-0°

16°

Quartieri-Frazioni

Addio a Gino De Simoni il "molètta" di via Bixio

Addio a Gino De Simoni il "molètta" di via Bixio
Ricevi gratis le news
0

 Lorenzo  Sartorio

Una volta si chiamavano «molètta» e giravano   borghi, piazze e corti contadine con la loro bici sulla quale avevano installato  una  mini officina per affilare  coltelli, forbici  e attrezzi  da taglio per la campagna. Poi anche  gli arrotini,   seguendo  la corsa del tempo,  si sono evoluti fino ad aprire  negozi  dove,  non solo si affilano i coltelli  con sofisticate  apparecchiature  computerizzate, ma si vende   pregiata coltelleria, casalinghi   e altri oggetti.  Gino De Simoni, scomparso  nei giorni scorsi  all’età  di 90 anni,  fu un «molètta» che, innanzitutto,  amò tantissimo  il proprio mestiere  che iniziò  a fare dalla gavetta,  ossia da ragazzo,  per poi   finire  in bellezza con un  bel negozio  in  strada Bixio ora gestito  dai figli Felice e Cristina.  Parmigiano del sasso,  terminata  la scuola elementare, Gino,  entrò nel mondo del lavoro  come  «ragazzo spazzola» nella botteguccia  di  un barbiere  di Sorbolo, quindi  come praticante da un «figaro» di via Farini.  Ma quella, evidentemente,  fra pennelli,  schiuma da barba, brillantina  e  forbici, non era la sua strada.  E siccome  Ghielmi , lo storico  negozio di coltelleria   di strada  Farini cercava  un  apprendista,   De Simoni,  appena  notato  il cartello appeso alla porta dell’importante negozio,  si fiondò dal titolare  offrendo la sua mano d’opera.   Quel ragazzino,   molto  sveglio  e intraprendente  conosceva   già  gli  attrezzi da taglio e,  questa,  fu una delle molli per farlo assumere.   Terminata  la  guerra che lo vide prigioniero  in Grecia,  per  alcuni  mesi,   Gino,  sostituì   un  arrotino a Fidenza  e  quindi il felice  matrimonio  con Maria Teresa della  quale rimase vedovo  due anni fa.  Ma la voglia di aprire un negozio  tutto suo era tanta oltre  rappresentare  il sogno della sua vita.   Infatti la  prima  bottega,   De Simoni,  la aprì nel 1947  all’ombra  del campanile  dell’Annunziata in  borgo Gian Battista  Fornovo (il popolare «bórog d’j äzon»). Nel 1951 si  trasferì  in un negozio  più  ampio  in piazzale Corridoni  per poi trasferirsi   nel 1968 in  strada Bixio  dove rimase dietro il banco,  o meglio dietro  i suoi marchingegni  per arrotare,  fino  a due anni fa.  Artigiano  capace  e tenace,  carattere   estroso  e simpatico, battuta sempre  pronta  in   sagace «dialèt pramzan», loquacità  di colui che  ha dovuto trattare  una vita    con quelle esigenti «rezdore» che  gli affidavano  la lama dei  loro   coltelli e delle  loro «cortlén’ni»,   Gino,  dopo una breve malattia, assistito  dai suoi  cari e dall’adorata  nipote Anna,    se n’è andato  lasciando  di sé  il ricordo di una  persona  amabile  e di un «molètta» che non aveva  perso il gusto per  il proprio antico  mestiere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

incidente in curva

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

1commento

Criminalità

Borseggi, la paura viaggia sull'autobus

4commenti

brescello

Ricicla su Internet motori diesel rubati, denunciato 50enne parmigiano

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

2commenti

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

POLITICA

M5s, Ghirarduzzi replica a Pizzarotti: "Il suo è effetto cadrega"

BUROCRAZIA

Strade pronte, ma restano chiuse

2commenti

LA STORIA

Aurora, 18enne con disabilità: «Nessun sogno è precluso»

2commenti

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

SALUTE

Un test del sangue per otto tipi di tumore

Ko a Cremona

Anno nuovo, Parma vecchio

3commenti

Animali

«Delon sbaglia: non si uccide il proprio cane»

2commenti

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

10commenti

LA PEPPA

La ricetta della domenica - Quiche di carciofi

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

kabul

Attacco all'hotel Intercontinental

SPORT

tennis

Australian open, gli ottavi: Seppi eliminato. Stasera gioca Fognini

SCI

Schnarf, il podio che non t'aspetti

1commento

SOCIETA'

IL DIRETTORE RISPONDE

Opinioni a confronto sui lupi

BLOG

Il "Bugiardino dei libri" di Marilù Oliva - 3

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti