15°

29°

Quartieri-Frazioni

La festa degli Orti di Marano nel ricordo di don Gnocchi

La festa degli Orti di Marano nel ricordo di don Gnocchi
Ricevi gratis le news
0

Alessia Ferri
E' lì, a dare il benvenuto a chi arriva agli Orti Sociali, già da alcuni anni ma, solo ieri, è stata presentata ufficialmente.
Si tratta dell’effigie dedicata a don Carlo Gnocchi, all’interno del complesso di Marano. Un piccolo omaggio ad un grande uomo che qui, ma non solo, sta a cuore un po' a tutti.
«Era una persona eccezionale», commenta il presidente degli Orti di Marano, Giuseppe Cantoni che, ogni anno, organizza una festa per ricordarlo. Parole, le sue, non solo di circostanza, ma figlie di un rapporto diretto con il religioso.
«L’ho conosciuto e frequentato per circa sei anni perché facevo parte di quelli che, oggi, vengono ricordati come i “mutilatini di Don Gnocchi”».
Colpito da una pallottola quando, ancora ragazzino, visse il dramma della seconda guerra mondiale, Giuseppe Cantoni, ricevette l’aiuto di don Gnocchi che, in quel periodo, si occupò degli orfani degli alpini e della fondazione di diversi collegi per piccoli mutilati di guerra e civili, sparsi in diverse città italiane, tra le quali Parma.
«Ho avuto un padre e una madre come tutti ma lui, per me, fu come un genitore aggiunto. Ho frequentato la scuola per diventare ragioniere e ricordo che, ogni due mesi circa, andava dai professori per sapere come mi stavo comportando».
Non tanto il profitto ma il comportamento corretto, se-
condo don Gnocchi, erano alla base della corretta crescita individuale dei giovani. Ragazzi ai quali, non negava mai un sorriso.
«Nei momenti più difficili, quelli durante i quali il dolore fisico prendeva il sopravvento, lui era lì, a guardarti negli occhi con tanto amore da riuscire a far passare la sofferenza in un attimo». Ricordi commoventi, che mischiano felicità e tristezza e contribuiscono alla costruzione di un puzzle che, una volta completo, disegna l’immagine di un uomo che, a distanza di oltre cinquant’ anni dalla sua morte, nessuno ha dimenticato. Almeno a giudicare dal folto numero di persone che, ieri mattina, ha raggiunto Marano per presenziare alla cerimonia commemorativa, apertasi con la messa celebrata dal nuovo parroco della frazione cittadina, don Angelo Fagioli e impreziosita dai canti del Gruppo Alpini di Parma.
Alpini ai quali, durante la guerra, don Gnocchi fece da cappellano. Presenti anche il presidente nazionale della Fondazione don Carlo Gnocchi,  monsignor Angelo Bazzarri e diverse autorità, tra le quali l’assessore provinciale alle Politiche Sociali, Marcella Saccani e l’assessore comunale alla Gestione del Patrimonio, Giuseppe Pellacini, che ha parlato di don Gnocchi come di «un grande esempio di umanità. Una persona che, attraverso il suo operato, ci ha lasciato una grande eredità, ovvero, il senso della solidarietà e dell’aiuto nei confronti del prossimo. Un insegnamento profondo che deve essere messo in pratica, tutti i giorni, da ognuno di noi».
Un principio che, all’interno degli Orti Sociali, è ben chiaro a tutti perchè è proprio grazie alla loro connotazione sociale, che si diramano iniziative in grado di coinvolgere le fasce deboli ma anche i bambini e i giovani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

astronomia

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

9commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

16commenti

METEO

Arriva una nuova ondata di caldo africano

Già finita tregua, da mercoledì temperature tornano sopra media

1commento

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

1commento

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

anteprima gazzetta

La "cattedrale segreta", alla scoperta del duomo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti