21°

35°

Quartieri-Frazioni

Molinetto. La Folli mobili va in «pensione» dopo 59 anni

Molinetto. La Folli mobili va in «pensione» dopo 59 anni
Ricevi gratis le news
0

Margherita Portelli

In via Cufra si salgono le scale di un vecchio fabbricato e ci si trova in mille case diverse. Si susseguono stanzoni dove le abitazioni prendono forma. Spazi immensi che per oltre sessant’anni hanno accolto particolari di future dimore, oggi quasi del tutto svuotati perché, tra un paio di settimane, dopo decenni di attività, si chiude baracca. La Folli mobili saluta Parma e «va in pensione».  L’amore per l’arredamento, e prima ancora per il cliente, li ha accompagnati da generazione in generazione: la famiglia Folli a Parma dal 1952 è sinonimo di arredamento. Oggi a parlarne è Marco, 62 primavere sulle spalle. Lui fa questo mestiere da 43 anni; ereditò la passione dal papà Luigi che oltre mezzo secolo fa aveva avviato l’attività in via XXII luglio. Dieci anni dopo l’apertura di quello che allora si chiamava «Casa lieta di Luigi Folli», il negozio si trasferì nella piccola laterale di via La Spezia: «Si passò dai 100 metri quadrati del negozio in centro agli oltre 3 mila di questo grande stabile – racconta a pochi giorni dall’addio il signor Marco –. Io iniziai a lavorare nel ’68. Con me lavorò anche mio fratello Paolo, che circa dieci anni fa è andato in pensione». A farlo innamorare di tavoli, cucine e salotti, il padre: «Mi è piaciuto sin dal principio questo mestiere, la soddisfazione di vedere un mobile montato o una stanza finemente arredata – continua -. Conservo tanti ricordi, il compiacimento di aver lavorato bene, la gratificazione che riescono a darti i clienti». Come quelli affezionati che da Casalmaggiore, dopo trent’anni, sono tornati solo per dirgli arrivederci, o come quella signora che incontriamo all’ingresso del negozio e che ci tiene a dire la sua: «Io vengo a comprare mobili qui dal 1977. Ottima qualità».
«È un lavoro per il quale bisogna essere portati, che richiede capacità tecniche e manuali, e per il quale bisogna saper apprezzare il contatto con il pubblico» aggiunge il signor Marco Folli, che oggi è in negozio con la moglie Beatrice: «Con noi per tanto tempo hanno lavorato dipendenti, montatori e venditrici che hanno passato una vita professionale all’interno di questi spazi – continua -. Ho deciso di chiudere e non ho voluto un subentro perché desidero che la “Folli mobili” concluda la propria storia con la nostra famiglia». Senza contare, poi, che oggigiorno il settore è decisamente cambiato: «Risente, certo, della crisi e del fatto che le giovani famiglie non possano contare su alcun tipo di sicurezza economica – commenta l’arredatore -. Purtroppo oggi ci si accontenta dei grandi mercatoni e le case finiscono per assomigliarsi un po’ tutte». Qui, invece, rimane il fascino di una sapienza antica che fa di stanze e camere qualcosa di unico: quando si dice «casa dolce casa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe

PISCINE

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe Foto

Ascolti; Ciao Darwin 7 in replica vince il sabato sera

Televisione

Ascolti in tv: "Ciao Darwin 7" in replica vince il sabato sera

Terremoto, mucca fugge e finisce in un dirupo: recuperata con l'elicottero dei vigili del fuoco

Ascoli Piceno

Terremoto, mucca fugge e finisce in un dirupo: recuperata con l'elicottero Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Incidente al passo del Tomarlo

Bedonia

Con la moto in una scarpata al passo del Tomarlo: grave un 45enne

IL RICORDO

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

1commento

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro nella notte

Scontro attorno all'una e trenta

Anga

Arare la terra? A Collecchio fanno a gara: foto

domenica

Tra spaventapasseri, polenta e canoe di cartone: l'agenda

BASSA

Pensionato scomparso: continuano le ricerche nel Po

Da venerdì non si hanno notizie di un 68enne di Soragna

LA TESTIMONIANZA

«Ha aggredito un ragazzo, poi se l'è presa con me»

1commento

Il caso

Liti stradali, un'epidemia

4commenti

Soragna

Anziano cade dal trattore: è gravissimo in Rianimazione

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

6commenti

Meteo

Temporali nella notte e domani in Emilia-Romagna

Le previsioni comune per comune

VALMOZZOLA

Il partigiano russo ritrovato... al museo 

Varano

Salgono a 20 i ragazzi intossicati

OSPEDALE VECCHIO

Quel museo straordinario degli oggetti ordinari

Sant'Ilario

Tari azzerata a chi si occupa del verde pubblico

Gazzareporter

Il lettore Filippo: "Che belli i nuovi quartieri"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Aumenti bollette multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

ITALIA/MONDO

Moto

Tragedia nel motocross: morto a 13 anni

CRONACA

Mistero a Palermo: donna seminuda trovata morta in strada. Due casi in pochi giorni

1commento

SPORT

baseball

Scalera, 2 home run in un giorno: Parma Clima vittorioso

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

degrado

Venezia: e ora i turisti si tuffano (anche) dal ponte di Calatrava

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

MOTORI

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up