-2°

10°

Quartieri-Frazioni

Via Emilia Est, sotto accusa le "minirotatorie"

Via Emilia Est, sotto accusa le "minirotatorie"
Ricevi gratis le news
3

Gian Luca Zurlini
Dovevano essere, nelle intenzioni, il «toccasana» dell'intenso traffico che gravita su via Emilia Est e via Emilio Lepido.  In realtà, una volta entrate in funzione, le tre «minirotatorie» realizzate agli incroci con via Lisoni, via Bruxelles e via Del Bono hanno rivelato gravi limiti e, soprattutto, non hanno risolto quasi per niente i problemi della viabilità, forse addirittura aggravandoli.  Per adesso, la situazione è sotto controllo grazie alla stagione estiva  che ha portato una forte riduzione del traffico, ma alla riapertura delle scuole e, soprattutto, con il ritorno del maltempo molti temono un «blocco» catastrofico del traffico in tutta la zona.
Cosa non funziona
Le tre rotatorie hanno una dimensione talmente ristretta che sono difficili addirittura da vedere.  Ma il vero problema nasce dal fatto che se qualcuno ha la malcapitata idea di utilizzarle per effettuare un'inversione di marcia deve «calibrare» al massimo la sterzata. In caso contrario, rischia di rimanere ingloriosamente bloccato all'uscita della rotatoria contro gli implacabili colonnotti in ghisa messi a protezione del marciapiede e della pista ciclabile. Un caso eclatante è poi quello dei furgoncini, che nella zona sono numerosissimi: di fatto per uno di questi mezzi utilizzare queste rotatorie è una vera e propria impresa se non si sormonta almeno una metà dello spartitraffico centrale.
La segnaletica carente
Molto carente è anche la segnaletica, in parte ancora provvisoria, che delimita le nuove minirotatorie. In particolare, i «coni» centrali sono quasi invisibili e pensando alle buie serate d'autunno e d'inverno non è difficile credere che le difficoltà aumenteranno.
 Il «tornante» da via Del Bono
Davvero poco riuscito è anche il sistema di svolta verso la città per chi proviene da via Del Bono. Quella che con il semaforo era una semplice svolta a sinistra, con la rotatoria è diventata un vero e proprio tornante da compiere in pochi metri di spazio, tanto che non pochi sono gli automobilisti che imboccano contromano la rotatoria per svoltare verso la città. Se è vero che l'incrocio è disassato, è però altrettanto vero che basta osservare per qualche minuto gli equilibrismi cui sono costretti gli automobilisti per capire che qualcosa nel progetto andrebbe rivisto.
I problemi per i mezzi pesanti
Un'altra difficoltà vistosa è quella che riguarda i mezzi pesanti, in particolare i bus (ben tre le linee urbane coinvolte), le autocisterne, che in quel tratto di strada transitano numerose, vista la presenza di molti distributori e le bisarche che portano auto alle concessionarie. Ad avere la peggio sono soprattutto i passeggeri in piedi dei bus nelle ore di punta, visto che la ristrettezza delle corsie fa sì che i «bisonti» possano passare soltano «montando» in parte sul cono centrale, con gli inevitabili scossoni che questo comporta.
Problemi di scorrevolezza
Da ultimo, va poi sottolineato che le rotatorie, con relativi cordoli di restringimento delle corsie, sono stati inseriti su una strada che, al di là delle disquisizioni teoriche sul fatto che si trovi all'interno della città, è ancora di fatto un attraversamento obbligato per chi si reca in quella zona della città. In quel punto, infatti, la tangenziale ha una distanza di quasi 3 chilometri fra l'uscita di via Mantova e quella di San Lazzaro, il che rende inevitabile il transito sulla via Emilia di tutti quelli che devono recarsi a un indirizzo di questa zona. E allora, in attesa di soluzioni diverse, sarebbe forse il caso di dare maggiore scorrevolezza a una via che queste minirotatorie rischiano di trasformare nelle ore di punta in un solo, lungo «serpentone d'acciaio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • roberto e giancarla

    08 Luglio @ 10.56

    c'è da sperare in un ripensamento,anche la rotonda che stanno finendo,vi agiovenale/angolo conad,verso Reggio,incanala proprio bene il traffico le corsie sono strette,

    Rispondi

  • mario

    04 Luglio @ 14.50

    A proposito di rotatorie segnalo che in via montanara nelle vicinanze del sottopasso della tangenziale i lavori sono stati abbandonati da circa dieci giorni con un grosso disagio per chi la percorre , ricordo che ormai e' circa due anni che la via Montanara e' un cantiere aperto e per chi la percorre verso Parma puo contare ben 5 rotatorie in un chilometro ma saranno veramente utili ? e come mai non c'e' piu' traccia di operai , non sara' per caso effetto dello scandalo ........ma ?

    Rispondi

  • carlo

    03 Luglio @ 23.09

    inutili, ridicole, dispendiose. l'ennesimo esempio di malagestione dei fondi pubblici a favore dei soliti privati a corto di lavoro.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Grazie la collaborazione di un commerciante straniero denunciato ladro d’auto italiano

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

14commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

7commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

PARMA

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

1commento

modena

'Ndrangheta: fermato il presunto nuovo reggente della cosca emiliana

Carmine Sarcone, provvedimento della Dda e dei Carabinieri

SALUTE

In calo l'incidenza dei tumori a Parma, Piacenza, Reggio e Modena

Presentati i dati dell'Area Vasta Emilia Nord

economia

Rapporto Ismea, Parma nettamente in vetta per l'agroalimentare

DILETTANTI

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

GAZZAREPORTER

Un lettore: "Via Bassano del Grappa buia da più di una settimana" Foto

1commento

Lutto

Millo Caffagnini, una vita intensa con Bardi nel cuore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

salso

Addio alla maestra Angela Bonassera, in cattedra per 35 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

1commento

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

Salute

Le sigarette elettroniche pericolose per gli adolescenti

ALTO ADIGE

Slavine in Vallelunga: travolta una casa, evacuato anche un albergo Foto

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

2commenti

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

LA NOVITA'

Mitsubishi Eclipse Cross, il Suv con l'anima del coupé

MOTO

Prova Ducati Panigale V4 S