17°

Quartieri-Frazioni

«La movida? Da salvare Per un centro vivo e sicuro»

«La movida? Da salvare Per un centro vivo e sicuro»
1

Lettera aperta in difesa della movida. A lanciare un appello sono oltre 120 baristi e ristoratori di via Farini e di piazza Garibaldi. Pubblichiamo qui di seguito ampi stralci del loro documento.
«Lasciatecelo dire: per fortuna che c'è la movida. Perché rende il centro più sicuro, tiene lontano lo spaccio e la prostituzione, fa sì che i nostri ragazzi non si spostino da una città all'altra per cercare divertimenti, e, non ultimo in questi tempi di crisi, garantisce posti di lavoro», così inizia il documento sottoscritto dagli esercenti dei locali pubblici. «Abbiamo deciso di far sentire la nostra voce e le  nostre ragioni, in questi giorni in cui si parla tanto di chiudere i locali della movida e si trattano i baristi come complici di chi fa rumore e disturba di notte. Ci rivolgiamo a tutti i cittadini di Parma, all'amministrazione comunale che tanto ha investito in iniziative per migliorare la qualità di vita della città e del centro storico. Invitiamo tutti a una rilflessione seria sulla "questione movida"».
Accuse ingiuste «Troppo spesso ci sentiamo attaccati, sotto accusa, come se chi protesta guardasse solo alla propria nicchia, senza allargare lo sguardo all'interesse generale. Che è quello di avere una città che vive, nel rispetto delle esigenze di chi vuole dormire, ma anche di chi vuole divertirsi».
Movida e sicurezza«Proviamo a immaginare cosa sarebbe il centro storico senza la movida. Sarebbe un centro silenzioso, certo, ma altrettanto deserto, vuoto. O meglio: sarebbe una zona di spaccio, di prostituzione, di malaffare, come del resto succede laddove i locali non ci sono: pensiamo a via Dalmazia, via Corso Corsi, via Palermo, solo per citare alcuni esempi. I bar, troppo spesso ingiustamente accusati, offrono non solo servizi di pubblica utilità, ormai indispensabili - pensate alle toilette, visto che i bagni pubblici praticamente non esistono più  -, ma sono diventati anche presidi per la sicurezza,
garanzia per i cittadini perbene che magari rientrano a tarda ora e si sentono tranquilli, se c'è la luce di un locale  vicino a casa.
La presenza di persone tiene lontano i malviventi, scongiura i furti negli appartamenti (quanti colpi ci sono nella zona della stazione e quanti in via Farini? Tantissimi nel primo caso, quasi nessuno nel secondo), tranquillizza le donne che girano da sole, perché qualsiasi cosa succeda, c'è qualcuno che può dare loro una mano».
Prima della movida «Chi ricorda cos'era via Farini prima della movida? Una strada trascurata e degradata, a due passi dalla Piazza. E cosa succedeva in via Nazario Sauro, in via Maestri? Zone di prostituzione, borghi nei quali c'era paura ad addentrarsi col buio».
Il centro di Reggio «Pensate a quello che è diventato il centro di Reggio: terra di conquista di spacciatori, dove i reggiani hanno timore ad addentrarsi di notte».
Più controlli «Vorremmo invitare quei residenti che protestano a scendere le scale dei loro palazzi e a verificare di persona cosa succede durante la settimana, davanti ai locali di via Farini: dal lunedì al giovedì,  bar e ristoranti aperti e gente che beve e chiacchiera, ma raramente musica e voci fino a notte tarda. E nel fine settimana? Ha ragione forse chi accusa la movida di rendere insopportabili le notti dei residenti? Nei weekend, lo riconosciamo, qualche volta la situazione è sfuggita al controllo, ma, nonostante tutto, crediamo che questo sia il male minore rispetto allo spauracchio di un centro storico degradato e delinquenziale. Anche i mali minori, però, richiedono risposte serie e efficaci. E noi, esercenti di locali pubblici, siamo i primi a chiedere più controlli per coloro che non rispettano le regole: basterebbero due persone in divisa che vanno avanti e indietro lungo le strade della movida per ridurre a miti consigli anche il cliente più rumoroso. Divise che, con la loro presenza, garantirebbero nel contempo baristi, clienti e residenti».
Sanzioni  «Siamo noi stessi i primi a chiedere sanzioni e multe  per coloro che, anche tra noi esercenti, escono dal seminato. La musica è troppo alta? Si serve da bere oltre l'orario di chiusura? Giusto allora punire i responsabili, cioè i baristi che non rispettano le regole e danneggiano tutta la categoria e i cittadini. Ma di certo non si può invocare la fine della movidà e la chiusura dei bar solo per colpa di quei rarissimi casi in cui l'esercente che non si è comportato come avrebbe dovuto! Noi dobbiamo rispettare le leggi e farle rispettare dentro ai nostri locali e nelle loro vicinanze. Ma non dobbiamo garantire l'ordine pubblico delle nostre strade, davvero non è compito nostro, anche se spesso interveniamo, quando vediamo gesti di maleducazione o di degrado. Ma torniamo al punto dei controlli: la vista delle divise basterebbe a ridurre assemblamenti, evitare ubriachi molesti e schiamazzi. Dateci finalmente questi controlli!».
Una città che vive «Infine, le opportunità di lavoro: solo nella zona di via Farini i bar sono circa 20 e offrono un centinaio di posti di lavoro a giovani e non più giovani. Di questi tempi non è roba da poco. Potrebbero, i residenti che protestano, garantire uno stipendio a questo persone? La città che noi vogliamo è un luogo vivo, accogliente, ricco di iniziative, capace non solo di attrarre turisti in occasione di grandi eventi, ma anche di tenere a sè i suoi "figli", ogni giorno dell'anno. Una città che sa interessare e divertire, che non costringe i giovani a cercare altrove quello che non riescono a trovare qui, magare affrontando pericolosi viaggi notturni in autostrada. Parma è una  città universitaria, che vive  dei suoi studenti. E' la città delle grandi mostre, di Settembre italiano, di fiere importanti, in primis quella di Cibus: come si può immaginare che persone, giunte a Parma per cultura o affari, approdino in un centro storico che abbassa le saracinesche alle otto di sera? Che immagine offrirebbe di sè questa città? Come si può pensare di abitare in un centro storico vivo e pretendere il silenzio della campagna?».
Salviamo la movida «Allora, lo ripetiamo, non lasciamo che la movida sia soffocata dalle proteste. E salviamo la vita del centro».


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianfranco ferrari

    27 Marzo @ 10.27

    In uno stato l'osservanza delle leggi serve per regolare i comportamenti dei cittadini affinchè siano corretti, giusti e rispettosi nei confronti degli altri e dellostato stesso. Si comprende lo sfogo dell'esercente ma guai anteporre l'interesse economico al rispetto delle leggi che in ogni modo deve essere attuato in tutto il territorio. Compito delle forze dell'ordine è quello di vigilare e sanzionare chi non li rispetta.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò

Fotografia

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò Foto

Le spose di Giulia & Jean Louis David

pgn

Le spose di Giulia & Jean Louis David Foto

Incidente, grave l’attore di Un posto al Sole Giuseppe De Rosa

napoli

Incidente, grave l’attore di Un posto al Sole Giuseppe De Rosa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa

VELLUTO ROSSO

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Violenza sessuale sulla moglie e maltrattamenti, anche davanti ai bimbi: condannato

Tribunale

Violenza sessuale sulla moglie e maltrattamenti, anche davanti ai bimbi: condannato

Quattro anni e due mesi per un romeno 39enne

bilancio partecipativo

Ecco gli 11 progetti dai consigli dei cittadini volontari che il Comune finanzierà

1commento

Carabinieri

Folle inseguimento nelle vie di Guastalla: recuperata Bmw rubata a Montechiarugolo

Era una "banda delle ville"?

1commento

Montechiarugolo

Il custode era in realtà il ladro: denunciato moldavo

1commento

Guardia di Finanza

Bancarotta: 165 immobili sequestrati, Parma coinvolta nell'indagine

Sono riconducibili a 25 persone collegate a Mario Di Raffaele, costruttore ed ex presidente del Pomezia Calcio

2commenti

via mazzini

Aggressione al banchetto della Lega: un patteggiamento

Degli altri due aggressori: un'assoluzione e un rinvio a giudizio

Parma

Straniera picchiata in strada, rifiuta l'aiuto di un'anziana e scappa

3commenti

foto dei lettori

Vasche pericolose nella ex-Star di Corcagnano

segnalazione

Sporcizia nei campetti di via Giulio Cesare

Parma

Il Forlì mette a disposizione dei tifosi un pullman gratuito

Lunedì il match al Tardini (ore 20.45)

Parma Calcio

Sebastian Frey al Museo del Parma: "E' favoloso" Video

Con lui, Angelo Manfredini

PARMA

Completata la pista ciclopedonale fra Gaione e il Campus Video

Parma

Vento in città: chiusi per alcune ore Parco Ducale e Cittadella

2commenti

JOINT VENTURE

La Pizzarotti sbarca in Australia

Montanara

Esche avvelenate: nuovo allarme

4commenti

tg parma

Zuffa tra un barista di via Repubblica e un trentenne, spunta una pistola

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quanto affetto per il grande Giorgio Torelli

IL CINEFILO

L'Oscar sbagliato, "la più grande farsa della storia del premio" Video

di Filiberto Molossi

3commenti

ITALIA/MONDO

san casciano

Mostro di Firenze: è morto Pucci, ultimo compagno di merende

il caso

Biotestamento, la legge approderà alla Camera il 13 marzo

1commento

SOCIETA'

"esperimento"

Scambio di smartphone tra fidanzati: risate e imbarazzo

pazzo mondo

Gli oggetti (strani) sequestrati in aeroporto: perfino un fagiano morto

SPORT

CALCIO

Il Parma riprende l'allenamento. D'Aversa alle prese con gli infortuni Video

calcio e polemiche

Due rigori pro Juve, furia Napoli. Mazzocchi: "Inaccettabile" Video

1commento

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella del primo Suv del Biscione

PACK

Performance Line: la gamma DS sempre più esclusiva