-1°

Quartieri-Frazioni

Tg Parma - Via alla demolizione dell'ex Bormioli

Tg Parma - Via alla demolizione dell'ex Bormioli
3

 

Tg Parma - Via alla demolizione dell'ex Bormiol - VIDEO


COMUNICATO STAMPA

Lunedì 12 aprile avranno inizio i lavori di demolizione dello stabilimento ex Bormioli. L’intervento per ora riguarderà soltanto una parte del sito, circa 50 mila mq su un totale di oltre 120 mila, e verrà effettuato seguendo precisi criteri di sicurezza e riducendo al minimo i disagi per gli abitanti della zona.

I controlli iniziali
Si sono già tenuti vari incontri e sopralluoghi con l’Asl e l’Arpa. Le direttive impartite dai due  enti vengono seguite alla lettera dall’impresa di demolizione, la Generalsmontaggi spa di Novara, altamente specializzata in questo genere di interventi.
In particolare, sono stati effettuati alcuni monitoraggi ambientali su polveri, vibrazioni, rumore e amianto, e sono stati posizionati in alcuni punti strategici degli appositi rilevatori. Altri controlli sono in programma in corso d’opera, i cui risultati verranno condivisi e confrontati con gli organi di vigilanza preposti.

Avvisi porta a porta per i residenti e incontri con i dirigenti degli asili
I residenti della zona verranno avvisati dei lavori grazie alla distribuzione di comunicazioni porta a porta, nelle quali verrà ribadita la massima sicurezza in cui si svolgerà l’intervento di demolizione e successiva ricostruzione. Sono inoltre in corso incontri con i dirigenti degli asili della zona per spiegare che i giovani ospiti non corrono alcun tipo di rischi.

Lavori in massima sicurezza: installate delle barriere alte sei metri
Prima dell’inizio dei lavori sono state installate delle barriere alte sei metri a protezione del cantiere. Non solo, l’andamento dei lavori sarà costantemente monitorato dagli enti preposti e da due rappresentanti della consulta dedicata al recupero dell’ex area Bormioli, guidata da Cristina De Bernardis, legata al “parlamentino” del San Leonardo e aperta a tutti gli abitanti del quartiere. 

Bonifica amianto
Nello scorso anno, la BFR Property s.p.a. ha provveduto alla bonifica dell’amianto e dei rifiuti tossico – nocivi presenti all’interno dei fabbricati oggetto della demolizione attuale. L’amianto residuo, presente nell’area in quantità esigue su alcune coperture, è stato accuratamente mappato dall’impresa incaricata delle demolizioni e sarà eliminato in MASSIMA SICUREZZA, senza alcun tipo di rischi per i residenti e per i giovanissimi ospiti degli asili presenti in zona. Tutte le operazioni verranno inoltre effettuate seguendo specifiche procedure di bonifica previste dalle normative in materia e dalle direttive di Arpa e Asl.

Viabilità di cantiere pensata ad hoc
La viabilità di cantiere è stata pensata in maniera tale da non impattare sul quartiere. Gli automezzi che trasporteranno i detriti transiteranno lungo l’ex sito industriale uscendo dall’accesso su via Paradigna per poi innestarsi sulla tangenziale. In tal modo il traffico su via San Leonardo e via Genova non sarà minimamente appesantito dal cantiere.
Sono stati inoltre predisposti dei lavaggi alle ruote dei mezzi pesanti che usciranno dall’ex area Bormioli.

Polveri abbattute con un “cannone” per l’acqua nebulizzata
Le polveri che si formeranno inevitabilmente all’interno del cantiere saranno abbattute utilizzando acqua nebulizzata. Considerate le notevoli dimensioni dell’area, per garantire un buon risultato verrà utilizzato un grande “cannone” dai cui uscirà acqua nebulizzata 

I lavori
La prima parte dei lavori, che dovrebbe concludersi a fine maggio, prevede una sorta di bonifica “parassitaria”, ossia l’eliminazione e recupero di vari oggetti presenti all’interno degli stabili (neon, cabine e trasformatori elettrici, arredamenti e altro ancora). In un secondo momento invece partirà la vera e propria demolizione, che inizierà con l’abbattimento degli edifici più centrali. Viceversa le strutture più vicine alle abitazioni verranno demolite per ultime in maniera tale da fungere da barriera antirumore. Una volta abbattuti i fabbricati saranno eliminate anche le loro fondamenta.

Un “dinosauro” da 50 metri per le demolizioni
Quando le demolizioni entreranno nel vivo verrà utilizzato un imponente mezzo meccanico dotato di un braccio alto 50 metri e di una sorta di pinza che servirà per “masticare” le parti in cemento e separarle dal ferro.

Un frantoio coperto per recuperare i materiali
Le macerie frutto delle demolizioni verranno in larga parte recuperate. Il cemento e altri materiali simili saranno lavorati all’intero di un fabbricato presente nel cantiere che verrà adibito a frantoio, in maniera tale da trasformarli in ghiaia e sabbia senza creare problemi di polveri nella zona adiacente. Per ridurre al minimo i disagi, si sta inoltre valutando se concentrare questo tipo di operazioni nei mesi estivi e nel periodo natalizio, ossia nei momenti di chiusura del vicino asilo.

Rumore attutito da pannelli di gomma
L’inevitabile rumore che si verrà a creare con l’avvio delle demolizioni sarà attutito sia dai muri di sei metri posizionati attorno al cantiere che dagli stabili più vicini alle abitazioni, gli ultimi a essere demoliti. Verrà inoltre utilizzato un pannello di gomma di grandi dimensioni che, sospeso a un gancio di autogru, si sposterà nelle singole aree da demolire, attutendo ulteriormente i rumori. In ogni caso è previsto un monitoraggio costante delle varie fasi di lavoro, in maniera tale da evitare eventuali sforamenti dei limiti massimi di rumore consentiti.

Salvati tutti gli alberi
Tutti gli alberi presenti nell’area saranno messe in sicurezza e conservate, in maniera tale da preservare l’intero patrimonio verde dell’area. Saranno invece eliminate le erbacce e l’edera che hanno infestato parte del sito.

Tempi di demolizione e successiva ricostruzione
La demolizione completa del primo stralcio dell’area (di circa 50 mila mq) avverrà entro ottobre. Il secondo stralcio dei lavori invece, che prevede l’abbattimento dei magazzini che si affacciano verso via Paradigna, verrà effettuato successivamente e dovrebbe concludersi entro l’anno.
A partire dall’ultimazione della prima fase di demolizione, si darà corso alla bonifica del sottosuolo, in conformità al piano di caratterizzazione e al progetto di bonifica approvato.
La società ha già assegnato l’incarico ai progettisti del Piano Urbanistico Attuativo (PUA) che dovrà essere ultimato e presentato entro Ottobre 2010.L’apertura del cantiere è prevista nella primavera successiva.

La dichiarazione
Cristina Sassi, assessore all’Ambiente, afferma: “La ripresa dei lavori nell'area Ex-Bormioli vedrà l’apertura di un cantiere significativo che, come richiesto dall'Amministrazione Comunale, lavorerà garantendo la massima sicurezza non solo per gli operatori, ma anche per la cittadinanza che abita nelle vicinanze dell'ex-fabbrica.
L’intervento prevede una demolizione controllata che cambierà la faccia di questo comparto, per consentire di ospitarvi nuovi insediamenti. Verranno mantenuti gli edifici più rappresentativi dell’area  a ricordo perenne di ciò che ha rappresentato questo stabilimento per la città. L’ex Bormioli è infatti un pezzo importante della nostra storia che deve rimanere nella memoria del quartiere San Leonardo e di tutta la città”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Andrew

    12 Aprile @ 17.24

    Ad oggi all\'Asilo Archimede non è arrivata ancora nessuna circolare, il suddetto asilo ha il cortile dei giochi a poco più di 20 metri dall\'area interessata dall\'intervento.\r\né comunque interessante notare che i bimbi inizino a giocare nel cortile in questo periodo dell\'anno. Mi piacerebbe che l\'assessore responsabile mandasse suo figlio per il periodo fino alla fine dell\'anno scolastico presso uno degli asili per garantire la massima trasparenza dell\'operato.... ma non credo che lo faccia.\r\nChe vergogna!\r\n\r\n

    Rispondi

  • manu

    12 Aprile @ 12.24

    allora sono 4 xchè c'è quello di Via Riguzzi

    Rispondi

  • Patrizia

    10 Aprile @ 23.05

    interessante sapere che all'imminente inizio dei lavori non sono stati adeguatamente informati i genitori dell'altro asilo interessato. Ricordo che gli asili nelle vicinanze sono due, uno prospicente via S.Leonardo, l'Archimede ed uno più interno su via Milano, il Sole Luna, e che diventerebbero tre consideranto quello della scuola di Via micheli.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti