Quartieri-Frazioni

Vigatto, dolce periferia da cartolina

Vigatto, dolce periferia da cartolina
1

Margherita Portelli
E' la periferia che guarda alla città. È la trasformazione che rimane saldamente ancorata alla campagna. È il cambiamento - un po' cercato e un po' osteggiato - che per fortuna lascia ancora spazio a distese verdi, contadini affaccendati e chiacchiere autentiche da osteria. Vigatto, la frazione che fu comune e oggi dà il nome al più meridionale dei quartieri cittadini, è anche questo. Qui si vive di delizie e di eccellenze, il profumo di torta fritta non tradisce e il parco Meli Lupi di Soragna è un selvaggio fulgore di natura che da dietro un cancello sembra farti l’occhiolino. La pieve, dedicata a San Pietro, è di antichissima costruzione. Ai piedi delle prime colline parmensi, Vigatto può sembrare un bucolico idillio da cartolina. A volte, però, tra i vigattesi serpeggia la nostalgica abitudine di coniugare con rimpianto i verbi al passato. Come a lasciar trasparire che «da qualche decennio a questa parte, ci sentiamo un po' trascurati».  «Ora la preoccupazione più grande è la scuola elementare - spiega Albino Aschieri, agricoltore -: la scuola di Vigatto serve altri due paesi, Panocchia e Alberi. Adesso sembra che la vogliano chiudere per costruirne una più grande ad Alberi. Speriamo di no, non sarebbe una scelta logica. Anche perché alcuni proprietari terrieri della zona hanno donato la terra per allargare l’attuale scuola». I residenti si lamentano anche del degrado; nelle frazioni vicine ci sono i parchi giochi e la segnaletica luminosa, a Vigatto no. Qui ci sono cartelli che riposano da mesi adagiati sulla strada, marciapiedi da rifare e una strada, quella che da Panocchia porta a Vigatto, costeggiata da un canale molto pericoloso, senza l’ombra di un guardrail. «La rotatoria tra strada Martinella e via Donatori di Sangue - racconta Vanda Bottioni - non è curata». «E dovrebbero anche venire a togliere tutte le erbacce dalle strade» aggiunge la signora Italina. Elisa Ferrari racconta pro e contro del paese in cui vive da più di vent'anni: «Mancano punti d’aggregazione per i giovani. I campi da tennis, ad esempio: è un gran peccato vederli così abbandonati. Quando ero bambina rappresentavano un punto di riferimento e chiamavano in paese anche tantissimi cittadini. Sono contenta, invece, che costruiscano il campo da golf vicino al parco Meli Lupi». Anche i neo vigattesi dicono la loro. Elisabetta Pelosi e Simone Ferrari, che abitano nella frazione da pochi anni, spiegano: «Qui si sta bene, l’aria di campagna e la tranquillità, per chi come noi ha sempre abitato in città, sono impagabili». «Ma qualcosa - aggiunge Simone -, andrebbe cambiato: le macchine su via Martinella vanno troppo veloci». Secondo Gigi Zanlari - tabaccaio del paese e figlio di uno dei più illustri personaggi di Vigatto, il partigiano «Aquila» Marco Zanlari, da poco scomparso - qualche servizio in più non farebbe male: «Paghiamo le tasse come chi abita in via Repubblica, ma abbiamo gli stessi servizi di Monchio delle Corti». Tra le eccellenze, una su tutte: sua maestà la torta fritta, che dimora con orgoglio da più di cinquant'anni alla trattoria del Grillo. «Ormai siamo un punto di riferimento per il paese e per molti altri parmigiani» spiega Marco Sartori, gestore del ristorante insieme alla famiglia.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • emilio bocchi

    09 Settembre @ 19.20

    Come non notare l'umanità delle parole di Portelli abbinate all'argomentare lucido, razionale ed intelligente di Aschieri, Zanlari e degli altri intervistati. Perché i nostri amministratori non ascoltano queste sincere parole? Perché non si rendono conto che continuare a cementificare la nostra ancora bella Campagna nel lungo periodo non porterà a nulla di buono ? E la viabilità ? E le promesse piste ciclabili ? E la qualità della vita ? Ed un po' di verde attrezzato ? Belle le rotonde con le aiuole di Parma città, ma nessun progetto di sviluppo per le nostre sempre meno vivibili e rischiose frazioni ? Non nuovo cemento! Ma una rinnovata progettualità che guardi SERIAMENTE a fornire possibilità d'aggregazione, ad offrire i Servizi essenziali, a leggere il futuro con maggior serenità; in sintesi, che cerchi di migliorare le condizioni della nostra convivenza,. Ma ascoltare le "REALI" esigenze degli abitanti sembra non interessare ai nostri amministratori. Sono sicuri che un approccio sensato e sensibile agli equilibri del territorio proprio non porti voti ? Tutti possono intuire che una nuova scuola ad Alberi, per la sua irrazionale dislocazione, comporterà intensificazione e congestione del traffico, nonché un aumento esponenziale dei rischi su strade che sono le stesse da tempi immemorabili Macchine in continuo movimento con a bordo bimbi che così presto impareranno i "disvalori" della nostra Società : "Frenesia" ed "Irrazionalità" conditi con un pizzico di "Per i SOLDI potremmo venderci anche l'anima". In assoluto contrasto con quanto sopra; con commozione e grande rispetto vedo citato nell'articolo il nome del Partigiano "Aquila". Dobbiamo continuare a ricordare il Sig. Marco, esempio ed alta testimonianza dei veri e giusti VALORI che dovrebbero informare la nostra Civile Convivenza. VALORI tenacemente perseguiti e coltivati anche a rischio della propria vita! Ma rientriamo sulla terra ed andiamo a concludere. L'assessore Bernini sulla dislocazione della nuova scuola ad Alberi ha avuto modo di dire "....... Questa Amministrazione intende comunque prestare la massima attenzione affinché la nuova scuola possa trovare la migliore collocazione rispetto alle esigenze di tutte le famiglie” Lo faccia davvero se ne sarà capace! Sia sensibile alla voce degli interessati! La Politica torni ad ascoltare ed interpretare i bisogni della Gente. E' chiedere troppo?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

1commento

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

13commenti

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

4commenti

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

1commento

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)