compost in 10 punti”:
1) triturare tutti i rifiuti…    
2) preparare il fondo… 
3) miscelare in proporzioni uguali secco e umidi …
5) bagnare finché risulti umido ma non fradicio;
6) distribuire eventuali additivi, letame, farina di roccia  etc.;
7) tenere, sotto controllo la temperatura della massa. Se scende sotto ai 30°-40°C (estate) o ai 20°-30°C (inverno), rivoltare il tutto, …
8) rivoltare ancora ad intervalli di 15-20 gg dopodiché non muovere più il materiale fino a maturazione
9) attendere 9-12 mesi per la maturazione,
10) eventualmente vagliare con setaccio… (con tanti AUGURI !!!!)
  Evidentemente il compostaggio dell'erba non è il "compostaggio domestico" di qualche buccia di mela: tre metri cubi d’erba al mese, per 8 mesi fanno 24 metri cubi che “maturano” in 12 mesi… DOVE LI METTIAMO ?
Si faccia almeno la raccolta "porta a porta"!
  La città è nata quando i cittadini hanno "scoperto" che invece di farsi la zappa, contivare la melica, allevare il maiale, accumulare il letame, era meglio "specializzarsi" in una sola attività, ed acquistare / scambiarsi servizi e prodotti.
Il Comune di Parma non può imporre a Vigheffio stili di vita preindustriali. Anche gli ambientalisti più osservanti ammettono che non si può tornare al passato.
Gli abitanti di Vigheffio, zona urbana e non più rurale, vivono ai ritmi della Città e svolgono professioni urbane. Si deve produrre sempre di più… si deve competere col mondo intero... non è possibile dedicarsi quotidianamente alla "màsa dal rùd" come i nostri bisnonni! E se l’operazione non riesce? che “profumino” sentiranno i vicini? Enìa, che ha le competenze e il personale necessario, dovrebbe dare l'esempio e gestire un impianto di compostaggio di quartiere. Fornire servizi eco-compatibili non significa abbandonare i cittadini ad un improbabile “fai da te”.
  Ringraziamo l'avv. Pagliari per le opportune critiche alla decisione del Comune di cancellare il servizio di raccolta dello sfalcio a Vigheffio e rendere di fatto obbligatorio un gravoso compostaggio "domestico".
 
Abitanti di Vigheffio - ILSEA
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianfranco ferrari

    06 Febbraio @ 21.33

    Nel comune dove abito nei primi anni settanta ci fu imposto il compattatore per ogni condominio, poi negli anni 90 si passò alla raccolta da parte del comune, forese gli esperti sono troppi!

    Rispondi

  • giordana

    06 Febbraio @ 16.59

    mi spiace contraddire gli abitanti di Vigheffio, che stanno facendo di un modo di vivere molto naturale, il compostaggio domestico, un gravoso problema inesistente, e confondono il compostaggio con la "masa dal rud" come dicono loro, che nulla c'entra. Dico questo perchè noi il compostaggio lo facciamo già da 20 anni, in città, e non ci vogliono competenze particolari, e neanche necessita di cure morbose, e neanche puzza, come vogliono far sembrare, e vi assicuro che anche noi lavoriamo intensamente. L'iniziativa dell'Assessore Sassi è, a mio parere, veramente ottima, il concime per i giardini e orti che si ottiene è di ottima qualità, ed è un grande segno di civiltà l'essere autosufficienti senza dover andare in auto in un garden center, comprare sacchi imballati di plastica, con dentro le stesse cose che ci arrivano gratis da casa nostra, in più vogliamo metterci anche il trasporto su gomma di questi sacchi con l'inquinamento ed il costo che questo comporta ? Dobbiamo tutti contribuire ad inquinare e produrre meno rifiuti, lo sapete quante persone sarebbero felici di avere nel proprio giardino a disposizione una compostiera, data dal Comune con gli sgravi per l'impegno? Mi auguro che non tutti i cittadini di Vigheffio siano così chiusi ad un ritorno che non è del passato, ma che dovrà essere il nostro futuro, se amiamo la Terra. vorrei ricordare inoltre a questi signori che allevare maiali e coltivare la terra è un mestiere nobile, che permette a questi signori di andare a tavola e mangiare con gusto, non vedo perchè debbano disprezzare quello che è un punta di forza della nostra economia, ma forse sarebbe per loro un discorso troppo intenso. Competere con il mondo intero significa essere in parte autosufficienti e tirarsi su le maniche! Ben vengano le compostiere !

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti