-5°

Quartieri-Frazioni

Dradi: «Inaccettabile l'abbattimento di 4 alberi»

Dradi: «Inaccettabile l'abbattimento di 4 alberi»
2

Ilaria Graziosi

«Un’azione politicamente inaccettabile». Così il presidente di Legambiente Parma, Francesco Dradi, definisce l’abbattimento dei quattro cedri del Libano avvenuto lo scorso 22 settembre in via Duca Alessandro. «Non capisco come - ha dichiarato Dradi - senza una concreta motivazione un privato possa procedere e fare abbattere non uno, ma quattro alberi». La risposta arriva dall’assessorato all’Ambiente, in merito all’interpellanza del consigliere Marco Ablondi: «Si tratta - fa sapere la Sassi - di un’operazione che ha ricevuto il via libera dal Comune, applicando il  vecchio regolamento del verde: l’autorizzazione, infatti, è datata 9 novembre 2009 e ha durata di un anno». Anche la responsabile del verde pubblico, Angela Zaffignani, spiega così la vicenda. «Con l’approvazione da parte del Consiglio comunale, il 15 dicembre 2009 è entrato in vigore - andando a sostituire il precedente che risaliva al 2004 - il nuovo regolamento del verde cittadino: per quanto riguarda l’abbattimento degli alberi privati, da quella data, è consentito solo in caso di morte, grave patologia o avanzato deperimento della pianta. Ovviamente anche nell’eventualità che la pianta rappresenti un pericolo per l’incolumità delle persone. In uno di questi casi, nel momento in cui si decida di fare richiesta di abbattimento, è necessario presentare un’istanza all’Amministrazione comunale almeno 30 giorni prima: in seguito alla verifica di un nostro tecnico sulle effettive condizioni della pianta, si procede con l’abbattimento. Ma il privato in questione ha fatto domanda prima del 15 dicembre 2009, e così non ha dovuto presentare le motivazioni sopra richieste». L’Amministrazione comunale ha richiesto comunque che ora, proprio in seguito dell’abbattimento, vengano messi a dimora 14 alberi. L’assessorato all’Ambiente spiega anche che «riguardo all’abbattimento di un bagolaro in via Montanara è stato autorizzato in quanto ostacolo alla realizzazione di opera pubblica o di pubblica utilità. L’alberatura pubblica abbattuta sarà sostituita da 10 piante che saranno inserite nel quartiere Montanara. In merito, invece, al ciliegio seccato di cui si fa riferimento nell’interpellanza, si precisa che l’albero si trova nelle vicinanze del canale Maggiore e non del Naviglio, e che il suo abbattimento è già stato inserito negli interventi sulle alberature programmate nel prossimo autunno-inverno». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianfranco ferrari

    29 Settembre @ 20.05

    E' una cosa di un'inaudita gravità, bisogna indire subito una grande manufestazione pubblica

    Rispondi

  • chiara

    29 Settembre @ 18.39

    Gli alberi di via Torelli partecipano sentitamente al lutto degli alberi di via Duca Alessandro. Ringraziano l'Enia per le amorevoli cure prestate fino agli ultimi istanti. No fiori ma opere pubbliche!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Bertolucci

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

3commenti

primarie pd

Dall'Olio-Scarpa: c'è l'accordo

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

1commento

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

1commento

Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

9commenti

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

DATI

Collecchio, boom di nascite

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Regio

L'umanità raccontata da Brunori Sas Foto

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto