12°

Quartieri-Frazioni

Via Emilia Est, sotto accusa le "minirotatorie"

Via Emilia Est, sotto accusa le "minirotatorie"
Ricevi gratis le news
3

Gian Luca Zurlini
Dovevano essere, nelle intenzioni, il «toccasana» dell'intenso traffico che gravita su via Emilia Est e via Emilio Lepido.  In realtà, una volta entrate in funzione, le tre «minirotatorie» realizzate agli incroci con via Lisoni, via Bruxelles e via Del Bono hanno rivelato gravi limiti e, soprattutto, non hanno risolto quasi per niente i problemi della viabilità, forse addirittura aggravandoli.  Per adesso, la situazione è sotto controllo grazie alla stagione estiva  che ha portato una forte riduzione del traffico, ma alla riapertura delle scuole e, soprattutto, con il ritorno del maltempo molti temono un «blocco» catastrofico del traffico in tutta la zona.
Cosa non funziona
Le tre rotatorie hanno una dimensione talmente ristretta che sono difficili addirittura da vedere.  Ma il vero problema nasce dal fatto che se qualcuno ha la malcapitata idea di utilizzarle per effettuare un'inversione di marcia deve «calibrare» al massimo la sterzata. In caso contrario, rischia di rimanere ingloriosamente bloccato all'uscita della rotatoria contro gli implacabili colonnotti in ghisa messi a protezione del marciapiede e della pista ciclabile. Un caso eclatante è poi quello dei furgoncini, che nella zona sono numerosissimi: di fatto per uno di questi mezzi utilizzare queste rotatorie è una vera e propria impresa se non si sormonta almeno una metà dello spartitraffico centrale.
La segnaletica carente
Molto carente è anche la segnaletica, in parte ancora provvisoria, che delimita le nuove minirotatorie. In particolare, i «coni» centrali sono quasi invisibili e pensando alle buie serate d'autunno e d'inverno non è difficile credere che le difficoltà aumenteranno.
 Il «tornante» da via Del Bono
Davvero poco riuscito è anche il sistema di svolta verso la città per chi proviene da via Del Bono. Quella che con il semaforo era una semplice svolta a sinistra, con la rotatoria è diventata un vero e proprio tornante da compiere in pochi metri di spazio, tanto che non pochi sono gli automobilisti che imboccano contromano la rotatoria per svoltare verso la città. Se è vero che l'incrocio è disassato, è però altrettanto vero che basta osservare per qualche minuto gli equilibrismi cui sono costretti gli automobilisti per capire che qualcosa nel progetto andrebbe rivisto.
I problemi per i mezzi pesanti
Un'altra difficoltà vistosa è quella che riguarda i mezzi pesanti, in particolare i bus (ben tre le linee urbane coinvolte), le autocisterne, che in quel tratto di strada transitano numerose, vista la presenza di molti distributori e le bisarche che portano auto alle concessionarie. Ad avere la peggio sono soprattutto i passeggeri in piedi dei bus nelle ore di punta, visto che la ristrettezza delle corsie fa sì che i «bisonti» possano passare soltano «montando» in parte sul cono centrale, con gli inevitabili scossoni che questo comporta.
Problemi di scorrevolezza
Da ultimo, va poi sottolineato che le rotatorie, con relativi cordoli di restringimento delle corsie, sono stati inseriti su una strada che, al di là delle disquisizioni teoriche sul fatto che si trovi all'interno della città, è ancora di fatto un attraversamento obbligato per chi si reca in quella zona della città. In quel punto, infatti, la tangenziale ha una distanza di quasi 3 chilometri fra l'uscita di via Mantova e quella di San Lazzaro, il che rende inevitabile il transito sulla via Emilia di tutti quelli che devono recarsi a un indirizzo di questa zona. E allora, in attesa di soluzioni diverse, sarebbe forse il caso di dare maggiore scorrevolezza a una via che queste minirotatorie rischiano di trasformare nelle ore di punta in un solo, lungo «serpentone d'acciaio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • roberto e giancarla

    08 Luglio @ 10.56

    c'è da sperare in un ripensamento,anche la rotonda che stanno finendo,vi agiovenale/angolo conad,verso Reggio,incanala proprio bene il traffico le corsie sono strette,

    Rispondi

  • mario

    04 Luglio @ 14.50

    A proposito di rotatorie segnalo che in via montanara nelle vicinanze del sottopasso della tangenziale i lavori sono stati abbandonati da circa dieci giorni con un grosso disagio per chi la percorre , ricordo che ormai e' circa due anni che la via Montanara e' un cantiere aperto e per chi la percorre verso Parma puo contare ben 5 rotatorie in un chilometro ma saranno veramente utili ? e come mai non c'e' piu' traccia di operai , non sara' per caso effetto dello scandalo ........ma ?

    Rispondi

  • carlo

    03 Luglio @ 23.09

    inutili, ridicole, dispendiose. l'ennesimo esempio di malagestione dei fondi pubblici a favore dei soliti privati a corto di lavoro.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

'Chi' annuncia: tra Belen e Iannone è finita

Gossip Sportivo

Lui la vuole sposare, lei no: Belen e Iannone si lasciano

 «Sei un mito»:  in tantissimi all'Euro Torri per  Max Pezzali

Musica

«Sei un mito»: in tantissimi all'Euro Torri per Max Pezzali Gallery

Gisele cede scettro top model piu' pagata a Kendall

moda

Kendall Jenner la modella più pagata. Gisele perde il trono

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Carabinieri Colorno: Arresto di due persone per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di marijuana.

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

L'intervista

Il carabiniere investito: «Voglio tornare sulla strada»

Lutto

Addio Roberta, maestra di una volta

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

SOLIDARIETA'

La lotta di Isabella contro la Fop: via alla raccolta fondi

Sicurezza

La Cittadella al buio: nessuno ci va più

IL COMPLEANNO

I settant'anni di Nevio Scala

Libro

Mazzamurro: «Quando eravamo in trincea, negli anni di piombo»

TRIBUNALE

Guerra tra vicini, 82enne patteggia 1 anno

Intervista esclusiva

Francesca Archibugi in Gazzetta: "Vi racconto 'Gli sdraiati' " Video

La regista romana parla con Filiberto Molossi del suo film, uno dei più attesi della stagione

sciame sismico

Quattro piccole scosse di terremoto tra Fornovo, Corniglio e Varano

Pericolo

Piste ciclabili coperte di foglie: insidia per le bici

10commenti

Arresti

Travolsero in auto due carabinieri: in manette tre giovanissimi Video

Uno dei militari finì all'ospedale in condizioni gravissime

5commenti

social

Rimosse le condoglianze per Riina: Facebook si scusa con la famiglia del boss

La salma del boss tumulata a Corleone (Guarda)

Tg Parma

Tentata estorsione a Fidenza: quattro arresti a Benevento Video

Nel mirino un'azienda

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Milano sconfitta dalla politica incapace

di Vittorio Testa

LETTERE AL DIRETTORE

Il primo posto è di Mattia

1commento

ITALIA/MONDO

VERCELLI

Maltrattamenti all'asilo: arrestate tre maestre

choc a catanzaro

Donna violentata e schiavizzata per 10 anni: arrestato 52enne. Video: la baracca degli orrori

SPORT

CHAMPIONS

Finisce senza reti la sfida fra Juve e Barcellona

rugby

Andrea De Marchi: 100 presenze con le Zebre

SOCIETA'

moda

Livia Firth, moglie del premio Oscar Colin, a Fidenza

Brasile

Poliziotto fuori servizio spara al rapinatore con in braccio il figlioletto Video

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery