-4°

Quartieri-Frazioni

Tg Parma - Via alla demolizione dell'ex Bormioli

Tg Parma - Via alla demolizione dell'ex Bormioli
3

 

Tg Parma - Via alla demolizione dell'ex Bormiol - VIDEO


COMUNICATO STAMPA

Lunedì 12 aprile avranno inizio i lavori di demolizione dello stabilimento ex Bormioli. L’intervento per ora riguarderà soltanto una parte del sito, circa 50 mila mq su un totale di oltre 120 mila, e verrà effettuato seguendo precisi criteri di sicurezza e riducendo al minimo i disagi per gli abitanti della zona.

I controlli iniziali
Si sono già tenuti vari incontri e sopralluoghi con l’Asl e l’Arpa. Le direttive impartite dai due  enti vengono seguite alla lettera dall’impresa di demolizione, la Generalsmontaggi spa di Novara, altamente specializzata in questo genere di interventi.
In particolare, sono stati effettuati alcuni monitoraggi ambientali su polveri, vibrazioni, rumore e amianto, e sono stati posizionati in alcuni punti strategici degli appositi rilevatori. Altri controlli sono in programma in corso d’opera, i cui risultati verranno condivisi e confrontati con gli organi di vigilanza preposti.

Avvisi porta a porta per i residenti e incontri con i dirigenti degli asili
I residenti della zona verranno avvisati dei lavori grazie alla distribuzione di comunicazioni porta a porta, nelle quali verrà ribadita la massima sicurezza in cui si svolgerà l’intervento di demolizione e successiva ricostruzione. Sono inoltre in corso incontri con i dirigenti degli asili della zona per spiegare che i giovani ospiti non corrono alcun tipo di rischi.

Lavori in massima sicurezza: installate delle barriere alte sei metri
Prima dell’inizio dei lavori sono state installate delle barriere alte sei metri a protezione del cantiere. Non solo, l’andamento dei lavori sarà costantemente monitorato dagli enti preposti e da due rappresentanti della consulta dedicata al recupero dell’ex area Bormioli, guidata da Cristina De Bernardis, legata al “parlamentino” del San Leonardo e aperta a tutti gli abitanti del quartiere. 

Bonifica amianto
Nello scorso anno, la BFR Property s.p.a. ha provveduto alla bonifica dell’amianto e dei rifiuti tossico – nocivi presenti all’interno dei fabbricati oggetto della demolizione attuale. L’amianto residuo, presente nell’area in quantità esigue su alcune coperture, è stato accuratamente mappato dall’impresa incaricata delle demolizioni e sarà eliminato in MASSIMA SICUREZZA, senza alcun tipo di rischi per i residenti e per i giovanissimi ospiti degli asili presenti in zona. Tutte le operazioni verranno inoltre effettuate seguendo specifiche procedure di bonifica previste dalle normative in materia e dalle direttive di Arpa e Asl.

Viabilità di cantiere pensata ad hoc
La viabilità di cantiere è stata pensata in maniera tale da non impattare sul quartiere. Gli automezzi che trasporteranno i detriti transiteranno lungo l’ex sito industriale uscendo dall’accesso su via Paradigna per poi innestarsi sulla tangenziale. In tal modo il traffico su via San Leonardo e via Genova non sarà minimamente appesantito dal cantiere.
Sono stati inoltre predisposti dei lavaggi alle ruote dei mezzi pesanti che usciranno dall’ex area Bormioli.

Polveri abbattute con un “cannone” per l’acqua nebulizzata
Le polveri che si formeranno inevitabilmente all’interno del cantiere saranno abbattute utilizzando acqua nebulizzata. Considerate le notevoli dimensioni dell’area, per garantire un buon risultato verrà utilizzato un grande “cannone” dai cui uscirà acqua nebulizzata 

I lavori
La prima parte dei lavori, che dovrebbe concludersi a fine maggio, prevede una sorta di bonifica “parassitaria”, ossia l’eliminazione e recupero di vari oggetti presenti all’interno degli stabili (neon, cabine e trasformatori elettrici, arredamenti e altro ancora). In un secondo momento invece partirà la vera e propria demolizione, che inizierà con l’abbattimento degli edifici più centrali. Viceversa le strutture più vicine alle abitazioni verranno demolite per ultime in maniera tale da fungere da barriera antirumore. Una volta abbattuti i fabbricati saranno eliminate anche le loro fondamenta.

Un “dinosauro” da 50 metri per le demolizioni
Quando le demolizioni entreranno nel vivo verrà utilizzato un imponente mezzo meccanico dotato di un braccio alto 50 metri e di una sorta di pinza che servirà per “masticare” le parti in cemento e separarle dal ferro.

Un frantoio coperto per recuperare i materiali
Le macerie frutto delle demolizioni verranno in larga parte recuperate. Il cemento e altri materiali simili saranno lavorati all’intero di un fabbricato presente nel cantiere che verrà adibito a frantoio, in maniera tale da trasformarli in ghiaia e sabbia senza creare problemi di polveri nella zona adiacente. Per ridurre al minimo i disagi, si sta inoltre valutando se concentrare questo tipo di operazioni nei mesi estivi e nel periodo natalizio, ossia nei momenti di chiusura del vicino asilo.

Rumore attutito da pannelli di gomma
L’inevitabile rumore che si verrà a creare con l’avvio delle demolizioni sarà attutito sia dai muri di sei metri posizionati attorno al cantiere che dagli stabili più vicini alle abitazioni, gli ultimi a essere demoliti. Verrà inoltre utilizzato un pannello di gomma di grandi dimensioni che, sospeso a un gancio di autogru, si sposterà nelle singole aree da demolire, attutendo ulteriormente i rumori. In ogni caso è previsto un monitoraggio costante delle varie fasi di lavoro, in maniera tale da evitare eventuali sforamenti dei limiti massimi di rumore consentiti.

Salvati tutti gli alberi
Tutti gli alberi presenti nell’area saranno messe in sicurezza e conservate, in maniera tale da preservare l’intero patrimonio verde dell’area. Saranno invece eliminate le erbacce e l’edera che hanno infestato parte del sito.

Tempi di demolizione e successiva ricostruzione
La demolizione completa del primo stralcio dell’area (di circa 50 mila mq) avverrà entro ottobre. Il secondo stralcio dei lavori invece, che prevede l’abbattimento dei magazzini che si affacciano verso via Paradigna, verrà effettuato successivamente e dovrebbe concludersi entro l’anno.
A partire dall’ultimazione della prima fase di demolizione, si darà corso alla bonifica del sottosuolo, in conformità al piano di caratterizzazione e al progetto di bonifica approvato.
La società ha già assegnato l’incarico ai progettisti del Piano Urbanistico Attuativo (PUA) che dovrà essere ultimato e presentato entro Ottobre 2010.L’apertura del cantiere è prevista nella primavera successiva.

La dichiarazione
Cristina Sassi, assessore all’Ambiente, afferma: “La ripresa dei lavori nell'area Ex-Bormioli vedrà l’apertura di un cantiere significativo che, come richiesto dall'Amministrazione Comunale, lavorerà garantendo la massima sicurezza non solo per gli operatori, ma anche per la cittadinanza che abita nelle vicinanze dell'ex-fabbrica.
L’intervento prevede una demolizione controllata che cambierà la faccia di questo comparto, per consentire di ospitarvi nuovi insediamenti. Verranno mantenuti gli edifici più rappresentativi dell’area  a ricordo perenne di ciò che ha rappresentato questo stabilimento per la città. L’ex Bormioli è infatti un pezzo importante della nostra storia che deve rimanere nella memoria del quartiere San Leonardo e di tutta la città”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Andrew

    12 Aprile @ 17.24

    Ad oggi all\'Asilo Archimede non è arrivata ancora nessuna circolare, il suddetto asilo ha il cortile dei giochi a poco più di 20 metri dall\'area interessata dall\'intervento.\r\né comunque interessante notare che i bimbi inizino a giocare nel cortile in questo periodo dell\'anno. Mi piacerebbe che l\'assessore responsabile mandasse suo figlio per il periodo fino alla fine dell\'anno scolastico presso uno degli asili per garantire la massima trasparenza dell\'operato.... ma non credo che lo faccia.\r\nChe vergogna!\r\n\r\n

    Rispondi

  • manu

    12 Aprile @ 12.24

    allora sono 4 xchè c'è quello di Via Riguzzi

    Rispondi

  • Patrizia

    10 Aprile @ 23.05

    interessante sapere che all'imminente inizio dei lavori non sono stati adeguatamente informati i genitori dell'altro asilo interessato. Ricordo che gli asili nelle vicinanze sono due, uno prospicente via S.Leonardo, l'Archimede ed uno più interno su via Milano, il Sole Luna, e che diventerebbero tre consideranto quello della scuola di Via micheli.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

5commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

sabato

Per tenere viva la Curva Nord torna la riffa dei Boys

1commento

Gazzareporter

Massimo Mari: "Parma, inverno"

1commento

Wopa

I genitori omosessuali fra difficoltà e pregiudizi

Presentato libro a Parma in un dibattito moderato da Chiara Cacciani

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

1commento

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta