21°

28°

Quartieri-Frazioni

Addio a Gino De Simoni il "molètta" di via Bixio

Addio a Gino De Simoni il "molètta" di via Bixio
0

 Lorenzo  Sartorio

Una volta si chiamavano «molètta» e giravano   borghi, piazze e corti contadine con la loro bici sulla quale avevano installato  una  mini officina per affilare  coltelli, forbici  e attrezzi  da taglio per la campagna. Poi anche  gli arrotini,   seguendo  la corsa del tempo,  si sono evoluti fino ad aprire  negozi  dove,  non solo si affilano i coltelli  con sofisticate  apparecchiature  computerizzate, ma si vende   pregiata coltelleria, casalinghi   e altri oggetti.  Gino De Simoni, scomparso  nei giorni scorsi  all’età  di 90 anni,  fu un «molètta» che, innanzitutto,  amò tantissimo  il proprio mestiere  che iniziò  a fare dalla gavetta,  ossia da ragazzo,  per poi   finire  in bellezza con un  bel negozio  in  strada Bixio ora gestito  dai figli Felice e Cristina.  Parmigiano del sasso,  terminata  la scuola elementare, Gino,  entrò nel mondo del lavoro  come  «ragazzo spazzola» nella botteguccia  di  un barbiere  di Sorbolo, quindi  come praticante da un «figaro» di via Farini.  Ma quella, evidentemente,  fra pennelli,  schiuma da barba, brillantina  e  forbici, non era la sua strada.  E siccome  Ghielmi , lo storico  negozio di coltelleria   di strada  Farini cercava  un  apprendista,   De Simoni,  appena  notato  il cartello appeso alla porta dell’importante negozio,  si fiondò dal titolare  offrendo la sua mano d’opera.   Quel ragazzino,   molto  sveglio  e intraprendente  conosceva   già  gli  attrezzi da taglio e,  questa,  fu una delle molli per farlo assumere.   Terminata  la  guerra che lo vide prigioniero  in Grecia,  per  alcuni  mesi,   Gino,  sostituì   un  arrotino a Fidenza  e  quindi il felice  matrimonio  con Maria Teresa della  quale rimase vedovo  due anni fa.  Ma la voglia di aprire un negozio  tutto suo era tanta oltre  rappresentare  il sogno della sua vita.   Infatti la  prima  bottega,   De Simoni,  la aprì nel 1947  all’ombra  del campanile  dell’Annunziata in  borgo Gian Battista  Fornovo (il popolare «bórog d’j äzon»). Nel 1951 si  trasferì  in un negozio  più  ampio  in piazzale Corridoni  per poi trasferirsi   nel 1968 in  strada Bixio  dove rimase dietro il banco,  o meglio dietro  i suoi marchingegni  per arrotare,  fino  a due anni fa.  Artigiano  capace  e tenace,  carattere   estroso  e simpatico, battuta sempre  pronta  in   sagace «dialèt pramzan», loquacità  di colui che  ha dovuto trattare  una vita    con quelle esigenti «rezdore» che  gli affidavano  la lama dei  loro   coltelli e delle  loro «cortlén’ni»,   Gino,  dopo una breve malattia, assistito  dai suoi  cari e dall’adorata  nipote Anna,    se n’è andato  lasciando  di sé  il ricordo di una  persona  amabile  e di un «molètta» che non aveva  perso il gusto per  il proprio antico  mestiere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto svedese Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Lutto nel cinema

E' morto l'attore Michael Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

Serena Williams sulla copertina di Vanity (Ed. Usa)

Il caso

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

Autovelox (foto d'archivio)

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana 

Lealtrenotizie

Gara per il trasporto pubblico, inchiesta per turbativa d'asta

IL CASO

Gara per il trasporto pubblico, inchiesta per turbativa d'asta

Lutto

L'ultima lezione di Angela

In viale Vittoria

Ragazzo a terra, è gravissimo

Intervista

Papageorgiou: «Lascio il lavoro per la musica»

Documentario

L'Antelami torna in Duomo

FIDENZA

Tiro a segno, l'ex presidente condannato a versare 183.893 euro di risarcimento

Futuro vicesindaco

Bosi: «Saremo più vicini ai cittadini»

MERCATO

La «decima» di Lucarelli

polizia municipale

Fa la pipì in piazzale Matteotti: 450 euro di multa

Multato anche un uomo disteso sulla panchina

8commenti

il caso

Vetri rotti, vandali/ladri in azione: la mappa dell'emergenza

3commenti

polizia

Arancia meccanica in un kebabbaro (con rapina) di piazzale della stazione: presi due giovani

2commenti

Fatto del giorno

Gara Tep-Busitalia: perquisizioni a Smtp

Il caso

Ancora vandali in Battistero, emergenza baby gang Video

1commento

Politica

Nuova giunta, il rebus dell'assessore all'Ambiente Video

Primo Consiglio tra 15 e 20 luglio

disagi

Temporale su Parma: cellulari, problemi a singhiozzo sulla linea Tim

2commenti

paura

70enne si ritrova con i ladri in casa in zona via La Spezia

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

10commenti

ITALIA/MONDO

TORINO

Fuggi fuggi in piazza San Carlo, indagata la Appendino

salute

Vaccini: in Sardegna, tetano dopo 30 anni. Morta bimba a Roma per morbillo

SOCIETA'

salute

Drogometro, in 8 minuti scova gli ''sballati'' alla guida

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

SPORT

SEMIFINALE

Gli azzurrini in dieci: la Spagna dilaga

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat