10°

Quartieri-Frazioni

Se gli serve una macchina agricola, la costruisce con pezzi di recupero. L'insolita passione di Giorgio Ceresini

Se gli serve una macchina agricola, la costruisce con pezzi di recupero. L'insolita passione di Giorgio Ceresini
4

di Andrea Violi

Buona manualità e acume, passione per la tecnica e tanto materiale di recupero: con questi «ingredienti» Giorgio Ceresini ha realizzato, sotto un vecchio portico, una macchina per raccogliere pomodori, poi adattata per le cipolle. Negli anni, Ceresini si è costruito da zero altri macchinari, sempre con materiali di recupero. C'è la passione per questo genere di creazioni, ma l'obiettivo dichiarato è «costruire qualcosa che faccia fare meno fatica» a sé e a chi lavora nei suoi campi. Con strumenti che, oltretutto, si adattano alle esigenze particolari del proprio lavoro in azienda, il che non sempre può accadere con i prodotti di serie.
Giorgio Ceresini è un imprenditore agricolo: coltiva pomodori, cipolle e patate fra Panocchia, dove è nato e vive, e Torrechiara. La sua famiglia è impegnata nel podere almeno dalla seconda metà dell'Ottocento.

La passione per le cose fatte con le proprie mani ha dato buoni frutti a casa di Ceresini. Costruire da soli macchinari di questo genere non è usuale. Giorgio l'ha fatto più volte e con successo, senza aver compiuto particolari studi scolastici ma basandosi sull'esperienza quotidiana nei campi: prima il «progetto» su un foglio di carta, poi la ricerca dei materiali (le ruote di un trattore, pezzi di vecchie trebbiatrici e così via), infine il montaggio a colpi di martello e saldatrice. Sempre nel tempo libero, di sera o comunque dopo il lavoro ordinario nei campi. Insomma, in questo caso sembra prendere corpo l'adagio «vale più la pratica della grammatica».
Il macchinario che Giorgio Ceresini si è costruito una ventina d'anni fa dietro alla sua casa colonica attualmente si trova a Torrechiara. Ne ha realizzati altri, ma questa è la sua creazione più consistente. Inizialmente serviva per raccogliere i pomodori e pulirli dalla terra e dai residui. Dopo essere rimasta inutilizzata dal 1995 al 2006, grazie a qualche modifica la macchina è stata «convertita»: ora serve per raccogliere cipolle e liberarle da foglie e sassi.

Dove ha preso i pezzi, Ceresini? «Il differenziale è di una vecchia jeep americana, rimasta qui dal Dopoguerra. Il motore l'ho trovato... di recupero. I motori idraulici invece sono nuovi: non c'erano molti pezzi usati in commercio». Le ruote sono state prese da un trattore, il ventilatore che toglie le foglie proviene da una trebbiatrice. Il nastro trasportatore è quello «originale», ma sono spariti gli scuotitori e le dita mobili davanti al macchinario.
Conosce altri che, come lei, abbiano costruito ex novo dei macchinari? «Qualcuno, nel 1987-88, in questa zona aveva provato a farle, anche su vecchie mietitrebbie, ma non sono andate a buon fine. La mia macchina ha lavorato fino al 1995, quando è stata introdotta la cernita elettronica».
Lei comunque ha realizzato altre macchine, per la sua azienda... «Sì. Quarant'anni fa ho fatto una macchina trainata per le cipolle: non ce n'erano tante... Ho anche fatto un trattore che taglia l'erba fra i pomodori: lo uso da 15 anni e va benissimo. Anche questo è un pezzo unico... come gli altri. D'altronde le macchine agricole sono sempre nate dall'esperienza degli agricoltori, sebbene in seguito fossero realizzate dalle industrie».
Da dove nasce la sua passione per la meccanica fai-da-te? «Lavorando sul campo si vedono i possibili difetti, quindi è più facile. Ho fatto modifiche, in base a problemi che non si capiscono, se non si usano le macchine. Inoltre ho sempre avuto l'hobby di costruire strumenti per alleggerire il lavoro. Io ho 63 anni: quand'ero ragazzino non c'erano tante macchinari. Io ho sempre cercato di rendere meno duro il lavoro delle persone».
In quest'ottica diventa più facile cogliere una peculiarità di queste macchine «handmade»: c'è sempre una copertura - un ombrellone o un tettuccio - per riparare dal sole chi lavora. Un piccolo accorgimento che non sempre, nota Ceresini, si è potuto trovare sulle macchine prodotte in serie.

In allegato all'articolo trovi contributi audio e filmati.

Video: due filmati sulla macchina semovente costruita da Giorgio Ceresini:  il primo è stato realizzato a fine agosto durante la raccolta delle cipolle nelle campagne di Torrechiara, il secondo è uno stralcio di un filmato inedito realizzato nel 1994 da Francesco Musi di Montecchio Emilia, con l'operatore Pier Renzo Fontanini. Musi riassume, in dialetto, le peculiarità del singolare macchinario.

Audio: alcune domande a Giorgio Ceresini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianfranco ferrari

    24 Settembre @ 18.12

    Chissà perchè ci propongono attraverso i media mesi e mesi degli idioti, di questi personaggi, esempi viventi di ingegno, serietà, impegno costante nel tempo, modelli da proporre ai nostri giovani, non si parla mai, mai !

    Rispondi

  • oberto

    22 Settembre @ 10.25

    Concordo con " la camola", questo signore ha un bell'ingegno e una gran passione per il proprio lavoro, queste sono le persone che ci hanno permesso alla nazione di crescere.

    Rispondi

  • ALFRAG

    22 Settembre @ 03.57

    bel laor...però lascia a desiderare sulla sicurezza degli operatori...

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    21 Settembre @ 19.41

    Grande ingegno e grande persona, altro che cavaliere del lavoro a Tanzi! Queste sono le persone che hanno fatto l'Italia e di cui non si parla mai !

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

 Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini

NATALE

Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini Foto

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

8commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

polfer

Teneva 17 dosi di cocaina nel reggiseno: arrestata

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

3commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

di corsa

I protagonisti del 2°Cross Country Montanari & Gruzza Foto

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

3commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

Bis Jansrud

Sci, per l'Italia un altro podio: Fill è secondo

SOCIETA'

calendario

Scorci, tradizioni e personaggi. Dodici mesi di Parma illustrata

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti